Home / ComeDonChisciotte / CARO BEPPE, QUI' IN INGHILTERRA E' GIA' IL '29

CARO BEPPE, QUI' IN INGHILTERRA E' GIA' IL '29

DI GIOVANNI DALLA VALLE
Beppegrillo.it

“Caro Beppe,
qui in Inghilterra è già il ’29. Il 5 gennaio ha chiuso Woolsworth (27.000 dipendenti), supermercato di esperienza decennale, dei prodotti accessibili alla working class, l’ideale per la casalinga di Voghera, si direbbe da voi.
Seguiranno chiusure di altre grossi reti commerciali. Gran parte delle maggiori banche sono gia’ state ‘nazionalizzate’ dal governo. I prezzi delle case sono crollati. A Londra non si vende più neanche un garage. Il cibo è in flessione. Ma i soldi valgono anche meno. La sterlina è crollata. Carta straccia come il marco tedesco ai tempi della Repubblica di Weimar. Entro il 2009 un milione e centomila dipendenti saranno disoccupati. Alla City hanno cominciato già. Dovrei piangere, allora? Macché che me la rido alla grande!

Questa crisi ci voleva. E’ un toccasana per tutti. La vendetta delle persone oneste e che basano la loro economia sul lavoro per gli altri e non sul consumo per sè e basta. Io, come medico, ho sempre lavorato tanto (ben piu’ di 40 ore a settimana), non ho mai fatto debiti, ho sempre cercato di evitare le cafonate della casalinga di Voghera ( vacanze ai tropici, ristorante ogni sabato sera, week end sulla neve, etc.) basate sul credito illimitato per tutti. E questo è il punto. E’ la fine dell’ideologia del mercato di massa.Dagli anni Ottanta in poi, il delirio capitalista aveva disegnato una società di mercato incentrata sulla figura standard della cosiddetta casalinga di Voghera, una persona banale, spesso pigra, consumatrice di 4 o 5 ore di televisione al giorno (di solito telenovelas importante da Berlusconi, qui da noi programmi tipo East Enders o Coronation Street) che doveva avere diritto a tutto per poter comprare tutto e quindi arricchire i pochi veri ricchi del pianeta. A poco poco tutte le cose più importanti della vita come salute, cibo, casa, persino il riposo dal lavoro e il sesso sono diventati un prodotto di mercato. La casalinga non doveva più lavorare e produrre, ma solo consumare ed esigere con cipiglio d’avvocato che tutti i prodotti venissero venduti sotto massima garanzia e tutela per il suo godimento giornaliero. Professionisti con anni di esperienza e competenza come me, costretti a trattare i loro incontentabili clienti (ad un certo punto anche i “patients”, dal greco pazein, soffrire, sono diventati “customers”) come managers di un supermercato che dovevano ‘vendersi nel migliore dei modi (look compreso), anziché essere ringraziati per la loro dedizione quotidiana e perdonati se magari perdevano le staffe con un paziente isterico dopo cento ore di guardia. E quei pochi che lavoravano di più, rischiavano di più, fino a stramazzarci pure sul lavoro. Nella migliore delle ipotesi si beccavano una denuncia instigata da famelici avvocati che sfruttavano il forte senso del diritto della feroce casalinga di Voghera. Incluso il diritto a vivere sempre e con la freschezza di una giovane di vent’anni.

Vivere sempre sani e giovani, mangiando tutto ciò che si voleva (con l’aiuto della trans-genetica di lusso), con il telecomando attaccato al culo, il disco satellitare, le vacanze cheap alle Barbados, i figli fuori dalle balle, meglio se in affidamento, i libri usati come supporto per il tavolino traballante ( bastava la cultura di Bruno Vespa o Emilio Fede). Il marito della suddetta idem, con la panza ancora più debordante e una sola differenza: la Gazzetta dello Sport e il calcio su Sky.
Questo era l’ideale del consumatore su cui si basarono gli inventori del ‘mercato libero’ negli anni ’80, tra cui, in Italia, il furbissimo Berlusconi. Tutt’oggi quello è il profilo di gente su cui si basano le campagne elettorali. Silvio lo sa benissimo. Conquista le casalinghe di Voghera e i loro mariti pallonari e il paese sarà tuo!
Ovviamente queste emerite teste di ca..o, che nella vita non hanno mai studiato nè lavorato per davvero, non potevano sapere che un’economia sana si basa sulla produzione e non solo sul consumo.
Oggi la bolla e’ scoppiata. La casalinga di Voghera tornera’ a lavare i piatti infiniti che ha lasciato in cucina, il marito pallonaro tornera’ a fare il tifo dai bordi del campetto di rione, con sciarpetta e berretto basco alla Fantozzi. I veri ricchi speculatori che li hanno presi per il culo per vent’anni e adesso lasciati in un pozzo di debiti, fanno marameo. Tanto hanno già la casa ai tropici dove ritirarsi e vivere il resto dei loro giorni con buona pace dei milioni di cretini che hanno fregato con i loro consigli per gli acquisti.

Io sono sopravvissuto perché come pochi altri, ho evitato di consumare e mi sono buttato a produrre con il mio lavoro più che potevo. Oggi non ho debiti, e non ho né azioni o titoli finanziari. Ho sempre diffidato della società di mercato. Però adesso quella casalinga e il marito Fantozzi, che credevano di essere ricchi solo perche’ avevano dieci carte di credito, mi fanno pena. Io li vorrei aiutare perché derubarli e imbrogliarli è stato come derubare e imbrogliare un incapace d’intendere e volere. Se quei milioni di casalinghe di Voghera e mariti pallonari avessero studiato, si fossero fatti il culo sul lavoro e si fossero tenuti informati da informazione vera anzichè dalle cagate di Bruno Vespa e Mike Bongiorno, nessun ladro li avrebbe raggirati e stuprati. Ecco allora, li aiutamo? Le rivoluzioni si cominciano con le forche. Le prime cento gliele pago io, purché le usino bene su per la natiche di quelli di sopra.”

Giovanni Dalla-Valle
Fonte: http://www.beppegrillo.it/
7.01.2009

Pubblicato da Davide

  • virgo_sine_macula

    Un sistema per riportare la democrazia ci sarebbe senza usare le forche:togliamo il voto alla casalinga di Voghera che e’ ignorante perche’
    probabilmente vota berlusconi,togliamolo anche a suo marito che e’ altrettanto ignorante perche’ probabilmente vota uguale,togliamo il voto al valligiano bergamasco che e’ ignorante perche’ vota lega,non parliamo poi dei valligiani bresciani e veronesi che orrore,togliamo il voto all’operaio di Sesto San Giovanni che ha tradito(un classico caso di non presa di coscienza di classe)i partiti comunisti e post comunisti per
    votare lega o popolo delle liberta’ e non si capisce perche’ dopo i brillanti successi del governo prodi,togliamo il voto anche a tutti i cittadini romani che sono ignoranti perche’ hanno votato a destra dopo
    la brillante gestione economica e dell’ordine pubblico della capitale da parte di uolter.In altre parole dovrebbero votare solo i colti,solo gli illuminati dallo spirito santo,”gli eletti”,la parte buona del paese,diciamo non piu’ di diecimila intellettuali in tutta italia:sarebbe un vero ritorno allo spirito democratico della nostra costituzione ma soprattutto sarebbe forse l’unico modo per veder tornare in parlamento i partiti comunisti che altrimenti,dopo aver governato benissimo,sono stati ingiustamente puniti dall’elettore ignorante italiano(anche un po’ fascista diciamolo pure).
    Caro medico da Londra,una previsione economica sono in grado di farla anche io:se curi i tuoi pazienti nella stessa maniera in cui ragioni,le agenzie di pompe funebri della capitale avranno sempre un grande lavoro.

  • materialeresistente

    Questo signore che straparla della signora di Voghera dice che lui produce. fa il medico.
    Magari a pagamento. Dovrebbe, quindi, spiegare meglio che cosa significa questa sua affermazione “produrre per gli altri” se poi non vuole che la casalinga di Voghera consumi alcunché.
    Un altro capo popolo che scrive cazzate. Che però vuole stare al caldo, vuol vedersi la partita, abitare in un’abitazione degna senza pagare un affitto che lo strangoli, con uno stipendio che lo faccia vivere e non sopravvivere.
    Con la casalinga di Voghera che abbia il tempo di accudire i suoi figli magari?
    Insomma, questo scrive della casalinga di Voghera e non sa che quelle è da tempo che cercano di sfangarla passando il tempo nei mercatini per risparmiare.
    Magari guardano la TV (l’unica cosa rimasta) però non è che sono contente per la crisi. perché loro, a differenza sua, la subiscono sulla pelle.
    Che ci sia o non ci sia non cambia quasi nulla. Si stava sul filo del rasoio prima e lo si sta adesso.
    Siamo messi male se i capipolo sono beppe Grillo ultra miliardario ed un medico che abita a Londra.Nella city.

  • Eli

    Caro Giovanni, sei arguto e spiritoso, e dimostri che si può rimanere allegri e positivi anche nel dissesto di ciò che ha alimentato le menti ed i comportamenti di molti decerebrati.
    Anch’io sono convinta che ci sono dei lati positivi in questa crisi del turboliberismo, e che il capitalismo sta mostrando il suo volto spietato e perverso: questo servirà a molti per comprendere che occorre basare la nostra società e l’economia stessa su altre basi, più eque, di solidarietà anzichè di competizione. E l’adozione di stili di vita più contenuti e morigerati non potrà che giovare a tutti. Chi non vuole riappropriarsi della sua umanità e vuole continuare con questo sistema egoistico, si accomodi pure: si autoestingueranno dopo essersi fagocitati a vicenda. Ed il mondo sarà finalmente più pulito.

  • owanda

    Su molte cose hai ragione da vendere. Lascia perdere i commenti sopra. Sono liberi di avere la loro idea ma alla fine invece di ragionare danno solo l’impressione di essere affetti da “invidia da protagonismo” (i.e. quella patologia che spinge irrefrenabilmente a commentare, ovviamente contro, tutto ciò che finisce in prima pagina).
    Scusate ci sono cascato anch’io, ma in fondo volevo sollecitare in modo soft il bisogno di discutere, non di litigare. Purtroppo su CDC si litiga e urla sempre più spesso e si ragiona meno. Abbassiamo la voce tutti e dialoghiamo. Altrimenti é tempo perso…

  • castigo
  • angelacorrias

    Caro Giovanni, leggere il tuo post mi ha fatto sorridere, non perché ci sia niente di divertente nella crisi in Inghilterra, ma perché ho rivisto la vita degli inglesi che conosco e con cui condivido casa, lavoro e a volte uscite a Londra.
    Vivo a Londra da circa un anno e mezzo e non ho potuto non notare che gli inglesi vivono costantemente in debito. Questo loro stile di vita è talmente radicato che non se ne rendono neanche conto, tranne alla fine del mese, quando arriva il conto della carta di credito che non riescono mai a saldare completamente, facendo aumentare così gli interessi.
    Avevo iniziato a notare questa mania dell’indebitarsi in Irlanda, dove la gente fa un mutuo per pagarsi la vacanza. Adesso stanno pagando, e pagheremo tutti, perché il governo ha comprato banche in fallimento incorporando i loro debiti, e le nostre tasse aumenteranno per ripagare i debiti dei corrotti.
    Veramente a volte penso che non ci sia via d’uscita.

