Home / ComeDonChisciotte / BERLUSCONI TIRA GIU' IL SIPARIO

BERLUSCONI TIRA GIU' IL SIPARIO


Il dogma dell’eroismo di Calipari 
salva Letta e chiude l’epoca
dei pasticci di Palazzo Chigi
e del Sismi sui sequestri in Iraq

DI CLAUDIO LANTI

Roma 5 maggio  (La Velina Azzurra) – La politica riesce ormai a cavarsela sempre gratis.  Per il pasticcio insanguinato di Baghdad nessuno pagherà il dovuto  prezzo. Il conflitto Italia-Usa  è stato  sbloccato dalla  telefonata  personale di Bush  a Berlusconi,  con le sue affettate condoglianze per la morte dell’ “eroe” Nicola Calipari,  che da vivo come da morto è stato il factotum, lo strumento  di questa storia. In  conclusione, il ruolo di Calipari  è servito anche a soffocare la verità sulla condotta delle due parti. Oggi in Parlamento il Cavaliere ci ha inflitto l’ultima sceneggiata prima di calare il sipario.  Le versioni  italiana e Usa sulla sparatoria al posto blocco resteranno clamorosamente contraddittorie e lacunose, come facce della stessa medaglia.  Il Pentagono salverà i suoi soldati dal disonore  del dilettantismo e della paura; e  in compenso si terrà nel cassetto le verità inconfessabili degli italiani,  intercettate dai satelliti spia: il pagamento del riscatto e la gestione  all’amatriciana della liberazione di Giuliana Sgrena,  con cui Palazzo Chigi  ha obbligato il Sismi di Nicolò Pollari  ad adottare procedure e finalità indegne per un  servizio d’intelligence.  
Il presunto eroismo di Calipari è stato  la chiave di  tutto, la causa del problema e il toccasana per risolverlo.  Se non   ci  fosse “scappato  il morto”  non sarebbe successo nulla. L’auto del Sismi sarebbe arrivata sgommando all’aeroporto.  L’ostaggio sarebbe stata riportata a Roma la stessa notte del 4 marzo,  in tempo per  i festeggiamenti  già predisposti a Palazzo Chigi  in doppio collegamento con  Porta a Porta e il festival di San Remo. Balli e coriandoli per tutti.  Un delirio per Berlusconi che -conoscendo come ragiona- sperava di ricavarne  anche una vittoria alle elezioni  regionali di un mese dopo.   Quanto agli americani, in cambio della  quieta presenza politica del contingente italiano in Iraq,  avrebbero chiuso gli occhi un’altra  volta per l’ennesimo  sequestro pagato ai tagliagole  della guerriglia

Davanti al guaio di Baghdad, nacque il dogma dell’eroismo di Calipari celebrato addirittura mentre copriva con il proprio corpo quello della Sgrena. Perché sugli eroi non si discute. Gli eroi non sbagliano. Quando vengono mandati allo sbaraglio, come in questo caso, il loro sacrifico   diventa il  lavacro  per emendare gli errori  propri  e altrui.  Come è avvenuto molte volte nella storia del nostro Paese, la  bella morte  di chi lascia  rimette le cose a posto per chi rimane.

   
Questo era anche il destino di Nicola Calipari, uomo dello Stato caduto in servizio. un personaggio del quale ormai si sa tutto. Non un agente speciale ma un poliziotto prestato all’intelligence, un funzionario  medio  con normali esperienze  nelle questure e una  limitata esperienza internazionale.  A seguito di serie difficoltà di sintonia con i propri superiori, a un certo punto Calipari   venne  recuperato  grazie all’intervento del sottosegretario  Gianni Letta  su segnalazione della moglie (di Calipari)  Rosa Villecco  che era a sua volta in forza al Cesis.  Si sa bene come si entra nei servizi segreti.   Il destino di Calipari s’incrociò quindi con quello del gran ciambellano di Berlusconi che, grazie alla delega dei servizi segreti e ai sequestri in Iraq,  stava salendo di profilo: da super burocrate a  super gestore di situazioni calde.  E grazie a  Letta, in pochi mesi, Calipari si trovò proiettato ad uno dei gradi massimi del Sismi, la guida  della  vecchia Divisione ricerche all’estero, dove si erano cimentati dirigenti con decenni di carriera alle spalle ed esperienze un pochino più robuste di quelle del buon Calipari.   Segni dei  tempi.
Adesso è pur vero che  i governi non pagheranno ma alcune cose minori dovranno cambiare.  Una bolla impropria si è sgonfiata. E’ inevitabile che il  nuovo ruolo politico di Gianni Letta venga ridimensionato.  La responsabilità  del disastro  che ha messo in pericolo l’alleanza Italia-Usa è solo sua.  E non è cosa da poco.  In un Paese normale, in Slovacchia per esempio, uno al suo posto si sarebbe già dimesso.  Invece il Cavaliere,  cui  Letta è legato da  25 anni di segreti ai vertici Fininvest,  lo ha salvato. Ma l’illusione (che ristagna da tempo  al Quirinale) di utilizzarlo per soluzioni politiche più alte,  questa è cosa chiusa. La corsa è finita. Letta rimane a questo livello. Punto.  Si  scioglie anche l’anomala task force  che il sottosegretario stava creando attorno a se,  costituita da  uomini della Croce Rossa, prefetti da cerimonie e 007 occasionali.


