Home / 2014 / giugno / 16

Archivi giornalieri: 16 giugno 2014 , 23:10

GEAB n. 86 – LA GRANDE RICONFIGURAZIONE GEOPOLITICA GLOBALE

FONTE: LEAP2020 Lo scorso mese abbiamo anticipato che la crisi ucraina avrebbe fornito le condizioni per un sussulto (salvifico dell’Europa, ndt). [1] Per mancanza di spazio (ed anche perché questo sussulto era così evidente nel resto del mondo!) abbiamo tentato di segnalarne le premesse unicamente sul lato europeo. Questo mese ci concentreremo, invece, sulle conseguenze globali generate dalla fenomenale accelerazione di tutte le tendenze strutturali del “mondo-del-dopo”, [2] che saranno all’opera per un lungo periodo di tempo. Dopo quasi 6 …

Leggi tutto »

LA STRATEGIA DEL GAMBERO

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.it Francamente, tutto ci saremmo attesi di questi tempi – che la Bosnia vinca il Mondiale, che un astronauta Maori scenda su Marte, che la Santanché prenda il velo… – ma mai, dico proprio mai avremmo immaginato due penitenti – tali Giuseppe Grillo e Gianroberto Casaleggio – impegnati a salire, col fiatone, la ripida via che conduce al castello di Canossa dove li attendeva una rinnovella Matilde, ossia un certa Boschi, che fa da chaperon(esse) all’imperatore LoRenzo …

Leggi tutto »

GRILLO ANNASPA. E LEGITTIMA RENZI

DI FEDERICO ZAMBONI ilribelle.com Non ne fa più una giusta, Beppe Grillo. Vedi quest’ultimissima sortita che è apparsa ieri sul suo blog e che ha per titolo «Legge elettorale: Renzi, batti un colpo». In pratica, un invito al presidente del Consiglio a confrontarsi, quantomeno su questo specifico tema, anche col M5S. Spiegazione del cambio di atteggiamento: «Renzi è stato legittimato da un voto popolare e non a maggioranza dai soli voti della direzione del Pd». Una corbelleria che sconfina nella …

Leggi tutto »

AIUTIAMO LA CRESCITA CON UNA GUERRA MONDIALE

FONTE: ZEROHEDGE.COM Non è un segreto che, man mano che si realizza il New Normal della Fed centralmente pianificata, i pianificatori centrali uno dopo l’altro, e praticamente tutti gli economisti, risultano in fallo nelle loro continue previsioni di un’ “imminente” ripresa dell’economia, che dovrebbe verificarsi da un momento all’altro, ed è sempre dietro l’angolo. Eppure, quasi sei anni dopo Lehman, e cinque anni dopo la fine dell’ultima “recessione” (anche se per la maggior parte dei paesi la depressione infuria ancora), …

Leggi tutto »