  • alfa69

    sono curioso a sapere le parcelle di questo seguaccio di hipocrate, visto che lavora tanto e mai fatto debiti.tanta gente per il semplice fatto di aver studiato e di conseguenza occupare un posto d relievo nella societa si permette di ricatare e rapinare legalmente.

  • Eurasia

    L’approccio del Dott. Della Valle è verminoso e vomitevole… diciamo comunque che il problema è trasversale… premesso che io sono una casalinga, non di Voghera ma di Genova … e che prima di essere tale ho lavorato per un certo periodo… le donne che lavorano e che hanno famiglia di emancipato non hanno nulla… alla fine, per far quadrare il tutto – famiglia e lavoro – in un contesto sociale come quello italiano si finisce per essere nè carne nè pesce. Ritimi parossistici aberranti e soprattutto frustranti che ti fanno fare la spesa nel supermercato più caro della zona… che ti ritrovi ad essere alla fine della giornata uno straccio… e che tuo malgrado ti piazzi davanti alla tv perchè è l’unico mezzo a portata di mano che in quel tempo ti distrae dai sensi di colpa di aver lasciato tutto il giorno i figli all’asilo nido o alla baby-sitter di turno… tutto questo anche se hai un marito collaborativo… anche lui alle prese con un lavoro faticoso e pericoloso per la salute, turnista nel mio caso… e ritrovandoci quelle poche sere che i turni ce lo permettavano a guardarci in faccia e a dirci reciprocamente “che vita di merda”. Mia madre era una casalinga (classe 1912) mio padre anche lui operaio turnista… e ci ha lasciato la pelle… ma che differenza dalla sottoscritta che aveva scelto di fare sia mogle e madre che lavoratrice… e la TV non ce l’avevamo. Quando tornavo da scuola trovarmi il pranzo fumante in tavola… posare la cartella e infilare le gambe sotto il tavolo… tutto pulito… e lei sorridente… idem per mio padre… mentre i miei figli alla sera si ritrovavano una madre incazzata perchè il capoufficio al lavoro aveva avuto certi atteggiamenti poco corretti oppure per i colleghi che non esitavano a sputtanarti per far carriera sulla tua pelle… Poi è vero c’è la casalinga di Voghera quella che ha sposato il professionista… che spende e spande… che legge le riviste patinate alla Signorini… che gioca a canasta… che guarda Uomini e Donne… che ha l’amante etc… ma ce ne sono tante che fanno i conti della serva e che lo stipendio misero del marito operaio non può permetterle di andare al Teatro Carlo Felice o a quello della Tosse che costano una fuciata… idem per i libri… Chi e Di Più costano solo 1 euro mentre un libro decente dell’ultimo autore preferito come minimo 15 euro idem per i periodici culturali… e poi la TV… sempre a portata di mano… ci si siede… la si accende per continuare la terapia intensiva di decerebrazione e anestetizzare le frustrazioni … Poi ci sono le casalinghe che lavorano in nero… che non vogliono dipendere troppo dal marito… giusto per avere soldi in più da spendere in qualche boutique o dal parrucchiere o in un centro benessere… anche lei la sera dopo aver rigovernato e messo a letto i pargoli a piazzarsi davanti alla tv… Poi ci sono le casalinghe vedove sopra i 70 anni… nel condominio dove abito ce ne sono un sacco… tutte in salute chimica… se entri nelle loro cucine la credenza è ingombra di medicine… pressione alta colesterolo inizio di Alzheimer l’aspirenetta per fluidificare il sangue… una volta alla settimana vanno dal medico di famiglia… non perchè sono peggiorate ma per parlare con qaulcuno … figli e figlie sono tutti impegnati … lavorano… poi se la salute peggiora dopo un po’ arriva la badante… anche qui la sera tutte davanti alla tv… e quasi tutte hanno votato per Berlusconi & C. Evito di parlare delle donne casalinghe-lavoratrici separate… e che orgogliosamente parlano della propria famiglia allargata… 1 figlio avuto da tizio l’altro avuto da caio… le più ricche e le più spendaccione… i sensi di colpa in un contesto del genere si centuplicano… ne ho conosciute diverse… anche loro quasi tutte con lo stesso denominatore comune… LA TV e GOSSIPLANDIA.

  • IVANOE

    Il medico che code dei mali altrui non è un medico, perchè se è vero che ha fatto l’università dovrebbe essere una mente eccelsa. E così non sembra.
    Questo è un fatto che mi convince ancora di più del fatto che non basta una laurea o una mente eccelsa per essere una persona civile q quanto meno di buon senso.
    In italia e di questo bisogna convincersi ha almeno l 80% della popolazione in uno stato pre-delinquienziale ovvero potenzialmente pronti e molte volte lo fanno e sta avvenendo.nel fregare il prossimo e quasi sempre i più deboli.
    Al nostro caro medico bisognerebbe chiedere cosa ne pensa della meritocrazia e delle raccomandazioni oppure cosa ne pensa dei figli degli operai bassi impiegati insomma della povera gente che anche se ha le capacità per salire la scala sociale ( magari con degli studi univrsitari ) rimane al palo. Ecco questo dovrebbe spiegare il caro medico che pontifica.Perchè non ci fanno partire fin dall’infanzia alla pari perchè questo disgraziato stato non punisce con la reclusione le raccomandazioni?
    La casalinga di voghera cosa c’entra ? Qui è tutto un sistema che è corrotto dai vertici alla base e per fare la cernita dei meritevoli ci vorrebbe ormai un’altro diluvio universale.
    Allora dico ben venga la crisi soprattutto per far capire alla gente autentica quanti fasulli hanno aperto il vaso di pandora senza sapere o avere antidoti per frenare il tracollo che si stà verificando.
    Da noi non cambiera niente dalla gente perchè troppo divisa e sopratutto orientata a ingrassare il prorprio orticello. E questo fa si che la gente di questo tipo ed è ripeto l80% diventi cattiva violenta e pronta a tutto pur di affermare il proprio io. E la gente onesta non ha armi per contrastarli perchè non hanno l’abitudine e la prontezza per delinqueere.
    L’unica arma che ha la gente onesta è quella di aspettare che tutto vada a maturazione anche se sarà molto lento.Ma bisognerà attendere che l’acqua dello stagno si prosciughi ancora di più e i coccodrilli si divorino tra di loro.
    Aspettiamo ceh questo 80% di persone si mangino tra di loro che nella loro natura tolta la volenza dentro non hanno le capacità riflessive culturali e la sensibilità giusta per costruire.Loro sono solo capaci di distruggere.
    Bisogna solo aspettare alla finestra non si può fare altro.

  • SempreIo

    Triste, ma utile testimonianza.
    Grazie,
    Alessio

  • indyp

    Se questo medico becerofascista e altri come lui la smettessero di lavorare e farsi il culo probabilmente la medicina risparmierebbe milioni di morti ogni anno, comprese le casalinghe di voghera che sotto trattamenti chemioterapici, psicofarmacologici e chi ne ha più ne metta, sono state stermiante con buoni profitti delle case farmaceutiche.
    Appenna questa povera casalinga se ne rendera conto leggendosi qualche sito alternativo le forche saranno dirette verso un’altra direzione, quella di voi casta di medici baroni intoccabili con tutte le vostre cazzo di verità in tasca.
    Per quanto rigurarda il lavoro di chi si fa il culo, se costui smettesse di lavorare o diminuisse a 2 ore al giorno e dedicasse il tempo alla famiglia, alle amicizie, all’amore allora ci sarebbe anche meno da consumare tutte le cazzate che ha prodotto.

  • remox

    Ecco un altro che crede di aver capito tutto e gioca fare l’economista.
    L’economia si basa sullo scambio, che contempla sia la produzione che il consumo. I mercati sono i luoghi o i sistemi con cui si intende migliorare lo scambio.
    Se egli produce solo e non fa circolare la moneta (come lascia intendere, sembra che soddisfi solo bisogni primari) contribuisce all’impoverimento del sistema in cui vive.

  • frankleone

    ma l’ortografia l’hai lasciata nella tastiera?

  • Marceddu

    ma vergognati!
    tutti lavorano non solo te.
    ma cosa ne sai dei problemi della casalinga.
    Il tuo stipendio chi te lo paga. O la casalinga, o il pallonaro, o i furbacchioni. Se ti paga il NHS sei un loro dipendente come dice il caro Grillo. E prova ad essere gentile e invece di fare 100 ore di guardia fai lavorare qualcun altro che ne ha più bisogno.

  • Marceddu

    e poi se al NHS non rimarranno più soldi per pagare il medico che dovrà accontentarsi di un lavoro italico in un qualche pronto soccorso di provincia con un’ambulanza per 1000 km2 allora andrà alla sua banca si farà dare una carta revolving con un Taeg al 15% e ci pagherà la bolletta del gas.

  • Marceddu

    e poi se al NHS non rimarranno più soldi per pagare il medico che dovrà accontentarsi di un lavoro italico in un qualche pronto soccorso di provincia con un’ambulanza per 1000 km2 allora andrà alla sua banca si farà dare una carta revolving con un Taeg al 15% e ci pagherà la bolletta del gas.

  • anto74

    cari davide e caro giovanni dalla valle,

    mi permetto di dissentire: credo sia stata fatta un pò di confusione, e siccome berlusconi viene messo tra i cattivi, forse questa confusione e stata fatta in malafede, anche per colpire politicamente il cavaliere.
    Premesso che non sono un berlusconiano! che c’entra la casalinga di voghera con la crisi? Che c’entra l’averla buttata a caciara con vespa, bongiorno, eccetera?

    Non credo che del nostro vivere moderno sia tutto da buttare!

    Mi permetto, quindi, di fare un’analisi e siccome non è il mio campo, se scrivo sciocchezze chiedo scusa sin d’ora ed aspetto delucidazioni:

    credo che in modo clamorosamente stupido, si stia facendo disinformazione: l’economia si basa sull’equilibrio dei suoi fattori, che sono tutti interdipendenti: produzione, consumo, risparmio, debiti, lo stato.
    Fin che c’è equilibrio tra produzione e consumo, allora c’è il benessere, perché tanta gente lavora e tanta gente consuma. Affinché questo equilibrio (e quindi il benessere) sia duraturo, il consumo non deve essere soddisfatto tramite debito o per lo meno non in modo così eclatante come avvenuto negli ultimi trentanni! Altrimenti scoppia la bolla dei debiti! Il consumo deve essere sostenuto con il reddito, tant’é che deve esserci posto anche per il risparmio!
    Ecco il problema, secondo me, si è giunti ad un punto tale di indebitamento che, venendo meno le capacità di rimborso dei debiti, cominciano a venire meno i consumi, calando i consumi, dopo un pò, calano le produzioni, ed inizia il ciclo a spirale della disoccupazione, minori consumi, ancora disoccupazione, non si comprano più le case come prima, giù i prezzi delle case, non si consuma come prima, giù i prezzi delle materia prime, eccetera.

