Home / ComeDonChisciotte / DIECI ANNI DOPO, IN ARRIVO UN “ARGENTINAZO” MONDIALE

DIECI ANNI DOPO, IN ARRIVO UN “ARGENTINAZO” MONDIALE

DI JORGE ALTAMIRA
Argenpress

Dieci anni fa, il popolo del’Argentina
si arrogò un diritto che non è riconosciuto dalla Costituzione Nazionale: revocò, con l’azione diretta, il mandato di un governo eletto. Il tentativo di “proteggere” la classe media con lo stato di assedio fu travolto da un’enorme ribellione popolare. Tra il “pericolo” minacciato da quelli che stanno sotto e la confisca sicura di quelli che sono al di sopra, i settori mediani della società scelsero il proprio campo. La rapida rinuncia del governo permise di mantenere la continuità giuridica dello Stato con un governo designato dal Congresso. Un decennio più tardi, questo diritto di revoca è ancora presente nella coscienza popolare e perfino in quella del regime politico. Le interruzioni stradali, le manifestazioni senza autorizzazione, le occupazioni di imprese, università e scuole sono quotidiane. La commemorazione del decimo anniversario ha riunito circa trentamila persone, senza la presenza di alcun personaggio ufficiale né dell’opposizione patronale.

La bancarotta dell’Argentina, dieci

anni fa, è un caso “puro” di dissoluzione delle relazioni

sociali capitaliste: in questa direzione si sta incamminando la crisi

mondiale attuale. Si trattò di una Lehman Brothers “avant la lettre”:

la svalutazione del peso fu un’espressione del crollo economico,

non una via di “uscita” alla crisi che emerse per altre cause.

Produsse una bancarotta totale del sistema bancario, la caduta verticale

della produzione, la sparizione della moneta e una disoccupazione in

massa, con un 60 per cento tra disoccupati e sottoccupati. Il fallimento

finanziario dello Stato obbligò gli Stati federali a emettere moneta

propria – quattordici monete differenti – e, in alcuni casi, emerse

il baratto. L’unità politica dello Stato operò come risorsa ultima

della sopravvivenza del capitale.

Il default, la svalutazione

del peso e la caduta del governo consumarono un colpo di Stato

da parte del FMI e della borghesia argentina. Il primo finanziò, nel

corso del 2001, una fuga di capitali di circa 50 miliardi di dollari,

che rimasero indenni del default. La borghesia nazionale ottenne

la svalutazione dei propri debiti in pesos e anche vantaggi commerciali.

La svalutazione economica (il PIL, in valore, precipitò da 300 a meno

di 100 miliardi di dollari) servì come premessa per il recupero dell’economia

nella metà del 2002, ma solo perché la crisi rimase confinata

alle frontiere nazionali e ci fu un’enorme irruzione della Cina nel

mercato mondiale degli alimenti e dei minerali. La stessa cosa avvenne

per tutta l’America del Sud, le cui monete rimasero sottovalutate per

tutto il decennio. Nella cornice di una crisi mondiale – il contesto

odierno – tutto questo non sarebbe stato possibile.

La vulgata governativa dichiara di

essere riuscita a risolvere il problema del debito estero, avendo ottenuto

un condono del 75 per cento. Falso. La ristrutturazione colpì, in un

primo momento, solo la metà del debito, quella contratta coi creditori

privati. In secondo momento, il debito ristrutturato fu gonfiato dall’accumulazione

di interessi usurari dovuti per I salvataggi del 2001. In terzo luogo,

la ristrutturazione del kirchnerismo include un obbligazione ancorata

alla crescita del PBI che ha dato rendimenti straordinari negli ultimi

dieci anni. Il debito pubblico, nel 2011, è più alto di 25 miliardi

di dollari rispetto all’inizio della crisi. Per pagare il debito rinegoziato,

il governo confiscò i fondi pensione dello Stato, dell’assistenza medica

ai pensionati, della Banca Centrale e di altre casse statali. Il debito

estero è stato convertito, quasi per il 60%, in debito pubblico interno

che verrà rifinanziato in forma indefinita, e ciò equivale a una confisca

dei pensionati. Ora che questa politica di confisca ha esaurito i propri

effetti, il governo ha annunciato un aumento straordinario (pari al

300 per cento) di imposte e tariffe dei servizi, accompagnato dall’annuncio

di un congelamento relativo dei salari di fronte a un’inflazione annuale

del 30 per cento. Questo dimostra che l’Argentina è ancora in default.

