DDL Concorrenza: pronta la deregolamentazione dell’elettrosmog

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

In sordina, mentre tutti i riflettori sono puntati sulla crisi ucraina, la politica italiana continua a perseguire gli obiettivi dell’agenda globalista, soprattutto quando si parla di digitalizzazione e transizione energetica. Fortunatamente, mentre i media di regime tacciono, qualcuno si accorge di tutto ciò.

Come riporta ottimamente oasisana.com, alcuni parlamentare hanno proposto una serie di emendamenti al DDL “Concorrenza” (A.S. 2469) al fine di innalzare da 6 a 61 V/m il limite dell’irradiazione elettromagnetica nelle aree pubbliche, spianando così la strada a una vera e propria deregolamentazione, che darebbe il via libera al fenomeno della cosiddetta antenna selvaggia.

Gli emendamenti proposti da parlamentari del Partito Democratico, di Lega e di Italia Viva, rispecchiano le richieste che ASSTEL – il ramo delle aziende di telecomunicazioni di Confindustria – aveva fatto in Senato qualche giorno fa, e riguardano in particolare modifiche agli articoli 19 e 20 del DDL “Concorrenza”, in tema di installazioni degli impianti di telefonia mobile:

  • proposte di innalzamento fino a 61 V/m contro gli attuali 6 V/m,
  • eliminazione del criterio della minimizzazione dei valori di campo elettromagnetico nella pianificazione da parte dei Comuni
  • obbligo di esproprio a cura dei Comuni di proprietà private, anche quelle con impianti già esistenti, in favore delle compagnie
  • cancellazione delle autorizzazioni paesaggistiche ed antisismiche
  • esclusione delle strutture da ogni regolamento urbanistico e edilizio
  • riduzione dell’ambito di azione di controllo delle Arpa
  • ulteriori semplificazioni, anche in sede di contenzioso tra operatori e Comuni
  • cancellazione dei canoni di concessione

Se gli emendamenti dovessero essere approvati, i grandi imperi della telecomunicazione avrebbero la possibilità di rimodulare completamente il paesaggio cittadino per garantire l’efficienza comunicativa, inondando così le nostre città di elettromagnetismo, dai terribili effetti ancora troppo poco conosciuti.

Massimo A. Cascone, 19.03.2022

Fonte: https://oasisana.com/2022/03/19/elettrosmog-colpo-grosso-abolizione-piani-antenne-e-61-v-m-comuni-e-cittadini-esautorati-laria-ditalia-in-mano-alle-telco/

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x