    Ma questo credo sia solo un aspetto; poi credo ci sia l’aspetto della crisi legato alla finanza: titoli tossici che valevano zero, banche in difficoltà a riscuotere i propri crediti, la finanza speculativa dei CDS, e qui credo siano scoppiate tante bolle (mutui subprime, titoli tossici, CDS, ecc…).

    Il problema è sempre uno: LA CRISI ECONOMICA, ma gli aspetti sono tanti: per la classe media, c’è il problema della disoccupazione che può riguardare qualsiasi lavoratore; per le aziende finanziarie c’è il problema dei crediti non riscossi e dei buchi di bilancio, ecc…

    Non basta non fare debiti per cavarsela, perché se perdo il mio posto in fabbrica, perché magari la fabbrica chiude, non posso farci proprio niente!! Questa è l’amara verità!! Che non dipende da noi, ma da fattori da noi non controllabili.

    Una cosa è certa: la crisi è scoppiata perché non c’è stato equilibrio tra produzione e consumo (non drogato dal credito): in una situazione di equilibrio di questi fattori, quindi di benessere, lo stato potrebbe permettersi le spese sociali in favore di quei pochi che perderebbero il posto di lavoro (cosa spiacevole, ma del tutto fisiologica in una economia di mercato) con gli ammortizzatori sociali (adeguati).

    Ripeto: secondo me c’è stato uno squilibrio tra produzione e consumo: si è consumato troppo, indebitandosi, spostando quindi la ricchezza dai consumatori (popolo) ai produttori (imprenditori), fermo restando che, vista la globalizzazione, questa ricchezza andava sempre di più verso l’asia, non restava neanche in casa!

    Spero solo che la politica italiana ed europea capisca e agisca, ma visti i teatrini……. ho poca speranze!

  • brontomauro

    Non riesco a capire come un medico possa aumentare la propria produttività. Va in giro a spaccare le gambe alla gente per poi medicarla? Nel genere di tono adottato da questo signore si vede tutta la nevrosi da alienazione tipica del mondo industriale. Come in “28 settimane dopo”. Hanno trasformato i consumatori in morti viventi attaccati alle proprie abitudini, ma non sono zombie lenti come quelli di Romero, sono zombie rabbiosi con la schiuma alla bocca. Un buco in fronte non deve essere l’unica soluzione, ci vuole un percorso di guarigione. O un esercito di esorcisti?

  • sound73

    io come l’autore dell’articolo vivo in Inghilterra da piu’ di 5 anni.
    E’ bene pero’ chiarire alcuni punti.
    1-In Italia state male ma qui,e’ vero, il ’29 e’ gia’ arrivato. Stiamo davvero raschiando il fondo. Ogni giorni BBC radio 2 annuncia sempre qualche taglio di posti di lavoro. Nell’ordine di 500/1000 ogni giornio!!!
    2-Woolsworth ha chiuso tutto ma non aveva 27000 dipendenti, bensi’ piu’ di 50.000.
    3-Il lavoro piu’ sicuro e’ fare l’insegnate, pubblica amministrazione o medico. Quindi il sig. Dalla Valle puo’ star ben tranquillo, e non credo sia la persona piu’ adatta a commentare questa situazione economica. Meglio che si occupi dei sui pazienti.
    Ci sono state tante persone che come lui non avevano debiti. Ma la recessione ha anche un effetto onda su chi sta meglio.
    Meglio che legga di piu’ il Guardian prima di scrivere.

  • invisibile

    Quindi chi non la pensa come te va eliminato dalla vita politica del paese

    MA SEI FORSE PARENTE DI STALIN O DI HITLER O DI MUSSOLINI O DI POL POT O DI Mao Tse-Tung O DI FIDEL O DI BUSH O DI BERLUSCONI ECC……..

    TUTTI QUESTE BRAVE PERSONE LA PENSAVANO O LA PENSANO COME TE !

    PRIMA DI DARE DELL’IGNORANTE AGLI ALTRI PENSA A COSA SCRIVI !!!!!

  • Galileo

    A me questi titoli sensazionalistici mi fanno impazzire: qui è già il 29!!! Come se lo avessimo vissuto.

    E poi, alcuni commentaristi che certificano: è vero siamo giá nel 29!

    Quanti hanni hai “sound73? …35?

    Se fosse per “virgo_sine_macula” dovremmo togliere il diritto al voto a tutti, tranne che a lui e pochi CANI sciolti: ah! Posso far votare il mio gatto???

    Ci sarebbe da fare una raccolta di firme contro l’estinzione delle casalinghe di Voghera.

  • invisibile

    PER virgo_sine_macula

    Quindi chi non la pensa come te va eliminato dalla vita politica del paese

    MA SEI FORSE PARENTE DI STALIN O DI HITLER O DI MUSSOLINI O DI POL POT O DI Mao Tse-Tung O DI FIDEL O DI BUSH O DI BERLUSCONI ECC……..

    TUTTE QUESTE BRAVE PERSONE LA PENSAVANO O LA PENSANO COME TE !

    PRIMA DI DARE DELL’IGNORANTE AGLI ALTRI PENSA A COSA SCRIVI !!!!!

    E SEI ANCHE UN INSEGNANTE

    POVERI NOI!!!!!!!!!!
  • Erwin

    Con immenso gaudio apprendo che la perfida Albione è in pieno ’29.
    La giusta fine di una potenza planetaria che ha fatto dello sfruttamento intensivo dei Popoli la sua ragione di essere.

    La stessa che ha inventato il problema SIONISTA in Palestina ,con la “dichiarazione Balfur”.

    Non ci sarà un Hitler ed uno Schact per L’inghilterra,per fortuna!

    http://www.thule-toscana.com

  • owanda

    e’ proprio un piacere vedere come, invece di progredire, la discussione si e’ arenata con commenti riguardo alla professione di chi ha scritto l’articolo, se questi fosse vivo nel 29, etc etc.

    Non c’e’ un commento che abbia portato valore, fatto girare il cervello, leggo solo maleducazione e rabbia, offese e prese per il c—.

    Signori, non ci siamo.

  • nessuno

    Io toglierei il collegamento in rete a una veronese 38enne che cerca amici in rete
    e spara cavolate a ds e manca.
    cippa lippa con scapellamento a ds

  • rosacroce

    illudere che il voto possa servire a cambiare le cose
    ,è propio lo scopo ,che si propongono i vertici della
    piramide del potere:Vi 2 colori:bianco e nero,passate tutta la vita a discutere chi votare,mentre io ,controllo sia il bianco che il nero ,e faccio sempre i miei interessi ,contrari ai vostri.intanto voi popolo,perdete tempo con illusioni inutili.

  • brontomauro

    Owanda ha ragione quando dice che i toni sono sempre più accesi e orientati verso l’intolleranza e che la discussione non progredisce. Giovanni Dalla Valle ci mette del suo per non farsi prendere sul serio o per attirare qualche insulto. La sua è la posizione di chi dice “io non mi sono fatto imbrogliare come gli altri idioti! Io mi faccio il culo doppio!”. E’ una posizione sostanzialmente violenta e presuntuosa. Non ho simpatia per l’idiota teledipendente che si è fatto asportare lo spirito critico perché al suo posto fossero installati degli spot e ritengo che il sempliciotto sia il più valido alleato del potere perché fornisce a questo la massa critica di cui necessita per esercitare controllo e sfruttamento. Ma rientra ancora nel rango delle vittime ed esercitare violenza su di lui (anche solo verbale) finisce per cementare il suo legame col potere. E’ un errore nel quale cado anch’io a volte. Penso che da noi la crisi sia già arrivata ma non nella maniera travolgente con la quale è arrivata nei paesi anglosassoni e per questo molti sempliciotti restano mentalmente fedeli al nostro premier-showman. Pensano che Berlusconi farà qualcosa per salvarli perché non hanno mai compreso il significato di democrazia, l’importanza della rappresentanza e delle decisioni discusse e non imposte (e davvero pochi sono stati quelli che gliel’hanno spiegato). Hanno bisogno di un punto di riferimento unico e inconfondibile che vada incontro alle loro brutali semplificazioni. Secondo me il tempo delle rivoluzioni armate è finito per il semplice fatto che la tecnologia militare ha fatto progressi tali da poter facilmente vanificare i tentativi violenti di presa del potere. Inoltre gli abitanti d’Italia sono inclini allo sfogo e al piagnisteo più che all’organizzazione, se dotati di forconi probabilmente infilzerebbero il vicino che dà loro fastidio più che i parlamentari. Resto convinto che una buona maniera di reagire sia creare nuclei positivi di persone accomunate dagli intenti. Persone consapevoli del fatto che un’epoca sta chiudendosi e che l’intenzione della parte più reazionaria del potere è quella di una nuova Restaurazione del potere assoluto dei padroni. Un valido esempio in questo senso resta la Dongas Tribe. Più che di rivoluzione bisogna parlare di resistenza e immaginare di essere poco armati ed in prima linea. Elmetto ben calcato in testa si deve cercare di evitare le esplosioni nella speranza che, passata l’orda selvaggia degli spiriti fuoriusciti dal vaso di Pandora, ci sia ancora per l’uomo la possibilità di imparare a vivere col prossimo in un’ottica di comprensione e non di dominio.

  • rosacroce

    l’indice della borsa inglese(ftse 100,prime 100 aziende inglesi)è tornato ai valori del 1987,significa che nonostante gli inglesi siano ridotti nei termini esposti dall’articolo(a ramengo),le prime 100 società inglesi,non hanno prodotto incrementi di valore negli ultimi 20 anni(sarebbero i PROFITTI).
    lo stato inglese e vicino a fallire,gli inglesi sono pieni di debiti,e senza lavoro,
    le banche sono state tutte nazionalizzate(perchè senza contante),
    le multinazionali quotate sono state,un fallimento come investimento.
    di fronte a questa realtà ,si dovrebbe riconoscere che c’è qualcosa che non FUNZIONA o NO?
    Non penso propio che si esca da questa situazione,ripercorrendo i soliti sistemi,(tipo voto o non voto, bianco o nero),
    quà serve una ROTTURA e di brutto,con il passato.
    quello che serve è rivoluzionare il pensiero ,le idee,visto che quelle oggi adottate ci hanno portato al FALLIMENTO come società.
    come minimo, dico io,rifiutiamo chi ci ha governato fino ad oggi,visto i risultati,e i metodi adottati fino ad ora,ma sia chiaro è il minimo, e solo per cominciare.

  • rosacroce

    la tecnologia funziona cosi:
    basta premere un bottone e non funziona più,
    il tempo delle rivoluzioni armate non è finito,ne mai finirà,
    e non è certo la tecnologia che può fermarle(illusione di prometeo)

  • rosacroce

    la malattie iatrogene (dovuti ai medici e ai loro farmaci)
    sono al terzo posto fra le cause di morte,
    quando i dottori scioperano ,i DECESSI calano.
    noti ricercatori medici propongono la chiusura degli ospedali ,per migliorare la salute del popolo.

