Home / ComeDonChisciotte / CONQUISTARE CON LA CANNABIS: IL PAZZO SOGNO DELL'ESERCITO AMERICANO

CONQUISTARE CON LA CANNABIS: IL PAZZO SOGNO DELL'ESERCITO AMERICANO

DI FRED GARDNER
Counterpunch

L’esercito americano, in una ricerca per “agenti incapacitanti non letali”, ha testato cannabis su
GI volontari durante tutti gli anni ’60 in accordo con James ketchum, MD, lo psichiatra che ha
stilato la classifica del programma di ricerca alla Edgewood Arsenal in Maryland. Ketchum si e
ritirato nel 1976 ed ora vive in Santa Rosa. Ha scritto una memoria
intitolata,“Chemical Warfare: Secrets Almost Forgotten,” [la guerra chimica: i segreti
dimenticati n.d.t.] nella quale descrive gli esperimenti condotti ad Edgewood e difende fortemente
l’etica standard dell’esercito.
In un discorso alla “Society of Cannabis Clinicians” il 9 marzo in Los Angeles, Ketchum propone il
resoconto degli esperimenti condotti per l’esercito sull’utilizzo di droghe a base di cannabis.

Ketchum era un giovane capitano che stava terminando il suo periodo di stanziamento al
Walter Reed Army Hospital quando fu assegnato nel 1961 alla supervisione psichiatrica dell’ Edgewood Arsenal. Il nuovo presidente, John F. Kennedy, era entusiasta della ricerca sugli incapacitanti non letali. (prima autorizzata da Eisenhower nel 1958). Le armi ideali di Camelot:
queste lasciano le infrastrutture intatte e la popolazione stordita.La sostanza sintetica del THC testata dell’esercito nel proseguimento di questo ideale, EA 2233, è stata sviluppata da un chimico di nome Harry Pars impiegato dalla Compagnia Artur D. little di Cambrige. Era una mistura di otto stereoisomeri della molecola THC (differenti parti della stessa molecola). EA 2233 e stata aumentata di potenza portandola da 10 a 60 microgrammi per chilogrammo corporeo.
Sebbene i suoi effetti svaniscano dopo 30 ore, questi non erano sufficientemente potenti per scopi militari. Ketchum riporta nel suo libro uno stralcio dell’intervista con un GI volontario sulla EA 2233. I risultati sono piu o meno quelli che ci si aspetta da qualcuno che abbia ingerito troppo del THC in questione.

D: come stai?

R: abbastanza bene, suppongo

D: abbastanza bene?

R: beh, non cosi bene forse.

D: Hai una grossa smorfia sulla faccia

R: gia’. Non so neanche perche’ sto’ sogghignando

D: Supponi di doverti svegliare ed andare al lavoro ora. Che cosa faresti?

R: Non credo che mi interesserebbe

D: Supponi che la stanza fosse in fiamme

R: Non credo che lo sarebbe. Sembrerebbe divertente.

D: Sembrerebbe divertente? Pensi che avresti la forza di alzarti e correre fuori oppure pensi che resteresti qui a goderti le fiamme?

R: Non saprei. Le fiamme sembrano non presentare alcun pericolo per me. (si noti il realismo del soggetto testato e lo scherno dello scienziato)

D: Potresti pensare a qualcosa che sembrerebbe azzardata o che ti spaventi, oppure tu sei a…

R: No No. Tutto sembra divertente nell’esercito. Sembra come tutto e tutti dicano.. sembra divertente.

Quando gli otto isomeri del EA 2233 sono stati isolati e purificati negli anni seguenti al 1964, furono testati da un dottore di Edgewood di nome Fred Sidell (mentre Ketchtum si stava focalizzando su altri incapacitanti, come i derivati dell’atropina, conosciuti come BZ, e LSD). Sidell scopri che due degli isomeri della TCH causavano un calo drammatico della pressione sanguigna cosi che smise di testarli. Ketchum pensa ancora se uno dei due potenti isomeri possa funzionare come incapacitante. Ketchum scrive, “ la scoperta che gli isomeri 2 e 4 possedevano potenti, ma ineguali, effetti ipotensivi che impedivano di stare in piedi senza far svenire portarono Sidell ad una discontinuo test per fare attenzione alla salute dei soggetti testati. Piu tardi mi accorsi che queste proprietà, ii un composto altrimenti non letale, potrebbero essere una via ideale per produrre un’ inabilità temporanea al combattimento (e molto altro) senza pericoli tossicologici alla vita.” Il sogno si avvera!

La presentazione di ketchum pro cannabis ai medici fu seguita da una succinta conferenza di chimica da parte di Alexander T. Shulgin, PhD. Fu Shulgin che diede a Harry Pars l’idea di sintetizzare un azoto equivalente del THC sperimentato agli inizi degli anni ’60.( piu avanti a Shulgin gli sarebbe stato assegnato il compito di rinnovare il design delle droghe, inclusa la MDMA).
La sessione e stata organizzata e sviluppata da Tod Mikuriya, MD, psichiatra della Berkeley, che ha avuto un lungo interesse nella storia delle terapie con trattamento di cannabis.

