Cyber Polygon: Il prossimo gioco di guerra globalista sarà seguito da un’altra conveniente catastrofe?

Brandon Smith
alt-market.us

Ad aprile [2021] avevo pubblicato un articolo intitolato ‘Globalists Will Need Another Crisis In America As Their Reset Agenda Fails’ [I Globalisti avranno bisogno di un’altra crisi in America, perché la loro agenda di reset sta fallendo]. Nel pezzo facevo notare una strana tendenza, di cui molti di noi nei media liberi sono diventati consapevoli nel corso degli anni, quasi tutto le grandi catastrofi causate dall’uomo negli Stati Uniti e in molte altre parti del mondo negli ultimi due decenni sono state precedute da “esercitazioni” governative o globaliste. Queste esercitazioni e questi giochi di guerra tendono ad imitare l’esatto disastro che, alla fine, aveva colpito il pubblico alcuni giorni o settimane dopo. A volte le finte esercitazioni sui disastri e gli eventi reali erano accaduti nello stesso momento.

La pandemia Covid non ha fatto eccezione. È un fatto decisamente straordinario…

Ho specificamente delineato la bizzarra “coincidenza” dell’esercitazione Event 201 del World Economic Forum, un gioco di guerra cofinanziato da Bill Gates e dalla Johns Hopkins e svoltosi nell’ottobre del 2019. Event 201 aveva simulato una nuova pandemia globale di coronavirus zoonotico (presumibilmente diffusasi dai pipistrelli agli esseri umani) che “richiedeva” provvedimenti di lockdown globali. Solo due mesi dopo, la finzione era diventata realtà. Quasi ogni aspetto dell’evento Covid si è sviluppato esattamente com’era stato simulato durante il gioco di guerra del WEF.

Un elemento molto inquietante della risposta alla Covid è stata la campagna di repressione coordinata dalle piattaforme Big Tech, da YouTube a Facebook e Twitter.

Questa campagna ha cercato di minare o distruggere tutti i fatti, i dati e le opinioni contrarie alla narrativa Covid del governo, anche se poi è venuto fuori che la narrativa ufficiale sulla Covid era completamente errata. La strategia era stata descritta in dettaglio durante Event 201 ed è stata eseguita con estrema efficienza in tutto il mondo da aziende e governi apparentemente scollegati. È quasi come se AVESSERO SAPUTO che stava per verificarsi una pandemia di coronavirus e fossero già stati istruiti con largo anticipo su come comportarsi per controllare la reazione pubblica.

E, sia chiaro perché non voglio sembrare ambiguo, il World Economic Forum e i loro partner globalisti sono stati i primi a beneficiare della pandemia. Come il capo del WEF, Klaus Schwab, ha entusiasticamente notato più e più volte, la pandemia è una perfetta “opportunità” per i globalisti di accelerare quello che chiamano il programma del “Grande Reset,” un piano per smantellare completamente l’attuale quadro politico ed economico mondiale e ricostruirlo a guisa di civiltà socialista altamente centralizzata, di cui solo loro hanno il completo controllo, con le nostre  libertà personali solo uno sbiadito ricordo.

Ecco perché le recenti rivelazioni sulle probabili origini di laboratorio della Covid non sono affatto sorprendenti. Un anno fa bastava menzionare quest’idea sui social media per essere bannati. E, se volete sapere dove trovare la verità, guardate sempre prima agli argomenti di cui non vi è permesso discutere. Come ho dichiarato nel mio articolo ‘How Viral Pandemic Benefits The Globalist Agenda‘ [Come la pandemia virale giova all’agenda globalista], pubblicato nel gennaio del 2020 proprio all’inizio dell’epidemia:

