Home / ComeDonChisciotte / ECCO CHE COSA VUOLE DA NOI E (PERCHE') IL DEPUTATO IRPINO CARLO SIBILIA
11782-thumb.jpg

ECCO CHE COSA VUOLE DA NOI E (PERCHE') IL DEPUTATO IRPINO CARLO SIBILIA

DI SERGIO DI CORI MODIGLIANI
liberi-pensieri.info

Oggi, il premier Enrico Letta è a Bruxelles, in teoria, a sostenere la inderogabile necessità per la nazione di avviare finalmente un immediato piano di investimenti per il rilancio dell’economia, chiedendo da subito e con urgenza l’allentamento degli obblighi fiscali imposti dalla Troika, aprendo un tavolo di chiara discussione aperta a tutte le nazioni della zona euro, con il fine di rinegoziare il Fiscal Compact, un dispositivo che aiuta le banche e penalizza le imprese, affonda gli Stati e penalizza le popolazioni; deindustrializza le nazioni e arricchisce i colossi finanziari multinazionali. Lui, ufficialmente, è la nostra bandiera. Ieri, alla Camera dei deputati, l’on. Carlo Sibilia –distretto Irpinia, regione Campania- deputato del gruppo M5s, eletto il 7 maggio 2013 alla carica di segretario della commissione esteri di cui l’on. Alessandro Di Battista è vice-presidente, ha fatto una interrogazione parlamentare rivolgendosi direttamente a Enrico Letta chiedendogli (e chiedendolo a nome di tutti gli italiani) come sia possibile che un individuo membro del gruppo Bilderberg e della Trilateral, che rappresentano gli interessi delle banche internazionali e dei colossi finanziari-mediatici, possa avere la libertà di movimento necessaria per simile operazione. Trovate l’intero video su you tube (http://www.youtube.com/watch%3Fv%3D0CVzm-4nLuo).

Il quotidiano la repubblica, nel presentare la notizia sul suo sito online, questa mattina, ha “scelto” di prendere in giro le affermazioni del deputato Sibilia, sottolineando il richiamo da parte di Marina Sereni del PD che lo ha più volte redarguito (Sibilia usava l’espressione “signor Letta”) invitandolo a “usare una forma più appropriata”. Ecco qui di seguito la notizia commentata sul sito www.italiaincrisi.it, a firma Felice Marra.

Repubblica fa lo scoop sul richiamo al grillino invece di mostrare i contenuti scomodi riguardo Letta e Bilderberg

May. 21 Io veramente non ho parole… Repubblica invece di parlare dell’importantissimo e scomodissimo discorso che Sibilia ha fatto nei confronti di Letta e del coinvolgimento di gran parte dei punti chiave del governo al Gruppo Bilderberg rovescia la frittata e fa lo scoop sul fatto che il grillino è stato “sgridato”. Ancora una volta questo giornale si dimostra di essere complice dello sfascio di questo paese. Ecco come presentano il video nella didascalia sul sito: “Siparietto alla Camera durante le comunicazioni del presidente del Consiglio Enrico Letta in vista del Consiglio europeo. Nel suo intervento il deputato del Movimento 5 stelle, Carlo Sibilia, si rivolge più volte al premier chiamandolo “signor Letta”. La vicepresidente della Camera, Marina Sereni, interrompe l’esponente grillino e lo invita a rivolgersi al presidente del Consiglio “in maniera appropriata””

Sempre sullo stesso sito, veniva presentata in rete la nomina di Sibilia in un articolo pubblicato in data 8 maggio 2103: Il deputato del Movimento 5 Stelle, Carlo Sibilia, è stato eletto segretario della Commissione Affari Esteri della Camera, una delle più importanti tra le quattordici permanenti. Si tratta di un ponte istituzionale tra l’Italia e il resto del mondo per quanto riguarda i delicati temi dei diritti civili, dello sviluppo economico, della diffusione della pace, della cooperazione, delle relazioni politiche tra Stati. “Uno dei primi impegni riguarderà la ratifica del trattato di Istanbul contro la violenza sulle donne. Siamo, invece, impegnati fin da subito nell’approfondimento dei grandi temi economici cui sono legati a doppio filo le sorti di molti Paesi. Per questo è già stato programmato un incontro che terremo con il Ministro degli Esteri, Emma Bonino, il 15 maggio” – dichiara il deputato Sibilia, che sarà in Commissione con Alessandro Di Battista, eletto vicepresidente sempre tra le fila del Movimento. Viva soddisfazione è espressa dal gruppo attivo avellinese che augura al cittadino Sibilia un proficuo lavoro. www.affariitaliani.it/campania/m5s.

