6 agosto 2021

di Massimo Viglione

6 agosto 2021
Da oggi l’Italia è ufficialmente divisa in due popolazioni, in una sorta di guerra civile per ora non armata ma ugualmente intrisa di odio.
Schiavi e collaborazionisti da un lato, liberi e ribelli dall’altro.
Persecutori i primi, perseguitati i secondi. E non vi è tema di errore in questa affermazione, tutt’altro che esagerata.
I secondi appartengono alla schiera di chi non potrà più sedersi ai tavoli del bar, prendere treni e aerei, entrare in molti posti pubblici e privati, fare convegni (e tutto quello che vieteranno nei prossimi tempi).
Tutto il potere politico, religioso, mediatico e poliziesco è con i primi, pochi medici, scienziati e giuristi onesti e lucidi sono al fianco dei secondi.

Eppure, al di là dei risultati effettivi che questo Green Pass potrà ottenere (o, forse, proprio per la consapevolezza di questa insicurezza) il Leviatano non è tranquillo…
E fa bene a non esserlo.
Da domani si resiste e si combatte.
Nella consapevolezza che il Green (transizione ecologica) Pass (totalitarismo oppressivo e violento) è solo l’inizio. Credo che sarà un fallimento, ma questo renderà ancora più crudeli i cuori dei cacicchi asserviti ai potentati che dirigono il mondo oggi, che nei prossimi mesi ci imporranno ben altre schiavitù, a partire da quella fisica dell’isolamento totale.
Si combatterà ovviamente non solo “nei termini della legge”, come si suole dire comunemente, ma proprio in nome della legge.
Qui il vero unico sovversivo e ribelle è lo Stato e tutti i suoi servi, politici in primis, traditori in primis, collaborazionisti in primis, mentre i veri rispettosi della legge (sia naturale che positiva) sono proprio i ribelli.
Perché la storia la fanno le minoranze libere e ardite.

Io non ho e non avrò il Green Pass.
Sono e rimango Massimo Viglione. Quello di sempre, come Dio mi ha creato.
Sarei stato contro Lutero nel 1517, con i giacobiti scozzesi contro gli inglesi nel XVIII secolo, con i vandeani in Francia durante la Rivoluzione, con gli insorgenti italiani contro Napoleone, con i “briganti” e gli zuavi contro la Rivoluzione Italiana, con i russi bianchi cento anni fa, con i Cristeros in Messico, con i carlisti in Spagna, tanto nel XIX che nel XX secolo.
Sono stato contro questa società tutta la mia vita, come ribelle al mondo (e al clero) del Sessantotto.
Ora sono contro il totalitarismo sanitario, il loro Grande Reset e il loro Nuovo Ordine Mondiale, che è la cosa più vecchia del mondo. La punta finale della Rivoluzione gnostica, massonica, liberal-ugualitaria e mondialista.
Ecco. Mi farete perdere il lavoro? Mi prenderete per fame? Mi prenderete fisicamente?
È tutto già successo. Accade ai figli di Dio.
Ma, credo e spero, che questa volta siamo meno soli di quanto pensiate.

Invito solo tutti gli uomini liberi a non dimenticare mai chi ha tradito (politici in primis) e chi è fedele. Chi è con il “Green Pass” e chi con la libertà e la normalità umana. Chi tace, per paura o interesse personale, e chi si espone per l’interesse di tutti.
Da oggi, 6 agosto 2021, si comincia.

Prof. Massimo Viglione
FONTE: Canale Telegram “Amici dei Triarii”
https://t.me/Amici_dei_Triarii/198

Scelto e pubblicato da Valentina Bennati – ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
12 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
12
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x