Home / ComeDonChisciotte / IL CASO MONTE DEI PASCHI DI SIENA E IL RUOLO DELL’EUROPA
11315-thumb.jpg

IL CASO MONTE DEI PASCHI DI SIENA E IL RUOLO DELL’EUROPA

DI SERGIO DI CORI MODIGLIANI
Libero pensiero

“Coloro che non possono ricordare il passato, sono condannati a ripeterlo”

George Santayana. 1930

A proposito di Monte dei Paschi di Siena.

Sono sempre stato un europeista convinto.

Mi sento europeo e sono orgoglioso di esserlo.

Sono un profondo sostenitore degli Stati Uniti d’Europa, perché considero l’Europa un continente che ha prodotto nei secoli una immensa tradizione evolutiva in campo economico, culturale, artistico, scientifico, che ha dato un enorme contributo al miglioramento delle condizioni esistenziali delle persone.

Non questa Europa, si intende.

La grande truffa degli oligarchi reazionari consiste nell’aver inventato uno scontro tra europeisti e non europeisti, spingendo la gente –in maniera perversa e subliminale- a pensare che la BCE e il sistema bancario attuale “sia l’Europa”.

Non è così.

C’è anche un’altra Europa.

Ed è quella per la quale mi batto.

Caduti nella trappola  dell’Alzheimer sociale, ben rappresentato dalle trovate mediatiche di Silvio Berlusconi, gli italiani, oggi, sbigottiti, sono testimoni del terremoto finanziario prodotto dalle scelte amministrative del Monte dei Paschi di Siena, come se fosse una sorpresa, uno scandalo, qualcosa di cui stupirsi.

Considero questo “scandalo” uno splendido simbolo della enorme possibilità che tutti noi europei abbiamo in questo momento per poter ritrovare il Senso di una nuova identità europea, che prima di tutto deve essere esistenziale e culturale, economica e politica e poi, di conseguenza, anche finanziaria.

Perché l’Europa, cioè la prima costituzione degli Stati Uniti d’Europa, è nata dalla finanza, e con il suo fallimento, si spera che gli europei ritrovino la ragione.
E’ nata così l’Europa.

E fu proprio il Monte dei Paschi di Siena a inventare tutto ciò, molto ma molto tempo fa.

Perché le speculazioni finanziarie sui derivati non sono affatto una invenzione tecnologica,  ingegnosamente scoperta dagli analisti finanziari americani, bensì  sono un’idea finanziaria del Monte dei Paschi di Siena, che si è espressa 375 anni fa e che allora portò l’Europa alla catastrofe, seminando miseria, povertà e fame.

Se chiedete “quando è nata l’Europa?” vi sentirete dare risposte molto diverse. C’è chi sostiene con il Trattato di Lisbona, chi con quello di Maastricht, chi nel 2001 con il varo dell’euro, chi con il Trattato di Roma del 1957, chi con il manifesto di Ventotene del 1943 a firma Altiero Spinelli, chi con Napoleone Bonaparte, chi con la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo nel 1789,.

Forse hanno ragione tutti, sono stati piccoli tasselli intersecantesi l’uno con l’altro.

Ma il punto dolente rimane quello della “mancanza di memoria storica” a dimostrazione dell’autentica tragedia che noi tutti stiamo vivendo oggi in conseguenza dell’assassinio della Cultura e dell’Informazione.

Perché se fosse rimasta alta la bandiera della memoria storica collettiva, allora, i popoli avrebbero impedito a questi burocrati oligarchi criminali di fondare gli Stati Uniti d’Europa sulla finanza, dato che era stato già fatto quasi 400 anni fa portando il continente alla  catastrofe.

C’era, quindi, un precedente storico poderoso, fulminante, sul quale interrogarsi, da analizzare, sondare, elaborare, per trarne una lezione utile.

Tutto è avvenuto grazie al Monte dei Paschi di Siena, nel cuore dell’Europa mercantile, nei primissimi anni del secolo XVII, quando la banca senese “inventa” i derivati e provoca, guida,  determina, la più grande catastrofe economica che si sia mai realizzata nella Storia della Civiltà: il crollo della borsa di Amsterdam il 9 febbraio del 1637.

Ecco come andò.

