Attenti alla muffa (e agli antimuffa)

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

A volte asma, tosse, dermatiti e riniti ricorrenti possono dipendere dalla muffa che cresce insidiosa dietro i mobili o agli angoli dei muri di alcune case.
Le spore microscopiche delle muffe, infatti, una volta inalate, provocano in persone con basse difese immunitarie vari sintomi che vanno dalle irritazioni cutanee a quelle di naso, gola e occhi, dalla cefalea all’affaticamento, fino ad arrivare, in soggetti particolarmente allergici, a polmoniti da sensibilizzazione.

Le muffe traggono nutrimento dall’umidità, dallo sporco e da una grande varietà di materiali: legno, cellulosa, fibre vegetali, colle e vernici contenenti sostanze proteiche.
Il controllo della temperatura e dell’umidità ambientale è quindi molto importante. Le specie fungine più diffuse negli edifici (quelle appartenenti ai generi Aspergillus Penicillium) possono riprodursi agevolmente in un intervallo che va dai 20 ai 30 gradi e la presenza di condensa o eccesiva umidità condiziona fortemente la crescita delle colonie.

Che fare allora?

Prima di tutto è necessario regolare il microclima ambientale domestico e arieggiare i locali minimo due tre volte al giorno. Le finestre di cucina e bagno, le stanze dove si forma maggiormente il vapore acqueo, vanno aperte spesso.
Bisogna poi controllare – ed eliminare – l’eventuale presenza di infiltrazioni d’acqua attraverso la struttura dell’edificio. Anche l’impianto di condizionamento va pulito e disinfettato periodicamente per evitare la formazione di condensa.

La muffa esistente va tolta. In alternativa alla candeggina (che è efficace, ma anche inquinante), puoi ricorrere a un prodotto tutto naturale che puoi preparare facilmente in casa.
Ecco come si procede secondo la ricetta di Lucia Cuffaro, Presidente nazionale del Movimento per la Decrescita Felice e organizzatrice di corsi di autoproduzione e autosufficienza:

Munisciti di flacone con pistola a spruzzo e miscela all’interno 50 ml di acqua distillata, 200 ml di aceto di vino bianco e 30 gocce di olio essenziale di tea tree, un potente fungicida naturale.
Agita bene e spruzza la soluzione direttamente sulle zone colpite da macchie di muffa, lasciando agire per circa un minuto. Trascorso il tempo, rimuovi con un panno in microfibra. Non serve risciacquare.
Già dal primo trattamento potrai apprezzare efficaci risultati, ma l’operazione va ripetuta una volta a settimana finché il problema non sia completamente risolto.

È una preparazione che si conserva per 30-45 giorni. Attenzione, invece, ai prodotti chimici presentati come ‘la soluzione del problema’. In Germania è stato constatato che molti di questi, in realtà, sono ancora più dannosi delle stesse spore della muffa per via del rilascio nell’aria di sostanze per niente salutari.

__

VB

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
4 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
4
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x