AUSMIN 2023: L’imperialismo Usa trasforma l’Australia in una colonia militare per la sua guerra contro la Cina

Di Binoy Kampmark, southfront.org

I colloqui AUSMIN 2023, svoltisi tra i Segretari di Stato e della Difesa degli Stati Uniti e le loro controparti australiane, hanno confermato la crescente e inspiegabile militarizzazione del nord australiano e la sua preparazione per un futuro conflitto con Pechino.

I dettagli erano scarsi, la retorica era ambiziosa. Ma la performance australiana del Ministro della Difesa Richard Marles e del Ministro degli Esteri Penny Wong è stata strisciante, deplorevole, persino scandalosa. Il Segretario di Stato Antony Blinken e il Segretario alla Difesa Lloyd Austin III hanno potuto solo guardare con puro stupore i loro ospiti prostrati.

Il denaro, in gran parte proveniente dal budget militare degli Stati Uniti, viene riversato per migliorare, espandere e riqualificare le basi della Royal Australian Air Force (RAAF) nella città di Darwin, nel Territorio del Nord, e a Tindal, situata a 320 km a sud-est di Darwin, con l’obiettivo di “risolvere le carenze funzionali e le limitazioni di capacità delle strutture e delle infrastrutture esistenti”. Sono state proposte anche due nuove sedi presso le basi RAAF Scherger e RAAF Curtin, con l’ausilio di ricerche in loco.

La dichiarazione congiunta dell’AUSMIN, pur non rivelando nulla in termini di dettagli operativi o di costi, si è rivelata pesante nel parlare dell’ “ambiziosa traiettoria della Cooperazione per il consolidamento delle posizioni di forza nei domini terrestre, marittimo e aereo, nonché della Combined Logistics, Sustainment and Maintenance Enterprise (CoLSME)”. Inoltre, ci sarà una “cooperazione aerea rafforzata” con un “velivolo di pattugliamento e ricognizione marittima della Marina USA a rotazione in Australia per migliorare la comprensione del dominio marittimo regionale, con l’ambizione di invitare partner affini a parteciparvi in futuro”.

Sono emersi ulteriori dettagli sul denaro speso dal Pentagono per le strutture a Darwin. Il progetto FY22 MCAF PAF160700 Squadron Operations Facility at the RAAF Darwin,FY22 MCAF PAF160700 Squadron Operations Facility at the RAAF Darwin, dal titolo poco romantico, “comprende la costruzione (progettazione-offerta-costruzione) di una struttura per lo squadrone dell’Aeronautica Militare degli Stati Uniti presso la … (RAAF) a Darwin, Australia”.

Il progetto è ritenuto necessario per aggiungere spazio “per l’equipaggiamento di volo del personale aereo, la manutenzione e la cura, la pianificazione della missione, l’intelligence, i briefing della squadra, la preparazione della stessa e il lavoro accessorio correlato”. Alcuni dei sistemi sono banali ma ritenuti importanti per una struttura ampliata, tra cui la ventilazione e l’aria condizionata, il riscaldamento dell’acqua, l’impianto idraulico, i contatori e i sottometri di energia e un sistema di automazione dell’edificio (sistema di controllo HVAC).

I corrispondenti dell’Australian Broadcasting hanno approfondito la struttura operativa, consultando i documenti di bilancio e le gare d’appalto degli Stati Uniti per rivelare una valutazione dei costi di 26 milioni di dollari (40 milioni di dollari australiani). Nella pianificazione è presente anche un ulteriore spazio di sosta presso la RAAF Darwin, il cui costo è stimato nell’ordine di 258 miliardi di dollari. Ciò integrerà ulteriormente i piani per la creazione dell’impianto di stoccaggio di carburante East Arm per l’Aeronautica Militare degli Stati Uniti, situato a 15 chilometri da Darwin, che dovrebbe essere in grado, una volta completato entro settembre di quest’anno, di immagazzinare 300 milioni di litri di carburante per jet militari, destinati a sostenere l’attività militare degli Stati Uniti nel Territorio del Nord e nella regione indo-pacifica.