“Faccio fatica ad ignorare la strana ‘coincidenza’ dei laboratori ad alto rischio biologico di Wuhan, a favore dell’idea che il virus si sia attivato per caso, a causa degli strani regimi alimentari del popolo della Cina centrale. Viste le prove, sembra che il coronavirus sia stato sviluppato in un laboratorio, non nella zuppa di pipistrelli e serpenti di qualcuno. Nel 2017, gli scienziati al di fuori della Cina avevano avvertito che quei laboratori non erano sicuri e che un virus avrebbe potuto fuoriuscire da una delle strutture… Utilizzerei il termine ‘fuoriuscire’ in modo generico, poiché c’è anche la possibilità che questo evento sia stato creato intenzionalmente…”

Fin dal 2015, personaggi importanti, tra cui il Dr. Anthony Fauci (uno stretto collaboratore di Bill Gates e della Bill Gates SR.) avevano direttamente finanziato studi presso il laboratorio di Wuhan, attraverso il NIAID e, specificamente, avevano finanziato lo studio del trasferimento infettivo dei coronavirus dai pipistrelli ad altri mammiferi, compresi gli umani. E sì, in questo periodo il NIAID era, di fatto, coinvolto in esperimenti di “guadagno di funzione” utilizzando varianti di SARS e coronavirus. Nonostante Anthony Fauci sostenga il contrario, il sito web del National Institute Of Health lo conferma.

Tutti questi fatti supportano la tesi che la Covid sia un’arma biologica creata in laboratorio e, a mio parere e secondo le prove finora esistenti, è stata rilasciata deliberatamente in stretta alleanza con il governo cinese. Nel 2017, Fauci aveva persino “predetto” che Donald Trump avrebbe affrontato un’“epidemia infettiva a sorpresa” durante la sua presidenza, affermando che “saremo sicuramente sorpresi nei prossimi anni…”

Lo schema ha certamente funzionato in una certa misura. In ampie porzioni di Europa, Asia e Australia il WEF sta ottenendo ciò che ha sempre voluto.

Detto questo, alcune cose non sono andate come previsto. Per esempio, Event 201 aveva previsto il decesso di 65 milioni di persone entro il primo anno di pandemia; questo non è successo, e non è stato perché i governi hanno salvato delle vite. Infatti, i lockdown e le restrizioni governative non hanno fatto nulla per evitare la diffusione della Covid e studi indipendenti hanno dimostrato che le ordinanze sulle mascherine erano state completamente inefficaci nel fermare il virus. La ragione del numero relativamente basso di decessi è il fatto che il tasso di mortalità della Covid è solo dello 0,26% tra le persone altrimenti sane. L’unico luogo dove la Covid rappresenta una vera minaccia è nelle case di cura, tra gli anziani con patologie preesistenti.

A causa degli errori di calcolo delle élite, in alcune parti del mondo l’agenda del Grande Reset sembra stia fallendo. Negli Stati Uniti, l’opposizione ai lockdown e ai vaccini sperimentali è cresciuta esponenzialmente, al punto che dozzine di Stati stanno ora approvando leggi che vietano l’applicazione delle restrizioni in tema di Covid e di “passaporti sanitari”.

I media alternativi si sono anche dimostrati resilienti contro la censura e la soppressione dell’informazione, avendo dimostrato più e più volte di avere ragione. Siamo stati i primi ad avvertire che il tasso di mortalità della Covid veniva esagerato (l’OMS e le altre istituzioni dell’establishment prevedevano un tasso di mortalità di almeno il 3%, molto al di sopra della realtà). Siamo stati i primi ad avvertire che i lockdown e le norme sulle mascherine non avevano fatto nulla per fermare la diffusione (gli Stati che hanno rimosso le restrizioni hanno finito per avere una DIMINUZIONE delle infezioni e dei decessi). E siamo stati i primi ad avvertire che il virus si stava comportando come un’arma biologica e che la sua origine era probabilmente il laboratorio di livello 4 a Wuhan, in Cina, proprio in fondo alla strada del mercato di prodotti animali che il governo cinese aveva originariamente affermato essere la fonte dell’epidemia.

