E SE QUESTO FOSSE L'ANNO DELLA RICERCA ?

blank

DI FRANCO BERARDI “BIFO” E ALESSANDRO SARTI
ilmanifesto

E se questo fosse, finalmente, l’anno della ricerca? Ricerca di una via d’uscita dal paradigma economicista che sta devastando l’ambiente e la vita umana sul pianeta ma anche, più semplicemente, l’anno in cui i lavoratori della ricerca si ribellano e organizzano autonomamente il loro sapere. Le due cose probabilmente non sono così diverse. Solo i lavoratori della ricerca possono iniziare la ricerca di una via che ci conduca fuori dall’inferno. I ricercatori riuniti a Roma il 17 settembre hanno deciso il blocco delle attività didattiche. Nelle prossime settimane si deve puntare al blocco generalizzato della scuola e dell’università, coinvolgendo gli studenti e il corpo docente. Facciamo per un anno dell’università e della scuola intera un laboratorio di immaginazione del possibile. La società europea ne ha bisogno. Il nuovo anno accademico va trasformato in un anno di riflessione sulla catastrofe presente e sulle vie d’uscita dalle politiche deflazioniste ed oscurantiste. Tutti i lavoratori precari della scuola debbono sentirsi impegnati in questo movimento perché per loro è la sola speranza di non essere travolti e cancellati. Un movimento capace di coinvolgere tutte le componenti del mondo universitario sarebbe un’occasione per restituire vitalità alla società italiana, ma anche un elemento strategico di ricomposizione dell’intelligenza sociale contro le politiche neoliberiste.

Cerchiamo di vedere la questione in una prospettiva di lungo periodo. Poco tempo dopo il collasso finanziario della primavera 2000, dopo la crisi delle dotcom e il crollo di giganti tecno-finanziari come Enron e World.com, Christian Marazzi scrisse un articolo sul pericolo della rottamazione del general intellect. Attenzione, diceva Marazzi, il nuovo gruppo dirigente americano bushista rappresenta il ritorno della old economy petrolifera e guerriera al comando del sistema globale. Le cose sono andate proprio così. L’alleanza tra lavoro cognitivo e capitale finanziario, che negli anni ’90 aveva realizzato la rivoluzione della rete, era rotta. Cominciava l’attacco al lavoro cognitivo: impoverimento, precarizzazione, devastazione psichica e sociale. La Carta di Bologna del ’99 sanciva la sottomissione del sapere al profitto, ne faceva principio ispiratore di una nuova organizzazione del sistema universitario. Quella tendenza oggi appare in pieno dispiegamento: riduzione del finanziamento, manipolazione e militarizzazione della ricerca finanziata dallo Stato ma sempre più sfruttata dalle imprese private, e parallelo impoverimento e precarizzazione del lavoro cognitivo.

Obiettivo prioritario della classe dirigente europea è la stratificazione e l’asservimento del lavoro cognitivo attraverso l’uso del precariato. In tutta Europa la riproduzione dell’apparato universitario si fonda su una massa enorme di lavoro precario sottopagato o non pagato affatto. Adesso è il momento di fermare questa macchina, è il momento di fare dell’università quello che essa è costitutivamente: un luogo di conoscenza impregiudicata, un luogo di condivisione pubblica dei saperi.

L’attacco contro il ciclo della ricerca e del lavoro cognitivo segue linee differenti ma convergenti. In Italia si verifica un puro e semplice disinvestimento, un taglio drastico delle risorse per la scuola pubblica e per la ricerca. In altri paesi, ad esempio in Francia, il finanziamento alla ricerca viene invece discriminato, per favorire quei progetti di ricerca che si traducono in profitto economico, mentre vengono disincentivati i settori che non dipendono in maniera diretta dagli interessi della crescita. Una situazione esemplare è quella che si è sviluppata negli ultimi mesi all’Ecole Polytechnique di Parigi. L’anno scorso Sarkozy ufficializzò lo stanziamento di 13 miliardi per la ricerca (mentre la Gelmini in Italia riduce di 8 miliardi il finanziamento per il comparto scuola). I 13 miliardi sono destinati a una generale trasformazione del sistema della ricerca francese. Prima aveva pensato di eliminare il Cnrs, che per decenni ha garantito il carattere pubblico della ricerca e soprattutto ha garantito la possibilità di accesso ai finanziamenti a chi ne aveva diritto senza discriminazioni di contenuto. Poi ha invece preferito elargire il finanziamento alla condizione che le disponibilità finanziarie venissero subordinate a un criterio di tipo economico. Solo se la ricerca è utile alla crescita economica può attingere ai fondi del ministero.