  • brontomauro

    Capisco quello che dici. E non ti do torto anche se resto convinto del fatto che da Gandhi in avanti il metodo rivoluzionario si è dimostrato valido e vincente nel momento in cui ha abdicato alla violenza. Non è ancora riuscito a dimostrarsi duraturo, fino ad oggi le rivoluzioni hanno finito per essere conservatrici e poco inclini al continuo miglioramento (anche per cause esterne, vedi embarghi). La mia paura è che una moderna presa violenta del potere sarebbe velocemente infiltrata e dirottata verso il suo opposto in maniera da creare pesante sconforto tra i suoi beneficiari. La soluzione sarebbe una grande coesione tra gli oppressi, condizione che la tecnologia mina col rumore colorato delle sue menzogne senza sparare un colpo (almeno qui in occidente). Ma non escludo la possibilità che questo avvenga.

  • rosacroce

    secondo me, arriverà presto una crisi enorme ,ingestibile.
    che obbligherà a scelte inedite e dirompenti, associate a violenza
    esasperata.sarà terribile.

  • sickboy

    meno male…comincio a deprimermi ormai 😀

  • brontomauro

    Chi vivrà vedrà. Non me la sento di azzardare previsioni perché è troppa la confusione, i giocatori di azzardo hanno rovesciato il tavolo e svuotato la cassa ma non si danno alla fuga. Situazione strana ed inquietante. Se sarà catastrofe si vede che era destino.

  • rosacroce

    arriva, arriva non ti preoccupare,vedrai.

  • Bertozzi

    Ve la prendete tanto con ‘sto Della Valle perchè è un medico e non produce – e già questo la dice lunga sui vostri modi di pensare. Comunque. Io lavoro in un punto vendita, all’interno di un outlet, faccio dalle 50 alle 60 ore alla settimana per cui, come direste voi, faccio girare i soldi, sono una rotella che fa il suo dovere nella macchina globale.Non potete dirmi nulla. Potete pure prendervela personalmente con l’autore dell’articolo ma questo non cambia il fatto che ciò che dice sia tremendamente vero. La filosofia della casalinga di Voghera e tutto il resto; io lo vedo tutte le domeniche. Alle persone puoi togliere tutto, ma non il maglioncino nuovo prima di natale, o il jeans, o il giaccone firmato, o le scarpe alla moda. Retorica? no, realtà. Possono essere tutti senza una lira e passare il tempo a lamentarsi, ma queste cose – lo ripeto, lo vedo ogni domenica, nessuno di voi lo può negare – non bisogna farsele mancare. Fino a pochi decenni fa un uomo aveva un vestito da giorni normali e un vestito della domenica. E quelli bene o male gli duravano tutta la vita. Ed era anche bello che ogni uomo venisse in un certo qual modo identificato proprio con il suo vestito. Ora puoi essere un pezzente che senza le timberland e la giacca nuova ogni stagione non vai da nessuna parte. Questa è realtà, ed è quello che dice Della Valle nell’articolo. Per quanto riguarda la questione togliamo il voto alla casalinga di voghera opterei per un sì, togliamoglielo davvero (non si è mai troppo crudeli con gli imbecilli) tanto non serve a nulla il suo voto come non serve a nulla il tuo, virgosinemacula.

  • Earth

    Concordo come te che il diritto di voto a tutti i cittadini indiscriminatamente va tolto. Pero’ non sono d’accordo sui colti, i colti sono persone che hanno cultura, la cultura si ha se si hanno i soldi per avere tempo libero e far andare i figli a scuola, questo e’ troppo discriminante, i colti possono essere venduti, inoltre i colti non sono per forza di cose intelligenti, una persona che ha cultura puo’ essere messo in difficolta’ come niente da un’intelligente con minor cultura, la quasi totalita’ delle volte finisce che il colto risponde tirando in ballo cose che l’intelligente non conosce e glie la si da vinta, ma non e’ detto che obiettivamente il colto ha ragione. Ma anche in questo senso non possiamo permettere che degli intelligenti votino per le sorti del paese, potrebbero votare a loro pro e a sfavore degli stupidi. La perfezione sarebbe, dare il diritto a tutti i cittadini indiscriminatamente a un test al diritto di voto, la quale con una serie di domande a crocette verifica la conoscenza del cittadino sulle azioni dei partiti politici. Un cittadino che mi dice voto a desta o a sinistra senza sapere perche’ mi da sui nervi, nonostante la sua scelta possa essere da me condivisibile. Troppo spesso la gente si dimentica che la politica e’ una scienza e non filosofia, le azioni della politica si possono misurare tramite il benessere (economia) e l’ambiente. Una persona vuole votare per un tiranno? nessun problema, ma perlomeno deve esserne cosciente. Chi non capisce questo concetto, io sono ignorante in meccanica, chi di voi mi assume per fare aggiustare la propria automobile? Perche’ milioni di stupidi ignoranti devono decidere della mia vita con una crocetta? Questa non e’ mica discriminazione, si chiama difesa personale. Io sono favorevole al vivi e lascia vivere, ma dal momento che la tua liberta’ opprime la mia io mi oppongo. Inoltre come ha ben detto rosacroce, il voto e’ una presa per il culo, dicono che fanno quello e fanno quell’altro, mentre alla fine fanno solo per loro stessi. Se ci fossero solo persone col diritto di voto che SANNO quello che han fatto queste persone al governo, alle elezioni successive non sarebbero votate, invece lo stupido ignorante non sapendo quello che hanno fatto e non sa misurare l’entita’ dei danni li voterebbe. Cosi’ si darebbe un vero senso al voto.

  • Galileo

    E che vedi Bertozzi, io la casalinga di Voghera non la voglio colpevolizzare, io la voglio salvare, perdonate l’espressione.

    Ma che diavolo ce la prendiamo con il mondo delle casalinghe, quando è proprio l’intenzione quella di tenerle “Casaligne” (intendo il modo di pensare).

    Però poi me la prendo con i medici, che proprio loro sono quelli che quando vai a una visita neanche si alzano più dalla sedia e si nascondono dietro i loro schermi fatti di radiografie che non ci capiscono più niente: usano le probabilità, potrebbe essere questo, se no quell’altro…

    Della Valle lavori le ore necessarie per far star bene la gente.

    E tu non pensare che siano imbecilli le casalinghe, perché se gli parlassi a questa gente durante le tue domeniche lavorative, invece di vederle come una rottura di coglioni, ti potresti sorprendere della loro anima.

  • Galileo

    Raosacroce serve ottimismo.

    È inutile che insisti con tutti questi numeri. Già lo sappiamo. Li conosciamo.

    Quello che non sappiamo è come reagiranno le persone, prese una a una. È qui dove bisogna agire. Tu nel tuo piccolo mondo, che sei riuscito a farne un isola, espandila!

    Credo bisogni fare un cambio nel nostro modo di pensare: non farsi affondare dai dati.

  • rosacroce

    non hai capito niente,ti consiglio di riconsiderare
    tutta la tua vita e la tua conoscenza.
    stai su una strada completamente sbagliata.
    chi si soddisfa di marche e marchette e simboli e macchine e macchinette.è un povero deficiente completamente fregato dal potere,un essere che vive del NULLA che gli hanno dato i CAPI.
    questo essere è degno di commiserazione ,visto la sua condizione.
    riguardo al voto,votare è solo illusione per il popolino ebete.

  • Bertozzi

    Caro Galileo, dico questo proprio perchè ci parlo… non appena smettono loro di parlare al cellulare e di mettersi d’accordo con altri come loro per andare a vedere Natale a Rio al cinema. Ripeto, non sono esempi che mi invento, sono cose che vedo con i miei occhi. Io ho a che fare con la gente per professione, quindi non mi si può accusare di non ascoltarla. E per questo dico che la gente ha smesso di pensare e si anestetizza comprando. E’ questa la realtà. Sono situazioni concrete che si vivono ogni giorno. Non si può negare che sia così. E non sono io che me la prendo con una categoria – le casalinghe,visto che non ho nulla contro di loro, sono solo un emblema del modo di vivere citato nell’articolo – ma voi che apertamente vi schierate contro i medici. Che non ha niente a che fare con il discorso che stiamo facendo. Stiamo parlando di società, non di singoli mestieri. Prendersela con la persona – nel caso specifico con Della Valle – e non con le idee dimostra sempre assenza di argomenti.

  • Earth

    Concordo con virgosinemacula, ma prima volevo precisare che se avessi uno stipendio da medico, neppure io avrei la neceissita’ di fare i debiti… Allora dicevo, Concordo che il diritto di voto a tutti i cittadini indiscriminatamente va tolto. Pero’ non sono d’accordo sui colti, i colti sono persone che hanno cultura, la cultura si ha se si hanno i soldi per avere tempo libero e far andare i figli a scuola, questo e’ troppo discriminante, i colti possono essere venduti, inoltre i colti non sono per forza di cose intelligenti, una persona che ha cultura puo’ essere messo in difficolta’ come niente da un’intelligente con minor cultura, la quasi totalita’ delle volte finisce che il colto risponde tirando in ballo cose che l’intelligente non conosce e glie la si da vinta, ma non e’ detto che obiettivamente il colto ha ragione. Ma anche in questo senso non possiamo permettere che degli intelligenti votino per le sorti del paese, potrebbero votare a loro pro e a sfavore degli stupidi. La perfezione sarebbe, dare il diritto a tutti i cittadini indiscriminatamente a un test al diritto di voto, la quale con una serie di domande a crocette verifica la conoscenza del cittadino sulle azioni dei partiti politici. Un cittadino che mi dice voto a desta o a sinistra senza sapere perche’ mi da sui nervi, nonostante la sua scelta possa essere da me condivisibile. Troppo spesso la gente si dimentica che la politica e’ una scienza e non filosofia, le azioni della politica si possono misurare tramite il benessere (economia) e l’ambiente. Una persona vuole votare per un tiranno? nessun problema, ma perlomeno deve esserne cosciente. Chi non capisce questo concetto, io sono ignorante in meccanica, chi di voi mi assume per fare aggiustare la propria automobile? Perche’ milioni di stupidi ignoranti devono decidere della mia vita con una crocetta? Questa non e’ mica discriminazione, si chiama difesa personale. Io sono favorevole al vivi e lascia vivere, ma dal momento che la tua liberta’ opprime la mia io mi oppongo. Inoltre come ha ben detto rosacroce, il voto e’ una presa per il culo, dicono che fanno quello e fanno quell’altro, mentre alla fine fanno solo per loro stessi. Se ci fossero solo persone col diritto di voto che SANNO quello che han fatto queste persone al governo, alle elezioni successive non sarebbero votate, invece lo stupido ignorante non sapendo quello che hanno fatto e non sa misurare l’entita’ dei danni li voterebbe. Cosi’ si darebbe un vero senso al voto.

