Home / ComeDonChisciotte / L’INDECENTE INDUSTRIA DEL CANCRO. QUELLA ALTERNATIVA
15319-thumb.jpg

L’INDECENTE INDUSTRIA DEL CANCRO. QUELLA ALTERNATIVA

DI PAOLO BARNARD

paolobarnard.info

Scrivo questo articolo con la passione di chi sa cosa vuol dire sostare in una corsia d’ospedale in attesa di sapere del cancro, e in quegli interminabili minuti pensa avanti: se sì, quali cure? Ma non ero là per un cancro ‘junior’, ma per quello Senior. Poteva rivelarsi il più mortale al mondo, e i minuti passavano.

Non dico altro. Ero io l’ammalato? Era mia sorella? Era mia madre? Non ve lo dico.

Ma scrivo per chi ieri pomeriggio, o sei mesi fa, o sei anni fa, si è sentito dire più o meno umanamente dal radiologo o dall’endoscopista, “C’è una massa lì”………. Scrivo per voi, per noi e per me. Il cancro è realtà ormai per quasi un cittadino su due, e il “a me non accade” è aria fritta signori, neppure a 30 anni purtroppo, con questo aumento terribile dei tumori giovanili.

Che esista un’industria del cancro non v’è dubbio. Le immense Multinazionali del farmaco da decenni lavorano per trovare una cura, ai tumori solidi e non solidi, ma siamo dove siamo. Però attenzione:

Esse, le Multinazionali del farmaco, sono accusate da varie parti di essere un’industria assassina che non solo non ricerca una soluzione DEFINITIVA alla malattia, ma che IGNORA VOLUTAMENTE che: un frullato di sedani ogni giorno, con tisane con acqua salata riscaldata a 45 gradi, o bicarbonato, o fagioli con ascorbato di potassio, o le vitamine prese in modi astrusi, e le pozioni di Di Bella, o la meditazione, o la psicoterapia con TAC del trauma originario, e la repressione sessuale…. se applicati o se curati, spiegano e guariscono dai tumori. Da TUTTI I TUMORI. Le Multinazionali tutto questo lo ignorano volutamente e soprattutto lo ostacolano, dicono gli ‘alternativi’.

Cioè, le spregiudicate Multinazionali del farmaco, sostengono sempre sti alternativi, sono assatanate di profitti e guidate dalla cupola malefica dei Rothschild, Soros, Massoni, Satanisti, Ebrei, Banchieri, e fanno di tutto perché voi crepiate, perché vogliono vendervi i loro veleni anti cancro: chemioterapici, terapie ormonali, radioterapie ecc.

Non v’è dubbio che Big Phrma (i colossi del farmaco) sia un’industria assassina, io mi chiamo Paolo Barnard e la prima metà della fine della mia carriera di giornalista a livello nazionale venne proprio quando buttai Report di Milena Gabanelli nelle mani di una mia inchiesta sulle porcherie di Big Phrma. Peccato che la Gabanelli si fece la popò nelle mutande e il resto è triste storia. Quindi ho le credenziali per scrivere quanto sto scrivendo.

Big Phrma certamente uccide. Lo firmo e lo sottoscrivo, l’ho denunciato mille volte. Ma io penso che non vi sia nulla di più umanamente infame e sadico che suggerire nell’orecchio di te che un anno fa ti sei sentito dire dal radiologo o dall’endoscopista “C’è una massa lì”, e che oggi stai crepando a 45 kili in un letto, o che vomiti feci… non c’è nulla di più umanamente infame, sadico, che dirti che stai così non solo perché hai la sfiga di avere un cancro assassino, ma perché sei COLPEVOLE di non aver ascoltato Di Bella, Hamer, o il pinco pallo che aveva un tumore al fegato con 5 metastasi ed è guarito in 20 giorni con i frullati di vitamine. Sentirti dire che tutti questi sono guariti e fanno jogging oggi, e tu crepi, “ignorante che hai fatto la chemio e la radioterapia degli oncologi della Casta omicida…” è atroce. E’ atroce a dir poco insinuare questo dubbio a chi sta morendo, a chi dice addio a tutto ciò che ha fatto e che ama: crepi? La colpa è tua…

E’ sadico, ma soprattutto è FALSO.

Prendete uno dei massimi predicatori dell’industria alternativa del cancro: Massimo Mazzucco. Caro signore, vieni da noi quando avrai mille sopravvissuti all’Adenocarcinoma della testa del Pancreas dopo 10 anni, senza chirurgia e senza chemio, ma coi tuoi rimedi del web, bicarbonato e simili. Non li avrai mai, buffone irresponsabile. Peccato che Steve Jobs e Pavarotti, entrambi tumore del pancreas, non leggessero Mazzucco…

Ora vi espongo le evidentissime falle su cui campano sti industriali del cancro alternativo, che se non li ascolti, dicono, non solo crepi, ma sei anche colpevole di crepare… E le falle sono tante.

A) Accusa: LE MULTINAZIONALI COME PFIZER O NOVARTIS O GLAXO, hanno il potere di bloccare la ricerca nelle cure alternative perché sono miliardarie e appoggiate dai miliardari (ebrei soprattutto).

Cazzate. Guardiamo quali cure scelsero o scelgono gli uomini più stratosfericamente ricchi e potenti del mondo.

Tutti gli Agnelli: chemioterapia, radio terapia.

Il Presidente più potente della storia francese, Francois Mitterrand, deceduto: chemio, radio.

Lloyd Blankfein, ebreo, N. 1 di Goldman Sachs, la più potente banca del mondo, ha un linfoma e farà la chemio.

Warren Buffet, N. 1 di Berkshire Hathaway, l’uomo più ricco d’America, ha un cancro alla prostata, ha fatto la chemio.

James Dimon, N.1 di JP Morgan Chase, la più ricca banca del mondo per assets, ha un cancro alla gola, fa chemio e radioterapia.

Robert Benmosche, N.1 del colosso assicurativo AIG, la maggiore assicurazione del Pianeta, aveva un cancro ai polmoni, chemio, ma è morto di recente.

L’erede del trono saudita, nientemeno, Principe Sultan bin Abdulaziz Al-Saud, con più miliardi che noi peli, morto di cancro in un ospedale di New York, chemio ecc.

Tutti idioti presi per il culo dalle Multinazionali del farmaco, eh? Certo, come no.

Ora: i fantasiosi sadici delle cure ai frullati ti diranno che questi Padroni del Mondo non sapevano di Di Bella o di Hamer, o del tizio italiano semi-morto un mese fa ma oggi vivo coi broccoli e 5 metastasi sparite; o del fatto che un certo iraniano ha scoperto che con acqua e sale si cura tutto, dalla sclerosi multipla all’infarto alla SLA. Certo, come no. Immagino uno di questi Padroni del Mondo, con abbastanza miliardi per comprarsi la Sanità americana, italiana, francese, spagnola e maltese messe assieme, quando stava schiattando, o quando vomita per la chemio, non chiede alternative, non tenta disperato di tutto, non sa che Hamer o Di Bella a Bologna, o quello dei clisteri ai 4 sali, lo curerebbero mentre fischietta e mangia la pizza. Certo! Non s’informano, nooo! Non tentano di tutto, nooo.

Lloyd Blankfein è ebreo, quindi per molti di sti alternativi è membro a pieni titoli della lobby ebraica che, dicono, fa morire mezzo mondo di chemio, mentre loro si curano con altro passeggiando. Ma Lloyd farà la chemio perché si diverte a vomitare e farà la radioterapia perché si diverte a stare da cani. Certo, ditelo a Blankfein.

Qui aggiungo una breve triste nota: Internet ha devastato l’informazione come nulla mai e mai più. Oggi qualsiasi demente può far circolare la voce che qualsiasi argomento esistente a supporto dell’ortodossia – in questo caso l’oncologia – esiste perché la Cupola dei Massoni-Rettiliani-Bankieri-Vampyria ebraica lo vuole e corrompe tutto il pianeta, mentre i poveri alternativi sono boicottati in qualsiasi cosa dimostrino. No, per favore, questa è credenza nella Stregoneria, questo è Medioevo, a questo nessuno si può opporre, come nessuno si può opporre alla credenza nei miracoli o nell’inferno. Se apriamo questa ‘can of vorms’ dell’occulto andiamo indietro alla caccia all’Untore, per carità, teniamo fuori da noi sta masnada di cretini. Ok?

B) Accusa: LE MULTINAZIONALI COME PFIZER O NOVARTIS O GLAXO hanno corrotto Presidenti di Nazioni, Ministri, e tutto il mondo della ricerca (TUTTO!), perché è ovvio che vendendo chemioterapia guadagnano di più che a vedere un frullato di sedano con bicarbonato che cura tutte le neoplasie del mondo, le recidive, i secondarismi, ecc. per due soldi. La logica di questo assunto è: se la Pfizer dovesse vendere il frullato farebbe molti meno profitti che a vendere farmaci micidiali chemioterapici che si fanno pagare a peso d’oro.

Cazzata pinocchiesca, basta guardare i numeri: siamo in oltre 7 miliardi sul Pianeta Terra, e se ad es. la Novartis vendesse la cura alternativa definitiva di tutti i tumori a 1000 euro all’anno (invece che i prezzi colossali dei chemioterapici) a tutti gli ammalati del Pianeta, i suoi profitti sarebbero incalcolabili, anche perché il mercato per il farmaco da 1000 euro all’anno sarebbe 100 volte quello dei chemioterapici che solo una manciatina di nazioni sulla Terra possono acquistare. (su questo ancora più avanti)

Inoltre, un altro fattore DETERMINANTE: non è sul cancro che le Multinazionali fanno i maggiori profitti, quindi decade di parecchio la teoria del complotto.

Va capito che per un’industria il farmaco che rende di più in assoluto è quello che verrà venduto/assunto ai/dai pazienti per il maggior numero di anni possibili, ad ogni generazione. Semplifico: se tu a 34 anni inizi a soffrire di pressione alta, ecco dove la mega industria del farmaco fa tanti soldi: perché a 34 anni fino a ipoteticamente 85 prenderai anti-ipertensivi ogni santo giorno. Poi è probabile che i tuoi figli saranno ipertesi per ereditarietà, e così via all’infinito delle vendite. Se a 50 anni cominci ad avere dolori articolari, ecco dove l’industria fa tanti soldi: perché a 50 anni fino a ipoteticamente 85 prederai un anti reumatico ogni santo giorno o a periodi alterni ma prolungati. Se a 67 anni hai una fibrillazione atriale, prenderai Coumadin per il resto della vita, magari (come un mio conoscente) fino a, e oltre, i 94 anni. E così per il colesterolo, per il diabete, per la depressione, per l’ansia. Ecco da dove viene il massimo profitto per i mostri mondiali del farmaco: dalla lunghezza negli anni della vendita del farmaco su milioni di ammalati.

