Home / ComeDonChisciotte / L’ENORME BRILLAMENTO DI DUE SETTIMANE FA E LE RIVELAZIONI DI EDWARD SNOWDEN SUI “KILLSHOT” DI SETTEMBRE
12073-thumb.jpg

L’ENORME BRILLAMENTO DI DUE SETTIMANE FA E LE RIVELAZIONI DI EDWARD SNOWDEN SUI “KILLSHOT” DI SETTEMBRE

FONTE: PRISONPLANET.COM

Due settimane fa, un enorme brillamento solare ha rischiato di mettere fuori gioco la corrente su scala nazionale…che avrebbe potuto causare seri incidenti nucleari da costa a costa.

C’è mancato poco !

Per anni abbiamo gridato all’allarme di un grande brillamento solare – come quello del 1859 – che poteva causare fusioni del nocciolo in tutto il mondo … e molti altri problemi. (1)

Due settimane fa, abbiamo sfiorato di poco il colpo.
Il Washington Examiner riporta (2):

La Terra ha rischiato di prendersi un doloroso calcio nei denti solare due settimane fa, un “impulso elettromagnetico” così grande che avrebbe potuto mettere a tappeto la corrente, le macchine e gli iPhone di tutti gli Stati Uniti.

Due esperti di EMP [impulsi elettromagnetici, n.d.t.] hanno raccontato a Secrets che l’impulso ha lampeggiato attraverso l’usuale orbita terrestre intorno al sole circa due settimane prima che il pianeta si trovasse in quel punto.

“Il mondo è scampato ad una catastrofe elettromagnetica”, ha dichiarato Henry Cooper, che dirigeva negoziazioni strategiche di armi con l’Unione Sovietica sotto il presidente Reagan e che ora è a capo di High Frontier, un gruppo di pressione per la difesa militare.

“C’è mancato poco due settimane fa, un’espulsione di massa coronale classe Carrington ha attraversato l’orbita della Terra è di fatto ci ha mancati di poco”, ha detto Peter Vincent Pry, che ha partecipato alla Commissione Congressuale per la Minaccia da EMP dal 2001 al 2008. Pry fa riferimento all’impulso elettromagnetico del 1859 a cui era stato dato il nome dell’astronomo Richard Carrington e che aveva fatto fondere le linee telegrafiche in Europa e America del Nord.
“Di base, si tratta di una roulette russa”, ha aggiunto Pry. “Abbiamo scampato di pochissimo un disastro alla Carrington”.

Di recente, Pry, Cooper e l’ex direttore della CIA James Woolsey hanno richiesto a Washington una griglia elettrica per gli EMP, sia che provengano dal sole o da un attacco nucleare nemico. Vogliono che i 2000/3000 trasformatori della griglia vengano protetti con scatole metalliche e che ci siano pezzi di ricambio pronti per riparare il sistema. Woolsey ha detto che il collasso di soli 20 trasformatori provocherebbe tagli alla corrente in varie parti del Paese “per molto tempo”.

Ma Washignton li sta snobbando, specialmente l’amministrazione. Woolsey ha raccontato a Secrets che alcuni nel Congresso sono interessati al tema, ma che l’amministrazione “a malapena” gli presta attenzione.

***

L’effetto EMP non è raro. C’è n’è stato uno in Canada nel 1989, il quale ha fatto saltare il sistema di trasmissione elettrica del Quebec. La Corea del Nord, invece, sta presumibilmente testando un congegno per attaccare gli USA con impulsi elettromagnetici.

Il trio è apparso ad un evento tenutosi questa settimana a Washington, ma Pry ha dichiarato che dare in modo che i leader nazionali si interessino al problema è difficile e che educare la gente sugli EMP lo è ancora di più. “La curva dell’istruzione non sta salendo abbastanza velocemente”, ha detto.

Non costerebbe nulla proteggere i nostri impianti nucleari dai brillamenti solari.

Ma è troppo arduo guadagnarsi l’attenzione dei politici quando sono concentrati nel buttare soldi per le regine del welfare aziendale, per folli progetti militari e di sicurezza sporchi e mangiasoldi, comodità quantitative nocive, inutili sussidi nucleari, la fallita lotta alla droga ed altre frivolezze.