  • rosacroce

    guarda che è quello che sto cercando di dire che bisogna pensare
    in modo diverso,non solo, in modo RIVOLUZIONARIO,cioe pensare in modo MOLTO diverso.
    poi secondo me l’ottimismo serve a non rendersi conto,illudersi,
    non funziona l’ottimismo ,bisogna guardare alla REAltà
    ANCHE COI NUMERI SE SI VUOL prevederla.

  • Bertozzi

    riconsidererò tutto come faccio spesso,io, per altro. E non mi pare che tu stia facendo un discorso molto diverso dal mio.

  • rosacroce

    ma ancora vi fate le seghe col voto?
    ma allora quà siamo in ritardo di mille anni.
    ci sono 2 partiti uno bianco uno nero e sono TUTTI e 2 a stipendio dalle BANCHE.ma chi volete votare?
    ma state a CASA che è meglio.

  • rosacroce

    ma ancora vi fate le seghe col voto? ma allora quà siamo in ritardo di mille anni. ci sono 2 partiti uno bianco uno nero e sono TUTTI e 2 a stipendio dalle BANCHE.ma chi volete votare? ma state a CASA che è meglio.

  • rosacroce

    be,,,pensavo che credessi che se votassero le persone giuste,magari le cose cambiano.

  • Earth

    Ma e’ possibile che tu non capisci mai uno stramaledettamente niente? Ma sei capace a leggere? Non sei capace a seguire un filo logico cosi’ chiaro, sei messo veramente male. SE CHI VOTA SA COSA VOTA, LE PERSONE AL COMANDO AVREBBERO PAURA DI PERDERE I VOTI E SI COMPORTEREBBERO BENE, NONOSTANTE BANCHE E SIMILI. Che dio ti aiuti a comprendere.

  • Earth

    Ma e’ possibile rosacroce che tu non capisci mai uno stramaledettamente niente? Ma sei capace a leggere? Non sei capace a seguire un filo logico cosi’ chiaro, sei messo veramente male. SE CHI VOTA SA COSA VOTA, LE PERSONE AL COMANDO AVREBBERO PAURA DI PERDERE I VOTI E SI COMPORTEREBBERO BENE, NONOSTANTE BANCHE E SIMILI. Che dio ti aiuti a comprendere.

  • Galileo

    Si rosacroce, su questo siamo d’accordo: il bipartitismo. Poi forse ha ragione Francescetti con la sua massoneria: se va al governo un massone di destra o di sinistra, cosa credete que prevalga: la linea politica o la linea massona?

  • Galileo

    Bertozzi, io o tu che sia, dobbiamo andare a cambiare quel meccanismo che le anestetizza.

    Me la prendo coi medici per esperienza vissuta: sono pericolosi

  • Earth

    Come fa ad andare al governo un filo massonico se non viene votato? Non dico che manterrebbero tutte le promesse, ma di sicuro la maggior parte ne devono mantenere altrimenti non verrebbero rivotati. Non interessa essere rivotati perche’ sia la destra che sinistra sono guidati dai massoni? Le persone che sanno che non hanno mantentuo promesse allora non voterebbero per nessuno e vediamo allora cosa pensera’ la popolazione quando sapranno che ci sono stati pochi votanti. Una rivoluzione in questo senso sarebbe decisamente piu’ facile.

  • Earth

    Chavez. Ho detto tutto.

  • rosacroce

    ma dimmi come avrebbero PAURA di perdere il voto,intanto di chi?
    bastano 3 tizi a legittimarli :tizio caio e sempronio.
    tizio vota sinistra ,caio vota destra ,sempronio decide il governo, almeno crede .
    in realtà destra e sinistra sono le 2 facce di un unico potere.
    se tu non voti non decidi.ma decide sempronio,a loro bastano 3 tizi per essere LEGITTIMATI,e dopo dicono che siamo in DEMOCRAZIA.è una fregatura.
    non si risolve niente col voto ,sono illusioni.
    “se chi vota sa cosa vota?”
    ma se i programmi dei partiti prima delle elezioni ,o non ci sono o non li RISPETTANO.
    una volta che tu hai votato ,chi comanda fa ciò che vuole.
    cioè quello che vogliono le BANCHE.
    non ci sono partiti diversi ,ci sono stipendiati delle multinazionali.

  • rosacroce

    guarda che con le ultime leggi i nomi dei candidati a parlamentare
    li scelgono le SEGRETERIE dei partiti.
    tu non puoi votare chi vorresti è proibito.
    a loro bastano 3 persone per essere legittimani,e i rappresentanti
    li scelgono loro.
    son tutti servi delle bamche,se per caso(o per errore) qualcuno
    non lo è,poco dopo viene corrotto e lo diventa,oppure lo isolano,vedi CARUSO.

  • rosacroce

    la linea politica è sempre una sola :”fregare le masse”.

  • Earth

    Questo ragionamento ha senso quando tutti hanno diritto al voto e la maggioranza ignorante s’ informa all’ultimo, tramite persone e sentito dire, vota a caso e non segue quello che succede. Una persona che segue e vota con coscienza queste cose non possono proporsi troppe volte, altrimenti il sistema salta.

  • rosacroce

    easrt: “SE CHI VOTA SA COSA VOTA, LE PERSONE AL COMANDO AVREBBERO PAURA DI PERDERE I VOTI E SI COMPORTEREBBERO BENE, NONOSTANTE BANCHE E SIMILI. Che dio ti aiuti a comprendere.”

    risposta:
    ma se le innumerevoli persone che hanno votato i referendum di grillo,non sono neanche state riconosciute,dal parlamento?
    tu non puoi decidere niente,in questo sistema,sono illusioni.quella del voto.è solo una delle tante.
    chi ha il potere non è sciocco ,ha costruito una gabbia di acciaio,una torre d’avorio intorno a se, ogni giorno la perfeziona.
    con i mass media sono in grado di manipolare le masse elettorali,
    come vogliono,e anche se le masse fossero tutte come me,che so come funziona e ho desiderio di RIVOLUZIONARE tutto,col voto non otterremmo niente,solo fregature,i parlamentari sono li per fregarci.
    vi state illudendo.

  • rosacroce

    ma chi ha coscienza è un numero insignificante per loro
    ,per questo ci lasciano fare,altrimenti ,,,,, chissa.

  • virgo_sine_macula

    Hai perfettamente ragione,non si fa la rivoluzione con questi rivoluzionari

  • Earth

    Dire che non si risolve niente e’ discutibile. Hai ragione nel senso che ci sarebbe un governo eletto e che proporrebbe le stesse cose, ma “Le persone che sanno che non hanno mantentuo promesse allora non voterebbero per nessuno e vediamo allora cosa pensera’ la popolazione quando sapranno che ci sono stati pochi votanti. Una rivoluzione in questo senso sarebbe decisamente piu’ facile” se ci fosse un test per votare ci si aspetta che a votare siano almeno l’80% di chi ha passato il test se non il 90%. Anche il piu’ stupido capirebbe che un governo votato da meno del 30% delle persone che hanno passato il test di voto c’e’ qualcosa che non quadra e si informerebbe, non capirebbe totalmente il perche’ i diritti al voto non hanno votato, pero’ capirebbero che sia gli uni che gli altri sono meschini, invece adesso se parli di politica tutti sono d’accordo che sia a destra c’e’ il mangia mangia, ma alla fine della fiera diranno sempre la destra e’ migliore della sinistra e viceversa, tant’e’ che nemmeno grillo e’ riuscito a fermare le persone a votare, la gente e’ ignorante. Dunque una rivoluzione in questo senso sarebbe decisamente piu’ facile.

  • virgo_sine_macula

    Il post era scitto con evidente ironia nei confronti del medico che disprezza la casalinga di voghera,e’ lui che non vorrebbe farla votare,allora per provocazione gli ho scritto che sarebbe opportuno togliere il voto a tutti coloro che votano a destra.Chiaro?

  • virgo_sine_macula

    L’idea del test e’ veramente valida,complimenti.Pensa ad esempio ad una domanda cosi’ concepiuta:e’ vero o falso che l’ultima lrgislatura prima di questa,quella che ha visto al governo due partiti comunisti,e’
    stata la piu’ breve della storia repubblicana?

  • Earth

    Comunque ho detto decisamente piu’ facile che ci sia una rivoluzione, non escludo che possa avere ragione anche tu, che non cambi niente, ma perlomeno le possibilita’ che cambi qualcosa aumentano sensibilmente. Non e’ mica la soluzione definitiva, e’ giusto una piccola accortezza facile da spiegare e che potrebbe migliorare le cose. Una altra ccortezza e’ stata fatta da Tremonti, ho visitato il sito da te postato movisol.org, non ne avevo sentito da nessuna parte che ha proposto il metodo di la rouche, e manco a sentirlo e’ gia’ stato linciato. La soluzione definitiva sarebbe il reddito di cittadinanza, ma sarebbe veramente utopico, la secondo me ti piazzano la bomba in casa direttamente.

  • virgo_sine_macula

    Dovrebbero permettere di votare solo agli “illuminati”che votano comunista.

  • Earth

    non ho mai detto rivoluzionare, ma il senso del mio discorso era migliorare, per rivoluzionare servirebbe il reddito di cittadinanza

  • rosacroce

    per me ,il sistema non si può migliorare,ma solo abbattere,
    in questo concordo con massimo fini.tutto sta degenerando
    a velocità crescente,io lo vedo chiaramente,continuando
    cosi fra poco ,la vita sarà uno” inferno”.
    questa è la mia posizione,non mi faccio illusioni,so che pochi percepiscono la realtà come la percepisco io.
    la strada del cosidetto” sviluppo” e sbagliata TOTALMENTE, è necessario invertirla,le citta sono i cancri del pianeta GAIA,vanno abbattute,il lavoro ripetitivo alle macchine va ELIMINATO,il concetto della produzione RISCRITTO,l’agricoltura chimica eliminata,le scuole vanno chiuse,gli ospedali aboliti,,,etc,,,,,,
    mi rendo conto che pochi mi capiranno,,,,
    eppure molti grandi PENSATORI sono con me,
    quello che affermo,è confermato,dai fatti, e dalle OSSERVAZIONI di persone che vedono più di altri.
    mi rendo conto che purtroppo ,sono idee per pochi.

  • rosacroce

    col voto non migliori niente,secondo me,tanto
    meno se c’è crisi economica,i larghi di prima spariscono con la crisi
    tutto peggiora.con l’attuale sistema gli elettori si illudono di influenzare gli eletti.

  • rosacroce

    ecco sul “reddito da cittadinanza”,
    sono pienamente d’accordo,questo sarebbe l’inizio di
    un RINASCIMENTO.di una rivoluzione per cui vale la pena di combattere.

  • rosacroce

    dal sito movisol:
    si sono riuniti i capi d ‘europa,tremonti ha proposto la
    soluzione di la rouche,la stanno discutendo.
    ecco secondo me la sua proposta è l’unica cosa che può funzionare.
    ma guarda che chiede moneta di stato nazionale e indipendente.
    è difficile che passi.

