Home / ComeDonChisciotte / IL MONDO SOPRAVVIVERA’ ALL’ULTIMO ANNO DI OBAMA?
15849-thumb.jpg

IL MONDO SOPRAVVIVERA’ ALL’ULTIMO ANNO DI OBAMA?


DI GORDON DUFF

journal-neo.org

Perché il mondo dovrebbe preoccuparsi della politica estera americana? La risposta è piuttosto semplice: se morirete mentre siete a casa vostra, se sarete fatti a pezzi insieme alla vostra famiglia, probabilmente sarà stata l’America ad uccidervi.

Gli americani sono consapevoli di tutto questo. La maggioranza della popolazione non approva la folle politica estera americana, ma l’’opposizione’ costituita dalla destra repubblicana non solo la sostiene, ma crede che Obama non stia ammazzando a sufficienza – e certamente non ovunque sia necessario.

Il mondo, di conseguenza, è costretto a vivere e a morire all’ombra della politica di Washington, minacciato dalle spaventose politiche di Obama (che rappresenta, oltretutto, il punto di vista ‘moderato’) e da una dozzina di pazzi che, dietro le quinte, è in attesa sia degli eserciti promessi dagli americani in Africa e in Medio Oriente che dell’imposizione dell’egemonia statunitense in tutta l’Asia – oltre che dell’annientamento nucleare di tutti coloro che osassero disapprovare.

E’ davvero questa la situazione? La risposta è un sonoro ‘sì’. E’ un pezzo di storia che si sta ripetendo.

Le migliori informazioni che potete trovare là fuori, i dettagliati rapporti investigativi trapelati dal Governo degli Stati Uniti, indicano tutti che le vicende del 9/11 furono una congiura internazionale e che, sì, l’Arabia Saudita era pienamente coinvolta.

Nel Maggio del 2014, quando i documenti prodotti dalla Russia furono pubblicati (peraltro solo da Veterans Today, dopo essere stati rifiutati dalla CNN), nessuno prestò attenzione a quello che non voleva sentirsi dire.

Quei documenti facevano riferimento non solo all’Arabia Saudita, ma anche ad una ‘cabala’ costituita da leaders politici e finanziari americani, canadesi, israeliani e sudafricani – sostenuta dai gruppi-canaglia presenti nella CIA e nel Pentagono, ma anche dai servizi segreti sauditi e israeliani.

In quei documenti non si parlava degli ‘stati estremisti islamici’ (e nemmeno di Osama Bin Laden), ma si faceva il nome di alcuni personaggi riservati e potenti, come ad esempio ‘Bronfman’ o ‘Netanyahu’. Nessuno si nascondeva nelle caverne, non i veri colpevoli, gli stessi che oggi sostengono l’ISIS. Questo gruppo terroristico proviene dalle sale di rappresentanza di Zurigo e Londra, non dai tunnels sotto Mosul.

La ragione per cui ancora una volta torniamo su questa vicenda [9/11] è che ‘l’era di Bush’ potrebbe ripetersi. Suo fratello Jeb è uno dei capofila nelle elezioni presidenziali statunitensi. Anche Donald Trump potrebbe essere eletto e, insieme a lui, anche degli altri … ma lavorano tutti per la ‘Koch Brothers’ e per il losco padrone israeliano del gioco d’azzardo, Sheldon Adelson.

Sono tutti alla ricerca di una nuova guerra mondiale. Hanno tutti questa cosa in comune, vogliono dichiarare guerra alla Russia.

Vogliono che il mondo diventi uno stato di polizia caratterizzato dalla sorveglianza universale ed auspicano (fatto che si capisce ancor meno) il collasso ambientale che, a sua volta, porterebbe inesorabilmente allo spopolamento del mondo.

La ragione per cui sto citando gli eventi del 9/11 ed alcuni fatti largamente provati (l’esplosivo posto sulle ‘tre torri’, l’arresto in tutta New York di personaggi appartenenti al Mossad, il disturbo ed il blocco delle trasmissioni-radio, la ‘fuga’ dal paese delle persone ‘sospette’, i due aerei carichi di sauditi e israeliani etc.), è che quelle vicende si stanno ripetendo.

Vengono raggruppate sotto il nome di ‘ISIS’, ma si tratta della stessa ‘unione’ fra i servizi segreti israeliani e sauditi che abbiamo visto all’opera il 9/11 – che questa volta coinvolge anche Erdogan.

Lavorando a stretto contatto con la CIA ed il Pentagono, ‘l’unione’ comanda le unità dell’ISIS, le rifornisce di armi e paga il petrolio in contanti, nell’ambito di ‘quell’enorme commercio’ che è stato provato dalla Russia, ma di cui tutti sapevano da molto tempo.

I protagonisti sono sempre gli stessi, che si parli di ISIS, di Ucraina, di Boko Harum o di al-Shebab in Kenya e in Africa Orientale, di ‘guerra allargata’ in Afghanistan o di ‘guerra al terrore’ in Europa e negli Stati Uniti.

Ed allora, cos’è che tutto questo ha a che fare con la politica americana e con Barak Obama?

Sette anni fa il Presidente americano, entrando sulla scena politica, si rivolse al mondo offrendo ai musulmani la ‘pace’ e agli americani una migliore ‘giustizia sociale’ ed una ‘nuova direzione’.

In America, la sua politica interna ha portato a dei relativi successi economici – Obama ed il Partito Democratico hanno lottato per i diritti dei lavoratori, per la salute, per l’istruzione e, in generale, per un ritorno dei ‘diritti degli elettori’.