Solo un piccolo frammento del lavoro di ketchumm alla Edgewood riguarda i derivati del THC.
Disse che fu motivato a scrivere la propria memoria in quanto i media hanno messo insieme gli studi etici e scientifici della droga, intrapresi dall’esercito su volontari consenzienti, e gli studi estremamente pericolosi della droga intrapresi dal CIA sui civili involontari.
“Chemical Warfare: Secrets Almost Forgotten” è pubblicato da Chembook, 2304 Fairbanks Drive, Santa Rosa, CA 95403.
Per saperne di piu visita forgottensecrets.net

Un capitolo del libro di ketchum è dedicato a ciò che è chiamato oggi “il consenso informato”. I GIs considerano Edgewood Arsenal un piacevole dovere e si offrono volontariamente con spirito ardito per due mesi di lavoro garantito.
Ketchumm scrive: ” non abbiamo mai avuto necessità di intimidire, terrorizzare o suggerire a qualcuno di sottoporsi senza volontà al test delle droghe. Inevitabilmente, i volontari ci hanno sommerso di richieste, anno dopo anno. Un’abbondanza di soodati erano ovviamente più che ben disposti a fare il salto nel cerchio richiesto affinché potessero essere nella lista dei candidati. Infatti, il livello dei numeri di richiedenti rispetto al numero di accettati aumentava progressivamente per tutti gli anni ’60.”

Quando Ketchum arrivo’ a Edgewood nel 1961 il distaccamento dei soggetti testati consisteva in 20 uomini. A partire dal 1963 divennero 50. “ Alla fine divennero un gruppo di 60-80, richiedendo una rivisitazione dei 300-50o candidati.”
Alcuni dei 700 in lista presero parte al programma, molti tra gli anni 1961-70. “ nessuno, a mio sapere” scrive ketchumm,” è ritornato a casa con significative lesioni o malattie attribuibili all’esposizione chimica. Tuttavia , anni dopo, alcuni ex volontari dichiararono che il test gli aveva causato alcuni problemi.” queste dichiarazioni provengono dai volontari esposti agli agenti diversi dall’ EA 2233. Ketchum mette in discussione la loro validità, notando che “ nessuno dei tre accurati studi successivi riscontrarono prove statistiche di particolari malattie, e i tassi di mortalità erano piu bassi di quanto previsto per ogni droga esaminata, eccetto i tassi più alti in modo non significativo di coloro a cui era stata somministrata l’atropina o la scopolamina”.

“The Society of Cannabis Clinicians” è stata fondata da Mikuriya nel 2000 per provvedere alla realizzazione di un forum attraverso il quale i dottori avrebbero potuto monitorare l’utilizzo di cannabis da parte dei pazienti della California.
Venti medici hanno presenziato alla prima riunione della società che si è tenuta il 9 marzo a Los Angeles.
Ketchum e il suo staff dell’ Edgewood Arsenal non hanno avuto sospetti che l’EA 2233 in dosi minime fosse terapeutico….” Non stavamo cercando dei benefici,” riconobbe… Citò hitler dicendo che anche egli era così impaurito dalle armi chimiche che si sarebbero potute utilizzare contro di lui, che non avrebbe autorizzato l’utilizzo delle migliaia di tonnellate di gas nervino che i nazisti avevano sintetizzato ed accumulato.

Fred Gardner pubblica O’Shaughnessy, il giornale della canapa nella pratica clinica ( lungi da essere presente sul web). Può essere raggiunto a [email protected]

Titolo originale :”Conquest By Cannabinoids, A U.S. Army Pipe Dream”

Fonte: http://www.counterpunch.org/
Link: http://www.counterpunch.org/gardner03212007.html
21.03.2007

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ALESSANDRO AUTIELLO

Pubblicato da Das schloss

  • myone

    Conosco storie della ex Iugoslavia, dove da ogni parte dei contendenti, nei reparti operativi, nelle prime linee, e nelle operazioni programmate, era sistematico prendere farmaci psichiatrici inibitori della paura e eccitanti nell’ azione, oltre che le consuete sostanze stupefacenti, dalla mariuana, all’ ascis, all’ eroina, e per finire, all’ alcool. Non c’e’ niente di diverso, dal non assusmerle. La coscenza quando e’ in un contesto, non fa testo, altrimenti, non saresti li, e non saresti in un conflitto. L’ assunzione di sostanze anomali, cambia poco cio’ che sei, perche’ alla fine, proietta te stesso e le tue capacita’, comprese le tue paure o forze. L’ alzare questi parametri, come anche nella forza d’ urto bellica, non fa altrto, che produrre piu’ impatto, nella sopraffazione e nella soluzione di un’ azione. Chiaro, dentro a una pazzia, ce ne vuole un’ altra che la sorregga, cosi non ci si accorge alla lunga, che ci si e’ dentro. Ma anche questo, deabilita. E quando sei navigato, anche da subito, a stare in guerra, la guerra stessa comanda, e l’ uomo vi si adatta, alterato o no.
    Poi, oggi come oggi, con gli eserciti addestrati alla guerra, il lato operativo, rimane quasi professionale, senza l’ induzione, di espedienti.
    Forse, al di la’ della morte, la paura della sopravvivenza, vuoi con la tua coscenza che vaglia se ne valeva la pena, o vuoi oggi come oggi, dal residuo di armamenti che lasciano nel resto della tua vita, droghe piu’ pesanti e letali, come l’ uranio. Poi, ce ne sono cose che non sappiamo, o che non possiamo appurare, non essendoci dentro in prima persona.
    Ovvio, i latenti ma pensanti di tutte ste stregonerie geniali, stanno sempre in una mano, fanno la storia, e determinano miliaia e milioni di persone. E’ questa la grande droga che i non drogati, danno nelle mani di questa gente. Il potere di pochi su molti. Ma mi chiedo pure, se nella massa, non ci sia di piu’ una droga di inerzia, di menefreghismo, di approssimazione, di superficialita’, che e’ molto piu’ letale e responsabile, che non tutto cio’ che si puo’ raccontare.