Home / ComeDonChisciotte / PASQUA DI SANGUE: L'AGNELLO E IL BUON PASTORE
16176-thumb.jpg

PASQUA DI SANGUE: L'AGNELLO E IL BUON PASTORE

DI ALESSANDRA COLLA

alessandracolla.net

Sta arrivando Pasqua, e io sono di pessimo umore.

Lo sono sempre, per la verità: il peso delle infinite, atroci, immotivate e inutili crudeltà che la specie cui (sempre più mio malgrado) appartengo infligge ai non-umani in ogni maledetto momento in tutto il globo, senza soluzione di continuità, senza tregua, senza batter ciglio — questo peso mi affatica da mezzo secolo, da quand’ero una bambina. È sempre lì, sordo, costante, un dannato rumore di fondo che non svanisce mai del tutto: forse tutto quello che ho fatto e che faccio è solo un patetico tentativo di soffocarlo? Me lo sono chiesto spesso, ma non trovo risposta

So che tutti quelli che si occupano, in modi diversi e a vario titolo, della liberazione animale e dei problemi a essa connessi sperimentano ineluttabilmente, prima o poi, un senso di rabbia e di impotenza. Non so come fanno gli altri a superarlo. Io ci son dentro con tutte le scarpe.

Dunque dopodomani sarà Pasqua. Continuo a ritenere quantomeno bizzarro e soprattutto ripugnante che per “tradizione” ci s’incaponisca a celebrare una resurrezione ossia una rinascita ammazzando milioni di cuccioli — «tantum religio potuit suadere malorum», diceva Lucrezio duemila anni fa. Vivesse oggi, chissà che penserebbe.

Cinque anni fa ho messo per iscritto alcune mie considerazioni sul modo in cui quella “tradizione” che dicono stia alle radici dell’Europa (ma io non ne sono affatto convinta) considera il non-umano. Ne ho offerto qui una versione parziale; ma le ripropongo integralmente — al link in calce, in formato pdf — a chi vorrà leggerle (ne esiste anche una versione più ampia e articolata, ma per ora è in un cassetto).

Non auguro “buona Pasqua” a nessuno, mi si comprenderà. Buona lettura, però, a chi vorrà cimentarsi.

Il monoteismo giudaico-cristiano e il non-umano

Alessandra Colla

Fonte: www.alessandracolla.net

Link: http://www.alessandracolla.net/2016/03/25/pasque-di-sangue-lagnello-e-il-buon-pastore/

25.03.2016

Pubblicato da Davide

  • lanzo

     Articolo puntualmente inevitabile in occasione di Pasqua…

  • Teopratico

    Chi nella vita non vuol star bene le pensa tutte pur di soffrire.

  • Hito

    Queste sono le donne sinistre, politicamente corrette, culturalmente aperte al nuovo, affaticate da mezzo secolo di battaglie per i diritti degli animali, e che non scrivono una cazzo di riga per parlare di come sono stati ridotti gli esseri umani in Grecia, Spagna e Italia, dall’Europa dei nobili ideali.
    Auguro a Voi di diffidare di chi ama piante, animali, ma ha zero rispetto per gli esseri umani; all’autrice auguro, dopo tante battaglie, un sano, meritato, eterno riposo -.-

  • blobbb

    ci sono persone che non hanno niente da fare e pensare nella vita…

  • luiginox

    la propaganda vegana/chì chì sta diventando insopportabile

  • Tao

    Alcune volte si può anche non commentare.

  • SanPap

    strane rimozioni:

    l’islam ha due feste in cui vengono sacrificati ritualmente (sgozzati e lasciati morire dissanguati) degli animali: fine del ramadan e festa del sacrificio

    http://www.ilgiornale.it/news/politica/como-giunta-autorizza-festa-islamica-sacrificio-insorge-lega-1169188.html [www.ilgiornale.it]

    l’infibulazione no circoncisione si

  • ohmygod

    LOL:- la Colla sostituì l’immagine.

  • Boero

    I commenti sono scritti in 12 secondi e mezzo e spesso sono scritti in modo tanto più rapido tanto più è grossa l’incazzatura,questo pone un problema perchè nessuno ama una risposta ”a muso duro”,tuttavia bisogna chiedersi l’origine di questa rabbia che ha generato la risposta a muso duro (per me ampliamente giustificata).