Ecco come sul sito www.irpiniaoggi.it veniva data, invece, informazione al pubblico campano sulle idee e progetti del deputato irpino, in un articolo firmato Pasqualino Magliaro, un giornalista autonomo indipendente.

M5s, Carlo Sibilia da onorevole a cittadino

Lunedì, 29 aprile 2013 – 10:01:00 Per far nascere la Terza Repubblica uno dei nodi da analizzare con gran cura sarà di sicuro quello della diminuzione dei privilegi parlamentari. Un travaglio più volte affrontato ma che non ha mai generato qualcosa di concreto che sia riuscito a soddisfare quella parte di cittadinanza che ormai nella politica e nei suoi finti sforzi non crede più. I nuovi presidenti di Camera e Senato, Boldrini e Grasso, hanno annunciato nelle settimane passate i primi passi per “tagliare il superfluo” iniziando dalle loro cariche. Ma i nuovi parlamentari cosa ne pensano?
Promesse e buoni propositi non giungono nemmeno più all’orecchio di chi è stanco di ascoltarle convinto che rimangano tali. E così diventa curioso e fa inevitabilmente notizia quando un nuovo inquilino degli scranni del potere decide di sua spontanea volontà di “cancellare” il titolo che gli spetta da volere popolare. Carlo Sibilia, eletto deputato nella circoscrizione Campania 2, ha le idee chiare: “le promesse vanno mantenute e questo è solo un gesto che dimostra quello che abbiamo sempre sostenuto nei confronti dei cittadini”. Il giovane deputato irpino si riferisce a un piccolo gesto che fa rumore: quello di cancellare con proprio pugno il titolo di Onorevole dalla porta del suo ufficio alla camera e sostituirlo con il titolo, più comune, di cittadino. Il Movimento 5 stelle si fa da sempre portavoce principale del nodo “casta politica” e mentre il Governo ancora deve insediarsi qualcosa già si è fatto. “Denoto che i privilegi alla Camera riguardano soprattuto le indennità di carica che non si riesce a scardinare – continua il cittadino Sibilia – Abbiamo fatto una proposta, con il nostro ufficio di presidenza, molto chiara, diminuire il compenso dei parlamentari a quello del codice di comportamento del M5S adeguandolo anche agli altri parlamentari. Al momento siamo riusciti ad ottenere un taglio del 25% sull’indennità di carica”. Il tour tra i privilegi parlamentari e ricco di strade e panorami non del tutto conosciuti spesso “abilmente mascherati” e a tratti sconcertanti come lo spettacolo di auto blu, presenti nei parcheggi intorno ai palazzi del potere, che Sibilia definisce “Vergognoso”. Il gesto di Sibilia, che sulla sua pagina facebook non è privo di attacchi, è stato ripreso anche da qualche suo collega appartenente sempre al Movimento 5 stelle mentre da parte dalle altre forze politiche sembra non arrivare nessun segnale: “erano forse impegnati nell’inciucio – sottolinea Sibilia – in verità gli altri parlamentari li ho visti pochissime volte in aula mentre noi siamo sempre all’interno del palazzo a lavorare la loro presenza per ora si è limitata quasi alle sole votazioni”.

Pasqualino Magliaro

Leggete, pensateci, riflettete e fatevi una vostra idea personale.

Ciò che importa è che sia la vostra.

Si comincia da qui a costruire la propria libertà individuale di cittadini pensanti.

Sergio Di Cori Modigliani
Fonte: www.liberi-pensieri.info
Link: http://www.liberi-pensieri.info/2013/05/ecco-che-cosa-vuole-da-noi-e-perche-il-deputato-irpino-carlo-sibilia/
22.05.2013

Pubblicato da Davide

  • albsorio

    Sono sempre più felice di avere in Italia M5S, spero di vedere nel mio Paese e in Europa una evoluzione civile, per me il M5S è il seme di una Patria che rinasce.

