Home / ComeDonChisciotte / COSA E' DAVVERO SUCCESSO A JOHN KERRY ?
14889-thumb.jpg

COSA E' DAVVERO SUCCESSO A JOHN KERRY ?

DI MARIA GRAZIA BRUZZONE

Underblog

Rumors allarmistici di fonte Russa mettono in dubbio l’incidente di dieci giorni fa.
Eravamo rimasti colpiti dall’incidente di bicicletta capitato domenica 31 maggio al Segretario di Stato americano nei pressi di Ginevra dove aveva appena incontrato il suo omologo iraniano, Mohammed Javad Zarif in vista della nuova tornata di negoziati sul nucleare iraniano. Una brutta frattura del femore destro, hanno scritto i media di tutto il mondo, che ha costretto Kerry a rientrare immediatamente negli Stati Uniti. E una vera sfortuna, che potrebbe allontanare l’accordo con l’Iran caldeggiato dal presidente degli Stati Uniti e previsto per il 30 giugno.

Sul web però circola una versione dei fatti che contraddice quella ufficiale, un racconto assai inquietante e apparentemente inverosimile che non varrebbe la pena di riferire se, oltre a un certo numero di blog, non l’avesse ripreso un giornale serio come il Jerusalem Post, testata israeliana storica in inglese e francese con qualche decina di migliaia di lettori negli Usa.

“I media Iraniani, noti per riportare ‘teorie cospirazioniste’ in passato, stanno facendo circolare una storia che smentisce che Kerry si sia ferito in un incidente di bicicletta”, riassume il jpost nel sottotitolo, prendendo subito distanza dal suo stesso allarmante titolo: “Siti di notizie Iraniani se ne escono con voci secondo cui Kerry è rimasto ferito in un tentativo di assassinio da parte dell’ISIS”.

“I media iraniani se ne sono usciti con voci non verificate secondo le quali il segretario di Stato John Kerry non si è fatto male in un semplice caduta dalla bicicletta a Ginevra, bensì è stato bersaglio di un tentativo di assassinio mentre incontrava dei terroristi dell’ISIS”, esordisce il testo. Il secondo paragrafo riporta esempi delle ‘cospirazioni’ riferite altre volte dai media iraniani.

“L’ultimo report, pubblicato per primo dall’agenzia di notizie iraniana Nasim e poi ripreso da dozzine di siti di notizie Iraniani, basa le sue informazioni su ‘un sito di news Americano’ ‘che cita come fonte un service Russo di intelligence’.

“Secondo il report dell’agenzia Nasim, Kerry domenica 31 maggio ha incontrato segretamente uno dei leader dello Stato islamico. L’incontro avrebbe condotto a uno scontro armato e al tentativo di assassinio del Segretario di Stato degli Stati Uniti”.

“L’incontro degenerato poi in scontro era con Gulmurod Khalimov, un ex comandante di polizia del Tagikistan, addestrato negli Stati Uniti, che aveva annunciato la sua adesione allo Stato Islamico in un video messo in rete la settimana precedente, riferisce il report”.

(Ne ha scritto anche lastampa.it La notizia era stata data dall’iraniana Presstv.ir, con molti dettagli che ritroveremo più avanti. Qui il resoconto del primo video in cui Khalimov annuncia che porterà il jihad in Russia e Usa, qui un secondo video con altri combattenti)

“Avendo ricevuto un addestramento da parte del Dipartimento di Stato Usa – prosegue il jpost – Khalimov ben conosceva le procedure di sicurezza e avrebbe usato queste conoscenze per introdurre nel meeting segreto con Kerry un altro membro del suo entourage, con l’intenzione di assassinarlo. [Un altro blog evidenzia come Kerry si fidasse di Khalikov che ben conosceva].

“Il report cita comunicazioni intercettate dall’intelligence Russa tra funzionari di Francia, Usa e Svizzera come conferma che altre due persone sarebbero state colpite nello scontro, una delle quali fatalmente.

La storia di Kerry che si è rotto il femore è/sarebbe stata concepita in seguito – secondo il report – per nascondere l’origine vera delle sue ‘gravi ferite’ .

Fin qui il Jerusalem Post.

A questo punto non abbiamo resistito alla tentazione di risalire alle fonti citate, ma non linkate, dal jpost. Quella ‘originaria’ è il ‘Foreign Intelligence Service del governo Russo – SVR (svr.gov.ru, in cirillico). Almeno gli autori non si nascondono dietro un dito.

I report di SVR sono addirittura due, il secondo posteriore all’articolo del jpost.

Ecco le info aggiuntive trovate, molto dettagliate – per quel poco che possono valere.

Il report: “Circola al Kremlino oggi” (1 giugno) – viene detto, e il corsivo delle citazioni è originale, dal report di SVR, a quanto pare.

Il supposto meeting di Kerry: 1. “…il Segretario di Stato Kerry e il suo entourage della sicurezza hanno lasciato Ginevra con ‘ certi funzionari militari’ del 1er Régiment d’Helicoptères de Combat Francese e si sono diretti alla ex base aerea Usa Phalsbourg-Bourscheid nel dipartimento di Moselle, oggi una base militare francese.”

2. …(Kerry) “doveva incontrare un comandante di alto grado di ISIS per una ‘ sessione strategica’ prima della conferenza internazionale di Parigi di domani (2 giugno) dove 60 paesi si incontreranno nel tentativo di trovare una ‘soluzione finale’ a questo gruppo terrorista che sta destabilizzando l’intero Medio Oriente, e a cui Kerry è previsto partecipi”.

