Home / ComeDonChisciotte / “E’ ATROCE DA GUARDARE”

“E’ ATROCE DA GUARDARE”

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

Ci arriva un trader-squalo della City finanziaria di Londra,
che sta a guardare il disfacimento della pubblica finanza dello Stato italiano
con un gomito appoggiato su una scatola vuota di un Big Mac, il caffè nella
tazza di porcellana nell’altra mano e gli occhi che poggiano inespressivi sullo
schermo del pc. E dice: “Stiamo
assistendo al collasso al rallentatore del terzo più grande mercato di titoli
di Stato, quello italiano… è atroce da guardare
”.

E lui sta a Londra, non dentro al furgone del ragazzo di 26
anni che ho tirato fuori da un fosso ieri notte alle 2 e mezza dopo che si era
schiantato contro un cancello di una casa di campagna per il troppo sonno.Nel frastuono di una conduttura di gas che aveva divelto e che sparava metano come un motore di un Jumbo, e mentre gli urlavo di correre via da lì perché
rischiavamo di saltare come due mine, lui ripeteva inebetito “… non si può cazzo, non posso fare 6 ore di notte a consegnare i giornali, poi 4 ore a pulire la mensa a Casalecchio, poi altre 4 in discarica…”. Poteva essere morto, o paralizzato, e precisamente perché quella cosa atroce da guardare gli ha già tolto l’economia.

Ma quello che dovete capire è il balletto dei golpisti, più
che atroce da guardare. I titoli italiani non vendono praticamente più, proprio
non ci sono compratori, cioè, dato che con l’Euro non sovrano abbiamo bisogno
di loro per avere ogni singolo Euro di spesa pubblica, questo significa che
l’Italia non può più funzionare. Chi ci compra i titoli oggi sono finanziatori
interni e istituzionali, ma a tassi dal 6,5% al 7,5 e più su, vedrete dove
finiranno. Insostenibile, impossibile, suicidio finanziario, perché oltre il 5%
di interessi nessun Paese dell’Eurozona può durare, collassa.

Abbiamo Monti al governo che deve ottenere un parlamento e un
governo del tutto castrati, impotenti, e obbedienti perché i golpisti
finanziari da me più volte identificati e nominati devono poterci depredare e
spolpare a sangue. Abbiamo Draghi alla BCE che risponde direttamente a loro. Come si fa a piegare la
politica italiana ad acconsentire al massacro civico e democratico? La si
tortura finché non cede. Tassi su, Draghi non fa nulla, anzi, gli acquisti di
titoli italiani da parte della BCE calano proprio nei minuti in cui i nostri
tassi si alzano (la BCE potrebbe calmierare i tassi e mantenerli calmi per anni
se volesse). Monti fa finta di tentennare, aspetta che il dolore divenga
insostenibile. Passano i giorni, Monti finge di voler contemplare misure
socialmente umane, ma è un balletto. In realtà aspetta che la tortura sia al
limite, e poi vedrete che di umano in Italia ci sarà rimasta solo la carne di
chi finisce in un fosso alle 2 del mattino perché non può più dormire per
vivere.

E’ un balletto, si coordinano da Roma a Francoforte, via
telefono con gli Hedge Funds, e gli speculatori del Group of Thirty, ERT, BE,
Lotis, IIF, e compagnia cantante, fra cui quel paggio disgustoso di Ezio Mauro
che dà ordine a Repubblica di scrivere che la catastrofe dei tassi italiani è
perché ancora gli investitori non si fidano per la presenza del PDL in
parlamento. Quando l’Italia sarà in centro Africa, Monti da qualche parte fra
JPMorgan o il FMI a prender 2 o 3 milioni di dollari all’anno, e il PDL solo su
Wikipedia, Repubblica scriverà che no! non è l’Euro, è che gli investitori non
si fidano perché su un campanello di una casa di Arcore c’è ancora scritto
Berlusconi. Ok.

Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=275
25.11.2011

______________________________________________________

La redazione non esercita un filtro sui commenti dei lettori. Gli unici proprietari e responsabili dei commenti sono gli autori e in nessun caso comedonchisciotte.org potrà essere ritenuto responsabile per commenti lesivi dei diritti di terzi.
La redazione informa che verranno immediatamente rimossi:

– messaggi non concernenti il tema dell’articolo
– messaggi offensivi nei confronti di chiunque
– messaggi con contenuto razzista o sessista
– messaggi il cui contenuto costituisca una violazione delle leggi vigenti (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Pubblicato da Davide

  • amensa

    già…. perchè ce lo aveva prescritto il dottore che bisogna indebitarsi, che bisogna spendere più di quello che si ha, per poi poter esser ricattati dagli usurai…..
    e… si la colpa è degli usurai….