  • rosacroce

    se ti illudi che votando comunista può
    cambiare qualcosa,ti consiglio di leggere :
    “gianfranco la grassa” ha un sito suo.

  • Earth

    Ma anche io la penso cosi’ :). Pero’ andiamo per gradi, non puoi mica fare una rivoluzione da solo. Qualsiasi sia il futuro che ci aspetta, ci saranno per forza di cose o la politica o una oligarchia se non monarchia, e’ sempre stata cosi’ la storia, un ente o persona che governa o indirizza la massa. Tanto vale rendere questo ente piu’ soggetto possibile al volere della massa e non viceversa come e’ adesso. Io ero preoccupatissimo per il riscaldamento globale, ma capito che quella e’ disinformazione, perche’ tutti i pianeti del sistema solare hanno ricevuto questo riscaldamento, allora e’ un riscaldamento solare e non solo terrestre, e li non ci posso fare niente mi metto l’anima in pace. Il lavoro ripetitivo alle macchine oramai e’ di per se finito, l’automazione totale verra’ raggiunta in meno di 20 anni. Ancora 10 anni e gli operai inizieranno a diminuire a vista d’occhio. I lavori ripetitivi si possono gia’ adesso diminuire, se il padrone ha 2 operai che fanno 2 pezzi al giorno e compra una macchina che fa 2 pezzi al giorno, licenzia l’altro operaio e si tiene il guadagno e abbassa i prezzi dei pezzi che produce, perche’ invece non fa lavorare la meta’ a entrambi gli operai? Questo e’ l’uso della tecnologia in modo etico, ma non puo’ avvenire col capitalismo, solo con uno stato totalmente socializzato si puo’ fare una cosa del genere. La tecnologia e’ strepitosa se utilizzata eticamente, le macchine inquinano perche’ chi deteiene il potere vuole questo. Ti propongo veramente di vederti zeitgeist addendum con i sottotitoli in italiano se non sai dove reperirlo te lo dico in privato, jacque fresco ha pensato addirittura a un modo per costruire le case senza aver bisogno dei muratori, il tutto solo con le macchine, anche al piazzamento ci pensano le macchine, e’ bellissimo. Per tutto il resto sono d’accordo. Mi spieghi soltanto cosa intendi quando dici che le citta’ sono cancri e vanno abbattute?

  • Earth

    Ma lascia perdere che hanno fatto propaganda sui vaccini tramite un telefilm chiamato private practice episodio s02e11 . La madre con 3 bambini di cui 1 era autistico, era andata in una clinica svizzera per gli autistici e li parlando con gli altri ha dato la colpa al vaccino che ha fatto diventare autistico suo figlio, ho pensato subito mado’ non ci credo! Grandi! poi alla fine dell’episodio un altro suo figlio si era ammalato di morbilo il pediatra gli aveva detto di fare il vaccino, ma lei non ha voluto. Alla fine il pediatra quando ha visto che il bimbo che ha preso il morbillo stava morendo di sua spontanea volonta’ ha fatto il vaccino al terzo figlio senza l’autorizzazione della madre!!!! Alla fine il bimbo col morbillo e’ morto perche’ la madre non gli ha fatto fare il vaccino. Che propaganda bastarda. E’ successo che anche in dr.House han fatto questo tipo di propaganda ma non cosi’ forte. Stanno utilizzando tutti i mezzi a loro disposizione,hanno paura sempre di piu’ che la gente si svegli.

  • Galileo

    Io non metto in discussione il fatto di votare, come puoi leggere in un mio post precedente, in cui difendo le casalinghe di Voghera.

    Io ho solo detto, che sono d’accordo con rosacroce sul fatto che ci stanno proponendo il bipartitismo, e occhio, queste non succede solo in Italia, è un patron comune che ci stanno appioppando a 360 gradi.

  • Galileo

    Come non serve l’ottimismo?

    Essere ottimisti non significa non guardare la realtà, significa poterla superare più facilmente degli altri, con uno spitiro positivo che non ti fa fermare davanti agli ostacoli eovederli più grandi di quanto non lo siano.

  • rosacroce

    non condivido, questa fiducia nella tecnologia,leggi(la rivoluzione del filo di paglia di masanobu fukuoka)ha visto zeigtgest addendum e la esaltazione della tecnologia,mi lascia scettico.le città sono cancri del pianeta gaia,definizione di massimo pallante(mov della decrescita).
    in citta non si produce BENI,ma circolano solo MERCI,un bene è una carota autoprodotta ,una merce è una carota comperata al negozio.
    in città la gente vive ammassata in appartamenti dove non si produce nulla,la gente in città , spogliata della autosufficienza,dipende per tutto e in tutto dal sistema per sopravvivere,la perdita di indipendenza è GRAVE.La città che cresce, con sostanze tossiche ,inquinamento rumori ,traffico impazzito,e con la perdita del potere di produrre BENI,è come un cancro del pianeta vivente,lasciata a se stessa ,il pianeta gaia lentamente la distruggerebbe e ingloberebbe in una foresta,è successo tante volte,succederà ancora.ROMA aveva 2 milioni di abitanti nel400 dc dopo il crollo dell’impero vi si contavano qualche migliaio di persone.
    Delegare alle macchine la gestione del vivere,espopria l’uomo dalle sue abilità,non funziona su un piano pratico e anche di principio:

    perchè non deleghi la funzione RIPRODUTTIVA a una MACCHINA che lo fa al tuo posto? è comodo e pratico,futuribile,non sbaglia mai.(la macchina).
    tu invece puoi fallire,è poi ti affatichi,sudi,,,,,, mmmm perchè non ti fai sostituire da un a macchina? parlane alle tue morose,,,,,senti se anche loro preferiscono qualche nuova ma cchinetta al tuo posto!
    è il bello della tecnologia.
    in più affermo che solo i processi NATURALI hanno valore eterno.

  • rosacroce

    leggi:ivan ilic :
    più l’uomo costruisce mezzi di trasporto veloci,più tempo impiega a spostarsi.
    più la società viene scolarizzata,più l’uomo diviene ignorante.
    più si costruiscono ospedali ,più la salute cala.

  • Earth

    Spetta fammi capire il tuo ragionamento, io ti dico che si puo’ vivere senza fare nessuno sforzo e tu mi dici che invece bisogna vivere facendosi il culo… mmm. Sulla tecnologia non leggo il libro di nessuno, semplicemente perche’ smonterei qualsiasi tesi negativa sulla tecnologia e nessuno riesce mai a controbattermi, la tecnologia e’ uno strumento, come la zappa aiuta a coltivare oppure puo uccidere se tirata in testa, ma solo chi la utilizza scegliera’ quale tra le due, ma non mi fai il discorso che vorresti eliminare tutte le zappe perche’ potrebbero anche uccidere, che strano, perche’ fai questa discriminazione? Io gioco ai videogiochi da quando ho 3 anni e ho avuto il mio primo pc a 13, sono in pochi coloro che conoscono la tecnologia e il loro potere come me. I videogiochi di un tempo erano piu’ belli ti facevano ragionare ed erano un relax, invece quelli di adesso ho notato che aumentano la rabbia, e’ un dato di fatto l’ho constatato con il mio cuginetto, questo e’ un utilizzo sbagliato di una tecnologia. Delegare alle macchine le gestioni noiose e’ sinonimo di intelligenza, poi se a te piace e preferisci farti il culo a piantare e a raccogliere nessuno ti vieta di farlo, pero’ bada bene che anche la zappa e’ una forma di tecnologia, se estremizzi cosi’ tanto allora dovresti tornare al periodo del cacciatore e raccoglitore. E’ stata proprio gaia col suo sistema spietato a farci evolvere, se noi evolviamo male allora gaia ci distrugge, ma se tu utilizzi tecnologie e macchine non inquinanti CHE ESISTONO (come la zappa), un utilizzo etico di tecnologie e macchine CHE E’ POSSIBILE (come la zappa), si avranno delle citta’ ricoperte di alberi e natura, collegate da metropolitane con treni che vanno a 5000km all’ora elettrici, con l’energia elettrica ricavata geotermicamente. Nessun inquinamento, tempo libero per entrare in simbiosi con la natura, acculturarsi, divertirsi ed esplorare le bellezze del mondo e dello spazio, senza stress. Parlare di merce e autoprodotta e’ una cosa ridicola, da un lato produco la carota, dall’altro la carota permette a un’altra persona di progettare un sistema per produrre piu’ carote, di conseguenza la carota non l’hai mica solo prodotta tu, la carota l’hai prodotta tu, colui che ha progettato la macchina e anche colui che te l’ha venduta, l’avete autoprodotta in 3 quella carota, per il solo fatto che non eravate tutti e 3 insieme allora bisogna denigrare il sistema mentre ognuno si specializza e conosce bene il lavoro che fa? Guarda che tu parli tanto di ritornare indietro, ma tornare indietro significa anche carestie e morire di fame se il raccolto va a male o colpa metereologica, mi sa che te ne sei dimenticato. Inizia a fare il cacciatore e raccoglitore o il contadino senza zappa in un posto sperduto a centinaia di km e senza strade che ti portino a un paese e poi dimmi se non ritorni con la coda tra le gambe supplicando la tecnologia. Gaia ci faceva morire prima, e noi adesso muoriamo per mano nostra, alla fin dei conti non e’ cambiato niente, solo che gaia l’abbiamo addomesticata, gli esseri umani no. Ma anche un animale addomesticato se lo tratti male ti si rivolta contro, gaia e’ lo stesso. Cambiamo l’economia e l’utilizzo delle macchine eticamente e non muore piu’ nessuno. Comunque il tuo discorso e’ un po’ sospetto, maledici le macchine ma utilizzi il computer per informarti e sai benissimo che la vera informazione si trova sulla rete. mmm sputi nel piatto in cui mangi mmm. Le macchine per la riproduzione non potranno mai sostituire l’uomo, semplicemente perche’ non ha senso, e’ come masturbarsi e rimanere incinta, che senso ha, al massimo lo si fa per non mettere incinta e poi un rapporto con un essere non vivente non potra’ mai raggiungere la piacevolezza con un vivo e pensante. Per quanto riguarda nell’evoluzione a robosapiens non mi piace molto, ma un utilizzo di impianti meccanici per ridare la possibilita’ a camminare a qualcuno che a differenza tua e’ stato sfortunato, io non glie la negherei. Se poi invece utilizza le macchine per la fissione tra corpo e cervello non c’e’ nemmeno da preoccuparsi non spetta a noi decidere ci penseranno i nostri figli anzi forse i figli dei nostri figli, ci va una tecnologia enorme per poter separare il cervello dal corpo, passeranno almeno 50 anni, per ora facciamo in modo che questi figli crescano tranquilli e senza morire di fame, di catastrofi naturali o come nomadi. L’ultima teoria della nascita vita che ho sentito e che mi e’ parsa scientificamente plausibile, e’ stata quella che esistono meteoriti pieni di microbi, che girano per lo spazio, un po come il polline, quando sbatte su un pianeta poi si evolve la vita, forse la tecnologia e’ scritta nel nostro dna.