Non ci deve sorprendere che, poco dopo aver vinto nelle elezioni, il

governo debba affrontare la peggiore crisi politica dal 2003:

rottura con la burocrazia sindacale e con numerosi governatori di provincia.

La bancarotta del 2001 non è

stata superata nei termini strutturali. Il Congresso ha appena rinnovato

la legge di urgenza economica di un decennio fa; il sistema bancario

si è ridotto a un terzo; la popolazione che è sotto il livello

di povertà è ancora al livello del 30/35 per cento anteriore alla

bancarotta; la media di salari è di 3200 pesos (520 euro), la

metà del costo di un paniere per una famiglia; i sussidi ai servizi

pubblici, altri tipi di sussidi e le esenzioni di imposta consumano

il 40 per cento del bilancio. Siccome il debito pubblico e il debito

estero continuano a essere impagabili, ci sono gestioni attive per riannodare

l’indebitamento internazionale. L’aumento delle imposte e delle tariffe,

insieme alla riduzione relativa dei salari, hanno portato allo scontro

con i sindacati. Il fallimento politico che ha fatto irruzione nell’oficialismo

(ndt: sostegno incondizionato alla politica di governo), a pochi giorni

dal suo trionfo elettorale, ha rinforzato la tendenza bonapartista del

regime politico, ossia la fase precedente a una crisi definitiva.

Nessuna nazione può uscire dalla

bancarotta economica senza ripudiare il debito esterno, cioè senza

rompere tutte le relazioni politiche (nazionali e internazionali) che

lo sostengono. Il ripudio del debito presuppone, in Europa, la rottura

dell’Unione Europea e darebbe il via a una situazione rivoluzionaria

che non sarebbe limitata a un solo paese. Presa nel suo insieme, la

bancarotta dell’UE favorisce la presa del potere da parte dei lavoratori

e dell’Unità Socialista dell’Europa, Russia compresa. Un ritorno all’ordine

precedente non solo è inconcepibile, ma rafforzerebbe l’oppressione

dei paesi “periferici” da parte dell’imperialismo e potrebbe perfino

provocare una guerra inter-imperialista. Noi siamo a favore dell’Unità

Socialista dell’America Latina, Porto Rico compreso.

La bancarotta del 2001 offrì

al nazionalismo borghese una nuova opportunità, grazie anche allo spirito

di emulazione della sinistra progressista (guidata dal partito Comunista

che oggi si trova dentro il governo) e dei sindacati integrati nello

Stato. Il suo fallimento è indiscutibile, perché non ha modificato,

ma ha anzi accentuato, la dipendenza dal capitale internazionale. L’intervento

del Partito Operaio nell’Argentinazo (con il motto “che se ne

vadano tutti” e per “un’assemblea costituente convocata

da un governo di lavoratori“) formò la base di un ulteriore

sviluppo politico senza precedenti, che si manifestò in primo luogo

nell’organizzazione del movimento di disoccupati e poi nella conquista

di numerosi organi di rappresentanza nelle fabbriche, come nei centri

e nei consigli delle università e delle scuole. Nelle elezioni recenti,

il Fronte di Sinistra ha ottenuto la maggiore percentuale di voti per

un partito di sinistra nell’ultimo quarto di secolo, con un programma

rivoluzionario (ripudio del debito, espropriazione delle banche, nazionalizzazione

senza indennizzo delle risorse di base, controllo operaio della produzione,

governo dei lavoratori). In numerose città ha raggiunto il 6 per cento

dei voti. In alcune (Salta, Capitan Bermudez), il 14 ed il 18 per cento.

Si sviluppando una prospettiva politica rivoluzionaria nel mezzo di

una crisi definitiva del governo e di una crisi mondiale inarrestabile.