  • consulfin

    un articolo di Barnard senza commenti? strano.
    ad ogni modo, è vero. Quella che all’università insegnano essere una delle tante armi della politica economica non è più “in armeria”. O, meglio, è in armeria ma non si sa quando si può usare perchè le chiavi ce le ha un armiere del nemico. Mi riferisco alle manovre sul mercato aperto di cui tanto si parla nei corsi di politica economica. Ma questa situazione non è nuova: fin dai tempi del cosiddetto “divorzio” tesoro-banchitalia è in piedi una trappola del genere. La banca centrale non interviene sul mercato dei titoli di stato (in acquisto o in vendita) se non quando lo decide il suo direttorio. Composto da persone non elette, che non rispondono all’elettorato e che però hanno in mano l’asso vincente, visto che possono decidere di assecondare la crescita o la discesa dei tassi di interesse a cui si deve finanziare lo stato in cui insistono (che, tra l’altro, è lo stesso stato che deve imporre il corso forzoso della moneta da loro coniata, altrimenti chi la userebbe?)

  • DILEO

    Ieri la televisione ha riferito dell’incontro tra Sarkomerkel e Monti.
    SuperMario2 ha riferito il piano per l’Italia e loro in coro hanno gongolato di “riforme impressionanti ”. SuperMario2 si è limitato a dire, ad uso televisivo, che all’Italia però ci pensa lui.

    Gli italiani l’hanno sentito in tutte le salse, su tutte le reti.
    Se si clicca “ Sarkozy AND impressionanti ” si può fare anche la rassegna stampa sul web.

    Sperare nei politici che ora dicono “ Vai Mario, vai fino al 2013 ” è è missione impossibile, bersaglio sbagliato.
    Dire che i politici se ne staranno con un Daiquiri ai caraibi (o nell’Italia africanizzata, col massimo rispetto per l’Africa) è cosa trita e ritrita .

    Ora Barnard ha aiutato uno che era uscito fuori strada…evviva.

    Il balletto : La notizia dei BTP a due anni al rendimento del 7.2 % era già stata data il 23/24.11.2011 arricchita di considerazioni (restando all’Italia) su Super Mario1, Super Mario2, Barnard, Denuncia per alto Tradimento e Napolitano condite da una “lezione” dell’economista Eric Toussaint e da un correggetemi se sbaglio (circoscritto a quello che è scritto). Inutile ripeterlo pure qui. Vedi
    https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=41350 [www.comedonchisciotte.org]

  • Iacopo67

    In effetti mi chiedo come sia potuto succedere, come abbiano fatto i nostri politici ( ma anche nel resto d’Europa non stanno tanto meglio) a essere stati così terribilmente menefreghisti, o corrotti, o ignoranti, ( probabilmente tutte e tre le cose insieme) da non prevedere le conseguenze delle loro azioni.
    E non è solo che hanno aumentato il debito, ci hanno anche fatto perdere, negli anni, quella sovranità monetaria, che invece andava difesa con le unghie e con i denti.
    Non saremmo al punto dove siamo ora.

  • istwine

    Iacopo67, lascia perdere amensa, non comprende il basilare. non comprende assolutamente il basilare riguardo la contabilità, gli stabilizzatori automatici, i rapporti fra settori ecc ecc ed è assurdo continuare.

  • hotwildweb

    Sì la colpa è degli usurai, quando questi sono anche i tuoi governanti e
    decidono per te … quindi hai ragione due volte, anche se il tuo commento mira
    nella direzione sbagliata.

  • Cornelia

    Si chiama shock economy, Paolo.
    Quella che tu chiami “tortura”: quando la tortura è sufficiente da aver ridotto tutti all’impotenza, si procede con la cura economica. Funziona da decenni.