Secondo i documenti della gara d’appalto, la struttura operativa dello squadrone ha anche un significato più ampio e strategico: “sostenere le operazioni strategiche e svolgere esercitazioni multiple di 15 giorni durante la stagione secca del NT per gli squadroni B-52 schierati”.

La riqualificazione della struttura RAAF di Tindal, che dovrebbe concludersi nel 2026, è destinata anche ad ospitare sei bombardieri B-52. Data la loro capacità nucleare, i residenti nel NT dovrebbero provare un adeguato grado di terrore.

Michael Shoebridge, fondatore e direttore di Strategic Analysis Australia, non è troppo soddisfatto di questo scenario. Non è soddisfatto della reticenza di Canberra sugli accordi militari tra Stati Uniti e Australia, e non è troppo entusiasta di un dibattito che viene condotto solo da fonti statunitensi.

“Un dibattito pubblico deve essere abilitato dall’informazione e non si può avere un quadro completo senza sapere dove vengono spesi i soldi”.

Sebbene sia difficile non essere d’accordo con questa impostazione, il gruppo di Shoebridge, in linea con i think tank come l’Australian Strategic Policy Institute, non è contrario a trasformare l’Australia in uno Stato-fortezza in prima linea, pronto alla guerra.

Ciò che lui e i suoi colleghi contestano è il ruolo dominante degli Stati Uniti nell’impresa. I dirigenti di Washington, sostiene Shoebridge, sembrano “capire l’urgenza che noi non sembriamo comprendere”. Piuttosto che mettere in discussione la necessità dell’Australia di una capacità militare più grande e più minacciosa per combattere fantasmi e avversari stranieri immaginari, accetta la premessa, con tutto il cuore. Canberra, in breve, dovrebbe contribuire di più, fare la sua parte e raccogliere personale australiano per le uccisioni.

Anthony Bergin, senior fellow di Strategic Analysis Australia, approfondisce l’idea di questo coinvolgimento, suggerendo una formula familiare. Insiste sul fatto che, al fine di migliorare

“la nostra sicurezza nazionale, dovremmo esaminare opzioni diverse dalla chiamata di leva, che non sarebbero così difficili da vendere al popolo australiano”.

Ritiene che il momento sia perfetto per una tale mossa.

“C’è ora un appetito latente per i nostri leader politici che vogliono introdurre misure per rafforzare la resilienza nazionale”.

Questa sciocca lettura ha senso solo se si presuppone che il pubblico australiano sia stato sufficientemente ammorbidito da tali affronti isterici alla sensibilità come la campagna Red Alert condotta dalla Fairfax Press.

Le opzioni per aggiungere spessore alla preparazione militare dell’Australia includono il raddoppio o la triplicazione dei cadetti scolastici e dei programmi per i cadetti del tipo “outdoor bound” su base regionale. Ma più importante sarebbe la creazione di un “programma di addestramento della milizia nazionale”. Bergin è tuttavia scontento della difficoltà di trovare “volontari di qualsiasi tipo”, un commento strano visto l’enorme esercito di volontari non retribuiti che gestisce l’erogazione di numerosi servizi in Australia, dalla beneficenza alla lotta antincendio.

Alison Broinowski, anch’essa ex membro del corpo diplomatico australiano, conclude con sicurezza che le mosse attuali costituiscono “un altro passo nella stessa direzione, un passo che il Governo sta compiendo in serie da anni; accettare qualsiasi cosa il Governo degli Stati Uniti voglia collocare sul suolo australiano”. È un vero peccato che la maggior parte dei dettagli provenga da fonti di Washington, indicando, con inconfutabile finalità, l’abietta subordinazione di Canberra all’impero statunitense e il suo rifiuto di ammetterlo.

Di Binoy Kampmark, southfront.org

05.08.2023

Binoy Kampmark è stato borsista del Commonwealth presso il Selwyn College di Cambridge. Attualmente insegna alla RMIT University (Royal Melbourne Institute of Technology).

Fonte: https://southfront.org/building-for-war-the-us-imperiums-top-end-spend/

Titolo originale – Building for war: The Us Imperium’s top end spend

Traduzione a cura della redazione di ComeDonChisciotte.org

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
23 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
23
0
È il momento di condividere le tue opinionix