Qualcosa accadrà anche ai vertici nei servizi segreti.  Niccolò Pollari,  direttore del Sismi, ha dettodi aver solo eseguito gli ordini del governo, cioè quelli di Letta. E con ciò crediamo che abbia lasciato una pessima impressione nei suoi  colleghi  americani,  che si tengono nei cassetti i nastri delle conversazioni tra Pollari e Calipari. Certo, il Sismi è un organo dello Stato italiano ma Pollari doveva  saperlo che  nella convivenza quotidiana esso “deve” andare d’accordo con i servizi americani, che  non amano certi eccessi di autonomia e che hanno tutte le tecnologie per scoprirli.  Nessun direttore  del Sismi d’altri tempi avrebbe commesso  errori simili. E,  guarda caso, le  iniziative spericolate della “task force” di Palazzo Chigi  erano  seguite nel resto d’Italia dal silenzioso distacco della diplomazia, della difesa, della sicurezza. Da notare le parole del ministro della difesa Antonio Martino (“Io in questa storia non ho voluto proprio metterci le mani”). Da notare il silenzio dei vertici del ministero dell’Interno sulla sfortunata utilizzazione di un proprio funzionario.

Anche se l’opposizione sta cercando di rimandare a dopo le elezioni del 2006 i cambiamenti della struttura della sicurezza,  qualcosa sta maturando. Per chiudere l’incidente, gli americani potrebbero suggerire una faccia nuova alla guida del  Sismi. Pollari  aspira da tempo a tornare alla Finanza, come comandante del corpo o come direttore della nuova agenzia per le entrate. La Difesa sta insistendo per rimettere  al Sismi un ufficiale di forza armata. Ma anche il direttore del Sisde  Mario Mori,  in difficoltà da tempo, è rimasto in piedi con l’aiuto di Marcello Dell’Utri e  del presidente del Senato Pera.  Per Mori la situazione è diventata insostenibile con l’apertura del processo per la mancata perquisizione del covo di Totò Riina.  Anche il Sisde,  nel frattempo,   sta intensificando la sua presenza all’estero, giustificata dalla minaccia dei flussi criminali dai Balcani e dal Mediterraneo.  

Per i servizi segreti sarebbe dunque il momento della sospirata riunificazione, per la quale anche Cossiga si sta agitando.
Un’unica struttura con varie braccia. Per guidarla si sussurrano nomi di carabinieri e  del prefetto  Giorgio Manganelli.  Ma si dice che nessuna soluzione potrà prescindere dai consigli di Gianni De Gennaro, il vero uomo d’influenza  sulle grandi questioni della sicurezza.  

Claudio Lanti
5.05.05

La Velina Azzurra N. 19 del  5.5.2005

Supplemento di  Italian Outlook – Facts and analysis
Reg. Tribunale di Roma N. 514/92 del 17/9/92
Via della Mendola 190 Roma 00135
Tel/fax/segreteria  06.3550.1661
Fax/segreteria 1786004559 (senza prefisso)
==================================
La Velina Azzurra esce con cadenza mediamente settimanale ma non prestabilita,  più lunga o più corta a seconda del nostro capriccio insindacabile, talvolta intervallata da fulminanti Veline-flash per gli sfizi da consumare espressi. Viene inviata per e-mail ma in casi speciali anche via fax.  Per riceverla -pagando un ticket- mandare una e-mail anche vuota [email protected]  Avrete in automatico le indicazioni necessarie.  Invece per contatti,  informazioni e altro scriverci  a  [email protected]  o in Via della Mendola 190 – Roma 00135.  Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. La Velina Azzurra è destinata in  esclusiva  ai suoi abbonati. Perciò può essere parzialmente riprodotta citando la fonte, ma non ridistribuita integralmente, a meno di preventivi e particolari accordi.   Mandarla in giro per e-mail o fotocopia sarebbe un abuso davvero poco nobile che, qualora scoperto,  costerebbe salato agli autori.

Pubblicato da Davide

  • tomlamm

    Rivolgo una preghiera a tutti voi.
    Nassirja, Calipari, Falluja…e oggi l’assoluzione del soldato che sparo al ferito in terra e infine dell’aguzzina di Abu Grahib…credo sia ora di dire BASTA!!!
    RIESPONIAMO TUTTI LE BANDIERE DELLA PACE ALLE NOSTRE FINESTRE.
    FACCIAMO SENTIRE IL NOSTRO FORTE DISSENZO A QUESTA GUERRA E A TUTTE LE GUERRE.
    FATE GIRARE LA VOCE SU TUTTI I FORUM, LE CHAT E LE MAILING CHE CONOSCETE…VI PREGO…PER FAVORE…INIZIAMO UN TAM-TAM CHE FACCIA SENTIRE LA NOSTRA VOCE A QUESTI CRIMINALI.
    GRAZIE.