  • rasna-zal

    Interessante questo sul debito pubblico:

    vedi qui [www.homolaicus.com]


    è interessante confrontarlo anche con quanto scritto qui [www.homolaicus.com] alla voce (scorri giù) “il meccanismo del debito pubblico”

  • Maxim

    Hai ragione , ma qui domina la cultura berlusconiana , se le cose vanno male non è mai colpa tua è colpa dei giudici , dei giornali , della finanza internazionale e via dicendo .

  • amensa

    gia…. perchè tu si che li capisci bene…. è inutile che complichi le cose… esse sono semplici, anche se tu le vuoi rendere complesse

  • amensa

    quando mi dimostrerai, che indebitarsi è un ottimo affare ( sempre che gli interessi richiesti a te non siano inferiori al tasso di inflazione), allora comincerò a credere a queste storielle…. il ricatto del creditore verso il debitore, nasce sempre e solo da un debito. è talmente banale, che non dovrebbe esser nemmeno necessario enunciarla, una simile realtà.

  • amensa

    si…. hai ragione, ma prova a dirmi, secondo te, chi ci ha dato questi governanti ?

  • amensa

    già…. di tutti tranne che di quei poveri scemi che dovrebbero aver potuto controllare i loro eletti….. ma di questo è vietato parlare.

  • Maxim

    Non farci caso , c’ è gente che pensa che basti stampare soldi a frotte per risolvere il problema del debito pubblico

  • AlbertoConti

    “…Monti fa finta di tentennare, aspetta che il dolore divenga insostenibile. Passano i giorni, Monti finge di voler contemplare misure socialmente umane, ma è un balletto. In realtà aspetta che la tortura sia al limite,…” E’ indubbiamente VERO! Il paradosso è che questo ci è, non ci fa’. E’ un utile idiota, la brava personcina messa al posto giusto al momento giusto. L’ultimo della stirpe, dopo Ciampi e Prodi. Poi tutti a messa a confessarsi e fare la comunione!

  • AlbertoConti

    Aggiugo copia del mio commento all’articolo (precedente) de “il ribelle”: Certo, “vendere” titoli di Stato all’8% d’interesse per l’Italia è scandaloso, ma soprattutto è insostenibile, assurdo, masochistico, fuori di testa, suicida, ecc. ecc. Ma guardiamo alla realtà anche “istituzionalizzata”: la BCE RIFIUTA a gran voce (quella della Merkel) di fare funzioni di “prestatore di ultima istanza”. Paradossale? Certo, ma tant’è. E allora chi è il “prestatore di ultima istanza”? E’ di fatto ogni singolo Stato membro, ognuno per sè, emettendo titoli di debito pubblico a carico dei contribuenti propri. Il debito pubblico è la vera “moneta di ultima istanza”. Vista così, perchè nella sostanza è così, appare ancora più evidente l’assurdità di emettere “moneta di ultima istanza” a tassi maggiori di ZERO! Vediamola da un altro punto di vista: vuole questa CEE che i titoli di stato vengano onorati? Certo che sì, per ovvi motivi di possesso incrociato, oltre che per tutto il resto. E allora non è forse questa l’ammissione che quel tipo di moneta (i titoli di stato) sono la vera “base monetaria”? Quella emessa da quel che rimane delle sovranità nazionali, a loro rischio e responsabilità? In pratica la “moneta unica” è già di fatto affidata alla responsabilità dei singoli stati membri ed emittenti, e la BCE è una foglia di fico, del tutto inutile, su questa realtà di fatto. Conclusione: non esiste sistema stabilizzato che possa emettere la propria base monetaria a interessi passivi da strozzino. La base monetaria dev’essere emessa a tasso ZERO, questa è la condizione INDISPENSABILE affinchè sia anche solo ipotizzabile una STABILITA’ sistemica. Le banconote emesse dalla BCE a tasso zero sono fumo negli occhi, una miseria percentuale del tutto ininfluente sulle dinamiche economiche e finanziarie. La BCE non esiste! Non è una vera banca centrale, è solo un centro di potere dei vertici finanziari per imporre politiche monetarie suicide quanto assurde, logicamente inconsistenti. In questo decennio inaugurale della moneta unica la Germania se ne è enormemente avvantaggiata, diventando l’esportatore principale dell’area euro all’interno stesso dell’area euro. Ora questo gioco al massacro della periferia è finito, e se la Merkel non lo capisce è finita anche lei. Che fare? Abolire quell’aborto di BCE, restituire la responsabilità delle politiche monetarie ai singoli Stati membri, e se il cambio fisso, detto anche moneta unica, non regge, allora si ritorna punto e a capo, ognuno per se mentre si riprogetta un’unione europea degna di questo nome!

