Home / ComeDonChisciotte / LA RENDITA (QUANDO SI INCOMINCERA' A SPARARE ?)
12526-thumb.jpg

LA RENDITA (QUANDO SI INCOMINCERA' A SPARARE ?)

DI GZ
cobraf.com

Vedi questo famoso grafico qui in fondo che mostra stipendi fermi da 30 anni e produttività che sale sempre invece ? è calcolato per gli Stati Uniti, ma in misura meno estrema vale anche per l’Italia e indica che QUALCOSA DI RADICALE E’ SUCCESSO AL NOSTRO SISTEMA ECONOMICO DAGLI ANNI ’80 perchè prima di allora il 90% della popolazione beneficiava del progresso costante della tecnologia e della produttività, ma da 30 anni invece il suo reddito ristagna o si riduce.

Chi beneficia del sistema attuale sono la la maggioranza degli asiatici (e anche alcuni arabi, brasiliani o sudafricani…) e qui da noi quella che una volta chiamavano la RENDITA, finanziaria, immobiliare e politica

A differenza dell’Italia in America non sono in Depressione come noi, ma il 90% degli americani negli ultimi 10 anni ha visto il suo reddito pro-capite ridursi del -17% circa, da 36mila a 30mila dollari e rotti e il top 10% lo ha visto salire invece dal 10 al 40%. Questo perchè il 70 o 80% del loro reddito se ne va in INTERESSI, AFFITTI E TASSE….e in Italia idem, la maggioranza, specie dei giovani si sta impoverendo perchè il suo reddito netto viene mangiato da INTERESSI, AFFITTI E TASSE (in america di più affitti e mutui, in Italia più tasse)

Prima degli anni ’80 il reddito della maggioranza della popolazione in Occidente aumentava in linea con la produttività, per cui la maggioranza beneficiava del progresso tecnologico e dell’efficienza crescente dell’economia, indotta dal progresso scientifico e dalla spinta incessante delle imprese e dei privati cittadini al guadagno, come succede in un economia di mercato. Da 30 anni invece la maggioranza degli occidentali ha smesso di beneficiare della produttività A CUI CONTRIBUISCE CON IL SUO LAVORO (con le dovute eccezioni) e anzi il suo reddito reale si riduce.

Il capitalismo attuale beneficia la maggioranza degli asiatici e in generale dei paesi di quello che una volta era terzo mondo e una minoranza in occidente (ad es in America il top 10% ha l’85% della ricchezza). In particolare tutte le statistiche, specie negli ultimi cinque anni indicano un boom della ricchezza dell’1% più ricco, della gente come il proprietario di Zara, l’uomo più ricco di Spagna, che ha messo assieme 40 miliardi di euro, quello di Ikea che è anche lui sui 40 miliardi, i miliardari di Facebook, Salesforce.com, Priceline, Apple, Oracle, Google, Blackrock, Blackstone, Goldman …

Lasciando da parte l’aspetto morale (nessuno merita di avere un miliardo di dollari grazie al fatto di essere astuto con il denaro), per l’economia nel suo insieme IN OCCIDENTE hai il problema che chi ha centinaia di milioni o miliardi si compra ville che costano milioni e forse l’aereo personale e magari quadri in asta ecc… ma alla fine l’80% del reddito lo INVESTE FINANZIARIAMENTE, CIOE’ TROVA PIU COMODO AVERE UNA RENDITA. E’ logico, anche tu o io faremmo così se avessimo un miliardo di euro. La maggioranza dei ricchi, specialmente dopo una generazione o due, non vede perchè sbattersi a creare aziende, quando può avere i propri miliardi investiti in fondi, azioni, hedge funds, private equity, immobili e terreni o al massimo in autostrade come i Benetton. Per chi ha miliardi o anche decine di milioni è più semplice speculare e investire in immobili o semplicemente vivere di rendita dal capitale, visto che il mondo è pieno di BONDS e altre forme di investimento passivo che pagano interessi e dividendi senza fare un tubo.

RENDITA FINANZIARIA DA INTERESSI
Quando l’economia ha debito pari al 350% del PIl, come succede oggi in Occidente, significa che :
ad un tasso di interesse medio del 4% X 350 = il 14% del reddito nazionale va in interessi
ad un tasso di interesse medio del 5% X 350 = il 18% del reddito nazionale va in interessi
ad un tasso di interesse medio del 6% X 350 = il 22% del reddito nazionale va in interessi. In Italia a metà anni ’90 gli interessi sul debito pubblico mangiavano l’11% del reddito nazionale e aggiungendo il resto del debito di aziende e famiglie arrivavi al 18% circa. Oggi siamo sul 14%. in America gli interessi solo sul debito privato hanno toccato il 16% del reddito nazionale e ora sono scesi solo grazie al QE, ma basta che i tassi salgano di 2 punti percentuali e si mangiano un 18-20% del reddito