    Hemingway in modo del tutto pacato diceva esattamente le stesse cose di quanti hanno criticato l’articolista perchè hanno ”percepito” che dietro la finzione dell’amore per gli animali c’è in realtà il disprezzo verso i propri simili:
    Ernerst Hemingway: Identificazione con gli animali e crudeltà verso gli esseri umani
    “Secondo le mie  osservazioni direi che la gente potrebbe venir distinta in due gruppi generali: coloro che, per usare un termine del gergo della psicologia, s’identificano con gli animali, vale a dire si pongono al loro posto, e coloro che s’identificano con gli esseri umani.
    Io sono persuaso per esperienza e osservazione che coloro i quali s’identificano con gli animali, vale a dire gli innamorati quasi professionisti di cani e altre bestie, sono capaci di una maggiore crudeltà verso gli esseri umani, di coloro che stentano a identificarsi con gli animali.
    Pare che ci sia una scissione fondamentale tra la gente, su questa base, anche se la gente che non s’identifica con gli animali può essere capace, pur senza amare gli animali in genere, di sentire un grande affetto per un animale singolo, per esempio un cane, un gatto o un cavallo…”

  • Boero
    Ernerst Hemingway: Identificazione con gli animali e crudeltà verso gli esseri umani
    “Secondo le mie  osservazioni direi che la gente potrebbe venir distinta in due gruppi generali: coloro che, per usare un termine del gergo della psicologia, s’identificano con gli animali, vale a dire si pongono al loro posto, e coloro che s’identificano con gli esseri umani.
    Io sono persuaso per esperienza e osservazione che coloro i quali s’identificano con gli animali, vale a dire gli innamorati quasi professionisti di cani e altre bestie, sono capaci di una maggiore crudeltà verso gli esseri umani, di coloro che stentano a identificarsi con gli animali.
    Pare che ci sia una scissione fondamentale tra la gente, su questa base, anche se la gente che non s’identifica con gli animali può essere capace, pur senza amare gli animali in genere, di sentire un grande affetto per un animale singolo, per esempio un cane, un gatto o un cavallo…”

  • Tao

    …e pensa che sua madre lo vestiva e lo pettinava da bambina, che suo padre gli regalò per i suoi 10 anni un fucile, e che lui si vantava, prima di quell’età, di aver ucciso un riccio a colpi d’ascia.

  • Tao

    Appunto..”.in 12 secondi e mezzo” (sic)

  • temuchindallaCina

    Un articolo inutile, mi sono sforzato di leggerlo tutto, ma non ci ho trovato molto di condivisibile. Per me gli agnelli, capponi, tacchini e altro genere di animali che vengono sacrificati per le feste religiose e non, rappresentano una tradizione che non condivido ma che rispetto per le idee altrui. Io invece le auguro BUONA PASQUA.

  • Boero

    Bhe scusami ma non è che il tuo commento sia molto più elaborato

  • giannis

    Non e’ cosi secondo me : Semplicemente l’umano ha dentro sia il male che il bene , quindi nell’ umanita’ succedono entrambi , quindi la vita umana e’ sofferenza…..bisogna essere forti

  • Hito

    E rinunciare ad esprimere il mio totale disprezzo, perchè dovrei?
    Perchè lo dici tu?
    Pensa che prima di commentare ho anche dato una sbirciata al suo sito… se commentassi altri articoli presenti, non sai cosa arriverei a dire!

  • Boero

    Come direbbe Embè Marchetti:embè?

  • Boero

    No ma io infatti ti ho dato ragione,hai il mio più pieno appoggio

  • Nathan

    Il post mi ricorda il silenzio degli innocenti quando il male indica al bene che non dimenticava i lamenti delle bestie. Che tristezza poteva essere un poco più originale.

    Comunque il bello della democrazia sta anche in questo il poter esprimere le proprie idee liberamente, aggiungo io … Con stile però 
    Buona pasqua ne abbiamo bisogno 
  • Hito

    Si, avevo capito, grazie! … la risposta era a Tao, ma il sito le allinea in maniera un po’ incomprensibile.