  • Giancarlo54

    Forse perchè il debito pubblico non sarebbe un probblema se l’Italia fosse indebitata con gli italiani, vero?

  • istwine

    amensa, lascia stare, seriamente, non conosci il basilare. fatti un giro su google immagini “sectoral balances” e poi cerca di capire cos’è, e i rapporti di identità contabile tra privato pubblico estero, poi torna a parlare di “pareggio di bilancio” a cazzo, senza nessuna relazione con la realtà. pura puttanata ragionieristica di chi guarda al suo bilancio di famiglia credendo di essere uno Stato.

  • amensa

    perchè invece di offendere gratuitamente, non ti confronti seriamente con me ? parti pure da un argomento a caso….. poi vediamo chi descrive la realtà e chi racconta favole.

  • amensa

    vedi, il problema ha due aspetti.
    il giappone ha un debito pubblico del 200% ma circa il 100% è finanziato dalla lopro imps ( che è statale e non un ente autonomo) ed il resto da giapponesi.
    questo comporta la semplice cosa che lo stato non è ricattabile dall’esterno, non è ricattabile con giochi sui cambi, perchè il debito pubblico è solo una questione interna.
    come se in una famiglia, il padre fosse indebitato con i figli. nessun usuraio potrebbe nulla contro la famiglia stessa.
    il padre che invece si indebita con un usuraio espone se stesso e anche la propria famiglia ai ricatti dell’usuraio.
    anche questo non è difficile da capire,m basta non voler trovare argomentazioni strane….
    pensa poi al giappone….
    se come paese , poi, è anche un esportatore netto ( esportazioni superiori alle importazioni) diventa ANCHE un creditore nei confronti di quegli stati che importano le loro merci e pagano con titoli di credito ( debito sovrano), portando i loro stati ad esser ricattabili da uno stato che ha un debito pubblico del 200%.
    sembra un paradosso, ma come vedi sono sempllici conti.

  • nuunciaafamo

    Albè il prestatore di ultima istanza all fine sei sempre tu………….. o io insieme con tutti gli altri audaci lettori che ogni tanto postano qui e che se guardi il tono dei commenti, stanno pian pianino virando alla disperazione.

  • istwine

    ok, ora hai un altro bel po’ di paesi che non hanno surplus delle partite correnti e debito elevato (secondo i criteri del virtuosismo fiscale, totalmente arbitrari) a cui badare. vedi Inghilterra e USA. poi arriveranno i paesi fiscalmente virtuosi e con un surplus delle partite correnti, come l’Austria. ma anche la Spagna in tempi non sospetti, che fu ed è tutt’ora, visto la media dei paesi, fiscalmente virtuosa.

    io ti dico che non ha senso parlare di pareggio di bilancio, senza badare agli stabilizzatori automatici, alla volontà del settore privato di risparmiare, alla bilancia commerciale ecc. son tutti legati e lo Stato non può decidere così, arbitrariamente anch’esso, di pareggiare il bilancio, ma deve sempre valutare la situazione volta per volta. buona parte dei movimenti del bilancio sono endogeni, del tutto automatici. per questo continuo a dirti che sbagli a buttarla sempre e solo sul pareggio di bilancio, perché non ha senso contabilmente, e non ha neanche senso da un punto di vista politico-economico.

  • istwine

    senza contare che anche sul Giappone, presa così, certo hai ragione. ma c’è un rapporto di causa ed effetto del tutto ribaltato. stante che il deficit pubblico + esportazioni nette = risparmio privato, la possibilità di risparmiare così tanto e dunque avere anche un debito in mano al settore privato interno, è proprio a causa di quella situazione, quindi dire che il deficit è finanziato dal settore privato interno è esattamente uguale a dire che il deficit finanzia il settore privato.

    questo perchè la successione logica è sempre spesa —> risparmio. non si può risparmiare ciò che uno non ha speso. e la spesa iniziale è sempre e solo dello Stato (BC+Tesoro) in quanto emittente della valuta. e questo in qualunque caso, monetizzazione o no, titoli di Stato o no.

