Home / ComeDonChisciotte / I NUMERI CONSIGLIANO UN ATTACCO ALLA SIRIA
11228-thumb.jpg

I NUMERI CONSIGLIANO UN ATTACCO ALLA SIRIA

BUGIE, MALEDETTE LE BUGIE E LE STATISTICHE DELLE NAZIONI UNITE !

FONTE: MOON OF ALABAMA

Ecco i NumeriAlmeno 60.000 persone sono morte per la guerra in Siria, dice Navi Pillay, Commissario per i Diritti Umani ONU.

Come fa a saperlo Navi Pillay ?

L’ONU non ha nessun inviato in Siria, però l’ha detto mercoledì scorso, citando quanto scritto in un esauriente studio commissionato dalle Nazioni Unite.

Il nuovo studio, di Benetech, una società non-profit che si occupa di tecnologia, ha dimostrato che i morti sono passati da circa 1.000 al mese nell’estate del 2011 a una media di oltre 5.000 al mese dopo luglio 2012.

La Benetech:

Utilizzando  metodi scientifici di demografia, epidemiologia e statistica matematica, la sezione Diritti Umani di Benetech®  riceve informazioni e le classifica in modo da riconoscere se sono state effettuate violazioni dei diritti umani, oggi o nel passato.

Questo non spiega però la provenienza delle informazioni che, dopo,  vengono dottamente “trasformate” da Benetech. Devo ancora trovare le loro “fonti”.

Tra i soci fondatori di Benetech, secondo il sito web, risultano il National Endowment for Democracy, il  Soros Open Society Institute e il Dipartimento di Stato Americano. Saranno queste le organizzazioni che passano alla Benetech le informazioni da “trasformare”?

Sarà una buona idea per l’ONU usare come fonte una istituzione fondata con capitali del governo USA per calcolare scientificamente il numero delle vittime di una guerra ? Se la fonte dei dati analizzati sono gli Stati Uniti, che sostengono una delle parti in guerra, il risultato della ricerca dovrà essere inevitabilmente un dato controverso.

Ecco un aggiornamento : Qui si può leggere il rapporto della Benetech  (pdf). Come previsto l’analisi si basa su informazioni che, almeno per tutto il 2012, provengono esclusivamente dai gruppi di opposizione siriani.

Tutto il processo di analisi che è stato eseguito quindi può essere classificato come una porcheria, una miscela di porcheria che entra da una parte e che esce da un’altra parte.  E’ pura propaganda dell’opposizione, riciclata attraverso una istituzione finanziata dagli americani, che viene esposta da un Commissario (fazioso) delle Nazioni Unite per i Diritti Umani.

Fonte: http://www.informationclearinghouse.info
Link: http://www.informationclearinghouse.info/article33511.htm
4.01.2013

Traduzione per www.ComeDonChisciotte.org a cura di ERNESTO CELESTINI

Pubblicato da Bosque Primario

  • aristanis

    se fosse vero, sarebbe un ulteriore caso di ONU tutt’altro che imparziale. Una specie di human rights watch o altre sigle dove dietro vi sono menti che pianificano campagne di indignazione contro certi paesi con la scusa della violazione di diritti umani, mentre verso paesi intoccabili si chiudono entrambi gli occhi.

  • diotima

    eccoti servito: United Nations Issues Report on Deaths in Syria

    Benetech Human Rights Program Examines Seven Databases to Identify Nearly 60,000 Killings

    January 2, 2013, Palo Alto, CA — The United Nations Office of the High Commissioner for Human Rights (OHCHR) today released a report which provides an analysis of the total number of documented conflict-related killings in Syria between March 2011 and November 2012. The UN report is based on a statistical analysis conducted by the Benetech Human Rights Program.

    After analyzing information about fully identified victims from seven databases, Benetech scientists have determined that 59,648 unique killings were documented during this period. Of those documented killings, 76.1% are male victims, 7.5% are female victims, and 16.4% of the records do not indicate the gender of the victim. Entitled, “Preliminary Statistical Analysis of Documentation of Killings in Syria,” the report was written by scientists Megan Price, Jeff Klingner and Patrick Ball of the Benetech Human Rights Data Analysis Group (HRDAG). The UN released a statement today describing the report as an exhaustive analysis.