Nei primi decenni del ‘600, grazie all’eccitazione mercantile dovuta alla scoperta dell’America e all’introduzione sui mercati europei di ingenti quantitativi di oro, argento e derrate alimentari, provenienti dal nuovo continente in via di espoliazione, gli europei creano “la borsa valori delle merci e dei preziosi” di cui Amsterdam diventa il centro propulsore. Il Monte dei Paschi di Siena, la più solida e antica banca europea (fondata nel 1472) diventa il più forte istituto di credito finanziario dell’epoca, luogo di incontro della finanza vaticana e delle rendite finanziarie delle oligarchie aristocratiche europee che lì si incontrano per scambiarsi i loro titoli e creare le grandi rendite patrimoniali europee.  Nel 1593, il Monte dei Paschi di Siena finanzia Johannes Van Bommel, un grande mercante dell’epoca, il quale importa dalla Turchia i bulbi di tulipano, investendo nella loro coltivazione. Qualcosa di inspiegabile però accade. Anche se da allora sono trascorsi 400 anni, seguita a rimanere un mistero della mente umana. I tulipani diventano ben presto una specie di feticcio della neo-nata classe borghese mercantile, dando vita a una gigantesca febbre collettiva che invade tutta l’Europa. Gli storici e gli antropologi inglesi hanno addirittura coniato il termine “tulipomania” parola che, da qualche anno, indica una specie di malattia dello spirito che porta gli individui a speculare in borsa su “qualcosa di evanescente che non esiste”. Poco a poco, in tutto il continente si diffonde la mania dei tulipani che diventano ben presto un vero e proprio social status. Dovunque, da Lisbona fino a Roma, da Glasgow fino alla lontana Varsavia, gli europei si gettano nell’investimento di azioni dei bulbi di tulipano e in tutto il continente si aprono agenzie di cambio locale, gestite in appalto dal Monte dei Paschi di Siena. Al mattino si apre la contrattazione ad Amsterdam e alle 15 partono a cavallo i corrieri con i risultati del giorno, attraversando tutta l’Europa per andare a negoziare i titoli nelle diverse capitali. Ben presto, l’Europa comincia a diventare piccola e le capitali entrano in veloce contatto tra di loro, dando vita alle prime società di trasporto continentali. Nel 1605 la domanda di bulbo di tulipano raggiunge livelli vertiginosi di costo. Vengono attribuiti nomi curiosi e strani ai bulbi e le famiglie di possidenti investono ingenti quantità di denaro su questo fiore. Nel 1623, un certo bulbo di tulipano, di un colore magari raro, arriva a costare il corrispondente di oggi di circa 50/70 mila euro. Il record viene toccato dal “semper Augustus” che viene contraccambiato nel 1630 per la cifra vertiginosa di 100.000 fiorini, pari a 250.000 euro odierni. In quell’anno, un certo Messer Cucinotti, ragioniere plenipotenziario di Monte dei Paschi di Siena nella sede di Amsterdam ha un’idea che seduce l’intera Europa: “la speculazione sui derivati finanziari” che lui inventa e codifica, in uno splendido testo di follia delirante finanziaria (si trovano i testi dell’epoca nella “Biblioteca pelagia di parte guelfa” a Firenze) con il termine “commercio del vento” o altrimenti detto “commercio finanziario delle nuvole”. Il Monte dei Paschi di Siena stampa dei contratti di assicurazione sul titolo dei bulbi e poi li assicura presso una loro filiale a Londra, la quale ne rivende –a prezzo maggiorato- il potenziale profitto di lì a sei mesi. Chi acquista quel titolo, lo rivende a un altro prezzo maggiorato e così via dicendo, per cui uno stesso titolo di possesso di un bulbo tocca il record nel 1632 di 186 proprietari della stessa azione a prezzi completamente diversi: la stessa azione vale 1 oppure 8 oppure 75 a seconda di quando è stata acquistata e da chi. La banca senese dà prestiti per acquistare bulbi di tulipano e raccoglie in garanzia proprietà immobiliari e terre coltivate, creando una massa finanziaria speculativa che nel dicembre del 1635 raggiunge una cifra pari a 15 volte l’intera ricchezza reale europea. Finchè alla fine del 1636 alcuni aristocratici, bisognosi di danaro in contanti per finanziare spedizioni navali o costruirsi un castello cominciano a vendere e si arriva al 9 febbraio del 1637 quando l’ondata di vendite si abbatte sul mercato provocando la più gigantesca catastrofe finanziaria che sia mai stata registrata nella storia. Il tutto avviene a una velocità inusitata per quei tempi, in pochissime settimane. E il mercato dei tulipani crolla. Migliaia e migliaia di famiglie si trovano sul lastrico perché il Monte dei Paschi di Siena attraverso le guardie reali olandesi requisisce le loro proprietà immobiliari date in garanzia per titoli di bulbi di tulipano che sulla carta valgono milioni ma che in realtà si rivelano semplice carta straccia. Nel solo mese di giugno del 1637, nella città di Amsterdam 15.000 persone travolte dal dissesto. La città di Arnheim diventa un enorme cimitero e così la città di Hannover, di Besancon, la lontanissima L’vov al confine tra la Polonia e l’Ucraina. L’Europa è travolta dal crollo della finanza sui derivati. Le famiglie rovinate abbandonano le loro terre che rimangono incolte provocando penuria e carestia nella popolazione. Nasce così la immensa ricchezza patrimoniale del Monte dei Paschi di Siena, che riesce a non fallire grazie all’intervento del Vaticano che accordandosi con il re d’Inghilterra dichiara “diabolici” i contratti stipulati dagli aristocratici di mezza Europa e confisca i beni dati in garanzia, identificati come “oggetti del diavolo”, di cui la banca diventa legittima proprietaria.

