“Chi gli dei vogliono distruggere…” Sulla via della terza guerra mondiale

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Di Helga Zepp-LaRouche, eir.news

Mig-31 russi che trasportano i missili ipersonici russi Kinzhal. Secondo il Presidente Putin, questi aerei pattuglieranno il Mar Nero per esercitare un “controllo basato sulle armi su ciò che accade nel Mar Mediterraneo”. Credito: Flickr/Alan Wilson; CC 2.0

Dovrebbe essere chiaro a qualsiasi persona attenta che siamo potenzialmente sull’orlo di una guerra nucleare globale a breve termine, che può essere innescata da un’ulteriore escalation di uno dei due conflitti – la guerra in Ucraina e il conflitto tra Israele e Hamas. Ciò che rende questa situazione senza precedenti così pericolosa è il fatto che i leader occidentali non stanno spingendo per un cessate il fuoco immediato e una soluzione diplomatica, ma si stanno schierando unilateralmente. E gli Stati Uniti si stanno chiaramente preparando a medio termine a scatenare guerre simultanee con Russia e Cina, che sarebbero inevitabilmente nucleari.

Di fronte a questa minaccia esistenziale per tutta l’umanità, abbiamo bisogno di una mobilitazione globale per un cessate il fuoco immediato in entrambi i conflitti, del sostegno alla proposta cinese di una Conferenza di pace per l’Asia sud-occidentale e di una nuova architettura globale di sicurezza e sviluppo che metta definitivamente da parte la geopolitica, che metta al primo posto l’interesse di tutta l’umanità e che tenga conto degli interessi di ogni nazione del pianeta. In altre parole, abbiamo urgentemente bisogno di un paradigma completamente nuovo come base della politica internazionale.

Ieri il Ministro della Difesa israeliano Gallant ha indicato che un’offensiva di terra a Gaza è imminente e sarà “lunga e intensa”. Allo stesso tempo, i vicini di Israele si stanno preparando a un’escalation regionale che potrebbe vedere l’apertura di un secondo fronte tra Israele e Hezbollah in Libano e, nel peggiore dei casi, coinvolgere l’Iran. A quel punto, tutti i calcoli saranno inutili.

Gli Stati Uniti dispongono già di due gruppi di portaerei, il USS Dwight D. Eisenhower Carrier Strike Group e il gruppo Gerald R. Ford, e della nave comando USS Mt. Whitney, la nave ammiraglia della 6a Flotta statunitense, per un totale di dieci navi da guerra e 12.000 uomini, che presto saranno tutti sotto il comando congiunto del comandante della 6a Flotta, il viceammiraglio Thomas Ishee, e quindi, per così dire, “armi pronte” per l’intervento nel conflitto nel Sud-Est asiatico.

Nel frattempo, l’amministrazione Biden ha consegnato silenziosamente missili ATACMS all’Ucraina, segnando un’ulteriore escalation contro la Russia. L’ambasciatore russo a Washington, Anatoly Antonov, ha quindi reagito in modo secco:

“Le conseguenze di questa azione, che è stata deliberatamente nascosta al pubblico, saranno del tipo più grave…. Abbiamo dichiarato che fornire armi al regime di Kiev mina seriamente la sicurezza strategica e regionale. Gli Stati Uniti stanno istigando un confronto diretto tra la NATO e la Russia”.

In risposta a questi sviluppi, il Presidente russo Putin, nel corso di una conferenza stampa dalla foresteria del governo a Pechino, ha annunciato con disinvoltura che gli aerei russi sono ora in pattugliamento permanente sul Mar Nero e sono equipaggiati con il missile supersonico Kinzhal, in grado di volare alla velocità di Mach 9.

Ha detto: “E, infine, un errore più grande e altamente significativo, anche se finora impercettibile, è che gli Stati Uniti stanno diventando sempre più coinvolti in questo conflitto…. Voglio dire – quello che sto per dire e di cui vi informerò non è una minaccia – che ho dato istruzioni alle forze aerospaziali russe di iniziare a pattugliare su base permanente la zona neutrale sul Mar Nero. I nostri aerei MiG-31 sono dotati di sistemi Kinzhal che, come è noto, hanno un raggio d’azione di oltre 1.000 chilometri e possono raggiungere velocità fino a Mach 9”.

Il Presidente Putin ha poi ribadito: “Ho sottolineato che non si tratta di una minaccia. Ma effettueremo un controllo visivo e un controllo basato sulle armi su ciò che sta accadendo nel Mar Mediterraneo”.

Ciò significa che i missili, contro i quali attualmente non esiste alcuna difesa, potrebbero, con un breve tempo di volo, colpire tutti gli obiettivi militari in Ucraina e affondare la portaerei statunitense al largo delle coste israeliane. Quando esattamente i missili Kinzhal potrebbero essere dispiegati, ad esempio se gli alleati della Russia, come la Siria o l’Iran, dovessero essere coinvolti in operazioni militari in espansione, lo sanno solo i pianificatori.

Allo stesso tempo, Biden sta cercando di raccogliere altri 100 miliardi di dollari per varie operazioni, nonostante gli Stati Uniti fossero massicciamente indebitati, all’inizio di ottobre, per un ammontare di 33.628.038.748.492 dollari, e di farli passare al Congresso nonostante gli enormi problemi economici e sociali del Paese: circa 60 miliardi di dollari per l’Ucraina, 10 miliardi di dollari per Israele, il resto per Taiwan e la difesa dai rifugiati al confine con il Messico. E il Segretario del Tesoro Janet Yellen, nonostante tutti i segnali di un’enorme perdita di reputazione del dollaro e della conseguente de-dollarizzazione, fa ancora affidamento sulla capacità di moltiplicare miracolosamente il denaro e sottolinea che non è affatto un problema per gli Stati Uniti finanziare due guerre allo stesso tempo.