Siamo stati anche i primi ad avvertire che la pandemia sarebbe stata usata come giustificazione per l’applicazione del passaporto vaccinale, che avrebbe creato una società a due livelli progettata per mettere sotto pressione le persone che non vogliono conformarsi ai vaccini mRNA. Abbiamo dimostrato di avere ragione, poiché lo Stato dell’Oregon è diventato il primo negli Stati Uniti a richiedere una prova di vaccinazione (un passaporto) per permettere ai residenti di entrare in qualsiasi azienda o istituzione.

Durante tutto questo evento, dai burocrati del governo e dai media siamo stati sistematicamente chiamati “teorici della cospirazione”. Ma avevamo ragione su quasi tutto, mentre i media tradizionali si sono sbagliati su quasi tutto. Se non è così, allora hanno mentito consapevolmente su quasi tutto.

Capire questa dinamica è importante, perché credo che la situazione è ben lungi dall’essere finita e ritengo che altri eventi di crisi stanno per essere architettati (o accadranno magicamente per pura coincidenza).

In questo momento, la mia più grande preoccupazione è l’imminente esercitazione “Cyberpolygon” diretta dal WEF e prevista per il mese di luglio. Questo gioco di guerra ha lo scopo di “simulare” un cyberattacco alle infrastrutture essenziali che porterebbe all’arresto della catena di approvvigionamento globale o almeno delle catene di approvvigionamento all’interno di alcune nazioni. Come ho avvertito in aprile, la tempistica di Cyberpolygon è sospetta. Dato che, negli Stati Uniti, i programmi di lockdown per la Covid stanno crollando e i passaporti vaccinali non hanno conquistato il favore di una grande percentuale di Americani, i globalisti avranno bisogno di un’altra crisi, se vogliono sperare di raggiungere gli obiettivi del loro Grande Reset.

Solo poche settimane dopo aver pubblicato le mie preoccupazioni iniziali su Cyberpolygon, è stato riportato un massiccio attacco informatico che ha colpito la Colonial Pipeline, lunga ben 5.500 miglia. L’oleodotto fornisce benzina alla maggior parte della Costa Orientale degli USA e, dopo una settimana di interruzione, numerosi Stati hanno segnalato carenze di carburante. La storia, da allora, è stata messa in sordina dai notiziari mainstream.

Nei giorni scorsi, un altro grande cyberattacco è stato segnalato contro JBS, un’azienda per la lavorazione della carne che tratta circa il 23% di tutta la carne bovina e suina degli Stati Uniti. La produzione di JBS si è fermata, e ora c’è la possibilità di una carenza di carne in tutto il Paese se i problemi non saranno risolti al più presto.

Di nuovo, è solo una coincidenza che questi cyberattacchi su larga scala stiano accadendo con maggiore frequenza nel periodo precedente alla simulazione Cyberpolygon del WEF? Oppure, Cyberpolygon è un altro Event 201? È un beta testing [1] per un disastro pianificato per il prossimo futuro? Il WEF sta apertamente paragonando i futuri attacchi informatici alle epidemie di Covid, quindi sono incline a propendere per la seconda ipotesi.

Il problema della catena di approvvigionamento è venuto alla ribalta sulla scia della pandemia, dato che i rivenditori hanno dovuto affrontare carenze intermittenti, e i produttori stanno affrontando una mancanza di componentistica. Non solo, ma anche i problemi di inflazione stanno pesando sulle forniture. Detto questo, un attacco informatico è tutta un’altra cosa; che l’evento sia reale o meno, la catena di approvvigionamento è comunque fragile a causa dell’interdipendenza globale. Negli Stati Uniti, molti beni di prima necessità dipendono da produttori stranieri o dal sistema di trasporto “just in time”. La preparazione e lo stoccaggio a lungo termine non fanno parte del vocabolario del comune business statunitense.