    The report integrates information from six databases compiled by Syrian human rights monitors and one database collected by the Syrian government. This is Benetech’s fourth and final report for OHCHR, with earlier reports analyzing fewer datasets. Although the Syrian conflict makes it difficult to identify an accurate record of events, both governmental and non-governmental monitors continue to gather data about killings through a variety of sources. The report explores the state of this documentation and the quantitative relationship of the data sources to highlight how different data collection methods impact our understanding of this conflict.

    Read the press release here.

    http://www.benetech.org/ mi pare che dica chiaramente che il rapporto delle nazioni unite si basi su analisi condotte dalla benetech.

  • Aironeblu

    D’accordissimo, è pura propaganda e pura porcheria.

    Del resto, cosa c’è da meravgliarsi dell’appoggio ONU alle politiche imperialiste di Washington? Da chi e a quale scopo è stata creata l’ONU, la facciata diplomatica del potere sionista?

    Abbiamo appena finito di vedere la stessa strategia in Libia, Iraq e Afghanistan, milioni di morti veri, non 60.000 inventati, che ci hanno fatto passare come operazioni umanitarie e difesa dei diritti umani, con il tacito consenso delle cittadinanze occidentali disorientate dalla propaganda a reti unificate.

    Quante centinaia di articoli appaiono su Repubblica e sul Corriere sulle presunte stragi del “regime” siriano, citando come fonte “l’osservatorio per i diritti umani” con sede a Londra, che tradotto nella nostra archeo-lingua significa un mini-ufficio dove mini-team di persone in contatto con i servizi segreti occidentali e con le organizzazioni paramilitari golpiste da noi finanziate (quelli che fanno le vere stragi, per intenderci), stila i suoi articoli di propaganda capovolgendo letteralmente la realtà dei fatti, come da copione collaudato?

    Certo che se i nostri giornali e telegiornali ci dicessero la verità, che noi e i nostri alleati (chiamiamoli così per non dire padroni), abbiamo attaccato e massacrato l’Afghanistan, l’Iraq, la Libia, e adesso la Siria, per puri interessi geostrategici dettati dalla nostra avidità capitalista fatta di oleodotti e pozzi di petrolio, controllo territoriale e basi nato, allora noi potremmo incazzarci, e rifiutarci di mandare i nostri eserciti, pagati da noi, a sterminare intere popolazioni per accaparrarci le loro risorse.

    Molto meglio stravolgere la realtà con la neolingua in cui sterminio diventa difesa dei diritti umani, un capo di stato democraticamente eletto diventa un dittatore sanguinario, la depredazione di un paese diventa esportazione di democrazia, i morti sgozzati dai ribelli golpisti in Siria diventano vittime del regime di Assad…

    Per chi ancora non lo avesse capito, QUESTA È LA FUNZIONE DELL’ONU.

  • vraie

    la (conseguente) domanda “sorge spontanea”: cosa ci stiamo a fare noi all’onu (o alla nato)
    la risposta potrebbe essere: i servi
    Tale domanda retorica 40 anni fa era tipica dell’estrema sinistra dalla quale gli intrepidi “democratici” fuggivano,
    oggi che la democrazia è fuggita da noi, il quesito pare provenire da persona “moderata”

  • surfgigi

    da ragazzo quando sentivo dire “plutocrazie giudaico massoniche”mi scappava da ridere.ora non più.o mi sono rincoglionito nell’invecchiare oppure qualcosa di vero c’è….

  • Jor-el

    Ti conviene farti passare dalla testa certe idee. Le ultime notizie sono che “antisionismo” è sinonimo di “antisemitismo”, che è appena un po’ meno di “terrorismo”. Potresti persino rischiare la galera.

  • bstrnt

    Il così detto “occidente” è marcio fino al midollo; in questo marciume, il ministero della propaganda di goebbelsiana memoria sta funzionando a pieno ritmo, ma sono talmente imbecilli che non sono riusciti a modificare nessuno degli undici principi di Goebbels, che vengono utilizzati così pacchianamente da scadere addirittura nel kafkiano.
    Qualsiasi persona con un minimo di capacità critica credo debba avere un totale rigetto per le fandonie che vengono propinate.
    Personalmente quando questo ministero ci bombarda con certe notizie, mi ritengo autorizzato a credere l’esatto contrario e di solito non sbaglio molto.