Fonte: www.prisonplanet.com
Link: http://www.prisonplanet.com/2-weeks-ago-a-huge-solar-flare-almost-knocked-out-power-nationwide.html
4.08.2013

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cuar di ROBERTA PAPALEO

1) http://www.washingtonsblog.com/2012/04/will-humanity-win-a-darwin-award.html

2)
http://washingtonexaminer.com/massive-solar-flare-narrowly-misses-earth-emp-disaster-barely-avoided/article/2533727

Edward Snowden parla di disastrose eruzioni solari a settembre

MOSCA, Russia – Edward Snowden, hacker latitante del National Security Agency, ha rivelato Martedì che una serie di brillamenti solari è previsto che si verifichi nel mese di settembre, uccidendo centinaia di milioni di persone. I documenti forniti da Snowden dimostrano che, a partire da 14 anni fa, i remote viewer per il Central Intelligence Agency (CIA) sapevano che l’evento sarebbe stato inevitabile. Da allora, i governi del mondo hanno tranquillamente cercato di prepararsi per la carestia globale travolgente che ne risulterà.

Parlando dalla sua stanza al del Novotel, Snowden ha rivelato che i preparativi del governo per i brillamenti solari catastrofici di settembre sono stati ” limitati senza successo.” I risultati dei flares” (esplosioni di massa coronale), ha detto, sono conosciuti in tutta la comunità d’intelligence globale come” Killshot. ”

Visualizzatori remoti impiegati dal Progetto Stargate della CIA usano la loro capacità di percepire geograficamente e cronologicamente eventi lontani per proteggere l’America. Dal 1999 sono stati a conoscenza circa l’evento di bagliore solare, ma sono stati minacciati al silenzio da esecutori sul libro paga del governo segreto.

Come parte dell’assunzione di Snowden come funzionario, la NSA ha concesso al trentenne l’accesso a tutte le comunicazioni sulla terra. Ora egli ha fornito la cronaca di Internet con documenti segreti del Federal Emergency Management Agency (FEMA) delineando quanto terribili saranno i risultati dei brillamenti solari. In soli due mesi “, i Killshot” dovrebbero disabilitare tutti i sistemi elettronici di erogazione di acqua e cibo.

Fin dal tardo 20° secolo, centinaia di milioni di persone hanno iniziato a fare affidamento sull’automazione tecnologica per facilitare la loro stessa vita. I brillamenti solari rilasciano impulsi elettromagnetici, pericolosi per i circuiti elettronici. I più piccoli circuiti elettronici, come ad esempio quelli in unità centrali di elaborazione dei computer, saranno i più vulnerabili.

Snowden ha detto che il FEMA e il National Disaster Reduction Center della Cina hanno preso iniziative per 14 anni alla luce dei risultati del Progetto Stargate. I documenti del FEMA, forniti da Snowden, hanno mostrato come l’organizzazione preveda di radunare decine di milioni di americani più poveri per farli abitare in luoghi sicuri “per facilitare una migliore alimentazione e fornitura di beni di consumo.”

Snowden, per anni, un funzionario della CIA, ha rilasciato testimonianze di centinaia di remote viewers. Molti di quei spettatori remoti sono ancora sul libro paga dei governi degli Stati membri e della Federazione russa. Quelle testimonianze, anche se scritte in modo indipendente dagli analisti, sono composte da 4472 pagine, ognuna delle quali allarmanti, come racconta Snowden.

Fonte: http://voceuniversale.myblog.it/
Link: http://voceuniversale.myblog.it/archive/2013/07/27/temp-bc4eeb1f7b7afedfc683683100ba1a95-5536142.html
28.07.2013

via http://www.signoraggio.it/

Pubblicato da Davide

  • Pellegrino

    ragazzi, non fate queste figuracce, la fonte prima è http://www.chronicle.su/news/edward-snowden-solar-flare-killshot-cataclysm-imminent/ cioè un SITO SATIRICO (a dir la verità piuttosto sospetto)

  • sandrez

    peccato…magari la prossima volta, horus e prometeo permettendo, saremo più fortunati da avere un brillamento che metta fuori gioco la corrente su scala globale

  • Nauseato

    Grammatica, sintassi e non solo mi sembrano un po’ approssimative. Solo questo. Di ogni altra cosa non saprei proprio che poter dire.

  • vic

    Prima di deligittimare il messaggero, si cerchi di capire il messaggio e si vada a rileggere cosa sucesse nel 1859: andarono in tilt i telegrafi, che e’ tutto dire.

    E’ corretta l’affermazione che sono i grandi trasformatori ad essere piu’ a rischio. In particolare e’ la cosiddetta messa a terra che in caso di “killshot” li manderebbe tutti in tilt. Siccome non ci sono pezzi di ricambio per tutti, ci vorrebbero anni per ripristinare un servizio di elettricita’ per lo meno quasi normale. Senza contare i danni ai vari satelliti per le telecomunicazioni e cosi’ via. Di sicuro non riparabili o sostituibili in poco tempo.