  • blobbb
  • helios

    L unica cosa interessante e il salame di Cruciani, nel senso del maiale

  • spadaccinonero

    hai perfettamente ragione Teo,nella sua estrema semplicità,  il tuo pensiero è davvero eccelso

  • castagna

    Arrivano i Buoni…

    Continuo a chiedermi perché,
    per esempio, questi moralisti non stigmatizzino mai la abitudine di tenere cani
    in città per il proprio sollazzo, eppure per nutrire i cani devono
    ammazzare centinaia di altri animali, e non solamente un giorno
    l’anno, tutti i giorni. Una strage, per esprimerla nei loro termini,
    e senza neanche la giustificazione dell’alimentazione, no, per puro
    sollazzo.

    Eppure ci sono vegani,
    animalisti, moralisti, i Buoni insomma, che tengono cani per puro
    loro piacere. Ma loro possono uccidere, sono Buoni.

    E poi dove finiscono tutti
    gli animali uccisi per darli in pasto ai cani ? Finiscono in merda e
    piscia per tutta la città… molto ecologista. Ma loro, i Buoni,
    sono ecologisti, animalisti, e possono uccidere e inquinare, non
    gliene frega niente degli altri, uomini o animali che siano.

    Sono andato a vedere il sito
    di questa Colla: non una parola contro il vezzo di possedere cani,
    niente. Patente ipocrisia.

    La cosa peggiore è che tra
    queste persone moralmente e intellettualmente confuse il Sistema
    recluta poi gli utili idioti che servono per attaccare violentemente
    gli avversari politici. Questi sono ormai un nuovo gruppo di
    sociopatici, coccolati dal Sistema a cui non pare vero di avere
    sempre nuovi fanatici da telecomandare.

    (commento scritto in 120
    secondi o poco più, se la cosa non scoccia, e sopra tutto perché
    non merita più tempo)

  • ottavino

    Troppo caro l’agnello per noi poveracci. E figurarsi la colomba….

  • Teopratico

    Non è un gran merito il mio, vivo io stesso una serie infinita di disagi a stare a questo mondo e mi risulta facile scovare le altrettante infinite cause, ma una cosa che mi sono obbligato a fare è non rompere i coglioni al prossimo, non sentirmi santificato per i miei comportamenti e non giudicare, altrimenti ci isola e ghettizza dietro palizzate sempre più robuste. É geniale a proposito secondo me l a parodia di Crozza del cuoco veganofrocio a cui viene l’acquolina e rimane pietrificato quando la voce fuori campo lo pungola con descrizioni delle prelibatezze carnivore della nostra cucina tradizionale.

  • Teopratico

    Si ma quando addenti un entrecote in un ristorante di Bordeaux col vino rosso nel calice tutto ti é più lieve, così come ogni volta che ricordi quel momento. Pensa alla salute, altro non so dire compa’.

  • ilsanto

    Senta io sono stufo, praticamente non esiste più nulla che si possa mangiare tranquillamente, cito a caso le carni rosse sono al bando, spada e tonno contengono mercurio, i polli sono maltrattati, gonfi di antibiotici ed ormoni, i semi sono OGM, sui limoni ci sono fungicidi cancerogeni, le banane fanno più morti tra i coltivatori che consumatori, il vino contiene conservanti pericolosi, l’alcool fa male, molti cibi creano allergie o intolleranze, il latte è un veleno, i cereali sono pericolosi per la ciliachia e via dicendo. non le dico dei vari esperti che consigliano le diete più assurde. Basta non se ne può più ci rovinate la vita e l’unico piacere che ci rimane, il cibo una buona cucina condividere la gioia di un pranzo in compagnia. Onestamente si prenda un tavor e si faccia una bella scopata ma soprattutto faccia come crede ma non ci assilli con le sue patologie.

  • spadaccinonero

    te l’ho già detto, comunque lo ripeto :

    tu sei un grande
  • GioCo

    Ohh, Signora/ina Colla, non si preoccupi di usare di appiccicare post-it per ricordare toponimi e altra chincaglieria moralistico-religiosa.

    Un Capretto non sa come si chiama se non nelle favole e per ciò uno vale l’altro, ma se per caso dovessimo finirli tutti, allora ricominceremo con i sacrifici umani. Allora e allora avremo la sua attenzione per l’umano che poi è ciò da cui dipedono oggi i capretti, dato che da soli per il mondo, dubito che sarebbero trattati meglio … dalle altre bestie.