L’Argentinazo

fu un “pre-prova” generale.

**********************************************

Fonte: Diez años después, se desarrolla un ‘argentinazo’ mundial

06.20.2012

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da supervice

  • borat

    in base a quanto affermato nell’articolo tutto quello che si e’ detto sul possibile default pilotato dell’italia e’ sbagliato: cosa ci rimane allora?

  • Cornelia

    Ci rimane il cacerolazo. Prepara le pentole.

  • RicBo

    E’ un po’ troppo propagandistico questo articolo, si sostiene su assunti sbagliati e tace troppo dei vantaggi ottenuti dalle politiche attuate dopo il 2003, ma certamente dovrebbero leggerlo attentamente Barnard e il suo ‘dream team’ della MMT.

    Ma qui continuiamo a insistere su una visione del mondo basata solo sull’economia, quando l’umanità è tanto d’altro

  • ws

    La bancarotta del 2001 non è stata superata nei termini strutturali.

    esatto

    Nessuna nazione può uscire dalla bancarotta economica senza ripudiare il debito esterno,

    .. esatto, ma anche questo ma non basterebbe. Occorre anche l ‘intoduzione della moneta-lavoro cioe’ occorrono TUTTE le ” riforme” di Schacht per quanto possono costare.

    trattasi infatti di una “operazione chirurgica ” non solo difficile ma anche sempre piu difficile per quanto si continui a rinviarla ,ma e’ l’ unica possibilta’ per non venire uccisi dal ” cancro finanziario “

  • ColKurtz

    L’articolo fotografa bene la situazione. La crescita economica a due cifre è semplicemente il risultato della svalutazione del Peso. L’export infatti è schizzato su subito dopo l’abbandono del cambio alla pari con il dollaro, con tutto quello che ne consegue.
    Il ritorno alla moneta nazionale è quindi un passo fondamentale ma non definitivo nella ricerca di un equo assetto sociale.

  • ColKurtz

    Assunti sbagliati? E sarebbero?

  • RicBo

    Il debito estero è stato convertito, quasi per il 60%, in debito pubblico interno che verrà rifinanziato in forma indefinita, e ciò equivale a una confisca dei pensionati.

    Ad esempio questa frase è totalmente sballata, non si capisce per quale motivo il debito pubblico interno rappresenti un furto ai pensionati. Come ben spiegato da Wray e soci, il debito interno è una chimera e non ha niente a che fare con la previdenza pubblica.

  • ligius

    Ho la fortuna di andare spesso in Argentina e di conoscere tantissimi argentini, di varie classi sociali e di varie zone. Non è che se la passino poi tanto bene, comprare oggetti tecnologici o tutto quello che è di importazione è da matti, auto e moto costano una fortuna, la benzina è a 7 pesos al litro, che al cambio equivale a 1,3 euro, ma rapportato al paese è come se qui costasse 3 euro al litro; molte merci sono di qualità scadentissima, le cineserie che si trovano lì adesso sono quelle che si trovavano qui anni fa, compri qualcosa che il giorno dopo si rompe, se mai inizia a funzionare, mi dicono che la qualità del cibo si è abbassata moltissimo, anche la loro famosa carne, per esportare tanto e guadagnare in valuta forte, hanno iniziato ad allevare come in europa, animali nelle stalle e non più nei prati. Il lavoro mediamente non è facilissimo da trovare, e la gente si aspetta aiuti dal govero per tutto, tra l’altro sono appena scaduti tutti i benefit del governo come sconti fortissimi per luce e gas, carne o pesce a prezzi ridicoli una volta al mese, computer gratis ai ragazzi nelle scuole ecc ecc… (finita campagna elettorale, finiti vantaggi). Ci sono tanti negozi di riparatori, le cose rotte si aggiustano, e questo è un grande vantaggio, non viaggiano praticamente più perchè l’aereo per loro costa moltissimo, venire in Italia gli costerebbe l’equivalente di minimo due stipendi, se trovano le offerte giuste… Quindi i soldi viaggiano entro i confini nazionali e anche questo è un vantaggio (ma un limite di libertà non indifferente…)