Ma…

… se hai un cancro, la chemioterapia la fai per pochi giorni in tutta una vita. Non da 34 anni fino agli 85 ogni giorno come l’anti-ipertensivo, come il Coumadin, come l’anti-depressivo. Certo, il chemioterapico costa 20 volte di più dell’anti-ipertensivo alla Sanità, ma i numeri dei pazienti con problemi di pressione arteriosa, depressione, colesterolo alto, gastrite, colon irritabile, insonnia, nevralgie, diabete, intolleranze alimentari, ansia ecc. a vita, sono diecimila volte gli ammalati di tumore, e prendono il farmaco della Multinazionale diecimila volte di più di una chemio che ha durata limitatissima. Infatti…

Ecco i tre più venduti e più remunerativi farmaci al mondo nel 2014: N. 1 Humira (artriti) 12,5 miliardi di dollari all’anno. N.2 Sovaldi (epatiti), 10,2 miliardi. N.3 Remicade (anti infiammatorio), 9,2 miliardi. Farmaci che spesso uno dovrà prendere per tutta la vita o per anni. Non la chemioterapia, che nella lista viene dopo, e PER SOLI TRE farmaci oncologici su centinaia che neppure compaiono nella lista dei più remunerativi, mentre il resto dei migliori profitti delle Multinazionali sono tutte medicine da colesterolo alto, depressione, ansie, coliti, diuretici ecc. come detto sopra.

Non per nulla aggiungo un’atra lista che fa a pezzi l’idea che le Multinazionali del farmaco si siano buttate sul cancro per fare soldi. I veri soldi nella storia moderna dei farmaci sono venuti da questi storici rimedi:

Lipitor, Pfizer, anti colesterolo, profitto 13,5 miliardi di dollari/anno, che è un profitto DI GRAN LUNGA SUPERIORE ALLA PIU’ PROFITTEVOLE CHEMIOTERAPIA ESISTENTE per anno.

Plavix, Sanofi Aventis, anticoagulante, 7,3 miliardi.

Nexium, Astra Zeneca, anti acido gastrico, 7,2 miliardi.

Seretide, Glaxo, anti asmatico, 7,2 miliardi.

Poi Synthroid, tiroide; Crestor, anti-colesterolo; Lantus, diabete… ecc. Tutti farmaci da prendere a vita. Ripeto: le chemioterapie sono somministrate per periodi brevissimi.

C) E dopo aver sancito che è sulle prescrizioni di anni o di un’intera vita che i colossi del farmaco investono di più e fanno i veri soldi, si può ragionevolmente presumere che se mai realmente esistessero rimedi anti tumorali ALTERNATIVI da prendere come prevenzione dell’oncogenesi (nascita tumori) per tutta la vita (QUESTO E’ LO SNODO), e che fossero veramente efficaci; o, come detto all’inizio, se esistesse la cura dei tumori a 1000 euro all’anno; la Multinazionale vi si sarebbe fiondata sopra come uno squalo su un porcellino, offrendo all’inventore cifre da capogiro pur di ottenere il brevetto. Perché mai dovrebbe rinunciare a una fetta di mercato che va dalla quasi totalità degli umani, a cento volte gli oncologici di oggi? Lo ribadisco…

LA MULTINAZIONALE VENDEREBBE LA PREVENZIONE ONCOLOGICA ALTERNATIVA ED ECONOMICA A 7 MILIARDI DI ESSERI UMANI (DATO IL BASSO PREZZO) E PER TUTTA LA LORO VITA. E VENDEREBBE LA CURA DEL CANCRO ALTERNATIVA ED ECONOMICA A UN MERCATO DI PAZIENTI ONCOLOGICI IMMENSAMENTE SUPERIORE A OGGI, PROPRIO PERCHE’ ALLA PORTATA DI QUASI 7 MILIARDI DI UMANI. MA VI RENDETE CONTO DEI PROFITTI CHE FAREBBE? ALTRO CHE CHEMIOTERAPICI LIMITATI A POCHI MILIONI DI OCCIDENTALI E PER POCHI GIORNI CIASCUNO. QUINDI ALTRO CHE COMPLOTTO ANTI-CURE SEMPLICI.

Ma non è mai accaduto. Chiedetevi perché. E qui interviene la conoscenza dei Mercati per dare il colpo finale ai millantati miracoli alternativi anti cancro.

D) Questi sostenitori dei rimedi alternativi alle cure oncologiche tradizionali non capiscono nulla di Mercato, ed ecco cosa dovrebbero sapere:

Il mondo degli investitori Senior, i pezzi grossi, vive spiando ovunque nel mondo qualsiasi settore dell’esistenza umana, della tecnologia, economia, cultura, natura, industria, servizi e via discorrendo, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per scoprire per primi un business promettente su cui scommettere denaro, anche se ‘in fasce’, nella speranza di futuri profitti miliardari.

Questo è accaduto così tante volte nella Storia moderna che è letteralmente impossibile listare gli episodi maggiori. Ma pensate che persino un gruppetto di ragazzini sardi inventori di una moneta complementare chiamata Sardex, cosa che avrebbe fatto ridere chiunque, hanno trovato un investitore estero che oggi li sta lanciando nel grande giro, e infatti sono finiti in prima pagina sul Financial Times. Ok?

Ora, semplicemente, i fautori delle cure alternative, magiche, economiche, frullati e bustine ecc. per i tumori non sanno che da anni migliaia di investitori li spiano per capire se una VERA PROMESSA c’è in quello che sostengono. Ve ne fosse mai stata una, i Venture Funds si sarebbero gettati come aquile alla caccia su Di Bella, su Hamer, sul tizio caio e sempronio delle cure alternative, su chiunque possa mostrare di avere risultati SERI anche all’infuori dei percorsi di sperimentazione e approvazione imposti dallo Stato. Perché? Per questo motivo, e leggete bene:

SE LA CURA DEL CANCRO CHE COSTA 1000 EURO ALL’ANNO, SE QUELLA DEI FRULLATI, QUELLA DELLE TAC DEL TRAUMA PSICOLOGICO, SE QUELLA DELLE POZIONI FATTE IN FARMACIA… VERAMENTE GUARISSERO GLI UMANI (E NON PER 2 0 3 ANNI, MA PER 20 ANNI ALMENO), FIDATEVI, GLI INVESTITORI VE LE SPAREREBBERO NELL’IPERSPAZIO E ALLA FINE CI ARRIVANO ALLA FOOD & DRUGS ADMINISTRATION DEGLI STATI UNITI, IL LUOGO DOVE TUTTO DEVE PASSARE PER POI ESSERE APPROVATO DALLE SANITA’ DEL MONDO. E POI ARRIVANO ALLA PICCOLA-MEDIA AZIENDA FARMACEUTICA CHE SE NE FA CARICO, DI CUI HANNO COMPRATO AZIONI PRIMA!, E CHE CI FAREBBE MILIARDI DIVENENDO UNA MEGA INDUSTRIA CHE POTENZIALMENTE VENDE LA SALVEZZA A 7 MILIARDI DI PERSONE. DOLLARI A CASCATE PER QUESTI INVESTITORI.

Ma non è mai accaduto, nessun investitore ha mai scommesso mezzo dollaro su sti ‘alternativi’, chiedetevi perché.

___________________

Basta. Abbastanza credo. Ma voglio sottolineare una cosa, per concludere. E anche qui si legga bene:

IO NON SONO AFFATTO CONTRARIO A OGNI POSSIBILE SPERIMENTAZIONE PER SALVARE ESSERI UMANI DA MALATTIE MORTALI.

Sono contrario a un’industria indecente come quella degli alternativi nelle cure oncologiche che non solo non ha mai nulla di concreto da dimostrare – e torniamo ai mille ammalati di Adenocarcinoma della testa del Pancreas, vivi dopo 10 anni, senza chirurgia e senza chemio, ma coi rimedi alternativi, bicarbonato e simili, che pretendo mi siano mostrati per prenderli sul serio – e che non solo non risponde alle logiche sopra spiegate, ma che tortura milioni di ammalati alla disperazione con boutade infondate e sadiche: “Crepi? Colpa tua che hai fatto la chemio dei Cattivi del Mondo. Se venivi da noi oggi eri a giocare a tennis…” Incoscienti buffoni. E poi: perché non pubblicate mai LA LISTA DI QUELLI CHE SONO VENUTI DA VOI ALTERNATIVI MA CHE ORA SONO 2 METRI SOTTOTERRA?

Infatti, anche se non ha valore statistico, nel mio spazio di vita ho visto morire il 100% di tutti coloro che – senza fare chemioterapie – si sono rivolti ai Di Bella, agli Hamer, ai frullati della cura del cancro. Mentre ho visto vivere per 18 anni, per 25 anni, gente con tumori seri ma che avevano fatto il percorso della medicina cosiddetta ufficiale: chirurgia, chemio, radio, et altri trattamenti. E ce ne sono tantissimi, regolarmente registrati alle USL italiane.

Gente a casa, non fatevi abbindolare dalle ‘voci’ di miracoli anche se il vicino di casa aveva un tumore e con i frullati del Dr. Pippo è ‘guarito’. Lo rivediamo fra 8 o 15 anni, e poi di ammalati guariti con ogni mezzo al mondo, incluse le chemio, ce ne sono eserciti. Infatti…

Come vi spiegate, voi ‘alternativi’ che in ciascuna delle vostre ‘scoperte’ sostenete di essere i VERI guaritori, come spiegate dicevo che da un cancro anche metastatizzato ‘guarisce’ anche gente che va a Medjugorje, che va da Padre Pio, che va in Tibet a mangiare polvere di metalli, che si rivolge ai maghi messicani, che prega la Madonna nella chiesa del paesino di montagna, o semplicemente che manda a fan culo la propria infelice vita e va a vivere in India? E ‘guariscono’ tutti questi. Come ve lo spiegate, alternativi?

Allora, evviva la libertà di sperimentazione di tutto contro le malattie mortali, ma fuori dalla finestra un mondo di fanatici, disonesti, approssimativi, che ventilano complotti irrazionali, che millantano sadicamente poteri curativi che non esistono o che sono solo apparenti.

(p.s. non rispondo a mail su questo articolo. Ragionate e basta)

Paolo Barnard

Fonte: www.paolobarnard.info

Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1299

1.10.2015

Pubblicato da Davide

  • ottavino

    Barnard, sei una palla al piede. Ti vendi come grande alternativo ma sei solo una persona tremendamente normale.