    Forse ciò che non accetta e la sua di natura feroce, quella che la abita dentro e con cui è nata. Quella che nel bene e nel male ha forgiato il suo corpo con il sacrificio di miliardi di cellule innocenti. Anche appena nate. Non le si torcono le budella? A certi praticanti induisti, mi dicono di si e pure per quei poveracci di batteri che il corpo distrugge ogni santo secondo. Per ciò bighellano con la mascherina, per evitare di suicidarli invonoltariamente. Con la postilla. I batteri ci vanno volentieri nel corpo, su qualche milione uno o due vivono a sufficienza per trovare ciò che gli occorre per riprodursi e VIVERE.

    La ferocia, il sacrificio, il dolore, soprattutto dell’innocente, è un atto del mondo e celebrarlo ci aiuta a capire che tra noi e il capretto c’è di mezzo solo l’idiozia e l’incapacità di stare nel mondo e accettarlo com’è: orrido, scurrile, brutale, laido, inglusto … ma anche e per questo il contrario di ciò.
    Se le piacciono i deserti dove nulla accade, dove l’innocente è imperituramente salvaguardato dalla sua fine indecente, se ne vada da qui. Non sta nel posto giusto.

  • natascia

    Questi Buoni, detestano  il prossimo in via generale. Gli espedienti per passare dall’esecrazione alle vie di fatto stanno aumentando a le loro fila pure. Un inspiegabile disprezzo per l’umanità tutta, specialmente quella in difficoltà, che si sta avviando sulla strada della schiavitù non retribuita.  Quindi buona Pasqua a quanti potranno permettersi solo un panino da Mac Donald, a quanti lavoreranno solo oggi e domani, a quanti  con le utenze staccate  e l’auto col fermo, pensano ai genitori soli, ai figli disoccupati e senza casa, ai vicini in stato di difficoltà.     

  • AlbertoConti

    "Ecco l’agnello di Dio, che toglie i peccati del mondo …."

    A giudicare da tutti i commenti precedenti si direbbe di no …. che tempi!

  • castagna

    Grazie Spà! E a te e
    Natascia Felice Pasqua! che per noi è e rimane la festa della Prima
    Luna Piena di Primavera, al di là della sovrapposizione cristiana e
    di ridicoli e falsi etimi ebraici.

    (Arrivano i Buoni….
    Edorado Bennato https://www.youtube.com/watch?v=oJspb_VfJLs)

    E ricordiamoci per esempio di
    Pym Fortuyn, ucciso da un estremista animalista ( al meno così
    dicono, ma non ne dubito che la mano sia stata animalista),

    che aveva l’imperdonabile
    difetto di superare le divisioni tra destra e sinistra.

    Natascia, vinceremo, vinceremo
    di nuovo. Vinceremo appena avremo abbandonato il feticcio assoluto
    democratico e ugualitarista, e lo considereremo solo come una delle
    possibilità.

  • falkenberg1

    Carissima Alessandra lei ha ragione ma è perfettamente inutile seminare in un campo di deserta gleba! Nutro una recondita speranza siccome, così come recita il poeta, ”intender non lo può chi non lo prova”! Mi auguro che il pianeta sia ”visitato” da una specie aliena che trovi ”l’homo sapiens” (sic!!!!!!!!!!!!!!!) commestibile ed applichi analoghe ”tecniche” nei suoi confronti! Io non corro rischi! Non sono commestibile poichè pieno di rabbia, furore, rancore! Pensi! Durante una escursione in montagna una povera vipera ebbe la malaugurata idea di mordermi, la tapinella! E’ deceduta dopo pochissimo tempo tra atroci spasimi! Solo chi non ha visto come vengono indegnamente scannati questi poveri animali atterriti può nutrirsene intemerato! Solo chi non ha visto in funzione un robokiller può fare umorismo sul suo post! Homo sapiens vai a fare in culo, ora e sempre!

  • castagna

    Se dovessero arrivare gli
    alieni spero solo che non siano dei Buoni.

    Che
    Brutta Storia sarebbe se gli Alieni decidessero di trattare gli
    Uomini  così come gli Uomini Buoni trattano i Cani, o meglio: come gli
    Uomini hanno trattato lo Sciacallo e il Lupo, dato che tutti i cani
    per quanto differenti derivano per circa l’80% dagli Sciacalli e per
    il 20% dai Lupi.

    Magari
    ci trovano carini oltre che utili, forse un po’ troppo selvaggi e
    naturali, e così incominceranno a modificarci.

