Home / ComeDonChisciotte / NOTIZIE STRAMBE: IL PIL RUSSO CHE SALE NEL 2014 E IL SOCIO DI SOROS, JIM ROGERS CHE DICHIARA: E' ORA DI DISINVESTIRE NEGLI USA E DI INVESTIRE IN RUSSIA…WTF ?

NOTIZIE STRAMBE: IL PIL RUSSO CHE SALE NEL 2014 E IL SOCIO DI SOROS, JIM ROGERS CHE DICHIARA: E' ORA DI DISINVESTIRE NEGLI USA E DI INVESTIRE IN RUSSIA…WTF ?

FONTE: LIBERTICIDA (BLOG)
Devo essermi svegliato in un mondo parallelo, quest mattina, o , probabilmente i giornalisti occidentali hanno avuto ordine di cambiare “il verso” alle notizie.

Ringrazio anche il buon Funny, di Rischio Calcolato, di avere dato il “la”, ovvero di aver comunicato che il vento è cambiato:

Notizia non da poco, le sanzioni non hanno avuto l’effetto previsto nei confronti dell’economia russa, e le riserve della banca centrale, in parte utilizzate per tamponare la crisi valutaria, tornano a salire.

Nel frattempo altre notiziole sono state diffuse:

Il Pil russo è salito fino a fine 2014, le sanzioni si sono fatte sentire, ma…. meno di quello che si pensava.

Il socio di SOROS e co-fondatore con lui della Quantum, Jim Rogers, dichiara che “è ora di disinvestire dagli USA e di investire in Russia. Entro pochi anni ci saranno degli “aggiustamenti” e molti “si faranno male”, mentre la Russia ha “fondamentali solidi” e “debito pubblico praticamente a zero”.

Cavoli!

E questa notizia la riporta anche Forbes…non RT.

Ora, o a questo Rogers gli gnomi del Cremlino hanno messo un chip nel cervello per controllarlo, oppure si è accorto di alcune cose:

  • Il debito pubblico russo è praticamente a zero, in confronto agli altri paesi del mondo
  • L’economia russa soffre per le sanzioni, ma la produzione industriale va a mille.
  • Grazie al crollo delle importazioni, la bilancia dei pagamenti russa è sempre fortemente positiva, anzi.
  • I capitali cominciano a rientrare, grazie anche alla “furbizia” di alcuni paesi europei, che hanno impensierito parecchio i miliardari russi.
  • Last but not least, la Russia continua ad essere seduta su oltre il trenta per cento delle risorse complessive mondiali, e se laggiù non sono tutti ricchi come i sauditi è solo per via dell’inefficienza dei politici e delle follie del periodo comunista.
Rimango in attesa di come i mercati reagiranno a queste notizie e , soprattutto di come reagirà il governo ucraino.
Se tutto va come deve andare si farà “male” anche parecchia gente a Kiev…
8.04.2015

Pubblicato da Davide