    La questione non è sul cosa cura cosa, su rimedi più o meno costosi o alternativi.
    La vera cura per il cancro non costa nulla, zero, perché la vera cura comincia con il chiedersi che cos’è la malattia, che cos’è il cancro, qual è La sua origine.
    Non lo sa nessuno. Quindi se non conosci la sua origine, cosa fai? Ti limiti ad usare dei rimedi sintomatici. Il rimedio sintomatico è tutto uguale, sia quello ufficiale che quello alternativo. È uguale perchè non rimuove le cause del problema.
    perciò l’unica vera cura alternativa al cancro è innanzitutto culturale. Inizia a domandarti: perché voglio un rimedio che funzioni immediatamente? Perché non comprendo la genesi della malattia? Qual è La causa?
    sei in un mondo di ignoranti, ma la loro ignoranza non giustifica la tua.
  • fefochip

    paolo barnard parla con la rabbia di chi c’è dentro ma con l’ ignoranza di chi si interessa da poco di questi temi.
    mi spiace per lui ma mi pare che tutto quello che chiede è di far morire senza sensi di colpa chi è il soggetto da cui scaturisce tutto questo sfogo.

    fa anche tra tenerezza e tristezza allo stesso tempo guardare una persona che crede che la logica del capitalismo e del profitto è qualcosa che produce la salute per le persone.
    detto in altri termini secondo lui la salute delle persone e l’interesse economico delle multinazionali del farmaco remano nella stessa direzione
    è semplicemente un idiozia.

    che tra gli "alternativi" (ovvero tutto quello che non è medicina ufficiale) certamente c’è un mare magnum di gente che sguazza nel torbido è fuor di dubbio , non sto qui a santificare la medicina alternativa tout court ma da qui a farne di tutta l’erba un fascio è un pensiero patetico e sciocco.

    la verità purtroppo è che senti 10 medici e hai 10 pareri diversi e ti senti abbandonato anche se hai cose molto piu banali , figuriamoci se hai una malattia di cui si ignorano le cause.

    auguro di tutto cuore a barnard o alla persona a cui tiene una soluzione di qualunque tipo il piu indolore possibile.

  • ottavino

    Il rimedio miracolo non esiste. Quello che esiste è cambiare alimentazione, stile di vita, stare tranquilli e crederci. E accettare quello che viene.

    ma a te non interessa. A te interessa poter risolvere subito. Ti interessa la pasticca. E la pasticca ha le sue difficoltà
  • Boero

    Barnard ha ragione,non che io sia un suo ammiratore ma qui ha ragione da vendere,e riprende un ragionamento che feci anch’io

    in effetti perchè i super ricchi non cagano neanche di striscio le terapie ”alternative”?
  • Jor-el

    Perché i super ricchi si curano con i soldi, quindi vanno nelle cliniche più costose dove lavorano gli specialisti più pagati. Detto questo, non è che PB non abbia ragione, anzi, molti dei suoi argomenti sono validi, ma non questo.

  • riefelis

    ONORE A BARNAR E CDC.

    Onore a Barnard che ha evidenziato un adelle tante pericolose idiozie contemporanea e onore a CDC che ha contribuito a diffondere l’articolo.

    Barnard ha posto davanti a tutti la nuda evidenza.
    ANCHE I RICCHI, I PIù POTENTI DELLA TERRA, USANO LA CHEMIO E LA RADIOTERAPIA.

    Sono cure dolorose e molto spesso inefficaci ma rappresentano l’UNICO rimedio concepito dagli esserei umani in questo momento della sua evoluzione.

    Questo articolo andrebbe fatto legegre nelle scuole.

  • riefelis

    Si m,a in questo momento ancora non si è capito bne cosa fa impazzire queste cellule. Forse la prevenzione con l’alimentazione. Ma quelli che ORA sono GIA’ ammalati li si cura solo con il bisturi, la chemio e le radiazioni.

  • riefelis

    Commento senza alcun senso. Non hai letto bene l’articolo di Barnard. Sei rimasto ai titoli e alle prime quattro righe.

  • fefochip

    poveri coloro che pensano che la ricchezza sia sinonimo di  intelligenza

  • ottavino

    Ma curali come ti pare. Cosa vuoi chiudere me ne freghi? Peggio per loro, Anche se guariscono.

    La cosa importante non viene compresa. E cosa c’è da comprendere? 
    Ce da comprendere cosa sia la malattia.
    Che cos’è la malattia?
    Sembra una domanda banale, ma non lo è…..
  • temuchindallaCina

    Parli perché tu non sei mai stato colpito da quella malattia, ti auguro di cuore, di non averla mai.

  • riefelis

    Frase inutile e soolutamente priva di senso. Barnard ha menzionato persone potentissime che erano o sono Capi di Sato, presidenti di banche e corporation e perfino grandi artsiti. Gente decisamente più intelligente e più informata di me, te e qualsiasi altro commentatore di questo forum.

  • temuchindallaCina

    In effetti, caro Paolo, io sono uno di quei pazienti per i quali le grandi compagnie farmaceutiche stanno facendo soldi a palate e hanno tutto l’interesse che campi a lungo. Da 15 anni prendo due pastiglie ogni giorno di txxxmax, che fanno 2x365x15 ad un prezzo che paga lo stato italiano a chi lo produce di circa 1 euro a pastiglia, sono 11.000 euro solo per me, moltiplicato i milioni di persone al mondo che hanno la mia stessa patologia, i numeri cominciano a diventare importanti. Un vecchio moto dice "Pratica che pende, pratica che rende". L’interesse non è guarire il malato, ma curarlo in modo cronico.

    Per quanto riguarda le neoplasie, o tumori, o quale altro nome si voglia dare, concordo con te caro Paolo, solo chi ci è passato sa cosa vuol dire.

  • ottavino

    Ma non è assolutamente vero. Se abbiamo detto che non c’è la certezza di risolvere con nessun metodo, ognuno sceglierà come vuole. Ma non è quello l’importante. L’importante non è guarire, l’importante è comprendere. Uno deve capire perché si è ammalato. E correggere i propri errori.

    Se invece pensiamo che il lavoro di cura guarigione devono farlo gli altri, allora significa che crediamo in un mondo di "servizi", in cui uno viene servito. Come quando vai a fare la spesa. Ma se quello è il tuo mondo, allora il tuo mondo è poca cosa.
  • ottavino

    Schiavo di due pasticche? E allora come puoi definirti un uomo "libero"?

  • Eshin

    Barnard, avvelenato di sensi di colpa e rabbia…

    DI CANCRO SI VIVE… [eurosalus.lycos.it]
    Il  dr Luigi Oreste Speciani [eurosalus.lycos.it], nasce ad Asso (Como) nel 1921 e muore in pr. di Aosta nel 1983 per ictus. Svolse la sua attività a Milano.
    Scrisse 3 libri importanti :
    Il mestiere di medico oggi (1960),
    – L’uomo senza futuro (1976) e
    – Di cancro si vive (1982)
    Purtroppo nessuno di questi libri è oggi reperibile sul mercato: tutti esauriti da tempo, non sono mai stati ristampati dai loro editori. Sul sito
    http://eurosalus.lycos.it/los/libri/index.html [eurosalus.lycos.it], però è possibile leggerli on line!

    Nel seguito alcuni estratti di ciò che potete trovare sul sito citato:
    "(…) filosofia del presente sistema di medicina, il quale purtroppo non rappresenta tutta l’arte del guarire – anche se ne pretende il monopolio da oltre un secolo – ma semplicemente il suo filone allopatico, del quale abbiamo gia spiegato, nel capitolo 3, le origini e il perché casuale del dominio.
    La sua formula galenica contraria contrariis curentur le ha permesso nell’ultimo secolo di vincere quasi tutte le malattie che vengono all’uomo dall’esterno (esogene), ma non di comprendere, né quindi di curare, quelle che nascono dal suo interno (endogene). Per questo le malattie degenerative crescono esponenzialmente fino a essere i flagelli dell’umanità moderna; ed esattamente per questa sua legge l’allopatia è condannata a ignorare per sempre il mistero del cancro.
    Perciò dopo oltre 350 anni di indagini microscopiche, 110 di ricerca del bacillo (con qualche migliaio di scoperte illusorie, una delle quali addirittura coronata col Nobel), 70 di organizzazione sociale anticancro, 35 di organizzazione di ricerca (lo Sloan-Kettering, il famosissimo Centro, è del 1945) con illimitata disponibilità finanziaria, la malattia resta per lei tuttora un enigma.
    Da molti e sempre sorprendenti punti di vista il cancro sfida gli schemi tradizionali della ricerca scientifica. È su questa linea che S. Garattini, direttore dell’Istituto M. Negri di Milanodifende la vivisezione, cioè l’utilizzazione degli animali nell’interesse dell’uomo, per risolvere rapidamente i grossi problemi sanitari della società moderna. Per molti degli altri ha forse ragione; per il cancro no, visto che per esempio il Calusterone (7ß, 17a – Dimetiltestosterone) il prodotto ormonale per anni il più attivo nel ca. mammario avanzato, non aveva dimostrato alcuna azione antitumorale negli animali da laboratorio (Gordan G. S., Halden A., Walter R. M., 1970).
    Questa è una felice eccezione. La regola è invece l’inverso: si perdono spesso anni e miliardi per accertare la sicurezza di un antineoplastico attivo sui ratti solo per accorgersi, dopo, che non ha alcuna efficacia sull’uomo (Tempo med., maggio 1975). Eppure è sugli animali e nelle provette che si spende la massima parte delle somme dedicate alla conquista del cancro.
  • fefochip

    l’importante è esserne convinti e avere libertà di scelta, perche quello che vuoi fare TU non è quello che voglio fare io e questa è una scelta che va rispettata

  • fefochip

    il principio  che questo sfogo cieco e rabbioso non prende in considerazione è la libertà di cura.

    pare quasi che andrebbero vietate in blocco tutte le terapie alternative cosa che francamente aprirebbe non pochi problemi etici e ingrasserebbe le casse dei soliti noti

  • gix

    Con lo stesso criterio usato da Barnard potrei chiedere dove
    sono le prove che i potenti si curano tutti con la chemio, visto che in totale ce
    ne ha citati una ventina, certo ricchissimi, ma sempre pochi. Potrebbe persino
    essere, ebbene si, che tra gli stessi potenti ci sia chi è più informato e chi
    lo è meno, chi è più intelligente e chi lo è meno, anche se noi tendiamo a
    ritenerli tutti dotati di super poteri. Le cifre di Barnard non mi convincono
    per niente perché quella del cancro è una industria enorme, che va avanti su
    numeri ormai immensi di persone, peraltro per la maggior parte pazienti di
    paesi ricchi, non certo terzo mondo. Oltretutto sembra abbastanza evidente che
    i numeri delle terapie alternative sono stati finora boicottati in tutti i modi
    a livello di statistiche di guarigione e quant’altro, mentre le statistiche
    delle terapie ufficiali sono chiaramente, nel migliore dei casi interpretate
    secondo convenienza. Potrei citare casi che conosco personalmente, persino di
    gente cui sono stati pronosticati 6 mesi di vita, che ha deciso di non fare
    assolutamente nessuna cura e che ha tirato avanti cosi per 25 anni almeno. Quindi
    persino nessuna cura alla fine è una cura. E’ peraltro anche evidente, almeno
    per il momento, che le cure alternative si basano su numeri infinitamente più
    piccoli, quindi fare paragoni al momento mi sembra improponibile. Dovremo fare
    statistiche su almeno 50 anni di cure alternative sugli stessi numeri, per
    poter paragonare l’efficacia delle cure a confronto. Inoltre c’è il problema
    degli investimenti in ricerca, chiaro che ci vorrebbero cifre notevoli da
    investire in ricerca se si volesse veramente trovare nuove vie alternative alla
    medicina anticancro ufficiale. In fondo è come per il petrolio, finche ce n’è,
    tanto vale sfruttare i pozzi marci e puzzolenti e chi se ne frega se le case
    continuano a sporcare l’ambiente con motori truccati, piuttosto che investire
    cifre enormi in energie alternative; finche è possibile, le grandi
    multinazionali continueranno a sfruttare fino allo spasimo gli investimenti
    fatti in precedenza su energie tradizionali. No, non mi sembra proprio che il
    metodo di Barnard sia da prendere in considerazione.  