  • totonno

    si ok, tutto giusto ma la domanda rimane ( almeno per me )la stessa CHE FARE ??????, io faccio quello che posso , non compro prodotti francesi o tedeschi , vado in bicicletta e uso la moto solo per andare a lavorare , evito la grande distribuzione , ma sono solo palliativi inutili perché fatti da pochi serve un’azione comune di massa. bisogna organizzarsi sfondare il muro dell’apatia che ha colpito il popolo . sveglia porca miseria facciamo qualche cosa !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • DILEO

    Si dice che mentre I turchi assaltavano le mura di Costantinopoli e/o Bisanzio i saggi erano in conclave a discutere del sesso degli angeli. Stavano e stanno ancora parlando del sesso degli angeli.

    Ora un’altra storiella presa da Cinico TV di tanto tempo fa.
    L’intervistatore chiede

    fratelli Abbagnale “dica” chi è nato prima l’uovo o la gallina ? e i fratelli in coro “la gallina”

    fratelli Abbagnale “dica” e la gallina da cosa è nata ? “dall’uovo”

    Allora fratelli Abbagnale “dica” chi è nato prima la gallina o l’uovo ? e i fratelli “l’uovo” e poi ? “e poi la gallina”

    Allora fratelli Abbagnale “dica” ma l’uovo chi l’ha fatto ? “la gallina”.

    fratelli Abbagnale “dica” allora chi è nato prima l’uovo o la gallina ? “ la gallina “ e poi ? “ e poi l’uovo”.

    Cosi cinicamente per un paio di minuti .

    Alla fine i fratelli Abbagnale alla domanda chi è nato prima l’uovo o la gallina risposero in coro “il gallo”.
    Fine della storia .

    Se le mura di bisanzio stanno cadendo chi ora sta discutendo nel conclave del sesso degli angeli al posto di discutere potrebbe andare a prestare soccorso sulle mura.
    Ma forse è pretendere troppo.

  • Mandeville851

    Ti consiglio di andare a scrivere le tue banalità qualunquiste sul Fatto quotidiano, reparto scoregge dall’america, citofonare Scacciavillani.

  • hotwildweb


    Questi governanti, come li chiami, ce li hanno dati gli stessi governanti, o
    crediamo veramente che Tv, Giornali, Radio e accozzaglia che li occupa e
    gestisce siano veramente liberi e dalla parte del Popolo!? Come sai votano anche
    18nni e nonni, e come sai facilmente manipolabili, secondo me il voto dovrebbe
    essere consentito solo dopo un esame civico-sociale-culturale, una sorta di
    patente insomma, anche se dubito possa essere sufficiente!

    Quindi, attribuire le responsabilità al Popolo non è del tutto corretto e giusto, del resto quando è il Popolo a decidere non mi pare siano delle capre come
    sembra che tu sostenga, al contrario mi sembra sia responsabile, vedi per
    l’acqua, il nucleare, la Tav e le mille altre lotte.

    Quindi per favore smettiamola di dire cazzate, i responsabili sono sempre loro,
    li conosciamo tutti e lo stesso Barnard ne ha fatto i nomi e descritto le colpe
    gravissime, ma dire che sia stato il Popolo a fare debiti perché hanno scelto
    male un po’ fa incazzare, del resto anche averli scelti che differenza fa se
    poi sono stati dei traditori e vigliacchi, poi scelti tra chi o meglio tra quale
    feccia??

    Spero di essere stato inteso!

  • amensa

    vedi caro, che sei tu a invertire causa ed effetto ?

    se il denaro viene creato dal sistema bancario ( e qui adesso non sottilizziamo sul meccanismo tra banca centrale, prestatore di prima istanza e banca commerciale , creatore tramite le riserve frazionate) e dato in PRESTITO chi lo riceve, lo spende SENZA aver creato prima ricchezza reale. per cui :

    “questo perchè la successione logica è sempre spesa —> risparmio. non si può risparmiare ciò che uno non ha speso. e la spesa iniziale è sempre e solo dello Stato (BC+Tesoro) in quanto emittente della valuta. e questo in qualunque caso, monetizzazione o no, titoli di Stato o no.”

    chi può spendere è chi ha il denaro, ed è solo dopo che è stato speso che qualcuno lo spenderà a sua volta, e qualcun altro lo risparmierà.