L’Europa finisce in miseria.

Nasce allora quella che con parole di oggi potremmo definire “la decrescita felice” e che gli storici chiamano “genesi dei movimenti pauperistici europei”, una miriade di movimenti autonomi dei cittadini che si contrappongono all’idea della finanza, del concetto di investimento di danaro, al consumo, agli status symbol ed esaltano l’austerità identificando nella povertà una scelta. Il Monte dei Paschi di Siena chiude tutte le sue filiali in Europa e rientra in Italia con un guadagno complessivo netto in 30 anni corrispondente alla cifra di oggi di circa 100 miliardi di euro che viene suddiviso tra le grandi famiglie aristocratiche delle signorie toscane e il Vaticano.

Il movimento pauperistico e la denuncia del lusso e del consumo viene capeggiato dal filosofo Baruch Spinoza, il quale aveva soltanto 5 anni quando c’era stato il crollo ma che era cresciuto in Olanda vivendo nell’atmosfera tragica del baratro finanziario nel quale era precipitata tutta l’Europa. Gli studiosi, i filosofi, gli intellettuali dell’epoca si confrontano e dibattono sulla follia collettiva che ha provocato la più grande tragedia sociale mai registrata nel nostro continente, e da questo humus intellettuale nasce l’Etica di Spinoza, colonna portante del pensiero libertario europeo, testo fondamentale che diventerà, di lì a breve, il pane quotidiano di Voltaire e dei grandi pensatori illuministi.  Quando esplode “la più grande bolla finanziaria dell’ultimo millennio” viene travolta anche il Regno di Gran Bretagna, perché a Londra falliscono decine e decine di piccole società di assicurazioni (che stavano allora nascendo) gestite da famiglie aristocratiche in vista e sostenute da un parlamento corrotto. Per far fronte ai giganteschi ammanchi, il governo inglese aumentò la tassazione ai produttori agricoli del 30% provocando malumori e rivolte, che cominciarono a crescere e dilagare fino alla rivoluzione condotta da Oliver Cromwell nel 1648: la prima rivoluzione popolare europea.

Ecco che cosa ha prodotto 375 anni fa l’Europa Unita della Finanza.

Fine della storia.

C’era quindi un precedente.

Noto a tutti coloro che hanno studiato la Storia d’Europa. Noto a tutti gli studiosi di Storia Economica. Noto a tutti coloro che hanno costruito, recentemente, l’Europa.
La prima fondazione degli Stati Uniti d’Europa, quella realizzata attraverso la borsa valori delle merci di Amsterdam nei primi decenni del 1600 è fallita. E’ esplosa, perché fondata sulla finanza, sulle banche, sulla speculazione, sui derivati, sul monopolio delle grandi famiglie aristocratiche e del Vaticano.

La Storia ci insegnava, quindi, che era l’ultima cosa da fare, l’ultima strada da seguire.

Possiamo dunque meravigliarci e stupirci che la stessa banca che ha provocato tale catastrofe nel 1637 provocando il suicidio (secondo gli storici) di circa 150 mila persone –una cifra allora immensa- il crollo di intere città e una depauperizzazione del territorio, che ha affamato l’Europa per circa 50 anni, abbia oggi fatto la stessa cosa?
No.

Non mi stupisce.

Perché lo statuto della Banca del Monte dei Paschi di Siena il 9 febbraio del 1637 è lo stesso del 25 gennaio 2013. Non è cambiato.