  • Albertof

    In questa circostanza non sono assolutamente d’accordo con Barnard. Confesso di non avere letto l’articolo fino in fondo ma credo che il concetto sia questo: si alla medicina tradizinale (chemio e quant’altro) no alle soluzioni alternative (un mondo infinito…) Ho vissuto decine di situazioni di questo tipo attraverso le sofferenze di persone a me molto vicine, curate tutte con metodi tradizionali: nessuna dico nessuna sopravissuta e nessuna dico nessuna ha vissuto il periodo fino al decesso in modo spensierato ed allegro tolti pochi mesi dopo l’operazione. Ora, a meno che Barnard non faccia riferimento a cure tradizionali che io non conosco e che possono permettersi solo i ricconi, dire che è l’unica via d’uscita mi sembra molto pretestuoso e, se vogliamo, dimostra di non conoscere tantissimi studi che sono stati fatti (e boicottati .. chissà perchè .. dalla medicina tradizionale… Barnard su questo dovrebbe sapere come funziona!). Inoltre non è vero che nessuno si rivolge ai metodi alternativi, cito solo uno tra tanti, le innumerevoli persone che si recano in Messico dove ci sono sistemi alternativi che qui in Italia non vengono "tollerati" e che obbligano chi vuole tentare altre strade di sobbarcarsi di ulteriori spese di viaggio. Conosco diverse persone che cambiando radicalmente alimentazione (ad esempio nel mondo della macrobiotica) hanno ottenuto risultati evidenti compreso la guarigione. Quindi prima di buttare nella spazzatura e prima di "andare nelle scuole" a propagandare la chemio come unica alternativa io ci penserei un attimo. Fatevi dire da qualche amico medico cosa succede nel nostro organismo dopo il trattamento chemio! 

  • rossland

    @ottavino
    totalmente d’accordo con la tua posizione: darsi il tempo di capire e avere l’umiltà di accettare la nostra profonda ignoranza non solo su chi siamo, ma su cosa…siamo.
    E lo dico per personale esperienza, e da prima che sul web si aprissero le discussioni sulle alternative.
    Puoi scegliere, questo è l’alternativa alla chemio a disposizione.
    La cosa più difficile, soprattutto quando si incontra sulla propria strada l’ostacolo della malattia, è capire cosa ci dice di noi ogni malattia, quale segnale sulle micro o macro disarmonie ci segnala, cosa ci porta a quel grande o piccolo squilibrio che inceppa la nostra biologia.
    Forse, ciò di cui abbiamo bisogno quando incontriamo la malattia è, oltre alla cura biologica, di una cura spirituale e culturale.
    Ma è troppo complesso a di difficile realizzazione, pochi riescono e possono farlo.
    Per questo la chimica prospera e la cura alternativa viene (scioccamente) svillaneggiata.
    Se l’industria investisse nella filosofia, nella poesia, nella cura dell’anima gli stessi soldi che investe in molecole e radioterapia, l’umanità farebbe davvero passi avanti da gigante.
    Ma sappiamo come va, quindi ognuno scelga ciò che può e sente di dover/poter scegliere.
    Alla fine, presto o tardi, taceranno per tutti le dispute e suoneranno le trombe: allora, forse, sapremo.
    Fin lì, tutto è lecito se ci fa sentire bene o meglio…

  • Neriana

    vorrei dire che ogni cosa vivente, vuoi o non vuoi …muore. Questo permette la dinamica della vita sulla Terra .  Penso che quello che permette di vincere la malattia del cancro è la capacità di una diagnosi che è sempre piu precoce e un’alta specializzazione nella chirurgia, ovviamente in occidente. Se poi dopo l’intervento chirurgico si sceglie la chemioterapia o altre cure alternative, è soggettivo.  Se uno è terrorizzato dalla chemioterapia, e pensa che per lui è mortale, è probabile che non gli faccia poi cosi bene. Se invece uno ha una cieca fiducia, e la fa con convinzione è molto probabile che la cura sia molto piu efficace. 

    In America ad esempio se non sei assicurato le cure oncologiche non sono pagate e quindi le alternative , sono paliativi che giustamente non si devono negare a nessuno. 
    Che poi sulla paura del cancro fioriscano fior di imbroglioni di tutte le specie è anche vero. Vorrei pero’ sfatare il fatto che facendo chemioterapia e/o radiazioni si abbia l’immortalità.
  • vic

    Caro Barnard, talvolta i numeri conviene leggerseli.

    Come ben ti ricordi, il Ministero della Sanita’ italiana condusse uno studio clinico sulla cosiddetta terapia Di Bella contro il cancro.
    Osservarono il decorso di malati praticamente moribondi, in parte sottoposti alle cure tradizionali, in parte alla cura Di Bella.
    Il rapporto finale sullo studio e’ a dir poco schizofrenico.
    Nel riassunto conclusivo vi si afferma che la cura Di Bella non funziona.
    Se pero’ si vanno a spulciare i dati, e si sovrappongono le curve di sopravvivenza, balza subito all’occhio un fatto a dir poco eclatante: nello studio ministeriale la cura Di Bella raddoppiava la speranza di vita, per qualunque tipo di tumore considerato dallo studio stesso.
    Se a cio’ si aggiunge il fatto che pure la qualita’ della vita residua col trattamento Di Bella e’ nettamente migliore, quanto afferma Barnard e’ a dir poco fuorviante. Senza tener conto che manca di rispetto ad un eccellente professore non solo in medicina ma pure in biologia cellulare.
    Equiparare Di Bella al frullato di sedano e’ un modo di fare indegno di chi abbia un minimo di cervello e di onesta’ intellettuale.
    Vatti a tirar fuori i grafici dal rapporto ministeriale Barnard, va’! E se non capisci un cacchio di curve di sopravvivenza, abbi la decenza di tacere.
  • temuchindallaCina

    E allora buttiamo via le pastiglie, crepo, ma almeno qualcuno dirà:

    Hai visto? Che pirla, per essere libero, ha buttato via le pasticche e ci ha rimesso la pelle, complimenti!

    Bella la tua filosofia, ma per piacere!

  • temuchindallaCina

    E allora leggilo tutto, altrimenti che razza di giudizio puoi dare?

  • ottavino

    Grazie. Mi pare che hai colto il punto.

    Si capisca che la malattia è un bene!!!
    E che è la visione/concezione comune ad essere sbagliata!
  • ottavino

    Ti sei seduto sugli allori. Continua a cercare!

    Controlla le tue abitudini. Certamente ce ne sono diverse sbagliate.
  • Eshin

    quoto

  • Hamelin
    Astio , Livore ed Ignoranza a KG in questo articolo che è solo uno sfogo .

    Ognuno è libero di curarsi come meglio crede .

    Vuoi ammazzarti con la Chemio tra atroci sofferenze accomodati non c’è nessun problema .

    Qualcuno si pagherà le vancanze alle Maldive lo Yacht e la villa alle Cayman.
    ( E magari sarà anche contento per l’effetto b-side Malthusiano , avendo eliminato un paovero a favour di un ricco … )
    Qual’è il problema ?

    Se qualcuno vuole provare altre vie anzichè farsi iniettare sostanze altamente tossiche e mortali riconosciute tali dagli stessi medici che te le sparano in vena ( bardati con protezioni che neanche un giocatore di football americano ) sarà pur libero di farlo .

    Anche i medici del medioevo erano fermamante convinti che salassando il malcapitato febbricitante l’avrebbero sicuramente salvato …

    Fra 200 anni la chemio verrà ricordata allo stesso modo .

  • sweetwater

    Grazie.

  • passante

    Citare Di Bella tra gli alternativi e i new age è stato sciocco e ingeneroso da parte di Barnard, ciononostante sono dalla sua parte nella condanna senza appello di tutte le vie di guarigione spiritualistiche, come truffe da parte di falliti che vogliono affrancarsi dal loro fallimento, e anche mettersi qualcosa in tasca, a spese dei gonzi che gli vanno dietro, fermo restando la libertà di ognuno di ammazzarsi come gli pare, ma non a spese del contribuente. 

    Non credo che però la cura Di Bella sia stata bocciata per questioni economiche, tanto più che il ministero aveva le migliori ragioni per sperare che funzionasse, e nemmeno credo che i politici siano tutti dei venduti agli interessi delle case farmaceutiche. Penso invece che dietro la vicenda, oggettivamente molto strana, ci siano state pressioni politiche di diversa natura, che non conosceremo mai. Non dobbiamo dimenticarci mai di vivere in un mondo governato da persone capaci di diffondere infezioni mortali, di trattare le gestanti del proprio paese con iniezioni radioattive, di disconoscere i propri soldati ammalati a causa dell’uranio impoverito. Tutto per ragioni di ordine militare e tutto coperto da segreto di stato.
  • Servus

    "Tutti gli Agnelli: chemioterapia, radio terapia.

    Il Presidente più potente della storia francese, Francois Mitterrand, deceduto: chemio, radio.

    Lloyd Blankfein, ebreo, N. 1 di Goldman Sachs, la più potente banca del mondo, ha un linfoma e farà la chemio.

    Warren Buffet, N. 1 di Berkshire Hathaway, l’uomo più ricco d’America, ha un cancro alla prostata, ha fatto la chemio.

    James Dimon, N.1 di JP Morgan Chase, la più ricca banca del mondo per assets, ha un cancro alla gola, fa chemio e radioterapia.

    Robert Benmosche, N.1 del colosso assicurativo AIG, la maggiore assicurazione del Pianeta, aveva un cancro ai polmoni, chemio, ma è morto di recente.

    L’erede del trono saudita, nientemeno, Principe Sultan bin Abdulaziz Al-Saud, con più miliardi che noi peli, morto di cancro in un ospedale di New York, chemio ecc.

    Dunque la giustizia c’è anche per loro.

  • marcello1991

    Non dobbiamo dimenticarci mai di vivere in un mondo governato da persone capaci
    di diffondere infezioni mortali, di trattare le gestanti del proprio paese con
    iniezioni radioattive, di disconoscere i propri soldati ammalati a causa
    dell’uranio impoverito   —>  VACCINI… L’URANIO NON C’ENTRA
    NULLA. ORMAI E’ CONCLAMATO….A PROPOSITO DELLA MEDICINA TRADIZIONALE…VEDI IL
    CASO DEL GENERALE SARNA  … SE RICORDO BENE  CIAO

  • dar56

    "La rabbia è sempre paura, e la paura è sempre paura di una perdita." (Richard Bach, Il libro ritrovato).


