Assange: Alta Corte respinge appello contro estradizione

I giudici di Londra hanno negato il ricorso agli avvocati del fondatore di Wikileaks che presentavano prove di Amnesty contro le garanzie USA di non sottoporlo a carcere duro

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Julian Assange non potrà presentare ricorso contro la sua estradizione negli Stati Uniti. Così ha sentenziato l’Alta Corte di Londra, la quale doveva dare il via libera al ricorso dei legali del giornalista australiano – ormai in condizioni fisiche e mentali devastate dopo tre anni nella prigione inglese di Belmarsh – che si appellavano contro la sentenza di estradizione, non riconoscendo come valide le garanzie degli Stati Uniti di non sottoporlo al carcere duro, citando a proposito fonti di Amnesty International. Ma, fanno sapere Stella Assange e Wikileaks, i giudici inglesi gli hanno negato un ulteriore dibattimento. Ora, resta solo il ministro dell’interno britannico Priti Patel tra Julian Assange e l’estradizione negli States.

Il processo al fondatore di Wikileaks segna una svolta storica nel processo di morte definitiva della libertà di stampa e diritto di cronaca nel cosiddetto “mondo libero”: per la prima volta, infatti, viene equiparata da una corte la libertà di cronaca con lo spionaggio internazionale, contravvenendo a tutti i principi di indipendenza dei cronisti su cui si fondava l’impianto ipocrita della società occidentale. La nostra epoca è quella della transizione tra gli ultimi vagiti delle fu democrazie e l’inizio del medioevo tecnologico. Assange, reo di aver pubblicato dei documenti governativi segreti che testimoniavano le atrocità del governo americano in Iraq e le famosissime “Podesta emails” che hanno mostrato al mondo lo scandalo della pedofilia nelle alte sfere del partito democratico, deve essere da esempio per tutti i cercatori della verità. Non dimentichiamo che sono dodici anni che la sua vita è diventata un vero e proprio inferno, tra fughe e arresti, senza che egli abbia mai commesso alcun reato, se non quello di mostrare al mondo dei documenti. Questo è estremamente significativo rispetto alla nuova era che ci si para davanti, dove la libertà di parola è morta per sempre.

MDM 15/03/2022

Fonte https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-regno_unito_nega_a_julian_assange_il_permesso_di_appellarsi_contro_lestradizione_negli_usa/82_45597/

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x