RENDITA FINANZIARIA IMMOBILIARE
le rendite varie da immobili (e pedaggi tipo le autostrade) oggi consumano una parte maggiore del reddito prodotto. Il motivo principale è che gli immobili sono raddoppiati in termini reali di valore e questo ha anche l’effetto indiretto di far salire gli affitti. A Londra centro per fare l’esempio più assurdo o a Dubai gli affitti mangiano anche il 60% del reddito e Manhattan si arriva al 50% e così Hong Kong. Tu devi pensare che senza l’incredibile espansione dei mutui degli ultimi 20 anni gli immobili varrebbero in media la metà e gli affitti non sarebbero la metà, ma probabilmente un terzo di meno. Il costo degli affitti è alla fine funzione del credito che gonfia i valori degli immobili… Chi fornisce una casa da affittare fornisce un servizio, ma in buona parte dell’occidente e non solo quello,il costo è inflazionato dalla bolla finanziaria degli ultimi 20 anni. Lo dimostra a contrario la Germania dove il 70% delle case sono in affitto e molti di coop o pubbliche e gli affitti sono molto bassi, il che prova che l’extracosto negli altri paesi è un fenomeno finanziario

RENDITA “POLITICA” ovvero le TASSE che salgono sempre per mantenere politici, funzionari e loro clienti…
Le tasse salgono sempre e in Italia a livelli ridicoli e in europa soffocano l’economia perchè una porzione crescente va a pagare “parassiti politici”, portaborse, politici vari, impiegati della regione sicilia, magistrati di corte dei conti, decine di migliaia di funzionari europei, lobbysti, funzionari delle authority, supermanagers pubblici, sussidi per energie eoliche, servizi di assistenza linguistica e culturale a immigrati dal Senegal o Pakistan ecc…..

Tutta questa rendita parassitaria, Finanziaria, Immobiliare e Politico-Assistenziale, se la sommi oggi mangia i due terzi del reddito di una famiglia media di lavoratori dipendenti o autonomi, attraverso INTERESSI, AFFITTI E TASSE.

MA IL DENARO NON PRODUCE ALTRO DENARO ALL’INFINITO. Se cerchi di estrarre denaro senza passare per la produzione di più beni e servizi devi per forza di cose spremere denaro a chi produce e lavora. Se tu ti limiti a investire denaro e a godere di rendite di posizione e a ricevere un rendimento senza creare niente, il tuo reddito deve venire da altri che invece producono qualche servizio o bene
(NOTA BENE: anche il trading e la speculazione su azioni e futures ovviamente rientra, al 90%, nelle attività di rendita finanziaria, ma almeno è faticoso e rischioso a differenza di avere stipendi da funzionario della UE o di milioni investiti con Blackrock o centinaia di appartamenti in affitto)

Il risultato di questo peso soffocante di TASSE, INTERESSI E RENDITE IMMOBILIARI E VARIE è che l’economia rallenta o si ferma, perchè anche se la scienza e la tecnologia non cessano di progredire c’è sempre meno gente che tira la carretta e sempre meno gente che spende i soldi che riceve per comprare i beni e servizi che produce dato che sempre più soldi vanno in investimenti finanziari. Ma il DENARO NON PUO’ PRODURRE DENARO ALL’INFINITO, L’ECCESSO DI “CAPITALE”, cioè di credito, cioè di debito sai cosa produce alla fine ? Un rendimento sempre più basso, ad esempio tassi di interesse vicini a zero.

Come reagisce a questa contraddizione il “Capitale Finanziario” ? Andando a produrre dalla Cina in Bangladesh, facendo arrivare immigrati dal Pakistan, imponendo l’austerità qui da noi per garantirsi gli interessi e facendo dismettere i beni pubblici per speculare anche su quelli. Se li si lascia fare vanno avanti ancora qualche anno, ma spinti dalla logica del rendimento finanziario del 6-7% l’anno, ogni anno senza eccezioni stanno spremendo e spremendo, non si fermano mai e fanno terra bruciata di paesi come l’Italia o la Spagna…

GZ
Fonte: www.cobraf.com
Link: http://www.cobraf.com/forum/coolpost.php?topic_id=6194&reply_id=123542148#123542148
4.12.2013

Pubblicato da Davide

  • Simec

    Per questo le istituzioni finanziarie, politiche e mediatiche occidentali dovrebbero essere processate e condannate alla forca. Per il genocidio sociale, economico e culturale, con cui stanno uccidendo i loro popoli.
    Invece anche solo una semplice uscita dall’euro, dal WTO e dal FMI sono cose inimmaginabili per politica e media. Figuriamoci per il popolino che vive tra supermarket e partita alla tv….e poi perdono il lavoro, e poi gli arriva equitaglia e poi si suicidano. Senza nemmeno avere capito chi li ha ammazzati.
    Se penso che basterebbe spegnere la tv, ritirare i depositi dalle banke e non pagargli + le tasse, per far cadere il regime domani stesso….se penso che tutto ciò non accade solo perchè i tg ci hanno lobotomizzati con le loro cazzate a cui noi crediamo, mi viene veramente da impazzire di rabbia!!
    Ricchi infami: vi odio!!!!