    Mi fai veramente tanta compassione Paolo. Ti abbraccio e ti auguro tutto il bene possibile.

    Dario
  • fefochip

    il senso se non lo capisci non mi metto certo a rispiegartelo.

    fatti le chemio che io mi faccio i "beveroni" o quello che cazzo mi pare e siamo tutti e due contenti

  • rossland

    1. Se i ricchi della terra fossero per ciò stesso esempio di intelligenza universale e pertanto da imitare, il mondo non sarebbe quello che è
    2. scienza e ricerca in campo medico/farmaceutico, è finanziata dai ricchi della terra perché i ricchi della terra credono solo all’aspetto materiale dell’esistenza. Se la parte spirituale garantisse utili in Borsa non esiterebbero a farsene promotori perché ciò in cui credono non è la scienza né (ovviamente) la spiritualità, ma ciò che è visibile, dimostrabile e produce utili
    3. PB cita alcuni £ricchi della terra", quasi tutti estranei al mondo medico. Una più accurata ricerca evidenzierebbe come nel mondo vi siano moltissimi oncologi che per se stessi scelgono altro o spesso non scelgano che di cambiare drasticamente vita (al link sotto un esempio ma cercando se ne trovano moltissimi)
    http://risvegliodiunadea.altervista.org/?p=4591
    4. di fronte a una diagnosi che sventola davanti a un uomo lo spauracchio della malattia più infasta e della possibile morte (non sempre si muore, va detto), il riccone non è che un uomo come gli altri. Essendo però (abitualmente) molto legato all’idea di una vita "produttiva", sceglie di affidarsi ai migliori specialisti e alle migliori cure che i soldi gli garantiscono solo nell’illusione di essere lui stesso "corpo produttivo", quindi riparabile se affidato a un buon meccanico dei corpi.
    Non è diverso da ogni altro che di fronte alla stessa diagnosi, che lo spaventa come spaventa chiunque, si "affida", cioè cede ad altri l’intera gestione (e responsabilità) non della propria "guarigione", ma del senso stesso della propria vita, della quale non vuole sapere niente di più che pillola rossa/pillola blu o taglia qui e ricuci là o anche mettici una pezza e poi "bombardiamo" le cellule.
    Insomma, entra in guerra con il proprio corpo così come è stato sempre in guerra, senza però saperlo, con il proprio "spirito", che riconosce ma insieme disconosce.
    Per quello c’è sempre Dio, e se non fa i miracoli Lui ci sarà una ragione scientifica, no?
    (Strano che a credere più fortemente in Dio – qualunque Dio – siano poi i fedelissimi della scienza e i ragioniori della materia: Ma a cosa credono, pensano forse che Dio sia cosa?)

  • rossland

    Aggiungo, rispetto al link postato al commento precedente sull’oncologo che cura la moglie con il "Metodo immunoterapico Di Bella", che l’intelligenza del Metodo sta nel fatto che affronta il sistema immunitario come sistema individuale, per cui la cura è difficilmente e raramente standardizzabile. Fu infatti il fatto che non potesse essere standardizzato a portare (volutamente?) al fallimento della sperimentazione chiesta all’epoca dal Min. Bindi. Senza contare che in quell’occasione furono scelti come spoggetti su cui sperimentare la cura persone già fortemente debilitate da precedenti chemio e radio terapie e dichiarate ormai "non ulteriormente trattabili" dalla medicina ufficiale.
    Il sistema immunitario è sempre e solo individuale, per questo nessuna cura risponde allo stesso modo sui pazienti, sia che si tratti di chemio/radio terapia che di "cure alternative".
    Se non c?è un coinvolgimento personel nella propria cura, se quel coinvolgimento non nasce da un autentico amore di sé in quanto sistema biologico/emotivo che pur simile a milioni ha leggi proprie, nulla avrà sempre successo.
    Ma ormai vi sono chili e chili di studi a confermare che la meditazione, ad esempio, aumentano le difese immunitarie dei soggetti che la praticano quotidianamente.
    E altre chilate di studi sono a confermare quanto sia importante per il riequilibrio psico-fisico-energetico l’ascolto di sé, l’aver fiducia in quel "sentire" che in un organismo sano alontana istintivamente da ciò che può rompere in noi il delicato equilibrio psico-fisico-emotivo.
    Conta ancora più di tutto l’allontanare da sé ogni assurdo senso di colpa: anche se abbiamo alle spalle una vita di scelte "sbagliate", basta smetterle per dare al nostro sistema biologico la forza per piano piano ricominciare su basi più armoniose e rispettose di noi stessi.
    Ripeto: vita e condizioni permettendo, ché nemmeno aver cura di sé in silenzio oggi è così facile viste le pressioni esterne per essere "adatti" al sistema.

  • rossland

    Temo lei confonda il potere (economico, sociale, politico) con l’intelligenza.
    Che non è una e su tutto per tutto.
    Uno può essere abilissimo negli affari (quindi aver sviluppato in quella direzione la propria massima intelligenza), ed essere un infante emotivamente o culturalmente.
    L’equazione per cui il ricco è di per sé intelligente sostiene l’idea che il povero sia per ciò stesso un deficente.
    Dipende credo dai punti di osservazione, e qulla di elevare l’intelligenza del ricco è alla fine solo il riconoscimento del denaro (e del potere che ne deriva), come unica intelligenza.
    Fosse così, dovremmo smetterla di inginocchiarci sugli altari onoranti santi e dei, il più delle volte degli sfigati morti bastonati dai ricchi "intelligenti".

  • rossland

    Infatti.
    Conosco il caso di un amico al quale 2 anni fa fu diagnosticato un tumore alla gola. Fatti tutti gli esami, gli diedero max 6 mesi di vita tranne tentare un’operazione con successiva chemio e radio terapia.
    Fissato il giorno dell’intervento, quello chiama il chirurgo per dirgli che ci aveva ripensato e da lì ha iniziato un suo (tortuossisimo) percorso di terapie alternative di vario genere con alla base un cambio radicale di alimentazione.
    A distanza di 2 anni ha rifatto gli esami e la massa tumorale è praticamente ridotta a un micro puntino mentre continua a, proprio in continuità con la sua idea che finché sei vivo, vivi, fare sport, fare il dongiovanni con le donne, godersi ogni cosa che ama fare.
    Due anni, e non solo è vivissimo, ma continua a curarsi avendo fatto entrare le "cure alternative" nella sua quotidianità.
    SDi fosse sottoposto alla chirurgia, data la posizione della massa tumorale, nel migliore dei casi non sarebbe più riuscito a parlare e con tutta probabilità, ammesso che non tirasse le cuoia prima, oggi sarebbe un cencio devastato da chemio e radio terapia.
    Invece, è un uomo sano che cura la propria salute e che ha un piccolo "promemoria" di cosa a lui fa male e cosa invece fa bene al suo sistema immunitario.

  • rbk

    L’unica medicina alternativa a quella usata dal popolo è l’ORO ! 🙂
    Solo se avete soldi vi curate e campate più a lungo di chi usa la medicina tradizionale…(quella dei frullati etc)Mettevelo bene nella zucca.

  • fefochip

    lei chi ? io o barnard ?

    chi confonde i soldi con l’intelligenza non sono certo io , forse barnad

    mi sembra lei (rossland) confuso

  • rossland

    Concordo. Ho seguito molto da vicino e successivamente approfondito i risultati di quella "sperimentazione Di Bella". A parte la pretesa di standardizzare una cura che prevede alcune "personalizzazioni" in base al soggetto, ricordo l’approntamento del mix approntato in fretta e furia, spesso sostituendo alcuni principi attivi con altri "similari", e tenendo ben fuori chi quella cura l’ha proposta con successo per anni e su quello aveva già anni di studi clinici su soggetti reali che potevano testimoniarne il successo.
    Alla fine, ebbero più risonanza mediatica i morti che i sopravvissuti, e nessuno volle più sapere come fu condotta la sperimentazione.
    Lo dico anche se non sottoscrivo al 100% la terapia Di Bella, ma ho conosciuto il Professor Di Bella e ne ho ammirato l’integrità morale e il grande spirito da vero ricercatore medico come non ve ne sono forse più.

  • rossland

    Potrebbe essere, chi non è confuso di questi tempi?

  • pasa

    Anni fa mi raccontarono questa storia:

    una bambina povera in un paese del sud Italia, aveva dei cugini , la nonna ne adorava soprattutto uno: il maschietto di famiglia.
    Quando la domenica preparava  il pane in casa con il lievito madre la donna faceva questi distinguo:
    – preparava il pane di grano duro con la farina bianca per il maschio
    – preparava il pane nero per la nipotina.
    La nonna pensando, nella sua ignoranza, che il pane bianco fosse di qualità migliore commetteva un errore.
    QUESTO LO SO PERCHE’ LA PICCOLA DI CUI PARLO DIVENNE UN’INSEGNANTE DI SCIENZE CHE INFORMAVA I SUOI ALUNNI IN QUESTO SENSO. 
    Dopo, negli anni sappiamo che il pane integrale di farine coltivate biologicamente ha un valore nutritivo superiore.
    E’ una questione culturale!
    Una questione culturale è la scelta personale nell’affrontare la propria malattia.
    Premesso che, e PB lo dice correttamente,  le multinazionali si sarebbero già impossessati immediatamente di cure alternative SERIE da quello che constato dico che le multinazionali si sono già impossessate del mercato della medicine alternative.
    Il Cancro poi è una malattia seria non è una passeggiata e non si può scherzare su di esso.
    In questo momento l’unico protocollo serio passa dalla chemioterapia e l’uomo è abbastanza resistente, talvolta , a sostenerla.
    Se poi chi ne è colpito vuole aggiungere qualsiasi altro modo libero di farlo: c’è chi lo fa con la preghiera, chi con i frullati, chi con la cura Di Bella, che però SOTTOLINEO non è quella proposta dal medico Di Bella, ma che è stata manipolata a dovere .
    Perchè nel percorso che tu fai quando ne sei colpito IMPORTANTISSIMO è soprattutto l’etica di chi ti segue, perchè vedete se il medico non capisce il valore del suo lavoro si abbassa a livelli di mero esecutore di protocolli e il malato non è solo un protocollo.
  • rbk

    Commento di getto…

    La Cura di ogni malattia dipende da 3 fattori.
    Il primo è che la malattia sia effettivamente curabile,il secondo è la risposta fisiologica del corpo alla cura e il terzo è la capacità economica del malato.