Questa è la lezione che va appresa, oggi, e che serve (e ci serve) per interrogarci sulla necessità di ritornare a leggere la Storia, a praticare la Cultura ma, soprattutto, a riannodare le fila della memoria storica collettiva, sottraendosi all’Alzheimer sociale voluto, imposto, e ottenuto da Berlusconi e dal berlusconismo.

Lo statuto è lo stesso.

Una fondazione detiene il 39% delle azioni dell’istituto.

Anche grazie a Mario Monti, tale fondazione non paga le tasse. Il suo governo ha scelto di esentarla “perché dedita alla beneficenza riconosciuta”.(decreto ministeriale del 29 maggio 2012).

La fondazione ha un consiglio di amministrazione.

I membri del consiglio vengono scelti non sulla base di una competenza tecnica bancaria rigorosa bensì secondo i seguenti canoni, noti, conosciuti e accettati da tutti, compresi tutti gli impiegati che ci lavorano (e che adesso non si lamentino): 16 persone vengono elette dal sindaco di Siena, attualmente un burocrate funzionario del PD, nei 25 anni precedenti un burocrate del PDS e del PCI; 10 membri vengono scelti da un “consorzio locale di imprenditori” che altro non è che il gruppo di tre logge massoniche senesi, una delle quali molto nota per essere stata molto vicina a quella del grossetano Licio Gelli; infine 2 consiglieri che operano anche come arbitri interni, scelti ed eletti dal Vaticano, uno di provenienza Ior e l’altro di provenienza territoriale cattolica confessionale, cosiddetti “azionisti curiali”.

Questo non è uno scoop, magari lo fosse!

Questo è il segreto di Pulcinella.

Ed è necessario, quindi, porsi delle domande.

Perché mai una banca deve avere un consiglio di amministrazione dove i consiglieri sono eletti da un sindaco? Che cosa ne sa un sindaco di tecnica bancaria? Quali sono le responsabilità del consiglio comunale? La scelta dei candidati è pubblica? E’ votata dall’intero consiglio comunale? Perché la curia vaticana deve fornire dei consiglieri di amministrazione? Non è forse l’Italia uno stato laico? Perché mai viene dato per scontato –come se fossero stati eletti- che a Siena, nel cuore della regione Toscana, le logge massoniche locali hanno addirittura la posizione ufficiale e riconosciuta di veri e propri committenti che forniscono i nomi dei consiglieri per andare a occupare dei posti nell’amministrazione di una banca accanto a dei nominati dal sindaco? Quali sono i rapporti tra i consiglieri eletti e il territorio? Come è possibile che una fondazione di tal fatta non paghi tasse ma nel suo bilancio ufficiale, nella sezione relativa alla cosiddetta “beneficenza nel territorio” (da cui l’esenzione dalle tasse) si trovano sponsorizzazioni annuali a pioggia dell’ordine di centinaia di milioni di euro a favore di onlus, cooperative, piccole società editoriali e mediatiche che in teoria si sarebbero dovute occupare della diffusione della cultura e che non hanno mai fornito uno straccio di fattura? Com’è possibile che una banca partitico-massonica-curiale (per statuto) abbia goduto, in extremis, lo scorso dicembre, di un ennesimo finanziamento da parte dello Stato dell’ordine di 3,9 miliardi di euro senza che sia stata richiesta nessuna garanzia?

Queste sono le domande che i cittadini elettori dovrebbero porsi pretendendo delle risposte adeguate.

E la stessa cosa per ciò che riguarda le fondazioni bancarie controllate dai leghisti e dai pidiellini nelle valli lombarde

E’ su questo che si gioca la partita della campagna elettorale, non sui programmi. Per loro, per il PD PDL Udc FLI Lega Nord, ciò che conta è garantirsi un numero di deputati e senatori eletti che garantiranno la prosecuzione di un simile stato di cose.

Le forze politiche che dichiarano di rappresentare i cittadini (e non gli interessi di bassa clientela omertosa) devono impegnarsi a chiedere IMMEDIATAMENTE al nuovo governo l’abolizione delle fondazioni bancarie, la  trasparenza dei bilanci e il divieto di investire i soldi dei correntisti in derivati finanziari senza prima averli informati per avere il loro consenso.

La impietosa logica dei mercati li sta smascherando.

Siamo ormai alla guerra per bande.

I banditi ci hanno rubato il territorio impedendoci di fare impresa.

Riprendiamocelo.

