Draghi consegna l’Italia alla NATO

Nel nuovo Decreto Legge milioni di euro per finanziare la guerra

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Entrato in vigore venerdì 25 febbraio, successivamente ad un Consiglio dei Ministri convocato d’urgenza in risposta alle operazioni militari russe in Ucraina, il Decreto Legge 14/2022, recante Disposizioni urgenti sulla crisi in Ucraina, consegna letteralmente le sorti politiche ed economiche italiane nelle mani della NATO.

Con questo Decreto, all’articolo 1, viene “autorizzata, fino al 30 settembre 2022, la partecipazione di personale militare alle iniziative della NATO per l’impiego della forza ad elevata prontezza, denominata Very High Readiness Joint Task Force (VJTF)” – una delle 4 parti di cui è composta la NATO Response Force (NRF), forza multinazionale tecnologicamente avanzata della NATO formata da componenti delle forze operative terrestri, aeree, marittime e delle forze per operazioni speciali rapidamente schierabili.

Inoltre l’Italia si impegna, per l’anno 2022, a garantire la prosecuzione della partecipazione di personale militare al potenziamento dei seguenti dispositivi della NATO:

  • Dispositivo per la sorveglianza dello spazio aereo dell’Alleanza;
  • Dispositivo per la sorveglianza navale nell’area sud dell’Alleanza;
  • Presenza in Lettonia (Enhanced Forward Presence), dove la NATO sta rafforzando la sua presenza avanzata gruppi tattici multinazionali delle dimensioni di un battaglione;
  • Air Policing per la sorveglianza dello spazio aereo dell’Alleanza.

Specificando che per tali finalità sono stanziati per l’anno 2022 rispettivamente 86.129.645 di euro e 67.451.608 di euro

nato efp

All’articolo 2 del suddetto Decreto invece viene “autorizzata, per l’anno 2022, la spesa di euro 12.000.000 per la cessione, a titolo gratuito, di mezzi e materiali di equipaggiamento militari non letali di protezione alle autorità governative dell’Ucraina”.

Per un totale, contando anche gli investimenti per il personale diplomatico e per il potenziamento delle attività realizzate dall’Unità di crisi del Ministero degli Esteri, di euro 177.681.253 per l’anno 2022 e di euro 21.000.000 (per il momento…) per l’anno 2023.

Massimo A. Cascone, 28.02.2022

Fonte: https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2022-02-25&atto.codiceRedazionale=22G00024&elenco30giorni=true&fbclid=IwAR3wZFmZUS4t9_JmvrdKYO4GZWPn64bKUymJ84NALa-cuOhnSFFEbnNOwxQ

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
13 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
13
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x