    Questo ultimo fattore  è già evidente anche dal fatto che, la signora Claudia di Comacchio,difficilmente potrà contare sull’interessamento di Veronesi,il quale telefona al noto chirurgo,amico di Barnard,per sollecitare un intervento chirurgico prima che l’intera equipe del luminare si prenda cura del fratello del noto editore italiano(cit),per sfangarla…
    La  chemio e radio sono le uniche medicine in grado,spesso,di curare una malattia che non ha ancora una cura definitiva  ma è la disponibilità economica ad essere in grado di incidere  su un fattore determinante la cura;la risposta fisiologica del corpo alla medicina.Certe persone infatti ci stirano le zampe.

    Ossia il denaro è la Medicina Alternativa che seleziona i malati in una Elite.

    I vari protocolli chemio o radio predisposti cioè ad assecondare le esigenze fisiologiche e personali del malato, ad esempio disponibili attraverso il SSN,sono comunque Standardizzate attraverso parametri politici ed economici.Il parametro politico è determinato dal fatto che lo Stato deve garantire a Tutti lo stesso standard di cura (Costituzione) il secondo è determinato dalla capacità economica dello Stato  di mantenere più o meno alto questo standard.Ossia la capacità dello stato di acquisire ($$)protocolli medicinali sempre piu specifici e all’avanguardia ($$)(in Botzuana lo stato passa al malato una banana al giorno per la cura del cancro ad esempio)  alla fisiologia dell’Individuo oltre che disporre di denaro sufficente a pagare lo stipendio ad un numero semre più alto di medici in grado cioè di seguire l’andamento della malattia in ogni singolo organo x ogni singolo  malato.
    Un ricco,sempre in base al suo reddito,non solo ha accesso a medicine chemio al di fuori degli standard(popolari)ma è in grado di commissionare alle big farma studi specifici di medicine specifiche alla propria fisiologia e malattia e disporre di equipe di medici che seguono l’evoluzione della malattia in ogni singolo organo(come si vede nei film).OOpss  scatta il complotto! Vuoi vedere che questi ricconi finanziano proprie strutture fantascientifiche di ricerca finalizzate  a sviluppare medicine x campare più a lungo e meglio?Una elite di pluricentenari che silenziosamente trapassano i secoli nell’anonimato più assoluto? Non ho riletto ne corretto spero che il senso si capisca.

  • pasa

    Anni fa mi raccontarono questa storia:

    una bambina povera in un paese del sud Italia, aveva dei cugini , la nonna ne adorava soprattutto uno: il maschietto di famiglia.
    Quando la domenica preparava  il pane in casa con il lievito madre la donna faceva questi distinguo:
    – preparava il pane di grano duro con la farina bianca per il maschio
    – preparava il pane nero per la nipotina.
    La nonna pensando, nella sua ignoranza, che il pane bianco fosse di qualità migliore commetteva un errore.
    QUESTO LO SO PERCHE’ LA PICCOLA DI CUI PARLO DIVENNE UN’INSEGNANTE DI SCIENZE CHE INFORMAVA I SUOI ALUNNI IN QUESTO SENSO. 
    Dopo, negli anni sappiamo che il pane integrale di farine coltivate biologicamente ha un valore nutritivo superiore.
    E’ una questione culturale!
    Una questione culturale è la scelta personale nell’affrontare la propria malattia.
    Premesso che, e PB lo dice correttamente,  le multinazionali si sarebbero già impossessati immediatamente di cure alternative SERIE da quello che constato dico che le multinazionali si sono già impossessate del mercato della medicine alternative.
    Il Cancro poi è una malattia seria non è una passeggiata e non si può scherzare su di esso.
    In questo momento l’unico protocollo serio passa dalla chemioterapia e l’uomo è abbastanza resistente, talvolta , a sostenerla.
    Se poi chi ne è colpito vuole aggiungere qualsiasi altro modo libero di farlo: c’è chi lo fa con la preghiera, chi con i frullati, chi con la cura Di Bella, che però SOTTOLINEO non è quella proposta dal medico Di Bella, ma che è stata manipolata a dovere .
    Perchè nel percorso che tu fai quando ne sei colpito IMPORTANTISSIMO è soprattutto l’etica di chi ti segue, perchè vedete se il medico non capisce il valore del suo lavoro si abbassa a livelli di mero esecutore di protocolli e il malato non è solo un protocollo.
  • marcello1991

    sarebbe interessante sapere quanti di questi ricconi hanno vaccinato i
    figli o nipoti…già a 3 mesi come si fa qui in Italia…

  • RenatoT

    Bravo. Il cancro non è una malattia, è una condizione fisiologica in cui, il cancro si palesaper sopravvivere in un ambiente estremamente acido.

    E’ culturale, lo dice anche Berrino. Il Cancro è businnes, ignoranza e stupidità.
    Il cancro è la bruciatura che si vede dopo avere appiccato il fuoco. La scienza medica (quella privata ormai dal 1920), pretende di creare una pozione magica che fa regredire il fuoco e le bruciature…. e non è possibile.
    Approcciando cosi questa "malattia" che altro non è che la conseguenza di una vita completamente sbagliata, ho tirato fuori 4 persone. La prima, la mia attuale compagna.
    8 Anni fa era sotto chemio.
    Non è questione di frullati, sali particolari o bicarbonato. E`tutto lo stile di vita e la base sono le molecole che infiliamo nel corpo. Se entrano quelle previste dall’evoluzione, l’organismo funziona, diversamente, se ci piace uscire con gli amici e farci una pizza, e dopo un bel cocktail, in nome dell’amicizia e compagnia… allora le probabilitá cominciano a diventare molto alte.
    La strada del cancro cominca appena nati… il deterioramente fisico comincia a sentirsi molti anni prima… ci sono moltissimi segnali che indicano l’acidificazione del corpo.. e moltissime medicine che ne nascondono i sintomi.
  • Albertof

    ottimo intervento. forse dovresti tu leggere tutto il mio commento. saluti

  • marcello1991

    qualità della vita si certo…. ma anche e soprattutto qualità della
    morte…

    Un aiuto per la ricerca contro il cancro….. si certo ma… ma
    mai un aiuto per chi di cancro sta morendo…e che porterà con se un pezzo
    d’anima di chi gli sta/stava vicino…
    Mai ….un aiuto per renderci più
    umani…quello non fa audience, fa troppo + paura morire… che morire
    male…eppure è quello poi che lascia veramente + traccia nella vita..di
    tutti.

    Bastardi!

  • RenatoT

    perchè i super ricchi, amano il lusso, gli chef, i cibi elaborati… Hanno spesso in casa chef e pasticceri che si occupano di produrre tutto quello che serve a far ammalare di cancro tutta la famiglia.

    Quello che porta al cancro è un intossicazione da una droga ancora non riconosciuta.
    Una droga che è 8 volte piu’ coinvolgente della cocaia.
    Farne a meno è quasi impossibile è come uscire dall’alcolismo o dalla nicotina o dalla cocaina.. piu’ difficile perchè non è riconosciuta come intossicazione.
    La droga in questione, diventa necessaria per continuare a vivere.. come tutte le altre droghe… e anchel’infelicitá porta a tutto questo e i super ricchi vivono di rating e non di amore.
  • fefochip

    fesserie.

    la cura di una malattia dipende dalla comprensione di questa malattia e solo in seconda battuta dai mezzi di cui una persona dispone.

    dato che al di là di chiacchiere inutili il cancro non si sa da cosa è causato è evidente che non si comprende la malattia e di conseguenza puoi avere tutti i soldi che vuoi ma crepi uguale se non capisci.

  • illupodeicieli

    Non sono un esperto, anzi i miei commenti e le mie osservazioni non interessano nessuno, salvo poi scoprire che alcuni dopo anni parlano o analizzano situazioni e aspetti che avevo ,guarda caso, segnalato anni prima nel blog o ,appunto, nei commenti. Per venire a quanto scrive Barnard, posso dire che ad esempio Steve McQueen ,per quanto ne so io, aveva cercato cure alternative , mentre , di recente Donna Summer non se abbia fatto lo stesso. Mi chiedo se persone famose e abbienti come John Wayne o Jim Hutton o George Harrison o altre più o meno note, abbiano fatto ricorso a cure alternative e con quali risultati. 

    Ps:
    Per tornare a quanto ho scritto come inizio posso citare, giusto per chiarire le mie tare mentali: nel caso di scie chimiche sono state per caso viste cose simili in quadri o dipinti antichi o comunque antecedenti i voli aerei? E nei film , nelle pellicole in generale, recenti o meno che siano, è stato osservato qualcosa di strano?
    Vogliamo parlare di economia e problemi simili, ma pratici, terra terra? E’ dal 2004 quando ho aperto il primo blog su leonardo, che mentre altri parlavo e scrivevano di 11 settembre, di Saddam e Arafat o di Bush, io facevo presente che occorre anche preoccuparsi di chi non ha potere di acquisto, di chi perde il lavoro, delle tasse e di chi è perseguitato da Equitalia e recupero crediti:avevo anche avanzato delle proposte, nel senso che avevo invitato (e l’ho fatto pure di recente) chiunque avesse e volesse mettere le proprie capacità e professione al servizio altrui così da fornire consigli e dritte su vari temi e problematiche ( io stesso lo feci): ma niente di niente. 
  • RenatoT

    Il corpo umano è autoriparante, dotato di miliardi di macchine molecolari perfette, replicanti… e le molecole, non invecchiano.

    Io non so di quale patologia soffre… ma sono sicuro al 100% che è il risultato delle sue abitudini.
    Per esempio, un amico, soffriva di cefalea a grappolo da 25 anni… era stato anche al centro cefalee di modena, n.1 in italia. Gli diedero il pillolone, in quanto questo tipo di patologie sono senza cura.
    C’ho messo 3 mesi a convincerlo.. e in 3 giorni è finita la maledizione.
  • Denisio

    Barnard, caro Paolo Barnard, che tu sia vero o che tu sia un bit che vaga in rete, che tu sia un giornalista o un vaso di coccio, che tu sia un venditore del mercato rionale o un esperto dei mercati internazionali adesso dopo che hai capito tutto del mondo è il momento che ti renda conto di chi sono veramente i Barbagianni che porti come esempio universale nel momento tragico in cui la macchina biologica di cui essi stessi sembra siano costituiti e che madre natura ha amorevolmente loro donato entra in un circolo vizioso. Ti auguro di farti una sana risata come ho fatto io leggendo il tuo articolo:

    https://www.youtube.com/watch?v=afZ1MMjAaX0

    con stima.

  • Denisio

    Bravo.