Nessuno è in grado di fornire inoppugnabile documentazione bancaria relativa alla reale quota di investimenti delle prime 100 banche italiane. Tradotto in termini sintetici vuol dire che in Italia le banche private non sono tenute a spiegare a nessuno come e dove e quando operano sul mercato e il loro management è composto da esponenti della politica e non da esperti tecnici in meccanismi finanziari bancari. Quando hanno bisogno di soldi in contanti li chiedono allo stato che paga passivamente.

E così, Monte dei Paschi di Siena si è presa a Natale i soldi dell’Imu.

Per investirli in bulbi di tulipani.

E infine la domanda di tutte le domande: perché mai bisogna salvare la banca?

Hanno un ammanco? Che falliscano.

Come la stessa banca ha spinto a fare alle migliaia e migliaia di piccole e medie imprese alle quali ha negato credito per seguitare a ballare il consueto minuetto che va avanti dal 1472.

Sono contro la nazionalizzazione di Monte dei Paschi di Siena, perché questa non è una nazione normale e non c’è quindi alcuna garanzia al riguardo.
Basta con il medioevo in Italia.

Il crollo finanziario dell’Europa nel 1637 provocò una nuova coscienza collettiva che ispirò il grande Spinoza a fondare la necessità dell’Etica come elemento unificante della cultura europea.

Il comportamento del Monte dei Paschi di Siena è indice di una idea a-etica dell’esistenza, basata sul principio tale per cui se qualcosa riesce e va in porto (oppure funziona) allora è giusto. E’ la base strutturale della mancanza dello Stato di Diritto e della mancanza di valori e di principi ideali. L’atteggiamento etico, invece, comporta l’idea di muoversi per eventi, idee, azioni che si sa dentro di sé, con certezza, che sono giuste. E ci si batte per quelle. E’ su questa base che è stato abolito lo schiavismo: perché era giusto farlo.
Queste sono le due europe.

Il Monte dei paschi di Siena appartiene a un’Europa degradata che sta crollando.

“Ce lo chiede l’Europa” è un mantra che va strappato dalla bocca di Mario Monti e noi abbiamo il dovere di riappropriarci di questo termine, coniugandolo con l’idea Etica che ha fatto grande questo continente

L’Europa delle nazioni e degli uomini liberi. Quella vera. Quella che funziona in modo equo, che si occupa delle esistenze e dei diritti civili, del lavoro e dell’istruzione, della diffusione di cultura e dell’investimento produttivo.

La parte vera dell’Europa che nell’attuale parlamento italiano non ha voce.

Dipende da tutti noi fare in modo che la Storia svolti da una parte o dall’altra.

Sergio Di Cori Modigliani
Fonte: http://sergiodicorimodiglianji.blogspot.it
Link: http://sergiodicorimodiglianji.blogspot.it/2013/01/il-caso-monte-dei-paschi-di-siena-e-il.html
25.01.2013

Pubblicato da Davide

  • giopaol

    Bella lezione di storia degna di Giambattista Vico, da far leggere agli studenti della materia. A giudicare da tutta la robaccia che c’è dentro quella banca sar à difficile ripulirla fino in fondo.

  • oriundo2006

    Grazie. Ricordo solo di Spinoza ebreo il suo ‘deus sive natura’, che è il fondamento ultimo dell’etica: l’identità ( vera ‘omousia’ ) di Dio e di tutte le essenze dell’Universo: En Kai Pan, la reviviscenza sotto altre e ‘moderne’ spoglie del culmine del pensiero pagano antico. Per questo fu tanto odiato sia di suoi correligionari che dalla Chiesa Cattolica. Fu scomunicato e le sue opere messe all’Indice.

  • albsorio

    Ia BCE dei privati non tratta piu bulbi di tulipani ma banconote, noi siamo preda dei creditori che usano la leva del debito pubblico per distruggere lo Stato/i d’Europa.—– La frode della della moneta privata garantita dal debito pubblico ha creato le condizioni di insolvenza descritte nella crisi dei tulipani, oltre a cio le banche private inventano soldi che non esistono con la riserva frazionaria.—–Chissa se è un caso ma oggi il volume della “finanza” è circa 15 volte quello della economia reale.—- L’Europa attraverso una BC dei popoli europei, deve emettere, senza debito, una moneta del popolo, questo è possibile anche in grandi sistemi economici, la Cina lo dimostra…

  • yago

    C’è anche un’altra Europa dice Modigliani.
    Ci dovrebbe essre , ma non c’è. E’ ovvio che se ci fosse tutti saremmo suoi tifosi , ma questa utopica speranza si scontra con la dura realtà.
    Per fare un’europa alla Modigliani servirà ancora qualche secolo, ma intanto per noi è un disastro far rimanere in vita l’euro. 0ttimo comunque l’articolo ed aver rinfrescato la memoria sulla prima crisi finanziaria internazionale ci dovrebbe far molto riflettere.

