Home / ComeDonChisciotte / LA GRECIA PRENDE IN CONSIDERAZIONE OPZIONI ESPLOSIVE: STAMPARE EURO, VARARE UNA VALUTA PARALLELA, NAZIONALIZZARE LE BANCHE. (E’ PER QUESTO CHE VAROUFAKIS SI E’ DIMESSO” ?)
14982-thumb.jpg

LA GRECIA PRENDE IN CONSIDERAZIONE OPZIONI ESPLOSIVE: STAMPARE EURO, VARARE UNA VALUTA PARALLELA, NAZIONALIZZARE LE BANCHE. (E’ PER QUESTO CHE VAROUFAKIS SI E’ DIMESSO” ?)

DI TYLER DURDEN

zerohedge.com

Come detto prima, a seguire l’importantissimo referendum di oggi i Greci potrebbero rendersi conto di aver bruciato tutti i ponti che li collegano con l’Eurozona. Comunque, c’è sempre un collegamento fondamentale: le insolventi banche greche fanno affidamento sulla buona volontà della BCE riguardo l’ELA. Abbiamo spiegato molte volte che anche solo una riduzione collaterale dell’ELA porterebbe immediatamente a un prelievo forzoso ai danni dei correntisti, ecco che dalla Deutsche Bank George Saravelos dà una versione semplificata dei potenziali peggiori scenari possibili per la Grecia nei prossimi giorni:


“La BCE ha in programma un meeting domani [oggi, NdT] per decidere riguardo l’ELA. Una sospensione integrale metterebbe a repentaglio l’intero sistema bancario e sarebbe un ulteriore passo in direzione dell’uscita dall’Eurozona. Tutta la liquidità dell’ELA a disposizione delle banche greche (e con essa i depositi) diventerebbero immediatamente esigibili dalla Banca di Grecia. Il mantenimento dell’ELA ai livelli attuali è la soluzione più probabile, almeno fino a che non si sarà concretizzata una reazione politica da parte dell’Europa. Tutto ciò sicuramente aumenterà la tensione economica nei giorni a venire”.

Tutto ciò ovviamente fa intendere che non esista una via formale per espellere la Grecia dall’Euro, ma che l’unica carta in mano alla Troika e alla BCE per negoziare è solo un lento (o non poi così lento) collasso economico e finanziario greco.

Tuttavia ciò penalizza entrambe le parti, perchè mentre la Grecia e la BCE potrebbero essere sul ciglio di un crollo finale, la Grecia dalla sua ha ancora un oggetto di immenso valore: una macchina per stampare Euro.

Non si potrebbe arrivare a tanto: secondo Ambrose Evans Pritchard del Telegraph, il quale cita direttamente Yanis Varoufakis, dice che la Grecia “Se necessario stamperà una valuta parallela e delle cambiali in stile California, in formato elettronico. Avremmo dovuto farlo la settimana scorsa”.

La California ha diffuso dei coupon temporanei per pagare i conti a seguito della carenza di liquidità creatasi nel 2008 dopo la crisi di Lehmann. Varoufakis insiste che questo non è un preludio all’uscita della Grecia dall’Euro, ma un’azione legale all’interno dell’inviolabile sacralità dell’unione monetaria.

In altre parole: fare parte dell’Eurozona, ma senza propriamente usare l’Euro.

Non è tutto, perchè a seconda di quanto aggressivamente la BCE si comporterà con Atene, la Grecia potrebbe fare due ulteriori passi in avanti “nucleari”, il primo nazionalizzare le banche e il secondo iniziando a stampare una valuta di cui non è più membro!

Fonti interne a Syriza dicono che il Ministro delle Finanze greco sta valutando opzioni per prendere controllo diretto del sistema bancario piuttosto che optare per una confisca draconiana ai danni dei correntisti ­ un bail-in con una soglia superiore agli 8.000€ – e per prevenire che alcune banche vengano chiuse su ordine della BCE.

I funzionari del governo ammettono che ciò potrebbe condurre a scontri senza precedenti con le autorità dell’UE. Ma la posizione di Syriza attualmente è che la loro unica difesa contro il potere egemonico è la guerriglia.

I più estremi all’interno del partito – tra di loro non c’è Varoufakis – chiedono la testa del governatore Stournaras, un superstite che aveva ricevuto l’incarico dal precedente governo.

Vogliono che venga insediato una nuova squadra, una che sia disposta a ricorrere alla riserve segrete della Banca Centrale e in ultima istanza alla provocazione di creare Euro.

“La prima cosa che va fatta è togliergli le chiavi dell’ufficio. Dobbiamo riportare stabilità al sistema, con o senza l’aiuto della BCE. Abbiamo la possibilità di stampare banconote da 20€” ha detto uno di loro.

Un’azione del genere richiederebbe invocare lo stato di emergenza nazionale – per decreto – e il commissariamento della Banca di Grecia per molti mesi. Gli ufficiali dicono che questi passi dovrebbero essere affiancati da un appello alla Corte Europea: sia per dichiararne la legalità all’interno dei requisiti di crisi del Trattato di Lisbona e per denunciare la BCE per presunto “abbandono” dei suoi obblighi di mantenere la stabilità finanziaria.

E chi “involontariamente” ha scatenato tutto questo?

Tsakalotos ha detto al Telegraph che i creditori si ritroveranno in una posizione moralmente indifendibile se rifiuteranno di ascoltare la voce del popolo greco, specialmente dato che il FMI la settimana scorsa ha convalidato la rivendicazione principale di Syriza che sostiene che il debito non può essere ripagato.