  • ericvonmaan

    Intanto basterebbe abolire, una volta per tutte e per sempre, il sistema del denaro privato a debito acquistato tramite emissione di titoli di stato. Se il denaro fosse emesso fiat, semplicemente, senza controvalore in bond, da istituzioni statali, pubbliche, senza fini di lucro ma solo di esigenza e benessere sociale, già verrebbe a meno uno dei principali meccanismi della rendita.

    Poi ci vorrebbe una politica intelligente per gestire il problema della “prima casa”, ovvero quella dove una famiglia o un privato cittadino ABITA: mettendo a disposizione dei mutui STATALI a tasso zero, e detassando completamente gli affitti per chi loca l’abitazione a prezzi calmierati ma ragionevoli a soggetti che la usano come prima casa. Infatti, prendere 1000 euro di affitto e pagarne 4/500 tra IMU, tasse comunali, IRPEF, cedolari secche o no, spese condominiali, manutenzioni ecc o prenderne 5/600 esentasse, per un proprietario è uguale… non per l’affittuario però!

    Poi detassare gli investimenti che producono posti di lavoro, e tassare invece quelli puramente speculativi.

    Bisognerebbe pure togliere IVA e imposte dai consumi domestici di gas, elettricità, acqua, telefono… perchè devo pagare IVA e tasse sul gas che uso per scaldarmi e per cucinare… non basta pagare i costi del servizio?

    Per carità, ne ho dette solo alcune in 4 e 4 = 8 ma con un po’ di buona volontà e poca intelligenza si potrebbero trovare tante soluzioni valide.
    Il problema è che chi dovrebbe legiferare per il bene comune è invece a libro paga dell’ 1%. Quello è il problema.

  • luigidifrancesco

    Finchè si tratta di esplicitare la situazione di miseria (e progressiva)in cui è caduta la grande maggioranza degli italiani, siamo tutti bravi: e ti credo, basta guardarsi intorno e fare il confronto con anni non troppo lontani. Il difficile è capire come coloro che possono sono riusciti a portarci a questo punto senza quasi colpo ferire, e quasi impossibile è il capire come si potrebbe ribaltare la situazione; proviamo a esaminare su cosa si regge il potere di questo 10%. Scartiamo le baggianate come le TV o i depositi in banca: riguardo a questi ultimi, è banale notare che con il potere che detengono gli basta un attimo per dichiarare fuori corso la moneta stampata o coniata e ritenere valida solo quella elettronica, eventualmente ripristinando il nostro conto a prima dell ‘ ultimo ritiro.
    Evidentemente, la garanzia di potere questo (e altro) si regge su qualcosa di ben piu’ solido e reale: a te provare a indovinare!

  • s_riccardo

    Il debito si azzera o si stampa denaro. Io vivo con la pensione del 2003 senza rivalutazioni.

  • Davide71

    Concordo.
    Bisognerebbe capire quanto va al Terzo Mondo, quanto va ai poveri del Terzo Mondo e quanto va ai ricchi…temo di sapere già la risposta, ma tant’é.
    La prima contraddizione dell’Occidente è accumulare soldi per la Pensione e non programmare nessun investimento per poterle poi pagare.
    La seconda è, appunto, investire in attività finanziarie quando nessuno se la sente poi di investire i soldi in attività economiche!

  • dana74

    bisogna vedere quando si incomincerà a sparare. Se ci sono i “fascisti” non si può fare. Allora aspettiamo tutti che si ribellino i compagni perché solo sotto il cappello rosso si è autorizzati a vivere respirare e ribellarsi.
    Ora c’è l’amico letta per giunta può governare senza il satrapo allegria no?

  • albsorio

    “MA IL DENARO NON PRODUCE ALTRO DENARO ALL’INFINITO”…. lapalissiano, i pochi che frodano i molti usano emettere moneta FIAT, privata, garantita da debito pubblico, usano la riserva frazionaria per prestare oltre la raccolta, ottenendo con soldi inventati interessi veri, usano HFT… le rendite di capitale è ciò che dicono essere la loro fonte di approvvigionamento di denaro, perché è la cosa più onesta che fanno.

  • ilsanto

    Ma sempre a parlare della finanza o della moneta !? Non ci sono scorciatoie sono anni che le industrie delocalizzano se ne vanno dall’occidente ricco verso paesi a basso costo della manodopera guardatevi le statistiche ! la crescita industriale è negativa nei paesi OCSE e cresce guarda un pò in tutto il resto del mondo la colpa è della globalizzazione voluta dal WTO controllato dalle multinazionali.
    Perchè secondo voi vanno bene la Cina e la Germania ? guardatevi le loro esportazioni ed è subito chiaro.