Home / ComeDonChisciotte / SE IL GIOCO SI FA DURO…
14148-thumb.jpg

SE IL GIOCO SI FA DURO…

PEPE ESCOBAR

facebook.com

Una delle mie fonti più sicure sul “gioco dei duri” – tra l’altro, un newyorchese – mi ha mandato questo commento. Avrò modo di capire sul serio, se domani anche il governo russo comincerà a giocare.

“Il problema principale non è quello dei ricavi fiscali della Russia, anche perché vanno di pari passo con i problemi del rublo e del petrolio che stanno scendendo con lo stesso ritmo. Questo deprezzamento del rublo è un incentivo importante e necessario che servirà per cambiare l’economia russa e per spingere i russi a fare tutto da soli.”

“Il loro problema principale è il debito estero che è di circa 600 miliardi. Capisco chi consiglia al governo russo di dichiarare default, perché vendere rubli per comprare dollari e pagare gli interessi e tutto il resto è veramente molto, troppo, costoso. I russi però potrebbero dichiarare una moratoria e questa possibilità si sta prendendo molto seriamente in considerazione. Infatti potrebbero prima negoziare su questo punto, vista la possibilità che ( questo loro problema) provochi una conflagrazione economica in tutto l’occidente, dopo l’impazzimento dei mercati presi dall’isteria e dopo che la Gestione dei Capitali a Lungo Termine, con oltre 1,3 miliardi di dollari di derivati, ha quasi provocato un crollo dell’intero sistema finanziario occidentale verso una crisi finanziaria simile a quella russa del 1998 (che cominciò il 17 agosto 1998)”

“La Russia avrebbe potenzialmente molte contromisure contro le sanzioni, come – ad esempio – tagliare tutte le forniture di gas naturale e di petrolio all’Unione Europea, mossa che farebbe crollare l’economia mondiale, oppure non pagare tutti i suoi debiti esteri pubblici e privati a creditori che vivano al di fuori della Federazione russa, cosa, anche questa che scuoterebbe l’Unione Europea dalle sue fondamenta. La Russia è quasi interamente autosufficiente per le sue esigenze per effetto del suo alto potenziale minerale e agricolo. Quindi potrebbero scrivere una legge che vieti a qualsiasi impresa di pagare interessi su tutti i debiti o gli impegni economici che non siano denominati in rubli.”

Pepe Escobar

Fonte: https://www.facebook.com/pepe.escobar

Link: https://www.facebook.com/pepe.escobar.77377/posts/10152884022081678?pnref=story

11.12.2014

Pubblicato da Bosque Primario

  • Earth

    Ma e’ possibile che solo Pepe Escobar scrive cose sensate?

    La Russia è quasi interamente autosufficiente per le sue esigenze per effetto del suo alto potenziale minerale e agricolo.
  • leopardo

    " spingere i russi a fare tutto da soli." Questa politica é ipotizzabile per la Russia e tutto lascia prevedere che essa si avvierá proprio su quella strada. Ma il fatto rilevante é che il ricorso all´autarchia sará la scelta ovvia  anche per paesi come l`Italia e gli altri pigs, non appena saranno forzati ad uscire dall´euro. Insomma la Russia sta innescando un nuovo importantissimo corso degli eventi anche per noi, perché autarchia significa anche ripresa della sovranitá da parte del paese che la applica e quindi un trasferimento dei poteri alla politica, a scapito di capitalismo ed alta finanza che vedranno fortemente ridimensionato il loro progetto di globalismo che li vedeva come unici beneficiari e padroni assoluti del pianeta.

  • Blackrose4400

    Mah… che la Russia possa pensare di fare da sola posso anche crederci. Ma che l’Italia possa seguire l’esempio ho i miei seri dubbi. L’ultima (forse unica) volta che ci ha provato non è finita molto bene, non credi?

  • SanPap

    e allora che si fa ?

    consideriamo alleati chi ci dice "o fai come dico io o te ne vai a … "

  • clausneghe

    Sono d’accordo con Leopardo. Una sana autarchia rilancerebbe la sovranità monetaria e politica e caccerebbe fuori dai co..ioni il capitalismo rapinatore violento demente terminale. Punto.

  • Vocenellanotte

    In una economia di mera sussistenza l’autarchia sarebbe praticabile, anzi ne è la causa.

    L’Italia non ha materie prime importanti, né energia fossile, né di conseguenza chimica, farmaceutica, fertilizzanti. Anziché rincorrere i miti della vita sana e agreste, sarebbe meglio lottare (e agire nel privato, tutti i giorni) perché ogni abitante della terra abbia la sua parte di dignità e benessere. Ce n’é in abbondanza per tutti.
  • Aloisio

    la verità potrebbero scriverla in molti, ma prima di tutto bisogna essere uomini liberi ! e non è che ce ne siano molti in europa. Non parliamo poi dei giornalisti degradati molto più di qualsiasi infima porstituta; dato che al contrario di quest’ultima che concede il corpo, loro cedono quello che di più grande possa avere un uomo degno di questo nome; la propria anima, la propria coscienza, la propria dignità .

  • lucamartinelli

    quoto.

  • giannis

    Verissimo

  • egenna

    Sembra che sotto l’Adriatico settentrionale esista uno dei più grandi giacimenti di gas dell’Europa,dico sembra, perché la notizia è apparsa brevemente, e non ricordo neppure dove.

    Sembra anche non si possa fare nulla perché in Europa, sono vietate,credo, le trivellazioni a tot chilometri dalle coste.
    Tutte le notizie,quando sono celate,vuol dire che hanno un fondo di verità.
    Fosse vero,questo risolverebbe il problema energetico Italiano, in prima istanza.
    Il resto sarebbe automatico.
    Prima però,sicuramente bisogna mandare a casa quel migliaio di farabutti con tutti i loro accoliti e sottoposto che sono in quel di Roma,  che da sessant’anni ci prendono per i fondelli.
    Cordiali saluti