  • Earth

    L’uomo costruisce mezzi di trasporto veloci, piu’ tempo impiega per spostarsi: e’ logico che se crei una strada a una corsia e c’e’ un ingorgo anche la macchina che fa i 300km all’ora si deve fermare, non migliorare solo la tecnologia delle macchine ma anche la tecnologia delle strade, crea strade piu’ grandi con migliori materiali anti sbandatura per problemi di aderenza in caso di pioggia e vedrai che non ci saranno problemi e meno incidenti. Come e’ logico che un treno che fa i 500km all’ora su delle rotaie schifose non puo’ certo permettersi di andare a 500km. Il discorso dei treni poi non e’ solo di mala organizzazione, se i treni devono partire alle 10 ma il treno non puo’ perche’ non e’ stato revisionato e lo fanno all’ultimo e’ normale che parte in ritardo e tutti ne risentiranno a catena. Piu’ la societa’ diventa scolarizzata, piu’ l’uomo diventa ignorante: Evidentemente la societa’ non e’ scolarizzata se diventa ignorante, e’ un controsenso. Grazie alla scolarizzazione io sono in grado di leggere e scrivere e lo stesso tu, ne dovresti essere grato e proporre dei cambiamenti per migliorarla, non distruggerla. Piu’ si costruiscono ospedali piu’ la salute cala: e’ logico, se insegni male la medicina a scuola, colui che pensa di fare bene il proprio lavoro e di salvare vite invece le uccide, faglielo notare e indirizzalo verso la giusta medicina, ci sono tanti medici che sono passati dalla convenzionale alla omoepatia. Pensavano di fare male il loro lavoro e han cercato una soluzione, se li avessi distrutti e cancellato tutti gli ospedali queste persone non si sarebbero mai convertite e non avrebbero mai scoperto una via alternativa. C’e’ un sistema sopra di noi che ci fa pensare che i medici fanno bene il loro lavoro ma non e’ cosi, distruggi questo al posto degli ospedali.
    Se usato male uno strumento e’ logico che non funziona bene, posso creare con la tastiera dei disegni maleducati (o) ma non significa che se usato male la strumento va eliminato. Va cambiato il modo di usarlo, se invece faccio la faccina e’ carina da vedere ed esprime un sentimento 🙂 . Tanto vale che il creatore del libro si suicida perche’ un giorno potrebbe andare fuori di testa e uccidere qualcuno… non ha senso…

  • extremait

    La democrazia è una utopia stupida come lo era il comunismo. Pensare che il popolo sia consapevole di quello che fa e che il voto del tizio che capisce solo di palloni, non si interessa della vita pubblica, si avvicina alla politica solo in tempo di campagna elettorale quando gli si promettono le riforme tanto sospirate (ma che c..zzo significano le riforme? tutti vorremmo delle riforme, ma bisognerebbe sapere in COSA consistono!) e uno stile di vita da anni ormai sopra ogni possibilità (compresi cellulari per tutti gli imbecilli dai 2 ai 95 anni, un’auto ciascuno in famiglia, cibi illimitati per ingrassare e palestre a caro prezzo per dimagrire); pensare, dicevamo, che questo cittadino qualunque possa avere lo stesso peso politico (in soldoni, un voto a disposizione nell’urna) di uno che segue la politica, ha un’idea del mondo e del tempo in cui si trova, non si lascia traviare da tutta la spazzatura di Italia 1, dalle troie scosciate dei vari rotocalchi rosa, è davvero troppo. Purtoppo per voi che criticate, non siamo tutti uguali come l’illuminismo pensava. C’è chi studia e chi no, chi frequenta le università a prezzo di sacrifici e chi se la spassa coi soldi dei papà vantando titoli trasparenti. Siamo diversi, e meno male. Pertanto, benvenuta crisi; anche se ciò porterà tanta malinconia perchè non vi permetterà di comprare il terzo televisore in casa. La casalinga di Voghera dovrà accontentarsi.

  • rosacroce

    è morto nel 2001 credo ivan ilic.
    lui dice:se fai in modo,con la tecnologia di spostarti a500 km ora,uno che prima lavorava a 50 km e impiegava 1 ora per andare e venire con mezzi che vanno a120km, ora(con treni a500 km ora)prende in considerazione di lavorare a 250 km da casa,e cosi impiega 2 ore per spostarsi.
    se posso comperare una cosa a 15 km impiego un ora in macchina(,adesso).
    domani con un treno a alta velocità,vado a comperare la cosa a 180 km ,da casa,impiegando più tempo per spostarmi.
    nel passato la velocità da spostamento era a livello della bicicletta(40km ora),nessuno avrebbe pensato di lavorare a 200 km da casa,ora ,grazie alla tecnologia è divenuto adesso normale,si perde cosi ,sempre più tempo ,per spostarsi,è INEVITABILE.quando si andava a piedi,nessuno avrebbe lavorato a 60 km da casa,tutti lavoravano al massimo a 1 km da casa,impiegando per spostarsi pochi minuti.
    vedi un pò ora, qual’è la media di tempo che la gente PERDE per spostarsi?
    devi convenire che ivan ilic aveva ragione.
    sulla scuola e la medicina di massa,brevemente,rispondo che tutti possono capire che la gente è sempre più ignorante e sempre più malata.

  • Earth

    Perfettamente ragione in questo senso, tant’e’ ch tempo fa mi ero fatto la stessa domanda, la soluzione e’ sempre il socialismo, non c’e’ niente da fare… fin quando ci sara’ disuguaglianza tra le persone ci saranno problemi. Immagina dove ogni persona ha una casa di diritto, oppure tutte le case sono fatte della stessa metratura e non c’e’ problema a questa punto come uguaglianza economica e sociale di avere un prezzo in base alla locazione dell’appartamento. Tutti gli appartamenti hanno la stessa metratura, dunque se io devo andare a lavorare a 50km ad ovest e un altro da ovest deve fare 50km verso est ci si scambia la casa. Ci sarebbe una gestione statale, dove uno puo’ decidere se scambiare la casa. Ovviamente questo sarebbe brutto nel senso dei termini di amicizie, ma con la tecnologia questo non e’ piu’ un problema, ci si sente via internet e poi fai quei 50km poche volte alla settimana che esci con gli amici al posto di farla tutta la settimana. per il resto posso dirti, che un ignorante come fa a capire se un altro e’ ignorante? che e’ sempre piu’ malata ti do ragione, ma la gente non sa che pesci pigliare, se tu vai a dire che e’ la medicina ufficiale che fa schifo mica ti credono… tutti possono capire, sono d’accordo, ma vogliono capire?

  • rosacroce

    fukuoka era un entomologo ricercatore che aveva studiato con le migliori menti del giappone e che lavorava in uno dei migliori laboratori del giappone. credeva a quel tempo(non aveva ancora 30 anni) che la scienza avrebbe risolto i problemi dell’umanità.dovette in seguito a numerosi studi
    ricredersi,ebbe l’illuminazione all’improvviso:l’uomo non sa NULLA.
    ecco l’illuminazione che ebbe.lasciò la ricerca e tornò a coltivare la terra di suo padre,dopo 30 anni di esperimenti vari,arrivò a coltivare senza arare,senza zappare,senza erbicidi,senza concimi,senza macchine,con solo un FALCETTO,sullo stesso terreno per più di 30 anni grano + riso con rese uguali se non superiori alle più moderne aziende giapponesi.QUESTA è l’agricoltura naturale da lui inventata.la sua critica alla tecnologia umana,non è solo pratica ,ma filosofica,l’uomo in realtà,coltivando la terra in modo naturale,COLTIVA SE STESSO.e di questo credimi c’è un gran bisogno.(la rivoluzione del filo di paglia).
    prometeo rubò la folgore agli dei,per darla agli umani,(che usandola combinarono tenti GUAI).
    ma gli dei lo presero,e lo condannarono a avere il fegato divorato da un aquila ,ogni giorno,per sempre.
    io stesso ho visto,e vedo ormai come OGNI COSA CHE L’UOMO TOCCA,venga rovinata.
    nella genesi(bibbia degli ebrei) il dio degli ebrei dice all’uomo:
    tua è la terra e ogni creatura che vi vive,fanne ciò che vuoi,domina il mondo e la natura.
    questa filosofia- religiosa ha permesso la nascita del nostro mondo occidentale e inculcata nelle menti occidentali fin da piccoli,sostiene il nostro atteggiamento nei confronti del mondo:
    dominare,trasformare con il fuoco di prometeo,(la tecnologia)la natura,per piegarla ai nostri voleri.
    nell’illusione che questa sia l’unica realtà possibile.
    questa realtà e di una pochezza unica,ci sono molte più cose di quello che possiamo comprendere,(ecco l’illuminazione di fukuoka),
    ci sono realtà che ci sovrastano,mondi invisibili,che non
    possono essere nemmeno AVVICINATI col piccolo cervelletto umano,ma percepiti da altro di cui facciamo parte.
    l’illusione umana di comprendere e trasformare(con la tecnologia) la natura di cui facciamo parte,è UNA FORMA DI MALATTIA GRAVE.
    non siamo macchine,se ci riduciamo a macchine,perdiamo quanto di meglio abbiamo.
    io ho cercato di fartelo capire,ma tu svincoli,
    guarda che l’agricoltura industriale è un fallimento,cosi pure la medicina,io ne so molto,lo vedo da anni , per quanto riguarda separare il corpo dal cervello,trattasi di pazzie mostruose.
    concludo dicendo ,che se l’uomo si avventura su queste strade,un motivo ci sarà,secondo me è il DEMONIO che lo guida.
    comunque sulla carota autoprodotta:
    purtroppo nella frutta e verdura ci sono le vitamine,che servono a farci vivere,purtroppo le vitamine ogni minuto che passa calano, fino a ridursi a 0.purtroppo il cibo va assunto fresco cioè VIVO,se si vuole assorbire vitamine.purtroppo la tecnologia permette di conservare il cibo per MESI.con aspetto simile al cibo fresco.purtroppo il cibo vecchio non ha vitamine,e la gente che lo assume si AMMALA.
    purtroppo se uno vuole assumere cibo fresco non ha altra soluzione che coltivarselo.(che è un BENE)
    tutti i cibi comperati(merce) sono morti e vecchi e senza o poche vitamine,una volta un cibo vecchio si vedeva e la gente non lo assumeva(giustamente).ora grazia alla TECNOLOGIA i cibi di 8 mesi sembrano freschi(vedi le mele),la gente li assume e non sa che non ci sono più vitamine ,quindi si ammala.
    questa è la tecnologia,ad una visione superficiale,può sembrare buona,ma per uno che sa vedere di più non è cosi.è un INGANNO per creduloni.
    tutte le cose vecchie sono migliori,più vecchie sono,migliori sono,
    non so se sai la storia del grano:
    hanno borbardato il grano della puglia che aveva2000 anni (era alto)con i raggi gamma e hanno ottenuto il grano di oggi(basso).perchè il vento non lo piegasse e la mietitrebbia lo raccogliesse meglio.
    oggi c’è la celiarchia (insofferenza al glutine del grano)che colpisce sempre più italiani,è dovuta alla nuova varietà di grano.
    quello di una volta era ottimo,quello di adesso è scadente e fa ammalare.
    e questa la tecnologia?
    potrei riempire libri di questi esempi,sono innumerevoli e aumentano sempre più.in rete si trovano in abbondanza.
    raccogliere e allevare al pascolo,senza nessuna tecnologia,è quello dove sto andando.il lavoro cala,i prodotti migliorano,la fatica scende,il terreno migliora,i costi scendono,la produttività sale.i guadagni crescono.
    la mia è la strada giusta ,basta copiarmi.
    pianto in giardino da anni asparagi,asparagi selvatici,carciofi,aglio,prezzemolo,raccolgo sempre più ,senza lavorare,è propio questo il mio obiettivo.ti posso dire che gli asparagi che crescono da soli tra l’erba dei terrapieni(senza lavoro),sono migliori di quelli che coltivo a parte,con discreta fatica
    con metodo tradizionale(ma senza concimi e erbicidi).
    la mia è una critica RADICALE al sistema,praticata sul campo e che mi da certezze concrete,è inoltre una filosofia,coltivando in modo NATURALE ,in realtà,coltivo me stesso.