A prescindere da tutte le realtà sul campo di battaglia – il fallimento della controffensiva ucraina è ormai ammesso anche dai media mainstream – è esplicitamente esclusa una fine anticipata sia della guerra in Ucraina che di quella tra Israele e Hamas. Il Dipartimento di Stato ha ora dato istruzioni ai diplomatici statunitensi e ad altri di evitare qualsiasi uso di parole come “de-escalation”, “colloqui di pace”, “fine della violenza” o “cessate il fuoco”. Tra questi “altri” sembra esserci anche il Cancelliere federale tedesco Scholz, per il quale queste parole sono ovviamente estranee. A questo si contrappone il mandato legislativo dell’articolo 26 della Legge fondamentale tedesca che, nel contesto degli articoli 24 e 25 e del Preambolo della Legge fondamentale, rappresenta l’obbligo specifico della Repubblica federale di Germania di promuovere la pace.

La domanda è se la coalizione semaforo [un riferimento ai colori rosso/verde/giallo dei partiti attualmente al governo in Germania] voglia ancora fare “tutto insieme” con gli Stati Uniti nel caso di una futura direzione strategica. Il nuovo piano strategico militare degli Stati Uniti prevede un conflitto simultaneo con la Russia e la Cina, il che rappresenta una significativa deviazione dalla valutazione precedente, secondo la quale gli Stati Uniti potevano, al massimo, gestire simultaneamente una guerra con una superpotenza e un conflitto regionale.

E poi c’è la frase straordinaria che Biden ha usato nella trasmissione della CBS News “60 Minutes” del 15 ottobre: “Immaginate cosa accadrebbe se noi, di fatto, unissimo tutta l’Europa e Putin fosse finalmente messo a terra, dove non potrebbe causare i problemi che ha causato”. Questa frase può essere intesa sia come “abbattere” che come “mettere a dormire (un animale)”, ma fa rizzare i capelli se usata in relazione al comandante in capo della più forte potenza nucleare del mondo.

La risposta di Putin, quando gli è stato chiesto di commentare l’osservazione di Biden, è stata relativamente calma:

“In Russia abbiamo un detto ben noto: vivere a lungo, imparare molto. E questo non vale solo per il Presidente Biden, ma per l’intera élite politica degli Stati Uniti. Dobbiamo imparare a rispettare gli altri, e allora non ci sarà bisogno di mettere giù nessuno…. Il rispetto per gli altri popoli, per gli altri Paesi, per le altre nazioni sta in qualcos’altro, cioè nel tenere conto dei loro interessi”.

Finora, però, non sembra che siano stati presi in considerazione gli interessi di una sola nazione, ma piuttosto quelli del complesso militare-industriale di Stati Uniti e Germania. Dopo lo scoppio del conflitto tra Israele e Hamas, le azioni della Lockheed Martin sono aumentate del 9% in un solo giorno e anche gli altri principali produttori di armi hanno ottenuto grandi profitti.

Tuttavia, essere incondizionatamente dalla parte di Israele, come Scholz sottolinea ripetutamente, non risponde alla domanda su quale Israele. È l’Israele i cui cittadini sono scesi in piazza per mesi contro la riforma giudiziaria di Netanyahu, o l’Israele che vuole far sparire gli ultimi residui della possibilità di uno Stato palestinese, o ancora l’Israele in cui si discute di far fuori Netanyahu il prima possibile? Ne deriverebbero prospettive completamente diverse. E non sarebbe anche opportuno che i media in Germania riportassero ciò che viene pubblicato in Israele, ossia il deliberato sostegno di Netanyahu ad Hamas per eliminare definitivamente l’opzione di uno Stato palestinese [1]?

Tutte le forze interessate a evitare che le crisi gemelle in Ucraina e nell’Asia sud-occidentale degenerino in una guerra mondiale dovrebbero fare pressione sui propri governi affinché adottino le iniziative di pace in corso. Non ultima la conferenza di pace per il Sud-Est asiatico proposta dalla Cina. Il “Piano Oasis” proposto da Lyndon LaRouche nel 1975 fornisce il necessario programma di sviluppo economico che deve essere la base per una pace duratura nella regione. I requisiti del principio della Pace di Westfalia richiedono inoltre che la Risoluzione 242 del 22 novembre 1967, approvata dall’ONU e accettata dallo stesso Israele, sia finalmente applicata.

Da quanto detto in questa sede è chiaro che attualmente ci troviamo su una traiettoria che prima o poi porterà alla catastrofe finale. Abbiamo quindi bisogno di un’immediata inversione di rotta, non di 360 gradi, ma di 180 [2]. Ogni bambino di prima elementare capirebbe la differenza.

Di Helga Zepp-LaRouche, eir.news

24.10.2023

Helga Zepp-LaRouche. Fondatrice dell’Istituto Schiller.

NOTE

[1] Haaretz, 13 febbraio 2019, “I video di Gantz accusano Netanyahu di pagare Hamas e sfrattare gli ebrei”; The Times of Israel, 8 ottobre 2023, “Per anni Netanyahu ha sostenuto Hamas. Ora [il caso] ci è esploso in faccia”; The Jerusalem Post, 12 marzo 2019, “Netanyahu: I soldi ad Hamas fanno parte della strategia per mantenere i palestinesi divisi”.

[2] La “svolta a 360 gradi” è un riferimento al recente malapropismo del ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock.

Fonte:

https://eir.news/2023/10/whom-the-gods-would-destroy/

Traduzione di Costantino Ceoldo

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
33 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
33
0
È il momento di condividere le tue opinionix