  • pasa

    – 40° Presidente degli stati Uniti d’America Ronald Reagen morto nel 2004 presidente dal 1981 al 1989

    – Papa Giovanni Paolo II  dal 1978 al 2005 papa, deceduto nel 2005
    – giovane non potente essere umano deceduto nel 1987
    Nell’ anno 1987 una grandissima persona , non un potente della terra ma un bellissimo ragazzo morì di cancro ai polmoni, era sanissimo fino a sei mesi prima , ma se voi ricordate  il 26 Aprile del 1986 …….Chernobyl!!!!! sembra una coincidenza? no,  non è stata una coincidenza.
    Dopo averlo massacrato in ospedale con chemioterapia, trasfusioni inutili, volle morire a casa sul letto della madre.
    Un mese prima partii a Busto Arsizio   , perchè in quei momenti faresti di tutto per la vita di chi ami,
     dove lavorava la Dott. Wilma Cavallini titolare dell’Erboristeria 3 , in via XX Settembre
     Ma chi era la Dott. Cavallini  .
    Laureata in America come Medico, dell’ordine di George Whashington, si era specializzata in Cina in Medicina Tradizionale cinese, conosceva l’ayurveda  indiano, possedeva serre in Kenia dove allora non esisteva l’inquinamento, dove coltivavano delle piante per l’erboristeria 3b.
    Quando i prodotti della specchiasol erano contrassegnati dal marchio 3B erano d’eccellenza.
    ( conosco queste notizie perchè ho studiato l’OLIGOTERAPIA con il chimico della Specchiasol
     Dott. Torti negli anni 90).
    Una grande chiaccherata. Non so perchè mi raccontò ma si aprì alla mia presenza insulare.
    Lei ed altri medici , soprattutto Siciliani faceva parte di uno Staff scientifico di altissimo livello che seguiva personaggi illustri .
    Lessi il  telegramma di auguri per Lei (quel giorno era il suo compleanno) da parte di Nancy Reagan .
    In quel periodo lo staff scientifico di cui Lei faceva parte aveva in cura Ronald Regan (cancro all’intestino) 
    e Papa Giovanni Paolo II (ricodate dopo l’attentato del 1981? gli era rimasta  una bella cancrena).
    Dal 1987 al 2004 Regan è vissuto 27 anni
    Dal 1987 al 2005 Papa Paolo II è vissuto 28 anni
    Sicuramente erano in cura da prima.
    Andai con i referti medici del ragazzo e le radiografie.
    La medicina allopatica presentava la struttura ossea come distrutta dalle metastasi.
    Quando Wilma vide le radiografie le sue parole furono: " che apparato scheletrico meraviglioso"
    Ero seduta davanti a Lei ,nel suo studio e mi raccontò della sua vita, pianse dinnanzi a me, forse il mio dolore commosse quella donna così potente.
    Nella mia mente risuonano queste sue parole:
    "gli italiani non sanno RESPIRARE" .
    E compresi…..
    Da anni mi occupo di sofferenza umana ho le mie prove  e certezze che la Guarigione esiste, ma a condurla non sono certo le case Farmaceutiche.
    La Medicina è ancora una scienza non misurabile e quindi non esatta, proprio perchè fa riferimento ad una VARIABILE INTERESSANTISSIMA: l’UOMO.
    Quel ragazzo continuò la sue cure allopatiche , l’altro contorno era senza FEDE, Wilma non potè venire a 500 Km di distanza per un problema di cui non dico, io non potevo sostituirmi a Lui e…andò via da questa terra, giovane, bello , detentore di argute gentilezze.
    Ho portato due esempi di potenti che, accanto alla Medicina Allopatica si sono accostati a scienziati come la Cavallini, ONORE   alla sua preparazione di Medico TRADIZIONALE, ma con un Know how della sua Famiglia (da più di 4 secoli erboristi, farmacisti medici etc….) eccellente.
    MI CHIEDO: dopo queste menti a NOI è arrivato l’INFERNO e l’UOMO ha perso la BUSSOLA.
    Che fine faremo se la MEDICINA non ritornerà sorella della FILOSOFIA?
     
  • LeoneVerde
    A parte la testimonianza di Pasa, davvero molto bella, nessuno di quelli che hanno commentato contro questa dolente e schietta analisi su case farmaceutiche e ciarlatani, che tra l’altro, mi vede concorde, si è guarito da solo un cancro con la meditazione o con una cura alternativa. O almeno non mi sembra lo scrivano. Se sbaglio, alzate la mano. Mi chiedo cosa accadrebbe alla psiche di coloro che si ritengono immuni dal cancro perché seguono una dieta particolare, nel malaugurato caso se lo ritrovassero nel corpo. Vorrei capire se riuscirebbero a dire a sé stessi o a un loro caro, magari un figlio o l’amatissimo marito "la malattia è un’opportunità, ringrazio la vita di questa prova". Forse qualcuno si, dopo aver percorso una via crucis personale ed essere caduti un paio di volte sotto la croce, saprà portare a casa insieme alla quantità enorme di dolore incancellabile che questa esperienza comporta, anche qualche perla preziosa.
    La consapevolezza non è conoscenza, ma esperienza acquisita. Non sta nella mente. Ha colore, sapore, odore, suono, consistenza.
    La libertà di cura è sacrosanta, ma per essere libera deve essere onesta. I rischi devono essere espliciti. Le balle dei medici per non deprimere il paziente e i familiari più stretti devono finire. E’ un teatrino ignobile che lascia delusione amarissima all’aggravarsi del male. L’ho visto con mio padre, morto come un cane bastonato dopo atroci sofferenze. E non si può chiedere a chi non è pronto o non ha delle risorse interiori frutto di un percorso già iniziato prima, di intraprendere con convinzione vie di guarigione alternative. Proprio perché ci sono variabili che non sono misurabili e il risultato non è mai certo.
    Trovo straordinaria da un nichilista come Barnard, sprezzante del "sacro", questa sua inaspettata apertura:"Come vi spiegate, voi ‘alternativi’ che in ciascuna delle vostre ‘scoperte’ sostenete di essere i VERI guaritori, come spiegate dicevo che da un cancro anche metastatizzato ‘guarisce’ anche gente che va a Medjugorje, che va da Padre Pio, che va in Tibet a mangiare polvere di metalli, che si rivolge ai maghi messicani, che prega la Madonna nella chiesa del paesino di montagna, o semplicemente che manda a fan culo la propria infelice vita e va a vivere in India? E ‘guariscono’ tutti questi. Come ve lo spiegate, alternativi?"
  • rbk

    …devo proprio aver scritto in arabo,peccato non possa modificare il testo.
    Quello che volevo dire è che nessun medico ti dirà mai che la (tua..) malattia ha una cura ed una medicina   e ti potresti salvare la vita solo che purtroppo  costa 10 ,o 20 o 30 etc….milioni di euro.
    Anzi un medico del SSN è probabile che neanche ne sia a conoscenza di questa cura.
    Accedere a queste Informazioni significa garantirsi il Primato nella catena alimentare(metaforizzando)che come sai in natura corrisponde alla legge del più forte che dal punto di vista sociale corrisponde alla potenza economica.Metaforizzando la questione 🙂

  • rossland

    @pasa
    Non hai idea del piacere nel leggere questo tuo commento. Per due cose soprattutto:
    1. "…( conosco queste notizie perchè ho studiato l’OLIGOTERAPIA con il chimico della Specchiasol Dott. Torti negli anni 90)

    Ho conoscuto il Dott. Torti, che in qualche modo mi ha onorato della sua amicizia. E’ stato per me un grande maestro, e il solo ricordarlo mi emoziona…

    2. Che fine faremo se la MEDICINA non ritornerà sorella della FILOSOFIA?

    Lo scrivevo in uno dei miei commenti a questo pezzo di PB: solo il giorno in cui si investisse anche nella filosofia (e nella poesia, nella vera ricerca non solo di chi siamo ma anche di cosa siamo, di quale sia il senso profondo della nostra esistenza e quale significato abbia la malattia, perché alcuni si ammalano e altri no, perché ogni malattia abbia una sua particolare biologia diversa per ogni sistema immunitario), forse l’umanità avrebbe qualche speranza reale di guarigione.
    Fin lì, a investire, quando si può, come si può, quando ci è consesso, dobbiamo essere noi stessi perché ognuno di noi è in sé un mondo e una speranza.
    Quando anche un solo uomo si salvasse grazie alle sue intuizioni, alla sua personale ricerca, in virtù dei propri cambiamenti di orizzonte e per le scelte conseguenti, quell’uomo indica a tutti una via possibile.
    Per questo sono grata a chiunque testimoni anche un solo misero tentativo di sottrarsi all’industria che vede gli esseri umani come macchine per la necessità di mantenere in vita se stessa in quanto macchina che può produrre solo formule standardizzate e infinitamente replicabili uguali.
    Un corpo, se non fosse abitato anche dalla sua parte spirituale non standardizzabile, sarebbe solo materia inerte.
    Ma loro amano i cadaveri, amano la morte, mica la vita.

  • pasa

    Grazie a te Eshin per il nobile riferimento.

    Leggerò i testi del Dott Oreste Speciani.
    Grazie a PB per questa sua interessante disquisizione su un argomento che affronta una guerra 
    terribile: quella in corso nelle famiglie. 
  • pasa

    Ho tanto da dire sull’argomento, ma non sono un sacco che si può svuotare nell’istante.

    Avremo occasione di approfondire questo intrigante mistero.
    Ognuno di noi con il suo vissuto e la conoscenza dimostra la non MORTE dello SPIRITO.
     Anni di osservazione , di appunti, di studi mi hanno schiuso e continuano a schiudermi un mondo difficilmente comprensibile da chi non vede con gli occhi del mistero.
    Grazie a te creatura , il mondo è piccolo e il Dott. Torti permette  ad anime di incontrarsi nella comunicazione ora.
    E’ un compito di pura etica informare anche attraverso CdC su un argomento che ha prodotto tutti gli interessanti scambi suscitati dalle considerazioni di PB. 
  • pasa

    Grazie 

    come tu racconti solo chi ha vissuto con cuore il dramma di un cancro ne comprende il dolore.
    E se sai innalzare al cielo il tuo grido  perle preziose saranno sulla tua pelle perchè solo dopo potrai dire a te stesso "la malattia è un’opportunità, ringrazio la vita per questo", ma solo dopo…….. 
    Ho voluto dire con la mia indiretta testimonianza della sofferenza di un’altro che se Chi deve aiutare il Malato a sostenere il fardello di una malattia inesorabile non ha purezza d’intenti non può e non deve esercitare quelle maestranze, si perchè di elevate maestranze si tratta, deve cambiare MESTIERE. 
    Il medico nell’antica Grecia era Matematico, Filosofo , Musico……..non un PROTOCOLLISTA.
    Mi scuso con i medici di oggi se dico parole vere.
  • pasa

    chi sei tu,  che ti permetti di  rispondere in codesto modo a TemuchindallaCina?

    Al tuo posto chiederei scusa.
  • pasa
    "Trovo straordinaria da un nichilista come Barnard, sprezzante del "sacro", questa sua inaspettata apertura:"Come vi spiegate, voi ‘alternativi’ che in ciascuna delle vostre ‘scoperte’ sostenete di essere i VERI guaritori, come spiegate dicevo che da un cancro anche metastatizzato ‘guarisce’ anche gente che va a Medjugorje, che va da Padre Pio, che va in Tibet a mangiare polvere di metalli, che si rivolge ai maghi messicani, che prega la Madonna nella chiesa del paesino di montagna, o semplicemente che manda a fan culo la propria infelice vita e va a vivere in India? E ‘guariscono’ tutti questi. Come ve lo spiegate, alternativi?"