  • simonlester

    straquoto

  • Penta

    http://www.linkiesta.it/blogs/le-cosmiconomiche/la-dittatura-dell-incompetenza

    Per chi non ha voglia di leggerlo tutto riporto la parte più interessante (in assoluto, indipendentemente dal collegamento con il M5s):

    E quindi mi tornano alla mente le parole che Amedeo Balbi ha scritto recentemente in riferimento all’effetto Donning-Kruger – quello per cui gli incompetenti tendono a sopravvalutare le proprie capacità – in un vago riferimento al caso italiano:

    Poi magari — ma sarebbe una sciagura, non voglio nemmeno pensarci — pensate se tanti incompetenti si mettessero in contatto tra loro e formassero un gruppo, una rete, e su quella rete potessero trovare supporto a qualunque argomento sballato scaturito dalla propria incompetenza, e quella rete diventasse sempre più grande, e magari tutti questi incompetenti riuniti finissero per convincersi e sostenersi a vicenda, rafforzandosi nella convinzione che chi non la pensa come loro è in malafede, è corrotto, è al soldo di qualche oscuro potere, e che le evidenze contrarie sono fabbricate, manipolate da misteriosi gruppi di interesse. Magari, ma dico così, per assurdo, potrebbero persino arrivare a pensare di essere in grado di governare una nazione.

  • gelsomino

    Gli italiani devono rendersi conto che il M5S non è solo Grillo ma anche e soprattutto un gruppo di persone oneste e capaci a cui sta a cuore il benessere e il futuro di tutti.

  • MartinV

    Comunque la vicepresidente della Camera, Marina Sereni, ha ragione… Letta non è un Signore…

  • Aironeblu

    Bene, proprio ieri qui su CDC veniva riportato l’articolo “Fallimento del Movimento 5 Stelle?”, in cui i due brillanti articolisti dichiaravano la fine del progetto 5S (a nome di chi, poi, lo sanno solo loro).

    È sperabile che i due scrittori, con tutto il loro seguito, possano incappare in articoli come questo di Modigliani, si vedano il video linkato e riflettano sulla sfacciata copertura dell’intervento esplosivo di Sibilia da parte di Repubblica. Magari gli si accenderà qualche lume sulla reale situazione contro cui Grillo si trova a combattere all’opposizione con un quarto dei voti. E magari capiranno anche il messaggio profondo del M5S, quello di non delegare ai grillini la soluzione dei propri problemi, ma di appoggiarli e sostenerli come propri rappresentanti.

  • Gariznator

    Sono molto felice. Vedere quel video mi ha fatto bene… Voglio vederne altri e altri e altri ancora. Un parlamento dove si discutono cose importanti…

    Bello bello bello… Cari cittadini del movimento cinque stelle che siete in parlamento perseverate

  • albsorio

    Magari preferisci una rete di ladri disonesti… che però tu credi essere onesti 🙂

  • BIGIGO

    Sono d’accordo con MartinV che dice : “Comunque la vicepresidente della Camera, Marina Sereni, ha ragione… Letta non è un Signore…”

    Non siamo più abituati a dare alle parole il loro pieno peso.
    letta, con la l minuscola NON E’ UN SIGNORE, è un SERVO, e questo dovrebbe essere l’appellativo adatto a chi è SERVO di poteri finanziari ed economici in guerra con il Popolo e con i SIGNORI.
    Chiamiamoli finalmente con il loro vero nome “SERVI”….

  • Georgejefferson

    Pensa se fossero tutti austriaci.Un circo di “competenti” migliori.

  • A-Zero

    I due articolisti da te citati ai miei occhi si erano già resi ridicoli per aver sperato poco prima delle elezioni nel voto al M5S. Ridicoli proprio dal punto di vista del loro interesse verso la questione sociale. Adesso la loro abiura fa proprio, neanche pena, come dire … non mi viene la giusta parola adeguatamente negativa nei loro confronti. Approfitto per ricordare a tutti voi sostenitori del M5S che esistono molte persone che avversano i contenuti ideologici del M5S (cittadinismo, democraticismo, giustizialismo autoritario, paranoia legalista, altre amenità ideologiche piccolo borghesi e sponde grandi-borghesi, meritocrazia, e altri ammennicoli ideologici). Comunque queste sono cose opinabili. Meno opinabile è la pretesa dei sostenitori del grillismo (nome proprio di ideologia) nella convinzione che, data la situazione di potere in Italia, l’UNICA via di uscita deve essere il grillismo: devi continuare ad andare a votare, devi continuare a far parte delle strutture “rappresentative” certificate dal ministero dell’Interno dello Stato, devi essere obbediente alle leggi, in specie quelle politiche, di opinione e di associazione. Non solo subisci il sistema, ma devi essere “onesto” (cioè rispettoso di tutte le leggi e di tutte le proprietà private più dei disonesti che architettano la legalizzaizone dei loro crimini e la illegalizzazione delle nostre libere vite). Beffa delle beffe, il Grillo te lo viene pure a dire che la sua funzione è quella di tamponare, contenere, incanalare lo scontento … in primis della parte più dinamica della società. Proprio di quella piccola borghesiuola classe tecno-istruita, frutto del “post-moderno”, tanto vacua quanto una ventata di crisi proletarizzante l’ha spazzata via in un soffio. E il bello è che il Grillo te lo dice pure che senza di lui allora ci sarebbero i tumulti. Da parte sua qualcosa da temere dai tumulti ce l’ha di sicuro. Egregi (nel senso di presi dal gregge) grillini, perchè vi accanite tanto su chi vi si oppone? Chi vi s’oppone non è solo chi pensate voi. Chi non vi “condivide” non fa solo parte della casta. Perchè partecipate alle elezioni? Riformare questo sistema vuol dire perpetuarlo, metterci le pezze, migliorarlo: il miglior modo per allungargli la vita. Perchè non vi potete capacitare che esistono persone che non vogliono questo sistema, che siate voi o che siano loro a tenerlo in piedi?