Non so davvero se la catena di approvvigionamento potrebbe essere arrestata completamente usando un attacco informatico, ma, in combinazione con l’inflazione e le restrizioni draconiane della pandemia, è possibile interrompere il flusso di merci per svariate settimane. È anche impossibile prevedere quante persone siano preparate ad affrontare una tale calamità. La mia speranza è che più del 30% degli Americani abbia almeno iniziato il percorso di preparazione, ma, senza dubbio, la maggioranza del Paese non l’ha ancora fatto. Basterebbero un paio di settimane di penuria o uno scenario di grid down (2) e la maggior parte delle persone si troverebbe, tra le altre cose, ad affrontare la fame.

Se Event 201 è un segnale, allora dovremmo rimanere vigili e prestare attenzione ad un altro grande attacco informatico che potrebbe colpire la catena di approvvigionamento entro due mesi dalla prossima esercitazione Cyberpolygon del WEF.

Brandon Smith

 

Fonte: https://alt-market.us/
Link: https://alt-market.us/cyberpolygon-will-the-next-globalist-war-game-lead-to-another-convenient-catastrophe/
03.06.2021
Scelto e tradotto da NICKAL88 per ComeDonChisciotte

Note a cura del traduttore

(1) Il beta testing (o verifica beta) si riferisce invece ad una fase di prova e collaudo del software non ancora pubblicato, con lo scopo di trovare eventuali errori (bug). Questa operazione può essere svolta da professionisti specializzati, oppure, molto spesso, da semplici amatori, chiamati beta tester. La loro importanza è legata, oltre al test dei sistemi operativi, anche ai programmi minori poiché tendono a comportarsi diversamente in base all’hardware sul quale vengono eseguiti, per cui conviene avere la possibilità di provarli su più hardware differenti.
Link: https://it.wikipedia.org/wiki/Versione_beta

(2) Scenario di grid down – si veda ad esempio il seguente riferimento: Grid Down Scenarios: How to Survive a Power Grid Attack

https://thepreppingguide.com/grid-down-scenario-causes/

Notifica di
18 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
nicolass
Utente CDC
8 Luglio 2021 8:38

E’ tempo di rispolverare zappe, vanghe e picconi e darsi alla campagna… pur di sopravvivere in qualche modo

Papaconscio
Utente CDC
Risposta al commento di  nicolass
8 Luglio 2021 9:09

Se poi vi procurate un machete potete passare direttamente alla macchia.

fiurdesoca
Utente CDC
Risposta al commento di  nicolass
8 Luglio 2021 9:37

si, cosi finirai a fare da spezzatino in mezzo alle patate che hai coltivato…

Alberto 52
Utente CDC
Risposta al commento di  fiurdesoca
8 Luglio 2021 9:54

Ci stavo pensando, dici bene, in un modo o nell’altro qui si prepara un casino inedito.
Esclusi quelli che si preparano al decollo verso il blu, (buon viaggio!) per tutti gli altri, scaltri e paraculo compresi, hmmh la vedo dura !

VincenzoS1955
Utente CDC
Risposta al commento di  nicolass
8 Luglio 2021 11:00

E tu pensi che altri, i “diseredati”, ti farebbero campare?. Sono tre le componenti che concorrono tutte insieme al benessere: 1- salute fisica e mentale legate indissolubilmente alla salubrità ambientale; 2 – la tranquillità economica; 3 – la tranquillità sociale, per l’appunto.

Ultimo aggiornamento 26 giorni fa effettuato da VincenzoS1955
Maurizio
Utente CDC
8 Luglio 2021 10:11

tranquilli, la resilienza dell’italiano toccherà vette inaspettate.