Sotto la sua presidenza, tuttavia, gli omicidi commessi dalla polizia sono notevolmente aumentati (o hanno cominciato ad essere denunciati, dopo anni di silenzio. Non sappiamo quale delle due sia l’affermazione giusta), le ‘Primavere Arabe’ hanno portato centinaia di milioni di persone verso il disastro politico (un chiaro ‘disegno’ della CIA) ed infine una nuova ‘Guerra Fredda’, basata sull’ennesimo complotto fra Mossad e CIA, questa volta in Ucraina, incombe spaventosa su di noi.

Quelle che sono delle cose un po’ da pazzi (o che almeno sembrano esserlo), sono le mosse che il Presidente Obama sta facendo in direzione opposta: l’accordo nucleare con l’Iran e il recente accordo in Siria con la Russia, tanto per citarne due.

E così, se da un lato Obama e Kerry sputano le bugie più goffe ed evidenti perseguendo delle palesi politiche genocide (in particolare verso Iran, Siria, Russia e Cina), dobbiamo prendere atto che, poco tempo dopo, si presentano al tavolo delle trattative con iniziative competenti e razionali!

Questa è schizofrenia allo stato puro.

Ad esempio, non c’è dubbio che la Russia sia stata letteralmente spinta a tracciare una linea di demarcazione in Siria, contro l’aggressione americana. Ma, qualunque cosa si possa dire al riguardo (in particolare sul fatto che Obama non sia riuscito a combattere l’ISIS), coloro che sono maggiormente preoccupati per lo Stato Islamico [ISIS] sono gli stessi che hanno contribuito a fondarlo e che continuano a sostenerlo!

Chiaramente, non stiamo parlando solo di Israele, Arabia Saudita e Turchia, ma anche della ‘destra’ degli Stati Uniti, di quelle stesse persone che hanno contribuito agli eventi del 9/11 per creare un clima di paura.

Infine, come piccola ‘questione a parte’, poniamoci una semplice domanda: “Qual’é la differenza fra la NSA (National Security Agency), che intercetta le comunicazioni mondiali, e la ‘Google Corporation’?”.

La risposta è molto semplice: “nessuna”.

Il Presidente Obama, in sette anni, non è riuscito a portare l’America al di fuori del ‘cono d’ombra’. Al contrario, ha spinto il mondo verso una nuova ‘Guerra Fredda’ e precipitato l’Europa in un periodo di follia politica, come non si vedeva dall’Agosto del 1914.

Ancora oggi sono gli stanchi protagonisti di allora ad esercitare il potere reale: i gangsters politici americani, il ‘cartello’ McCain-Romney legato alla famiglia messicana dei Salinas, l’impero Adelson di Macao ed infine i Rothschild-Rockefeller che guidano il ‘Cartello della Federal Reserve’, che a sua volta controlla le valute mondiali e le banche.

Questo è ciò a cui oggi stiamo assistendo. Un’America governata dai criminali e dagli scamsters [coloro che ingannano gli altri per prendere i loro soldi, ma non solo], dagli interessi dell’industria del petrolio, della difesa, delle assicurazioni, dell’energia nucleare e del carbone, dei cartelli della droga e di alcune potenti famiglie, come quella del gruppo Walton-Walmart.

Ma dietro a tutto questo non c’è l’America ​​in quanto tale, ma un ‘fronte’ sottile che vuol porre la potenza militare [americana] nelle mani della criminalità organizzata globale, più in senso ‘millenario’ che ‘multi-generazionale’.

Gordon Duff per NEO (New Eastern Outlook) e VT (Veterans Today)

Fonte: http://journal-neo.org

Link: http://journal-neo.org/2015/12/27/will-the-world-survive-obama-s-last-year/

27.12.2015

Fra parentesi tonda ( … ) le note dell’Autore

Fra parentesi quadra [ … ] le note del Traduttore

Pubblicato da Davide

  • Veron

    è un assassino più crudele quello che la destra americana fascista e sionista vuole?

    avranno Hillary Clinton, che stiano tranquilli.
  • fengtofu

    La continuazione ideale sarà la presidenza quasi sicura di madama Clinton, che lo farà davvero sembrare in paragone un Nobel della pace, come fu immeritatamente insignito. Conlei avremo una stupenda IIIa GM, femminista, politicamente corretta e gay-friendly. Sarà la chiusura del cerchio.

  • giannis

    repubblicani o democratici , Obama o Clinton o bush sono solo una presa in giro per dare al popolo l illusione che loro votando scelgono chi deve votare , il vero potere e’ lo stesso da secoli….. anche in italia e nella maggior parte dei paesi del pianeta

  • Vocenellanotte

    Quando le donne escono dal loro cerchio naturale è solo sventura.

  • giannis

    Invece con il maschio e’ pace

  • Hamelin

    Questo è chiaro e lapaslissiano , la democrazia è sempre stata una farsa ed un meccanismo di controllo .

    Come disse Twain :
    " Se votare facesse qualche differenza non ce lo lascerebbero fare " .

  • Stalin2

    Ne sono convinto anche io.  Clinton è la donna – e già qui parte con un piede nel traguardo – che meglio rappresenta la sinistra dirittumanista dai tratti arcobaleno, tanto amata dalle nuove generazioni di tecnozombie lobotomizzati. Ha la vittoria in tasca. BBC, CNN, WSG e NYT penseranno al resto.