    Come
    lo Sciacallo e il Lupo non possono essere addomesticati così come
    sono ma devono essere prima modificati genenticamente per farne dei
    Cani ubbidienti, così dagli Uomini, che non possono essere
    addomesticati così come sono, faranno nuove forme funzionali e
    ubbidienti, geneticamente modificate. E senz’altro molto più
    "carine".

    Inventeranno
    sempre nuovi modelli

    ( http://www.repubblica.it/ambiente/2012/02/11/foto/cani_le_sei_nuove_razze_presentate_dal_kennel_club-29710202/1/ [www.repubblica.it])

    e
    ci porteranno a spasso con un bel guinzaglio elettronico.


    dipenderà dalla buona stella di ognuno di noi: magari diventeremo
    dei Pincher cagacazzo, con quello sgradevole abbaiare a trombetta, in braccio a qualche matrona aliena che dice
    con personale identificazione e soddisfazione " è piccolina, ma è terribile…".

    Oppure
    dei dolcissimi Golden Retriever in qualche famiglia aliena in balia
    di piccole pesti, "sa, è tanto buono con i bambini…"
    "Sì certo, quando ancora ero uno Sciacallo o un Lupo me le
    sarei mangiate le tue piccole pesti, ma adesso che mi avete ridotto
    in questo stato mi devo anche adattare a fare buon viso a cattivo
    gioco…"

    Oppure
    selezioneranno i caratteri più aggressivi e i corpi più atletici,
    testosterone a manetta, e diventeremo il modello "sportivo"
    Dobermann, Rottweiler, Pitbull… in mano a qualche ragazzotto alieno
    d’ordinanza (astronave suv, palestra, tatuaggio etnico) che ci tira
    con il guinzaglio elettronico e dice "è buono, è buono"
    mentre a noi ci va il sangue alla testa solo a vedere un altro ex
    umano geneticamente modificato e abbaiamo come ossessi.

    Peggio
    di tutti andrà a chi finirà in mano agli artisti, intellettuali,
    politici… a quelli che apprezzano "il brutto che piace",
    tipo il Carlino; lì ci faranno diventare anche noi dei nanetti con
    il testone enorme, le braccina corte e gli occhi strabuzzati. Ma non
    ci potranno neanche prudere le balle, perchè non ce la faremmo
    neanche a grattarcele, o a leccarcele, come facevamo quando eravamo
    Uomini o Lupi o Sciacalli.

    Ma
    non preoccupiamoci. Ci ritroveremo tutti quanti ai giardinetti
    antigravitazionali alieni, verso sera, per la cagata e pisciata
    collettiva sotto gli occhi vigili dei nostri padroni alieni. Ma non
    preoccupamoci non sarà umiliante cagare sotto gli occhi vigili del
    padrone alieno, magari al guinzaglio elettronico; dopo essercela
    tenuta tutto il giorno mica andremo tanto per il sottile…e poi chi
    si ricorderà più di quando avevamo i cessi e potevamo usarli quando
    volevamo? anzi magari l’Alieno la raccoglierà anche, in qualche modo
    si capisce che l’avremo fatto contento…

    No,
    non preoccupiamoci, ci ritroveremo tutti quanti ai giardinetti
    antigravitazionali alieni. E lì sarà bello incontrarci, chi alto
    nove metri e chi cinquanta centimetri, dai dieci kili alla mezza
    tonnellata; chi con la faccia schiacciata, chi con la faccia
    protrusa; chi completamente glabro, chi tutto peloso; tutte le forme,
    tutti i colori, i più fortunati addirittura con il muso e le
    orecchie fosforescenti…

    ( http://www.repubblica.it/2008/12/gallerie/scienze/cane-fluorescente/1.html [www.repubblica.it])

    sarà
    bellissimo, un continuo e immenso carnevale.

    Poi
    però ci porteranno a casa dove al massimo potremmo abbaiare e urlare
    tra le sbarre del giardino o del balcone alieno appena passa qualche
    altro alieno, o peggio ancora qualche altro ex umano geneticamente
    modificato al guinzaglio elettronico. Sarà comunque una
    soddisfazione.

    La
    nostra socialità sare questa,miserabilmente questa, ma vogliamo
    mettere contro la fatica di lavorare per guadagnarci il cibo? Così
    abbiamo svoltato di sicuro, affanculo la natura e la libertà, meglio
    la ciotola.