  • rosacroce

    risposta a Earth sulla tecnologia:fukuoka era un entomologo ricercatore che aveva studiato con le migliori menti del giappone e che lavorava in uno dei migliori laboratori del giappone. credeva a quel tempo(non aveva ancora 30 anni) che la scienza avrebbe risolto i problemi dell’umanità.dovette in seguito a numerosi studi ricredersi,ebbe l’illuminazione all’improvviso:l’uomo non sa NULLA. ecco l’illuminazione che ebbe.lasciò la ricerca e tornò a coltivare la terra di suo padre,dopo 30 anni di esperimenti vari,arrivò a coltivare senza arare,senza zappare,senza erbicidi,senza concimi,senza macchine,con solo un FALCETTO,sullo stesso terreno per più di 30 anni grano + riso con rese uguali se non superiori alle più moderne aziende giapponesi.QUESTA è l’agricoltura naturale da lui inventata.la sua critica alla tecnologia umana,non è solo pratica ,ma filosofica,l’uomo in realtà,coltivando la terra in modo naturale,COLTIVA SE STESSO.e di questo credimi c’è un gran bisogno.(la rivoluzione del filo di paglia). prometeo rubò la folgore agli dei,per darla agli umani,(che usandola combinarono tenti GUAI). ma gli dei lo presero,e lo condannarono a avere il fegato divorato da un aquila ,ogni giorno,per sempre. io stesso ho visto,e vedo ormai come OGNI COSA CHE L’UOMO TOCCA,venga rovinata. nella genesi(bibbia degli ebrei) il dio degli ebrei dice all’uomo: tua è la terra e ogni creatura che vi vive,fanne ciò che vuoi,domina il mondo e la natura. questa filosofia- religiosa ha permesso la nascita del nostro mondo occidentale e inculcata nelle menti occidentali fin da piccoli,sostiene il nostro atteggiamento nei confronti del mondo: dominare,trasformare con il fuoco di prometeo,(la tecnologia)la natura,per piegarla ai nostri voleri. nell’illusione che questa sia l’unica realtà possibile. questa realtà e di una pochezza unica,ci sono molte più cose di quello che possiamo comprendere,(ecco l’illuminazione di fukuoka), ci sono realtà che ci sovrastano,mondi invisibili,che non possono essere nemmeno AVVICINATI col piccolo cervelletto umano,ma percepiti da altro di cui facciamo parte. l’illusione umana di comprendere e trasformare(con la tecnologia) la natura di cui facciamo parte,è UNA FORMA DI MALATTIA GRAVE. non siamo macchine,se ci riduciamo a macchine,perdiamo quanto di meglio abbiamo. io ho cercato di fartelo capire,ma tu svincoli, guarda che l’agricoltura industriale è un fallimento,cosi pure la medicina,io ne so molto,lo vedo da anni , per quanto riguarda separare il corpo dal cervello,trattasi di pazzie mostruose. concludo dicendo ,che se l’uomo si avventura su queste strade,un motivo ci sarà,secondo me è il DEMONIO che lo guida. comunque sulla carota autoprodotta: purtroppo nella frutta e verdura ci sono le vitamine,che servono a farci vivere,purtroppo le vitamine ogni minuto che passa calano, fino a ridursi a 0.purtroppo il cibo va assunto fresco cioè VIVO,se si vuole assorbire vitamine.purtroppo la tecnologia permette di conservare il cibo per MESI.con aspetto simile al cibo fresco.purtroppo il cibo vecchio non ha vitamine,e la gente che lo assume si AMMALA. purtroppo se uno vuole assumere cibo fresco non ha altra soluzione che coltivarselo.(che è un BENE) tutti i cibi comperati(merce) sono morti e vecchi e senza o poche vitamine,una volta un cibo vecchio si vedeva e la gente non lo assumeva(giustamente).ora grazia alla TECNOLOGIA i cibi di 8 mesi sembrano freschi(vedi le mele),la gente li assume e non sa che non ci sono più vitamine ,quindi si ammala. questa è la tecnologia,ad una visione superficiale,può sembrare buona,ma per uno che sa vedere di più non è cosi.è un INGANNO per creduloni. tutte le cose vecchie sono migliori,più vecchie sono,migliori sono, non so se sai la storia del grano: hanno borbardato il grano della puglia che aveva2000 anni (era alto)con i raggi gamma e hanno ottenuto il grano di oggi(basso).perchè il vento non lo piegasse e la mietitrebbia lo raccogliesse meglio. oggi c’è la celiarchia (insofferenza al glutine del grano)che colpisce sempre più italiani,è dovuta alla nuova varietà di grano. quello di una vo

    Leggi il resto di questo commento…

  • virgo_sine_macula

    Non penso affatto che siamo tutti uguali,hai letto male,tant’e’ vero che ho proposto di far votare solo gli intellettuali e i colti cosi’ da far vincere i partiti comunisti perche’ si sa che i colti e i preparati votano a sinistra,gli ignoranti e le casalinghe di voghera a destra.

  • Earth

    Innanzitutto ti ringrazio, perche’ mi piace essere messo in discussione, perche’ solo cosi’ ci si puo’ elevare nei pensieri e ragionamenti. Ho letto tutto purtroppo alla fine il testo viene troncato cosi’ ” quello di una vo Leggi il resto di questo commento…” e non e’ cliccabile. Purtroppo non mi hai dato elementi logici per cambiare il mio modo di vedere la tecnologia, ti posso sempre rispondere che tutto quello che dici hai ragione, ma e’ sempre perche’ la tecnologia non viene utilizzata eticamente, questo non sono svincoli ma dati di fatto. Quello che dice fukuoka e’ una filosofia di vita, condivisibile o meno, ma non ci sono elementi logici per dargli atto ciononostante mi hai incuriosito e appena posso mi leggero’ il libro. Ad esempio quando dici: “ci sono realtà che ci sovrastano,mondi invisibili,che non possono essere nemmeno AVVICINATI col piccolo cervelletto umano,ma percepiti da altro di cui facciamo parte” non lo comprendo ma lo accetto, posso provare a capirlo, a me piace la natura, ma il fatto che la natura recide le vite a suo piacimento non mi va giu’, perche’ io si e un altro no? il mio sistema e’ inattaccabile e ti spiego perche’: da’ la liberta’ e il tempo a tutti per capire. Cosa significa? Innanzitutto devi levarti dalla testa le coltivazioni intensive e tutte le cose sbagliate che esiste come tecnologia attuale, tu sei radicato come tecnologia come la viviamo noi adesso, quando io ti parlo di tecnologia utilizzata eticamente sono avanti, devi pensare che si puo’ fare in modo che la terra venga coltivata identicamente come farebbe fukuoka, in questo caso essendo fatto da una macchina si perde l’esperienza acquisita da fukuoka, ma questo significa pero’ che le persone hanno il cibo e la liberta’ di fare lo stesso di fukuoka, senza aver paura di morire di fame se arriva un cataclisma. Quando dai la liberta’ alle persone ognuna avra’ il tempo di sperimentare le filosofie di vita che piu’ gli aggradano e se penseranno che fukuoka aveva ragione, allora potranno proseguire in questo senso, ma solo perche’ lui ci e’ arrivato tramite il suo pensiero e sentimenti. Non possiamo mica abbandonare la tecnologia e tornare a morire di fame come accadeva in passato solo per le parole di una persona sola, se poi la sua filosofia di vita risulta fallimentare come potrebbe benissimo qualsiasi filosofia di vita, non si puo’ pensare di aver abbandonato la tecnologia per un fallimento e reiniziare tutto daccapo, perche’ la tecnologia una volta persa non la si riacquisisce. La differenza sostanziale tra quello che dico io e quello che dici tu e’ questo Io: voglio che la tecnologia venga utilizzata eticamente, non la coltivazione intensiva e la classica fabbrica con le ciminiere, ma una tecnologia ricoperta di natura assolutamente non inquinante, dove non ci sono drastiche modificazioni dell’ambiente da parte dell’uomo, ma soltanto mezzi di trasporto tra i paesi e collegamenti via internet, fabbriche tessili non inquinanti, e agenzie spaziali, coltivazioni e allevamenti come la natura comanda, il tutto automatizzato dalle macchine. Gli esseri umani avranno “soltanto” la missione di capire chi sono e quale e’ la filosofia di vita adatta per ognuno di loro. ognuno potra’ scegliere la sua strada cercandola nello spazio, nella terra oppure dentro loro stessi, se essa non si oppone alla natura. Tu: no dobbiamo fare cosi’, distruggete tutto e torniamo al indietro a coltivare manualmente. Se una filosofia di vita e’ adatta per te, non significa che debba esserlo per tutti. Vivi e lascia vivere, ogni essere umano ha un percorso diverso, io offro l’opportunita’ a tutti di fare il proprio percorso con tutto il tempo che ognuno necessita. Poi forse si arrivera’ tutti alla conclusione di fukuoka, ma e’ perche’ hanno provato piu’ e piu’ cose prima e soprattutto OGNUNO HA DECISO PER SE. Decisamente meglio che mettere il futuro dell’umanita’ obbligati da una filosofia di vita di una persona a caso, anche se le cose che dice possono essere condivisibili, fin quando non si provano determinate cose e’ come credere in Dio. E’ giusto o sbagliato credere in dio? Ognuno di noi ha la proprio risposta, ma di sicuro e’ sbagliato far ammazzare la gente per il nome di dio.

  • Earth

    Riassumendo potrei dire: diamo la liberta’ a ognuno di coltivare se stesso, piuttosto che forzarlo a coltivare se stesso.

  • rosacroce

    c’è i l mio commento completo su fukuoka il paragrafo precedente

  • rosacroce

    leggi”la rivoluzione del filo di paglia” è un piccolo libro ,
    si legge di un fiato,senza fatica.(lo trovi su arianna editrice),
    secondo me ti servirà molto.io l’ho letto più di 3 volte.