    Barnard capirà che quanto sopra è la vera medicina alternativa che non è altro che l’antica medicina.
    Gli antichi  egiziani operavano agli occhi ma si avvalevano anche di riti misterici. la nostra medicina dimenticata dei 4 umori, la fisiognomica……uhhhh!!!!
    La medicina del bacino del mediterraneo……..tutto inglobato negli interessi di pochi.
    Ma c’è chi non ha dimenticato perchè intuizioni non sono altro che reminescenze scaturanti dal DNA ( e non c’è nulla di più scientifico del DNA).
    Tutti i misteri , le esperienze dei nostri antenati stanno scritte in esso.
    Tutta la verità dell’UOMO riaffiorerà.
  • marcello1991

    Mi chiedo cosa accadrebbe alla psiche di coloro che si ritengono immuni dal cancro perché seguono una dieta particolare, nel malaugurato caso se lo ritrovassero nel corpo

    Non dovrebbe essere questo l’approccio.

    La "dieta" è solo un modo per affrontare in maniera attiva uno stato d’animo, paure insicurezze ecc che non sono solo legate al cancro ma ad uno stile di vita che è contro ‘l’uomo" sotto molteplici aspetti. Per certi versi alcune scelte sono dettate prima di tutto da un sentimento di ribellione.

    Il cancro in particolare è qualcosa a cui la scienza non solo non trova rimedio ma non ne identifica nemmeno le cause almeno in modo onesto … personalmente parlando.

    Ecco che la prima forma di difesa – e che utilizza il buonsenso – è identificare almeno una parte delle cause nella qualità del cibo che mangiamo. Non vedo niente di male in questo…è come decidere di buttare via la TV!. 

    L’errore starebbe quindi nel illudersi o considerare una dieta come miracolosa e non solo  un modo per vivere più sani cercando di fare il possibile (in quel senso) per non ammalarsi.

    Il tuo ragionamento fa acqua se ti mantieni sul piano della medicina tradizionale e vedi la dieta come un farmaco miracoloso…o come un vaccino.

    Trovo infatti una grande affinità tra dieta e cancro (o malattie in genere) e vaccinare si/no/quando/quanto..

    Affrontare anche questo argomento aiuterebbe secondo me a sbrogliare almeno in parte altre questioni tipo quella del post.

    ciao

  • Noumeno

      barnard se ti occupi di criticare le terapie alternative alla chemio significa che un minimo di dubbio lo hai, il fatto è che la chemio non cura una mazza,  distrugge i tessuti sani come quelli malati anticipando la fine. gli unici che hanno una speranza di sopravvivenza nel tempo sono gli operati.. barnard sei di bologna, fai un consulto dal dott. di bella che risiede  nella tua citta’, nel caso non ottieni risultati  buttati nella chemio, in ogni caso buona sorte..

  • ohmygod
    rossland  – (Strano che a credere più fortemente in Dio – qualunque Dio – siano poi i fedelissimi della scienza e i ragioniori della materia: Ma a cosa credono, pensano forse che Dio sia cosa?)

    Dogma ovvero Alanis Morrissette.
    che bel film.

  • RicardoDenner

    Consiglio riso integrale al dente per assorbire tutte le malattie..poi..bisogna anche mangiare sano..argomento più complesso..

    Alla faccia della chemio e dei frullati di sedano..
    Ma dal momento che nascendo abbiamo contratto il morbo della vita..la soluzione è solo temporanea..
  • yago

    Analisi lucida supportata da una logica di fondo ineccepibile. Dieta, frullati, e chi ne ha più ne metta vanno benissimo come prevenzione o placebo, ma dubitare di migliaia di ricercatori che passano la vita a cercare soluzioni è insensato.

    E’ ovvio che una mente sana giova ad un corpo sano ed altrettanto ovvio che la psiche influenza moltissimo il sistema immunitario ed ormonale, ma questo non significa che la mente da sola può sconfiggere una malattia, a meno che non sia di origine psicosomatica. E’ verissimo che la medicina moderna ha ancora molte cose da scoprire e che è ancora lontana da risultati certi in specie in campo oncologico. C’è molta strada da fare ma tanta ne è stata fatta grazie a migliaia di ricercatori che meritano quantomeno rispetto.

  • illupodeicieli

    Sono d’accordo: anni fa, 8 per l’esattezza, mio padre è stato operato di cancro al colon e ,dopo dieci ore di intervento, ci è stato detto di prepararci perché "lo avrete ancora per poco con voi". Mia disperazione e dispiacere perché, come ho ammesso nel mio precedente commento e nel mio blog oggi come allora, sono e rimango ignorante. Dirmi che hanno tolto una massa di diversi kg e prendermi le critiche "perché lo abbiamo fatto arrivare a questo punto", non mi spiega un bel niente. So che ho fatto il diavolo a quattro perché, dopo il controllo successivo non prendesse una compressa o cosa simile sine die: infatti sta discretamente per essere uno del 1931 e che ha visto la guerra e che è stato sotto i bombardamenti del 1943: però so anche che questo intervento chirurgico gli ha cambiato il carattere (nel mio blog ho spiegato come e perché ,secondo me, gli è venuto il cancro). Visto che non ne mancano mai, stasera vado al funerale di un mio conoscente: se ne è andato in poco tempo, cancro ai polmoni, e poi è stato in quei posti che chiamano hospice. Non lo so , ma mi sono chiesto,e me lo chiedo ancora in circostanze simili, se i medici o chi studia queste cose, sa di cosa parla e se gli studi sono indirizzati nella giusta strada. Per analogia commerciale, mi sembra che è come chi zappa in un terreno sbagliato. 

  • Eshin

    Di Bella è stato perfino approvato dall’ Ordine dei medici.

  • Eshin

    Grazie a te.

    E’ un Barnard che non onora più la sua categoria.
    Temo che il suo dono di esclusiva a CDC  sia un dono un tantino avvelenato.
  • Evitamina

    Paolo lei dice che i grandi del farmaco tra vari anti coagulante, anti colesterolo, anti acido gastrico, anti asmatico ecc fanno un profitto di circa 35,5 miliardi l’anno. Stando a questo link  http://www.morasta.it/costi-dei-trattamenti-oncologici-ufficiali/ [www.morasta.it], non so se dicono il vero, in Italia ci sono 1,7 milioni malati di cancro e un incremento di circa 270.000 ammalati l’anno. Sempre in questo sito sostengono che una cura può costare da 4000 a 8000 euro per ogni ciclo.

    Quindi parliamo di cifre che sfiorano i 9 miliardi.
    Mi piacerebbe conoscere il perché 6 cicli di chemiotarapia costano 5000 euro e un ciclo di anti acido gastrico costa 4 euro.
    Lei nel suo post ha parlato di brevetti e di come le case farmaceutiche potrebbero essere interessate a pagare a peso d’oro un eventuale brevetto che avrebbe la capacità di prevenire il cancro. Proprio su questo vorrei dirle che il sedano secondo me non è brevettabile come il bicarbonato o il sale.
    Comunque, io rimango un suo lettore perché lei nel passato ha fatto delle ottime inchieste.
  • uomospeciale

    La cura definitiva per il cancro è una calibro 45.

  • pasa

    Posto  a chiusura e non interverrò ulteriormente sull’argomento se non alla prossima 

    discussione.
    Mi servirò della citazione di un Sir:
    "In verità è più facile per un cammello passare nella cruna di un ago che per uno scienziato attraversare una porta; sia che si tratti della porta di un granaio o di quella di una chiesa. sarebbe più saggio che egli accettasse di comportarsi come un uomo qualunque e che entrasse senza aspettare la risoluzione di tutte le difficoltà collegate ad una entrata realmente scientifica"
                                                                          Sir Arthur Edington
  • pasa

    correggo

    Reagan è sopravvissuto alla malattia più di  17 anni 
    Papa Giovanni Paolo II più di 18 anni
    Scusate per l’interferenza matematica
  • ohmygod

    Domenicale:- prima o poi riuscirò a comprendere come faccio nel riuscire a far sì che sono io a trasmettere all’erba quel che mi deve fare dopo averla curata.

  • polidoro

    Barnard, arrabbiato e forse disperato, sbaglia. La sua "dimostrazione" che se ci fosse la cura i suoi "Investitori Senior" l’avrebbero "vista" è sbagliata e/o assurda.

    Ci sarebbe molto da dire (ma non servirebbe a nulla), cito solo questo:

    Il metodo Di Bella fu bocciato nel 1998.
    Uno studio dell’Università di Firenze è stato pubblicato sulla celebre rivista European Journal of Pharmacology ed ha avuto il benestare scientifico dell’Istituto europeo di Oncologia, capitanata dal professor Umberto Veronesi. Tratta il caso di un ragazzo 32enne di Cosenza, colpito da carcinoma. Dopo la diagnosi si è rifiutato di sottoporsi alle cure tradizionali, e ha deciso di rivolgersi a Giuseppe Di Bella, figlio del fisiologo.
    Due mesi dopo, il medico dell’Istituto europeo di Oncologia, ha notato che: "obiettivamente al controllo odierno, pur mancando un’immagine che consenta un paragone, rispetto alla descrizione della Tac parametro, la lesione appare ridotta da T2 a T1. Il paziente riferisce netto miglioramento della sua patologia."

    Non era un ciarlatano.

    Il PM Raffaele Guariniello scoprì che c’erano stati gravi errori (?) nella sperimentazione.
    Dosi sballate e farmaci scaduti,  la sperimentazione fu corrotta e falsata

    Linfoma n.H. tipo Burkitt stadio IV- Indagini Clinica Pediatrica S. Orsola Bologna 29/2/96
    graduale scomparsa del tumore, confermata da diverse ecografie e
    dagli esami ematochimici, e divenuta totale nella primavera del 1997

                Guarito
    (I casi sono tanti ma tanto  … non serve a nulla)

    Gli Investitori Senior non hanno visto ?

  • temuchindallaCina

    io leggo molto bene, mio padre ha avuto un cancro e curato con metodi tradizionali è campato per 15 anni, poi è mancato per un arresto cardiaco, e ho altri esempi di amici che sono ancora qui, quindi?

  • Frigo

    Il fatto stesso che Barnard accomuni Di Bella allo psy-op più riuscita dal nome di Hamer, indica quanto egli poco capisca di medicina, biologia e fuffe, "alternative" o meno, ad uso del popolino. Popolino che segue ancora l’equivalenza: "una malattia = una pillola".
    Dopo che Barnard ha fatto parte di una "prestigiosa" commissione ministeriale sul tema salute ora non sa che pesci prendere sparando a tutti, ma salvando nessuno.
    Blondet, si è salvato finora e bene. Chieda a lui, senza fare tanto chiasso.