  • Aironeblu

    Bello e incisivo, ottima lettura parallela della crisi dei tulipani con la crisi attuale. Purtroppo l’Europa costruita oggi è interamente quella della finanza speculativa, e il passaggio all’Europa etica di Spinoza è qualcosa di irrealizzabile, ormai le acque sono contaminate.

    Bisognerà aspettare il crollo dell’euro (che non tarderà) per liberare la strada ad una nuova idea di Europa su presupposti etici e civili. Ma si dovrà partire dalle macerie economiche.

  • AlbertoConti

    Così commentavo giovedì scorso l’articolo di Zibordi su MPS: “Ricapitalizzare o statalizzare? C’è una terza via: default e chiusura, stile Lehman Brothers. 550 anni sono tanti per una banca, troppi di questi tempi. I senesi possono fare a meno benissimo della “loro” banca, per i normali servizi bancari l’offerta è già sovrabbondante. Quindi si chiuda e si dimentichi MPS, facendo scattare l’assicurazione di Stato sui depositi fino a 100.000 €. A noi contribuenti costerebbe sicuramente meno di tutte ste manfrine. A questo punto però viene il bello: visti i precedenti non facciamo come lo zio sam, ma al contrario statalizziamo Intesa e Unicredit, tanto per cominciare. Subito dopo spin off di parte commerciale da “banca d’affari”, con riforma diritto fallimentare su quest’ultima. E che ce vò?” === Modigliani va oltre, giustamente, vuol stabilire il nesso tra sistema finanzbancariocentrico e governo popolare, un legame che va rescissso con la spada, come il nodo di Gordio. Aggiungo che per farlo non occorre un “progetto alternativo”, che c’è già, è nei fatti, è nella democrazia reale tanto osteggiata, ma occorre piuttosto dichiarare guerra aperta, popolare, all’elite di sempre, quella dei ricchi e straricchi che tali sono diventati non più per unzione divina, per sangue blu o meriti speciali, ma solo per essere i più astuti criminali del furto con truffa, che i bocconiani chiamano “libertà di mercato”. L’arma per sconfiggerli è la fiscalità, e per i politici che si rifiutano di usarla c’è ormai solo lo ghigliottina, in senso figurato ovviamente, perchè occorre assicurarsi che il risultato sia migliore di quello della rivoluzione francese.

  • giovannizibordi

    “…Il movimento pauperistico e la denuncia del lusso e del consumo viene capeggiato dal filosofo Baruch Spinoza…”
    ….??!!!! Spinoza non capeggiò nessun movimento in vita sua perchè morì nell’oscurità, ma anche dopo non ebbe molta influenza e gli illuministi francesi e tedeschi non lo citano mai…. Spinoza è uno dei filosofi celebri che ha avuto meno influenza, non lo citano praticamente Voltaire, Kant, Hegel, Nietzsche, Marx… ……………..DiCoriModigliani cita qualcosa di Spinoza !
    E il crac dei tulipani (di cui Spinoza non scrisse) non ebbe una grande influenza perchè all’epoca non c’era il mercato globale e l’Olanda era un piccolo paese…

    Questi sono un esempi, ma in generale DiCoriModigliani non cita e non documenta mai quello che dice e sbrodola per pagine e pagine senza che si capisca cosa dica…………………………….. Gli intellettuali hanno il dovere di NON INVENTARE, approfittando del fatto che i lettori non hanno il tempo in genere di controllare e di FARSI CAPIRE. Questo articolo è tutta retorica e fuffa

  • alvise

    Illustre Modigliani, non c’entrerà nulla di concettuale nell’insieme del suo post, però da Genovese vorrei precisare che la banca più antica, 1407, fu il Banco di San Girogio. Da wikipedia: fu la prima banca al mondo. Il Banco fu attivo quando la repubblica di Genova primeggiava fra le antiche Repubbliche marinare e restò operante ben oltre il basso medioevo, fino all’età napoleonica

    E depredato dallo stesso (questo è di mio). Come ho precisato, questo non inficia comunque quello che lei ha scritto.

  • Giovina

    Hegel invece cita Spinoza, per esempio in “Lezioni sulla storia della filosofia”.
    Sono esistiti dei filosofi, che senza diventare celebri hanno influenzato grandemente i Pensieri a venire, ne sono stati i germi.