    E’ pure corretta l’informazione che i servizi di spionaggio americani che utilizzano il fenomeno paranormale della visione a distanza hanno da tempo previsto dei killshot solari. In particolare Ed Dames ha rilasciato diverse interviste al riguardo alla radio Coast-to-Coast.
    Sulla visione a distanza non riderei troppo. Un precursore abilissimo in questa attivita’ era riuscito a “vedere” i tenui anelli di Giove, a quei tempi assolutamente sconosciuti a tutti, oggi confermati dalla tecnica di foto spaziale moderna.

  • zufus

    “C’è n’è stato uno”.

    L’italiano, questo sconosciuto.
  • totalrec

    Per meglio comprendere il tono dell’articolo (che è satirico) consiglio, sullo stesso sito:

    http://www.chronicle.su/news/dog-the-bounty-hunter-to-pursue-snowden-bounty/

  • Pellegrino

    o questo: http://www.chronicle.su/news/vatican-forces-storm-dome-of-the-rock-pope-names-snowden-messiah/

    Ritrattate finchè siete in tempo, prima di farvi sbugiardare da mezzo mondo, non buttate alle ortiche il lavoro fatto fin’ora

  • Aironeblu

    Grazie per l’informazione, anche se non ci trovo nulla di satirico in tutto l’articolo. Forse più che satirico, questo sito è proprio un sito di disinformazione: lo sapremo tra qualche ora, verificando la notizia di oggi sulla morte di Snowden:

    http://www.chronicle.su/category/news/world-news/

  • Pellegrino

    è infatti un sito che si presenta come satirico, ma che secondo me mira solo ad intorbidare le fonti. Ma siccome non è difficile verificare che questo sito non pubblica notizie reali (basta guardare 10 secondi la home) è grave cascarci e ripubblicare notizie riprese da lì riportandole per vere

  • Aironeblu

    Tutte le informazioni riportate nell’articolo possono essere corrette, resta solo da verificare se effettivamente è stata prevista o no per settembre questa grande ondata elettromagnetica.

  • Aironeblu

    Sarà mica il sito segreto di Piero Angela?!?

  • Aironeblu
  • Aironeblu

    Ho dato un’occhiata a qualche notizia pubblicata, e mi sembra esattamente come dici: un sito di disinformazione che mira ad intorpidire le fonti, coprendo le notizie reali con una serie di notizie inventate di sana pianta, per delegittimare la veridicità delle prime. La tattica del “polverone”.

  • Pellegrino

    si, ma il gioco E’ PALESE!!!!!!! è chi ci casca non è degno di essere seguito, in quanto evidentemente NON iin grado di verificare le fonti!!

    per questo è grave che questo articolo sia qui pubblicato!

  • vic

    Le previsioni in queste cose valgono quel che valgono.
    Se son fatte da esperti in fisica solare, be’, sono loro i primi a dire che non e’ che sappiano tutto del sole, anzi, proprio quando pensavano di avere in mano un bel modello lo videro smentito dai fatti.

    Se sono le previsioni da “visione remota”, anche qui i primi a dire che le loro previsioni sono molto difficili da situare nel tempo sono proprio loro.

    Il punto centrale e’ un altro: occorre prepararsi, prima o poi succedera’. Piu’ che altro e’ l’infrastruttura tecnologica ad essere messa in pericolo. Nel ‘800 la tecnologia elettrica era piuttosto semplice, e molto meno diffusa di oggi, l’elettronica era del tutto assente, per cui i danni furono assai limitati.

    Poiche’ oggi tutto dipende dall’elettronica, andrebbe in tilt mezza societa’: il mondo finanziario, i media, il traffico, l’erogazione di elettricita’, probabilmente anche di benzina. Senza elettricita’ dopo un po’ anche gli ospedali son messi molto male. La distribuzione del cibo sarebbe da riorganizzare. Insomma un bel trambusto, probabilmente per qualche annetto. L’essenza di una strategia cautelativa e’ di predisporre di un numero adeguato di pezzi di ricambio per gli enormi trasformatori mandati in tilt. Oppure di ripensare a tutta la tecnica della messa a terra.

    Chi se la caverebbe senza tanti sconquassi sarebbero coloro che vivono con poche pretese e senza tanta tecnologia. Coltivando ed allevando animali in proprio.

    Potrebbe anche essere una salutare lezione sull’importanza della semplicita’, e anche della ridondanza. Alla faccia di quelli che vogliono centralizzare tutto perche’ “si guadagna in efficienza”.

  • Tonguessy

    “ripensare a tutta la tecnica della messa a terra”.
    Non sono un esperto in elettrotecnica, ma probabilmente neanche una “tecnica” differente (e quale, poi?) potrebbe salvare dalla problematica dell’articolo. A tutti gli effetti la messa a terra è ciò che permette di scaricare le correnti parassite o disperse ed evitare guai grossi agli utenti. Questo oggi, non ho idea di cosa possa provocare un solar flare di grosse dimensioni in questa tecnologia.