    Be’…
    meglio la ciotola… Meglio la ciotola per quelli di noi che non
    capiteranno in mano agli ideologici. Sì perchè se capitiamo in mano
    agli ideologici, neanche la ciotola ci rimane… e sì perchè magari
    l’ideologo alieno sarà così avanzato che avrà superato nella sua
    Bontà anche lo stadio di "vegano etico" e penserà che
    nutrirsi di alimento vivo sia Male: quindi né carne né pesce né
    frutta né verdura: solo cibi sintetici e qualche radiazione…. E
    così anche la nostra ciotola di due maccheroni ai quattro formaggi
    sarà andata, però che coccole che ci faranno..

    Quanto
    a scopare sarà ancora più tragico di oggi: coccolati e
    supervezzeggiati,e con una capacità di ritenzione sfinterica e di
    deiezione a comando che nemmeno uno yogi che pratichi perfettamente i
    bandhas, e con dimensioni sessuali così diverse da dover aggiungere
    non si sa quante ulteriori categorie dimensionali alle tre classiche
    del kama sutra, saremmo sempre in ignava astinenza; però avremo
    l’amore spirituale del nostro padrone alieno, cosa che non è un
    vantaggio da poco, eleva sicuramente lo spirito.

    E
    quelle poche volte che sentiremmo odore di figa ci sarà il nostro
    padrone alieno che urlerà da una parte all’altra delle strade aliene
    all’altro padrone alieno " è un maschiooo? il mio è buonooo"
    "no è una femmina, è in caloreee" e così saremo
    ambedue tirati dai rispettivi guinzagli elettronici e veramente mai
    sarà più vero il detto che la figa la vedremo da lontano.

    Speriamo
    che gli Alieni siano Cattivi. E se proprio ci vogliono fare del male,
    siano per lo meno soltanto dei Cacciatori.

    Almeno
    ci lascerebbero vivere la nostra vita, bella o brutta che sia. E
    poi, e sempre che ci prendano, bum! un colpo secco e veniamo giù.

  • Hito

    Non c’è mica bisogno degli alieni, tra un po’ arrivano i musulmani che ci giocano a pallone con le teste dei sapiens (dopo averle staccate dal collo, ovviamente)… D’altronde senza selezione naturale non esiste nemmeno l’evoluzione della specie -.-

  • Hito

    Che fantasia!!! (E’ un complimento eh!) 😉

  • castagna

    Certo che lo prendo come un
    complimento. Grazie Hito!

    “ Fossi stato un po’ più giovane,

    l’avrei distrutto con la fantasia,

    l’avrei stracciato con la fantasia.”

    “Ed il vento passava sul tuo collo di pelliccia

    e sulla tua persona”

    Vedi che Cattiveria?

    https://www.youtube.com/watch?v=2MpAm8gy-EE

    Ciao!

  • ilsanto

    Mi perdoni ma qui siamo pieni di gente che versa lacrime per cani, gatti, agnelli, vitelli, polli, cavalli e quasi tutte le razze animali commestibili e non, ma dico io, a parte che senza carne non mi sazio ma conserviamone qualcuna anche per i milioni di umani che languono nella più nera miseria, fame, mutilazioni, malattie, tirannie, ingiustizia, sfruttamento persino usati come pezzi di ricambio. Allora se avete il cuore cosi tenero perchè vi preoccupate per un agnello e non per un bimbo afghano ? che scala di valori avete ? perchè vezzeggiate un mastino napoletano assassino, che con il suo latrare e ululare sveglia tutto il vicinato e spendete soldi per cibo e veterinario e lo portate a passeggio 3 volte al giorno a terrorizzare i passanti e insozzare le strade del vicinato e magari com’è successo a sgozzare vecchiette e bambini e non ospitate un bimbo africano ? quando gli umani saranno tutti salvi magari salvare un agnello potrebbe anche essere preso in considerazione, per i mastini non credo neanche dopo.

  • Vocenellanotte

    Che teatrino patetico che sposta il piano del contendere sul campo congeniale solo ai vegani.

    Vi prego di smettere di commentare a provocazioni simili: il veganesino è solo una grave psicopatia che si avvale della più antica tecnica di occultamento di sè per penetrare nel corpo sociale e avviare una dialettica alla pari, quando pari non sono.
  • Teopratico

    Sei un genio punto.