    poi, e quindi dopo, lo stato interviene per far fronte alle spese generali, e per far ciò raccoglie risorse con le tasse, e se non sono sufficienti, ricorre ai prestiti, e quindi chi ha risparmiato, finanzia lo stato, comprando i titoli sovrani. lo stato spende tali soldi (infatti li ha richiesti perchè quanto raccolto non era sufficiente a coprire tutte le sue spese) e quindi ritornano in circolazione.

    nota bene che in questo ciclo il risparmio può esser trasformato anche in beni reali, ovvwero investito, e poi rivendendo i beni, recuperato.

    poi chi aveva chiesto prestiti, crea beni e servizi, li vende a chi ha denaro, rende il denaro alla banca.

    nel mentre altri hanno chiesto prestiti, alimentando così in continuazione la liquidità circolante.

    è proprio quando persone, aziende, ecc… smettonoi per crisi, di chiedere prestiti, che si verifica la “crisi di liquidità”, perchè se diminuisce l’ammontare dei prestiti complessivi “in essere” diminuisce la quantità di denaro.

    credimi, in linea generale non è difficile capire il meccanismo, poi ci sono tutte le variazioni, e quelle sono più complesse, ma se parti da quelle, ovvero dalle eccezioni, il meccanismo generale, non lo capirai mai.
    saluti

  • amensa

    è anni che sostengo che il problema di base, è la presa per il c…o chiamata democrazia. almeno fino a che la popolazione non si convincerà che è compito SUO e non dello spirito santo, controllare cosa fanno i suoi delegati eletti.

    e senza una possibilità di mandarli a casa a calci nel sedere, nel momento in cui tradiscano gli interessi generali, la democrazia è solo una parola vuota.

    aiutami a far capire in giro questa semplice verità, poi discutiamo su cosa devono fare, anche nei confronti della moneta e del sistema bancario.

  • amensa

    visto che quelle banalità non sei in grado di capirle, anche se le capisce un bambino di 10 anni, allora offendi…… ma lasci il tempo che trovi.

    ognuno ha il cervello che ha, e poi bisogna anche vedere a cosa lo usa….

  • Iacopo67

    Grazie Rasna-zal, si, mi sento abbastanza in linea con gli scritti che hai linkato. La spesa pubblica va sostenuta ( magari aumentando le tasse ai ricchi). Comunque questa storia dei debiti pubblici la sto cominciando a inquadrare sempre più all’interno di qualcosa di più grande e complesso che ancora non ho ben chiaro. Mi sembra che facciano parte di una strategia per ridurre le nazioni europee allo stato di colonie della corporatocrazia americana forse anche più che non semplicemente di quella tedesca. Però sappiamo troppo poco, o almeno io, ne so ancora poco, è come sforzarsi di vedere le cose in mezzo alla nebbia, si intravede solo qualche dettaglio qua e là…
    Ridurre il problema dei debiti pubblici al semplice fatto che i governi hanno speso un pò allegramente, non mi convince.
    Perchè i governi della zona euro hanno ceduto la sovranità monetaria ? Non dovevano farlo, è stato da pazzi, come hanno fatto a non capire che si mettevano nei guai ? A me mi avrebbero dovuto assassinare, non l’avrei data via così … E le banche pubbliche, svendute per due soldi, perchè ? Accettare di mettersi nelle mani degli usurai, ma che senso ha ? Questi politici erano soltanto corrotti e ignoranti o sono stati anche fatti oggetto di pressioni, minaccie più o meno velate ?
    Vi sembro troppo complottista ?

  • baubau36

    Amensa, visto che non siamo stati in grado di scegliere e dunque siamo colpevoli, chi avremmo dovuto votare – dalla seconda repubblica in poi – per non essere in questa situazione? Di quali personaggi (votabili) non ci siamo accorti in questi ultimi 17 anni?

  • sheridan

    Amensa: un maestro in mezzo ai SOMARI. Certo che sei molto paziente, io li avrei gia’ mandati tutti a ragliare da un’altra parte.

  • baubau36

    I veri maestri hanno anche grande pazienza.
    I somari e gli imbecilli invece no.

  • hotwildweb

    Ok ci siamo, ora si ragiona.

    Ti stò già aiutando, ogni volta che posso cerco di spiegare le cose come sono,
    molto diverse da come le vedono, ma sai è dura spiegare come ci fottono a gente
    telerincoglionita dai grandi fratelli e le varie isole delle zoccole, ma ci si
    prova lo stesso, almeno per un senso di responsabilità propria, non ti fa
    sentire meglio ma sai che lo hai fatto perché deve essere fatto!