  • gelsomino

    Sentiamo la tua alternativa quindi.

  • eresiarca

    Anche quest’intervento non è male, a parte il deputato che accanto fa segno di “tagliare”… : http://www.youtube.com/watch?v=PbH3GPK-Lkg

  • eresiarca

    Di questi tenpi è già molto che nel “palazzo” ci sia qualcuno che gliele suona in faccia. Almeno non potranno dire che “non lo sapevano”. Inoltre questi spezzoni filmati stanno girando su FB, e sempre più persone potranno misurare l’abisso tra M5S e l’ammucchiata al governo. Il tempo lavora dalla parte del M5S.

  • A-Zero

    Ti ringrazio. La “mia” alternativa è totalmente opinabile, non è un dogma assoluto. La mia alternativa, in sintesi, riguarda una autonomia sociale da parte di coloro che, specie fra gli sfruttati e gli spossessati, anelano ad essere liberi e a creare libera socialità. Riguarda una autonomia culturale e una progressiva (si sper veloce e decisa) secessione sociale dallo stato. Un federalismo su base sociale. L’abolizione della fiscalità coercitiva e del monopolio della moneta e dei mezzi di scambio con tutto quel che ne consegue (es. scuola d’obbligo, sanità sociale e apaprati militar-polizieschi). L’abbattimento culturale ed economico dei meccanismi di “valorizzazione” e “finanziarizzazione” del vivente e degli habitat a favore della auto-costruzione collettiva e del godimento libero di ciascuno. La liberazione dal monopolio della proprietà privata a favore della prorpietà di uso. Il ripensamento del dogma della civiltà, il ripensamento del dogma della democrazia come falsità partecipativa, a cominciare dal mito ateniese dove ogni cittadino necessitava mediamente di una decina di schiavi. Sono tutte cose, ripeto, opinabili. Ma sperimentabili, per la mia vita (unica, non ne ho altre per cui una ne faccio da sfruttato e una ne farei da libero) e per quella degli altri. Queste cose non possono passare per la cruna di un codice civile e penale artatamente creati e sedimentati da una classe sociale. Il punto non è comunque questo. Il punto è che i sostenitori del M56 rispetto a questa (opinabile) visione sono anch’essi votati alla represisone delle alternative sociali, semplicemente perchè le alternative sociali non pososno svilupparsi entro le precise paratie delle leggi e dei codici, in specie quelli attuali, storicamente sedimentati. Il punto è che gli M5S sono un bel pò paranoici sul rispetto delle regole di questo esistente (che per me andrebbe abbattuto e superato, bisogna solo sperimentarne le migliori modalità, ma è un processo lungo da iniziare quanto prima). Il punto è che sono paranoici rispetto a qualunque opposizione. Un po’ come l’eccesso di complottismo: in qualunque modo ti rivolti a quesot esistente sei sempre un “prezzolato” del potere. Guarda caso il legalismo del M5S non fa che rimanere masse di persone dentro la cultura dello stato invece di aprire varchi culturali e sperimentali per la loro autonomia, in specie per gli sfruttati e gli spossessati, di ogni dove. Perchè non è roba da farsi solo in questa che era una amabilissima penisola, ma dovrebbe coinvolgere sfruttati e spossessati di altir paesi contempraneamente. Gli M5S ci perseguiranno e reprimeranno come gli altri. Grazie, ho finito la mia personale propaganda.