Home / ComeDonChisciotte / GRETA E VANESSA: HA PROPRIO SENSO LIBERARE QUESTE DUE SCIAGURATE ?

GRETA E VANESSA: HA PROPRIO SENSO LIBERARE QUESTE DUE SCIAGURATE ?

DI GABRIELE ADINOLFI

noreporter.org

La Jihad, il riscatto e noi

Quel che resta del nostro Stato è gestito de gente incompetente e indecisa quando non chiaramente vigliacca. A questa gente è stato richiesto di pagare per la liberazione delle due giovinette prigioniere in Siria dei fondamentalisti islamici.
Che pagheranno è sicuro. D’altronde non sono soldi loro ma nostri, perché dovrebbero esitare?

Siamo l’unico residuo di Stato che per i suoi cittadini in pericolo tratta e paga ma mai interviene con fermezza, probabilmente l’unico che letteralmente consegna i suoi militari agli stranieri che vogliono processarli come abbiamo fatto con i Marò in India. Un cedimento vile dopo l’altro, sicché gli ostaggi italiani continueranno a moltiplicarsi esponenzialmente.

Tornando alle due ragazze una domanda s’impone decisa: ha proprio senso liberare quelle due sciagurate?

Diciamo che chi non abbia smarrito il senso della cavalleria, la tenerezza per chi è giovanissimo e indifeso, si augura la loro liberazione, non la loro esecuzione.

Questo non significa che non si debbano però rammentare alcune cose che queste giovinotte, in quanto giovani e probabilmente sprovvedute ed irresponsabili, hanno preso come minimo sottogamba.

Sono andate in Siria con una onlus che sosteneva i ribelli. Ovvero le formazioni banditesche armate da negrieri e petrosceicchi che hanno portato la distruzione e la morte in una nazione libera, attaccando uno Stato legittimo e sovrano. La loro militanza volontaristica e associazionistica si svolge di fatto tra i contractors disarmati, ovvero quelle associazioni che fungono da cinghia di trasmissione dei desiderata delle multinazionali e delle banche nelle operazioni di destabilizzazione dell’ordine e della civiltà.

Poi, colmo dell’ironia: non sono state fatte prigioniere dalle forze di polizia dello Stato sovrano che nella loro irresponsabilità hanno contribuito a mettere in pericolo, ma proprio dai ribelli. E come recita un adagio popolare (vox populi vox dei): chi è causa del suo mal pianga se stesso.

Si deve aggiungere che questo loro “volontariato” con l’ipocrita maschera buona è inserito nell’associazionismo che insieme al clientelismo rappresenta la massima piaga italiana, la nostra distesa di sabbie mobili, il nostro gorgo mortale. Associazioni che incassano, dai fondi pubblici, ventimila euro all’anno per ogni immigrato senza lavoro che giace abbrutito sul nostro suolo.

Un affare che, come han confessato i protagonisti di Mafia Capitale, frutta più della droga. Tanto che ci siamo attrezzati per andarceli a prendere, i disperati, fino in Africa con quell’abominio che è stato denominato Mare Nostrum, contro il quale l’Europa per correre ai ripari ha approntato Triton che si ferma alle sole nostre acque territoriali nell’auspicio di rallentare almeno i flussi.

Ventimila euro per far vegetare un aspirante schiavo in un campo di concentramento se venissero invece girati come sgravio fiscale sulla piccola imprenditoria risolverebbero gran parte dei nostri problemi.

Ma no, noi dobbiamo uccidere le imprese e foraggiare chi si approfitta di Greta e Vanessa e le manda a “creare progresso” con la djihad che le rapisce e forse le decapiterà.

Adesso dobbiamo pagare per tirarle fuori. Vada, purché poi non si accolgano da eroine ma si tiri loro fortemente le orecchie. In quanto alle associazioni umanitarie, di accoglienza, caritative, che della loro sventura sono cause, esse vanno sciolte immediatamente e va addebitato loro tutto quanto hanno incassato, con gli interessi calcolati su quanto la distrazione dei fondi pubblici ha comportato come freno per la nostra economia.

D’accordo, avete ragione: se si facessero bene i calcoli di quanto sottratto e di quanto tradito, gli operatori della piovra buonista finirebbero tutti all’ergastolo.

Allora facciamo così: determiniamo le responsabilità principali e proponiamo uno scambio di prigionieri. I massimi responsabili consegniamoli all’Isis e auguriamo loro buon anno. E anche a Greta e Vanessa riscattate in un modo più giusto, virile e corretto.

Gabriele Adinolfi

Fonte: www.noreporter.org/

LInk: http://www.noreporter.org/index.php?option=com_content&view=article&id=22370:greta-e-vanessa&catid=7:alterview&Itemid=13

2.01.2015

Pubblicato da Davide