L’idea che «il futuro è la ricerca industriale» non è meno pericolosa di quella puramente e semplicemente devastatrice del governo Berlusconi. Il governo italiano distrugge il sistema della ricerca, e le conseguenze si vedranno ben presto: barbarie e crollo della produzione di saperi. Il governo francese invece introduce un principio di discriminazione fra i ricercatori sulla base della loro disponibilità a subordinare la loro attività a un obiettivo extrascientifico, quello del profitto economico. Si instaura così un processo ricorsivo: con strategie di governance della ricerca, i finanziamenti vengono erogati a quei soggetti che praticano la ricerca della governance.

L’effetto sarà meno deflagrante e rapido di quello italiano, ma nella sostanza l’attacco sarkozysta è più violento e profondo, perché cancella in linea di principio la libertà della ricerca e introduce un criterio di valutazione extrascientifico (quello della redditività immediata). Non si tratta di sottigliezze ma di una questione centrale: la ricerca non può essere sottoposta a nessun criterio discriminante, meno che mai quello della redditività perché la sua funzione è proprio quella di esplorare vie non esplorate e di rendere possibili alternative concettuali, scientifiche e tecnologiche. La ricerca ha il compito di aprire porte a soluzioni paradigmatiche capaci di render possibile l’uscita dai vicoli ciechi. I vicoli ciechi si stanno moltiplicando nel pianeta, dopo trent’anni di devastazione neoliberista. Solo la ricerca può forse trovare soluzioni tecniche e concettuali che sono inimmaginabili entro il quadro presente.

Si pensi alla crisi ambientale provocata dall’ossessione economicista del petrolio e dell’automobile. Il riscaldamento globale, la degradazione degli ecosistemi, il collasso delle metropoli – tutti questi problemi non hanno soluzione entro il campo delle possibilità esistenti e visibili. La ricerca può trovare soluzioni che entro questo quadro non sono immaginabili, a patto di non dipendere strettamente dagli interessi economici dominanti, e quindi dai paradigmi che essi incarnano. Si apre qui una questione che ha carattere epistemologico ancor prima che politico. L’autonomia della ricerca non è un principio meramente politico, giuridico, formale. È la condizione della sua produttività conoscitiva. Il pensiero dominante vuole ridurre la ricerca a elemento di governance della complessità. L’ideologia della governance si fonda sulla naturalizzazione del criterio economico. L’economia pretende di farsi linguaggio universale, mentre essa non è che un sapere fra gli altri. Il ruolo normativo che l’economia ha assunto negli ultimi decenni è del tutto abusivo sul piano epistemico, oltre che devastante sul piano sociale. La ricerca deve esplorare concatenazioni conoscitive tecniche e sociali del tutto irriducibili al principio economico, altrimenti non è più ricerca ma soltanto gestione tecnica. La crisi che investe l’Europa prepara un grande sconquasso. Le destre alimentano tendenze populiste, razziste, aggressive. Un movimento della ricerca potrebbe aprire una prospettiva nuova, spostare l’attenzione dalle ossessioni ripetitive verso la scoperta del possibile. Per questo abbiamo bisogno di tempo e di spazio. Il tempo sia l’anno accademico che sta cominciando. Lo spazio siano le università europee, trasformate in laboratorio di una ricerca senza dogmi.

Franco Berardi “Bifo”, Alessandro Sarti
Fonte: www.ilmanifesto.it
Link: http://www.ilmanifesto.it/il-manifesto/in-edicola/numero/20100922/pagina/10/pezzo/287384/
22.09.2010

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
25 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
25
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x