Se non saltano per aria la tivvù e netflix può sopravvivere a acqua e crackers per settimane.

lurisia
Utente CDC
Risposta al commento di  Maurizio
8 Luglio 2021 19:07

Sto ridendo da un paio di minuti anche se sono consapevole che ci sia poco da ridere…

ton1957
Utente CDC
8 Luglio 2021 11:10

Poco probabile, un tale scenario porterebbe ad un crollo delle vendite di carta igienica, con conseguente perdita di profitti per i produttori e nessun vantaggio per i ”consulenti” e la gente la puoi chiudere in casa ma solo se ha la pancia piena.
Penso che il covid non sia ancora stato sfruttato a pieno e ritengo che la variante delta abbia grosse potenzialitá di utili e di grande reset, almeno per i prossimi due anni non si inventeranno nulla di nuovo, tutto, al momento, procede bene come da copione, anche sul fronte contanti il covid funziona, al piú si assisterá ad un aggiustamento sul fronte inflazione, la quale stenta a decollare e se i soldi non perdono valore il reset non viene bene.
Un aggiustamento é giá partito il primo di Luglio, (accordi UE/Cina) adesso se si compra in Cina paghiamo l’iva ai cinesi (su Aliexpress é giá cosí) sará un rimborso spese dei costi sostenuti a Wuhan?

Ultimo aggiornamento 26 giorni fa effettuato da ton1957
Primadellesabbie
Utente CDC
8 Luglio 2021 11:48

Hanno sviluppato le consegne a domicilio, ora si tratterà di perfezionarle sviluppando il metodo: “ti consegno ciò che voglio e quando voglio”.

Sarà emozionante attendere dietro l’uscio di casa, avvolti in una coperta, la consegna di galletta e acqua potabile.

Credete che non abbiano già sperimentato cose del genere durante i lunghi blackout degli anni passati nel Nordamerica?

A quando una seria riflessione sull’impotenza che si è diffusamente impadronita degli abitanti del Pianeta da quando abbiamo scatenato il liberismo?

Ultimo aggiornamento 26 giorni fa effettuato da Primadellesabbie
Maurizio
Utente CDC
Risposta al commento di  Primadellesabbie
8 Luglio 2021 13:06

A quando una seria riflessione sull’impotenza che si è diffusamente impadronita degli abitanti del Pianeta da quando abbiamo scatenato il liberismo?

Esatto.
Siamo arrivati a un punto tale per cui “qualcuno”, di punto in bianco, può letteralmente staccare la spina, creando una crisi e un caos senza precedenti, per poi tornare a “mettere ordine”, come meglio gli aggrada.

oxalidaceae
Utente CDC
8 Luglio 2021 13:29

” È quasi come se AVESSERO SAPUTO che stava per verificarsi una pandemia di coronavirus e fossero già stati istruiti con largo anticipo su come comportarsi per controllare la reazione pubblica “.

Buongiorno a tutti, vorrei offrire un altro punto di vista con un breve video del 2020.
https://www.youtube.com/watch?app=desktop&v=YApbKytMwao

La lettura del libro di Firstenberg citato nel video è stata per me davvero illuminante. Da quel momento qualche tassello di questo maledetto puzzle ha cominciato ad incastonarsi per bene.

Ultimo aggiornamento 25 giorni fa effettuato da oxalidaceae
dom
Utente CDC
Risposta al commento di  oxalidaceae
8 Luglio 2021 23:51

molto suggestiva l’ipotesi degli esosomi, funziona quasi tutto, pure la teoria dei campi elettromagnetici che intossicano le cellule, ma non mi torna la contagiosità che è troppo smaccata per essere una cosa che viene da dentro e quindi non contagiosa, perché i miei tre figli di età diverse si sono ammalati di varicella in serie parallela 15 giorni l’uno dall’altro e perché questo tipo di virus (herpes zoster) funziona sempre così, spesso in primavera estate e le igg immunoglobuline di lungo periodo? il fatto che molte malattia virali le prendi una sola volta (parotite rosolia morbillo) come si concilia con l’esosoma? Boh non sono convinta.