Ricordate che la scorsa settimana ci chiedevamo se “Il FMI aveva aperto il vaso di Pandora?”. Abbiamo trovato la risposta. Il nostro consiglio per la signora Lagarde: evitare il Sofitel di New York per le prossime settimane [Il Sofitel di New York è l’albergo della presunta violenza sessuale di Strauss-Kahn, NdT].

Per quanto riguarda l’Europa: benvenuti nel vostro personale weekend da Lehmann Brothers. Speriamo che anche voi vi godiate il cercare di mettere a posto le cose mentre tutto va avanti, poichè siete ufficialmente entrati nel cuore dell’oscurità monetaria.

Fonte: http://www.zerohedge.com

Link: http://www.zerohedge.com/news/2015-07-05/greece-contemplates-nuclear-options-may-print-euros-implement-parallel-currency-nati

05.07.2015

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione FA RANCO

Pubblicato da Davide

  • giannis

    Bravi greci che avete le palle , in questa umanita’ di merda per farsi
    rispettare dagli altri paesi ( USA-NATO ) bisogna avere armi nucleari ,
    chiedetele a zio Putin e fate accordi economico commerciali con Russia e cina

  • mago
    Anche in italia stamparono i famosi  miniassegni….questi poi congeleranno i beni greci nelle banche europee e o mondiali… per ritorsione se vorranno tirarla al massimo…
  • PietroGE

    Mah, io lascerei stare la stampa illegale di euro perché le ritorsioni potrebbero essere devastanti e mi concentrerei invece nella stampa di nuove dracme. La Grecia non ha altra scelta che emettere una nuova moneta e uscire sbattendo la porta. La trattativa non porterà a nulla, solo a continuare l’agonia dell’economia greca.

  • FlavioBosio

    Se vogliono i nostri euro ci diano il loro oro, ne hanno 111 tonnellate, che vendano quello se hanno le palle!

  • furibondius

    i nostri euro?! le banche negano ai bancomat gli euri dei privati greci che ne sono legittimi proprietari! Stampare euro per la grecia è assolutamente legale, sono le banche colabrodo e insolventi……..

  • makkia

    Non sarebbe questione di AVERE le palle ma di ESSERE coglioni.
    Buon vecchio oro in cambio di carta da cesso? Mapperfavore!

    In cambio dei "tuoi" euro, io ti do dei fantastici atti di proprietà sulle parti verticali di dirupi montani e scogliere a picco.

    Hai giocato al rischiatutto con un piccola nazione in difficoltà. Se ti andava bene ne prosciugavi le ricchezze REALI in cambio di prestiti esistenti solo sui fogli di Excel. Ti pagavano gli interessi e riavevi anche il capitale indietro.
    Hai scommesso e hai perso. Amen.

    Che, vai dal tabaccaio a chiedere indietro i soldi del Gratta&Vinci che non ha vinto?
    No, certo, ti riderebbe in faccia.

  • oriundo2006

    Come già fatto osservare, la Grecia e’ letteralmente seduta sul petrolio e gas del Mar Egeo: perché nessuno lo mette in conto? Le ipotesi di ‘salvezza’ sarebbero tantissime, società miste, diritti condivisi di sfruttamento, garanzie ecc. Non e’ che il giacimento e’ troppo vicino a quello al largo del ‘piccolo popolo’ assai vorace?

  • FlavioBosio

    No, intendo propri i miei euro, se li vogliono mettano mano a quelle 111 tonnellate d’oro (chi parla di 147) che si sono imboscati.

    L’oro della banca centrale appartiene al popolo no?
  • FlavioBosio

    No, si sbaglia son soldi buoni, ce li ho proprio qui sul CC e dato che la settimana prossima comunque dovrò comprare oro dalla Münze Österreich perché non approfittarne aiutando il popolo greco, la banca centrale greca vende qualche lingotto good delivery ed intasca immediatamente i miei euro che distribuirá a pioggia al popolo affamato.

    Oppure vuole dirmi che le 111 (forse più) tonnellate d’oro custodito dalla banca centrale greca non appartengono al popolo?
    Io generosamente scambio i miei euro buoni con il loro vecchio ed impolverato oro, tanto che se ne fanno di quella "reliquia barbarica", dopo che avranno stampato la moneta del popolo?
  • FlavioBosio

    Si, ma non é che basta schioccare le dita per estrarre il gas e venderlo, al contrario per vendere l’oro della banca centrale greca basta inserire la quantitá nel sistema e premere "invio", istantaneamente viene accreditato il denaro ed in giornata arrivano i furgoni blindati a ritirare i lingotti.

    Poi con calma, estrarranno quel che gli pare no?
  • Truman

    Può darsi che in questo periodo i greci vogliano tenersi stretto il loro oro. Perchè non lo compri negli USA l’oro che desideri tanto?

  • FlavioBosio

    L’ho detto, io lo compro dalla zecca austriaca semplicemente perché fa prezzi migliori.

    Se loro vogliono tenersi stretto l’oro e lasciar morire democraticamente di fame e di stenti il popolo facciano pure, io continuerò a comprare oro in Austria senza alcun problema.
  • mago

    `Non esiste piu`il famoso oro americano..è stato usato per vari scopi…vedi varie richieste di rimpatrio negate solo patacche al tungsteno ricoperte….

  • temuchindallaCina

    Tempo al tempo, i Russi e Cinesi non sono stupidi, aspettano l’occasione giusta per fottere chi tiene le fila di questa finta Europa.

    Un gran bel colpo sarebbe che uscissero dalla Nato, altroché euro…quello secondo me è il vero pericolo per gli ammeregani.

  • Truman

    Stranamente alcune frasi di questo articolo sono esattamente uguali all’articolo di AMBROSE EVANS PRITCHARD pubblicato immediatamente prima. Boh?

  • Truman

    Ho sistemato un po’ meglio le citazioni.