Aosta: 20enne con miopericardite dopo la terza dose

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

I vaccini hanno un’efficacia sulla profilassi collettiva, i numeri lo dicono: a fronte del nuovo picco dei contagi, se paragonato a quello dell’inverno scorso, l’impatto sulle strutture sanitarie è minore, anche se – alla lunga – la pressione sugli ospedali rischia di diventare di nuovo elevata. Le testimonianze in effetti ci dicono, già ora, che il Parini non se la stia passando proprio alla grande.

In mezzo a questa situazione complessa e intricata, che ci sta dilaniando da due anni, fatta di numeri e statistiche, ci sono anche storie, episodi e drammi individuali che però meritano attenzione. Sembra il caso di un giovane ventenne valdostano, ricoverato con una certa urgenza una settimana fa circa, ad inizio anno nuovo. Il ragazzo si è presentato al Pronto Soccorso del Parini con febbre e dolore toracico. Dagli accertamenti medici poi è emerso che il giovane sarebbe stato postivo al SARS COV 2 e in corso di una miopericardite. Il paziente è stato dunque ricoverato in terapia intensiva, sotto sorveglianza sanitaria.

Qual è l’elemento di eccezione di questo caso “chez nous”? Pare che il ragazzo si fosse sottoposto solo qualche giorno prima alla terza dose di vaccino anticovid con Moderna e nonostante ciò era positivo al Covid-19, nonché affetto da una miopericardite non riscontrabile in precedenza. La quale – per inciso – è proprio un effetto collaterale che pare presentarsi con frequenza fra i giovani vaccinati a cui è stato invece accertato il nesso “causa-effetto avverso” con la somministrazione.

Al momento potrebbe non essere questo il caso del giovane, miopericarditi – per quanto rare – possono avere origini diverse, la compresenza stessa di un virus potrebbe averne comportato l’emersione. ll caso però rimane singolare e meriterebbe un’indagine eziologica approfondita, probabilmente in corso o già occorsa, specie in virtù della giovane età del soggetto. In ogni caso, non resta augurare di cuore – davvero con tutto il cuore del mondo – una pronta guarigione al giovane ragazzo.

Fonte articolo: https://aostanews24.it/ventenne-ricoverato-miopericardite-e-covid-positivo-aveva-fatto-la-terza-dose

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x