  • bublinski

    Una maternita’ risolverebbe tante paturnie determinando nel cranio degli integralisti dell’animalismo una scala di valori un poco diversa. 

    Non si deve torcere un pelo ad un maiale, ma, con pochissime eccezioni, sono sempre: abortisti, pro eutanasia, indifferenti se non ostili al far figli (troppo impegnativi e costosi), integralisti sino alla farneticazione pur di non deflettere. E’ la solita tecnica di far sentire in colpa chi non si allinea ai loro diktat. E tuonano contro l’integralismo della Chiesa, che pretendono si pieghi ai loro principi universali.  Tavor, piacere del materasso, decupage, corsi per sommelier e mille altre cose: sono tante le soluzioni per evitare di essere molesti. (Non ho mangiato l’agnello perche’ non mi piace, ma un ottimo arrostino di maiale).
  • ottavino

    Bisogna sempre tenere presente, quando si parla di questi temi, che questo mondo è una creazione dei carnivori.

    E non si esce da questa creazione se non c’è una forte riduzione del consumo di proteine animali. Non dico il veganesimo ma quasi.
    Il carnivoro non è mai tranquillo. MAI. Avere a che fare con un carnivoro è una disgrazia, è un impegno, è una fatica.
  • bublinski

    Ripugnante piu’ dei milioni di feti uccisi ogni anno grazie al deliberato consenso di voi femministe all’eliminazione degli sgraditi effetti collaterali delle vostre conquiste? 

  • spadaccinonero

    chapeau bub, chapeau

  • castagna

    Solo un po’ di divertimento, Teo,magari  complice il vinello…  Ah, adesso ci sono i moralisti animalisti, cento anni fa c’erano i moralisti antialcolici…Sono sempre gli stessi.

  • natascia

    Concordo. Anche altre situazioni, che andrebbero circoscritte in riferimento alle minoranze che esprimono, a varco aperto, vengono  trattate come istanze maggioritarie. Questa è  la conferma che le minoranze privilegiate e organizzate possono tutto.

  • AcidBoy

    Cruciani dopo che è scappato davanti a due donne "io non voglio fare a botte, io
    me li mangio uno per uno"
    Coniglioooo   🙂

  • AcidBoy

    Forse perché c’è gente che preferisce l’amore incondizionato di un cane rispetto
    all’ipocrisia merdosa di un essere umano qualsiasi?E poi, chi decide la scala di
    valori? Lei?

  • Bigrex

    Magari dovresti anche spiegare perchè un commento di Hemingway dovrebbe avere un qualche valore nel discorso affrontato. Non credo che fosse altro che uno scrittore con proprie idee sull’argomento chiaramente e convintamente assertore della supremazia dell’uomo su tutto il resto del creato (nonchè amante della bistecca). A meno che le parole di un personaggio famoso non siano importanti "a prescindere" ma in questo caso ti posso portare infinite citazioni di personaggi forse anche più famosi che asseriscono l’esatto contrario della corbelleria non supportata da una qualsiasi analisi psicologica detta da Hemingway e da te citata. Forse chi come me è un "innamorato quasi professionista di cani ed altre bestie" è una persona che ama e cerca di proteggere tutti gli indifesi a prescindere a quale specie appartengano e che, contrariamente a quanto afferma il tuo caro scrittore in questo chiaro esempio della sua presunzione di conoscenza del genere umano, non sarebbe mai crudele verso altri uomini.

  • Bigrex

    Vorrei chiedere  alla redazione di CDC di non pubblicare più articoli sugli animali e sui vegetariani/vegani per non causare in tutte quelle persone che amano avere la loro bella bistecca sul piatto questo incredibile attacco di aggressività verso coloro che come me hanno fatto una scelta diversa dalla loro. Oltretutto devo sentirmi dire che l’aggressivo sarei io. Non riesco a credere ai miei occhi quando leggo le infinite e pittoresche motivazioni portate avanti da chi deve trovare la maniera di spiegare che gli piace la carne e non vuole rinunciarvi, dalla mancata empatia dei veg verso l’umanità sofferente, alle cacche dei cani per strada, all’inevitabile crudelta del mondo per finire con la dittatura delle minoranze. Volete mangiare la carne? Fatelo e non rompete i cosidetti a chi non lo fa e cerca semplicemente di spiegare le motivazioni delle sue scelte. E poi è inutile che ci aggrediate: siamo più cattivi e crudeli di voi.