CLIMA. POCO TEMPO PER FERMARE LA CATASTROFE

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

DI GIULIETTO CHIESA

megachip.globalist.it

L’Anno prossimo, in dicembre, si terrà a Parigi la 21esima conferenza sui cambiamenti climatici.
21esima dal summit di Rio de janeiro del 1992, cioè 22 anni fa.
Il panel intergovernativo dell’ONU (IPCC) ha emesso tre rapporti negli ultimi sette mesi. Un crescendo di avvertimenti.
Il terzo, uscito la scorsa settimana, è, più che grave, assolutamente drammatico. Ci dice che le emissioni mondiali di gas serra sono raddoppiate rispetto all’ultimo decennio del XX Secolo.

In sintesi: ci restano circa 15 anni per fermare la catastrofe, che consisterà in un aumento della temperatura alla superficie del pianeta di oltre 2 gradi centigradi (rispetto al livello pre-industriale).

Dopo quella data, cioè dopo il 2025 circa, ogni tentativo di stabilizzare la situazione avrà costi insormontabili per la comunità umana come la conosciamo. Ci vuole un accordo internazionale che vincoli subito tutti alla riduzione delle emissioni.

Qual’è la probabilità di raggiungere questo accordo in tempi utili? Quasi uguale a zero.
Lo dicono le cifre: gl’investimenti in rinnovabili (purtroppo l’IPCC ci mette anche il nucleare) dovrebbero salire a 147 miliardi di dollari all’anno, mentre quelli per il petrolio e i combustibili fossili dovrebbero scendere di 30 miliardi di dollari all’anno.
Se non ci sarà, in ogni paese, specie in quelli industrialmente avanzati, un risveglio brusco, una protesta, una richiesta di drastico cambio di rotta dei governi e dei poteri mondiali, andremo tutti arrosto (andranno arrosto i nostri figli).
Oppure in guerra, che è la cosa più probabile.

So che ci sono molti scettici, che non credono nel riscaldamento globale per mano umana. Si accomodino, c’è sempre spazio per il dubbio.
Ma sappiano che stanno dalla stessa parte del Senato americano, che non ha mai ratificato nemmeno l’ormai defunto trattato di Kyoto. Cioè stanno dalla parte dei primi responsabili del disastro mondiale.
Penso che qualcosa voglia dire.
E, a tutti , buon viaggio attorno al Sole, a bordo di questo davvero arroventato pianeta.

Giulietto Chiesa
Fonte: http://megachip.globalist.it
Link: http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display?ID=102137&typeb=0&Clima-Poco-tempo-per-fermare-la-catastrofe
22.04.2014

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
18 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
18
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x