    Sul cosa fare lo hai già scritto tu, “mandarli a casa a calci nel sedere” anche
    se io non sarei così gentile, perché quando ammazzi la gente non te la puoi
    cavare solo con un calcio in culo, per ammazzare la gente come sai non occorre
    mettergli un colpo in testa, ma è facile farglielo fare da soli, il ché non ha
    colpevoli materiali ma mandanti sì, ed il mandante non è meno colpevole
    dell’esecutore!

    Tuttavia la miseria che arriverà porterà con se anche i solenni calci nel culo a
    chi se li merita, e spero non solo calci, la ferocia sfocia sempre improvvisa e
    come tutte le cose improvvise non la si può controllare, vedremo, nel frattempo
    malgrado la Rete, giochino regalatoci dai controllori di cui sopra, che unisce
    apparentemente ma nella realtà divide e controlla, la vedo dura che la gente
    possa avere una presa di coscienza malgrado i nostri sforzi, almeno fino a che
    il pranzo e la cena sono giornalieri.

    Ma sono con te ovviamente e quanti vorranno esserci il giorno del nuovo
    risorgimento culturale e sociale.

  • istwine

    hai detto esattamente quello che ho detto io, ora sta a te capirlo.

    quella della ricchezza reale poi non significa nulla, a meno che non voglia buttare la solita scemenza dell’inflazione da massa monetaria.
    ah, le “riserve frazionate” non esistono. e soprattutto non hai detto nulla che confutasse la natura automatica di determinati movimenti del bilancio pubblico.

  • istwine

    in sostanza, dove vuoi andare a parare? cosa c’entra il circuito monetario con la questione del pareggio di bilancio?

  • amensa

    discutere con te è come parlare con un muro. haii detto una scemenza quando hai sostenuto che:

    “……la spesa iniziale è sempre e solo dello Stato (BC+Tesoro) in quanto emittente della valuta…….”

    questa è una stupidaggine. piantala….. informati…. studia, fai quello che vuoi ma piantala con queste scemenze !
    a emettere il denaro è il sistema bancario !!!!!
    per forza che poi confondi tutto.

    riguardo alla ricchezza reale, prova a capire che differenza c’è tra una mela e un biglietto da 10€ e poi capirai cos’è la ricchezza reale e invece cos’è solo la rappresentazione della ricchezza.
    anche li, quando capirai la differenza torna che ti spiego il resto.

  • amensa

    se non capisci come si muove il denaro, mi spieghi come fai a capire ( e infatti dimostri chiaramente di non capirci una beata mazza) cos’è un bilancio ?

  • amensa

    non sei complottista….. devi solo convincerti che quella che chiamano “democrazia” è solo una presa per i fondelli….. poi vedrai che tutto torna.

  • amensa

    non è questa la domanda. la domanda è “perchè abbiamo accettato, e non ci siamo ribellati in massa, un sistema che dava il potere a pochi e poi non permetteva di controllare il loro operato ?”

    e allora la risposta è semplice:”perchè ci siamo fatti abbindolare da belle parole vuote di sostanza, felici di dare una delega e potersi poi disinteressare di tutto cosa non era strettamente attinente a noi stessi. e così ci hanno fregati”

  • albsorio

    Ho sempre voluto credere che la cosa si sarebbe potuta risolvere con una “crisi” ma queste persone http://www.sisde.it/gnosis/Rivista20.nsf/ServNavig/17 non credo capiscano la parola basta e porteranno alle estreme conseguenze la situazione. Ci vuole una giustizia che punisca i colpevoli di questo ladrocinio continuo, fuori dalle regole del gioco, poi si devono fare delle modifiche per impedire l’uso di programmi di high frequency trade. Spero solo che la “massa” non sia divisa e mandata gli uni contro gli altri nella solita contrapposizione tra Polizia e manifestanti. Guardando avanti si potrebbe ipotizzare la dissoluzione dell’Euro e dell’Europa, a quel punto uno si potrebbe chiedere dove sono le 2.451,8 tonnellate di oro italiano? Visto che noi siamo sempre un passo indietro rispetto a chi dirige il gioco perché non facciamo ora la domanda dove sono le riserve auree italiane? Sarà poco ma è sempre oro nostro.
    http://www.investireoggi.it/forum/2400-tonnellate-di-oro-italiano-fanno-gola-al-fmi-vt64453-2.html

  • Iacopo67

    Su questa “democrazia” la penso come te, e condivido lo scambio di battute che hai avuto con hotwildweb, anche lui ha detto bene.
    Purtroppo.