oxalidaceae
Utente CDC
Risposta al commento di  dom
9 Luglio 2021 13:32

Buongiorno dom, a sostegno in quanto credo, ti linko tre autorevoli approfondimenti da chi spiega molto bene la questione virale (compresi i video inseriti). Suggestivi o meno (decidilo tu), potrebbero però essere dei punti di partenza o di nuova ri-partenza per chiunque. Di sicuro hanno coinvolto una piccola mente ignorante come la mia. Ed ora al grido di “Monatto vade retro!” ti auguro buona lettura (lunghetta lo ammetto, ma se abilmente “porzionata” credo si possa sopravvivere pure a lei). Saluti.

https://www.valdovaccaro.com/le-patologie-arrivano-dai-co-fattori-e-non-dai-virus/

https://pattoverascienza.com/contagio-epidemie-tutto-una-balla/

http://igienenaturaleortopatia.altervista.org/blog/coronavirus/cosa-sono-i-virus/

Ultimo aggiornamento 25 giorni fa effettuato da oxalidaceae
AnnaReds61
Utente CDC
8 Luglio 2021 14:29

Il passato fine settimana attacco hacker ai negozi coop svedesi. Stanno riaprendo da ieri, ancora alcuni sono chiusi. Probabilmente la Svezia è uno dei paesi con maggiore diffusione dei pagamenti con carta elettronica.

emilyever
Utente CDC
8 Luglio 2021 14:45

Non è detto che le previsioni dei morti in event 201 fossero sbagliate, se consideriamo che i vaccini potrebbero essere i pompieri piromani e che Crisanti ieri ha annunciato che verrà un giorno in cui ci sarà una variante non coperta dai vaccini. L’unica nota di speranza per non immaginare foschi lockdown per ottobre e “strane”morti è il pensiero che non possano spendere il recovery per gli aiuti a gente che non può più lavorare, bisogna pure che facciano andare avanti l’economia. O sono troppo ottimista, e bisogna ripeterci le parole della bambina all’inizio della serie tv “La barriera”: – Arrivarono sempre nuovi virus, e poi ci fu carenza alimentare, e una guerra, e mancarono le materie prime e oggi è stata definitivamente sospesa la democrazia e instaurata una dittatura militare”?

Bertozzi
Utente CDC
8 Luglio 2021 16:52

Anche nell’attacco alle torri gemelle tutta la contraerea americana era occupata in un’esercitazione, tu guarda il caso.

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  Bertozzi
8 Luglio 2021 19:34

Da Wikipedia..Attentati di Londra del 7 luglio 2005Tony Blair, primo ministro del Regno Unito dal 1997 al 2007, rende noti gli attentati alla nazione e al mondo subito dopo il 31 summit del G8 tenutosi a Edimburgo.I rapporti iniziali sugli accaduti del 7 luglio includono informazioni su esercitazioni antiterrorismo operate dalla società Visor Consulting che erano in atto in quello stesso giorno. Per quella che appare come una rarissima coincidenza, nelle stesse ore dell’attentato, la compagnia Visor Consulting, in collaborazione con altri enti, stava conducendo un’esercitazione antiterrorismo basata su uno scenario terroristico molto simile a ciò che è realmente accaduto, secondo l’addetto della stessa Visor Consulting Peter Power. Questi, in un’intervista radiofonica con BBC Live Five, dichiarò: «Oggi stavamo conducendo un’esercitazione per una compagnia – teniamo in mente che io appartengo al settore privato – e stavamo tutti giù in città – 1000 persone coinvolte in tutta l’organizzazione – con la squadra anti-crisi. E la cosa più strana era che era basata su uno scenario di attacchi simultanei a una stazione della metropolitana e della mainline. Quindi abbiamo dovuto passare d’un tratto, nell’esercitazione, dalla finzione alla realtà» BBC Radio – C’erano esercitazioni il giorno delle bombe di Londra, il 7/07/05:… Leggi tutto »

dom
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
8 Luglio 2021 23:40

e in Norvegia nel 2011 stesso copione, le esercitazioni portano sfiga https://comedonchisciotte.org/strage-di-oslo-confermate-esercitazioni-prima-degli-attentati/

18
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x