  • Iacopo67

    “……la spesa iniziale è sempre e solo dello Stato (BC+Tesoro) in quanto emittente della valuta…….”

    Penso che Istwine si riferisse al Giappone, per l’Europa non avrebbe senso.

  • istwine

    dottor spocchia, ogni transazione è fatta in riserve bancarie, ragion per cui, è la BC l’emittente iniziale. in più carissimo dottor spocchia non sai che ogni transazione verso la BC o il Tesoro è distruzione di riserve bancarie, ragion per cui ogni deficit spending – tieniti forte – è NUOVA creazione di moneta. stai confondendo le promesse di pagamento emesse dal sistema bancario, con il sottostante. le banche non prestano promesse di pagamento al Tesoro, ma ogni transazione presuppone spostamento di riserve bancarie, queste create dalla BC, quindi a rigor di logica, i primi sono per forza BC o Tesoro.

    e ora finiscila perché sei ridicolo in toto. uno che parla di riserve frazionate non sa minimamente come funziona il sistema bancario. lascia perdere ti dico. e lascia perdere il bilancio perché non sai come funzionano le identità contabili, e continui a parlarne senza capire, cosa che è anche molto arrogante, dato che non hai un dato che sia uno per dimostrare le tue particolari tesi sui bilanci.

    te lo ripeto, cercati “sectoral balances” e poi ragionaci su, e vedi che pareggiare il bilancio in maniera arbitraria come dici tu è oltre che impossibile (se non tagliano il welfare) quantomeno una cazzata di politica economica, degno del peggior cazzaro della scuola austriaca.

  • istwine

    no Iacopo, la sostanza è uguale in Europa, la differenza è tutto l’assetto istituzionale e la mancanza di connessione fra BCE e gli Stati (in particolare il conto del tesoro nelle “passività” della BCE). la mancanza di una connessione fra Tesoro e BC crea un buco istituzionale enorme di cui tutti noi vediamo le conseguenze. amensa, il caro amensa, parla di pareggio di bilancio in maniera arbitraria e molte delle sue spiegazioni del sistema di emissione di Titoli puzzano di “effetto spiazzamento”, che è una farsa del pensiero dominante.

    un’altra cosa caro amensa, i soldi per pagare le tasse, dove arrivano? sempre dalle banche? no perché anche le tasse si pagano in riserve bancarie/HPM/base monetaria, e c’è un unico emittente di questa, la BC (o il Tesoro tramite deficit spending, ovviamente sempre attraverso la BC che accredita conti bancari e dunque immette riserve bancarie).

  • rosbaol

    Su questo non posso che darti ragione. Però devi ammettere che l’hanno organizzata bene. Non c’è stato un giornalista (con la stessa visibilità dei Santoro e dei Travaglio, ovviamente) che in tutti questi anni ci abbia siegato qualcosa. Io sono un normale cittadino e mi aspetto che un TG o un quotidiano si metta tra me ed il potere (sia politico o finanziario) e mi spieghi che cosa combina chi spinge i bottoni. Purtroppo, devo fare tutto da solo. E non è facile dopo una giornata di lavoro mettersi a studiare. A me spinge la curiosità, ma la cusiosità non basta. Abbiamo bisogno di un gruppo di intellettuali che si metta tra noi ed il potere, anche se non la pensano allo stesso modo. Non importa, l’importante è che diano notizie VERE. La gente se ne farà dopo un opinione. Vedi l’intervento di Barnard a Matrix. Un intellettuale come Oscar Giannini non sembrava tale. Sembrava un religioso di fronte ad uno che mette in dubbio l’esistenza di Dio. Questo non è discutere, è credere ciecamente uin una dottrina economica (che fa acqua da tutte le parti, tra l’altro) e non lasciare spazio ad altre. Io ho il timore che tutto questo si traformi in una guerra del pane. Perchè quando la gente ha fame, ha il dirtto di infrangere le regole. Anche le più lementari.