Il colonnello Khalimov: …”comandante delle forze speciali OMON del Tagikistan che sono state addestrate e finanziate dall’esercito Americano”….” Non solo. Il report nota che il colonnello Khalimov è stato direttamente addestrato e finanziato dal Dipartimento di Stato di John Kerry, e il suo portavoce Pooja Jhunjhunwala è stato costretto a confermare la settimana scorsa: ‘Dal 2003 al 2014 il colonnello Khalimov ha partecipato a cinque corsi di controterrorismo negli Stati Uniti e in Tagikistan, attraverso il programma di Assistenza per Sicurezza e Anti-Terrorismo del Dipartimento di Stato’. “ (Identica citazione nel video di cui parla Reuters, vedi sopra. L’addestramento verrebbe fatto da parte dell’ex Blackwater, ora Academi).

Lo scontro a fuoco. “Sebbene non esistano al momento dettagli precisi dell’SVR”, ammette il report che cita le intercettazioni elettroniche tra personale Francese, Americano e Svizzero che “mostrano una ‘ reazione molto allarmata (panicked)” a un ‘ funzionario americano al massimo livello gravemente ferito’ che doveva essere ‘ immediatamente evacuato’ a Ginevra per un ‘ intervento di emergenza’ dopo di che ai militari americani è stato ordinato di organizzare un volo medico per la ‘immediata evacuazione dopo l’intervento’ di questo ‘top level US official gravemente ferito’ negli Stati Uniti.

I dubbi dell’intelligence Russa. Sulla complicità del colonnello Khalimov nel tentativo di assassinio del Segretario di Stato, “il report conclude che gli esperti di SVR rimangono ‘altamente dubbiosi’, propensi invece ad attribuire questa azione a uno o più persone del suo entourage portate a questo meeting segreto. Dopo tutto, perché il colonnello Khalimov ucciderebbe il suo ‘maestro/padrone’ (master)? “

Altri dettagli dal report n.2. “Nel nuovo report SVR sostiene che immediatamente dopo che Kerry è stato ‘ violentemente ferito’ nello scontro a fuoco è stato trasportato da un elicottero militare Francese agli Ospedali Universitari di Ginevra dove è stato stabilizzato”.

“A causa della sua età (71) e dalla copiosa perdita di sangue – continua il report – le autorità mediche militari americane hanno autorizzato l’immediata evacuazione in America e hanno fatto arrivare un enorme Boeing C-17Globemaster del 86° Aerospace Medicine Squadron di stanza nella Ramstein Air Base in Germania .

“L’86° Squadrone medico sarebbe ‘quanto di meglio al mondo’ per trattare ferite traumatiche di guerra e con il massiccio ‘ospedale volante’ C-17 perfettamente attrezzato Kerry non sarebbe stato in mani migliori.

“Quanto gravi fossero le condizioni del Segretario di Stato è stato confermato dalle successive ‘interviste’ di SVR con autorità mediche Svizzere che lo hanno trattato subito, che hanno confermato che era ‘in pericolo di vita’ al suo arrivo all’Ospedale Universitario di Ginevra.

“Le gravi condizioni sarebbero ulteriormente provate continua il report – dal volo segreto del presidente Obama da Washington a Boston per incontrare il personale a bordo del C-17 appena atterrato.

Notazioni.

Il Report n. 1, ripreso da vari blog e fonte del jpost lo si trova sul sito whatdoesitmean.com apparentemente americano (ma molto antiamericano) che è solito pubblicare i ‘report’ di tal Sorcha Faal che si pretende sia una scienziata Russa, in realtà sarebbe uno nome di copertura, forse dello stesso proprietario/operatore del sito ( qui il video su YouTube).

Alcuni blog – ad es. questo, ‘cospirazionista’, lo rilanciano direttamente. Altri più seri riprendono invece il Jerusalem Post, magari in breve – come quest’altro che linka anche due take di Bloomberg e Associated Press con notizie e dichiarazioni volte a contenere i timori che l’incidente in bicicletta possa frenare o quanto meno rallentare l’accordo sul nucleare di Teheran. AP si spinge a raccontare che Kerry avrebbe speso la domenica e il lunedì – addirittura- a telefonare a Obama e ai colleghi Francesi e Spagnoli e ad assicurare che parteciperà di persona ai nuovi rounds dei negoziati, magari con le stampelle…

Rassicurante anche la fotografia del Segretario di Stato in ospedale – il Massachussets General Hospital di Boston – mentre telefona con la gamba distesa. Non è troppo corta per essere la sua, sarà un montaggio col fotoshop? Azzarda una didascalia del blog che la pubblica dopo aver postato anche il Report n 2 della Faal – sebbene WOT gli attribuisca il rating ‘eccellente’ (anche l’altra gamba, piegata, appare peraltro un po’ cortina per essere quella di uno spilungone come Kerry, ma sicuramente è un effetto).

La foto è stata data a Reuters il 9 giugno dal Dipartimento di Stato: Kerry è convalescente dopo l’intervento al femore destro, è al telefono con Susan Rice, dice il take. E a provare il buono stato di salute c’è pure un tweet di Kerry in persona. Il tutto ripreso dal Guardian il 10/6.

Tutte bufale, allora? Grande disinformatia Russa? Molto probabile, anzi quasi certo.

Ma a che pro? Per veicolare quale messaggio? Non ci addentriamo qui in analisi campate in aria.

Quel che si può comunque aggiungere è che le divergenze sulle politica estera americana, nell’establishment Usa e all’interno dello stesso Dipartimento di Stato, sono profonde e non nuove ( vedi ultimo Underblog ). E ha colpito la durezza delle parole del presidente Obama all’ultimo G7 contro la Russia, dove era da poco stato mandato proprio Kerry per un dialogo distensivo che era sembrato fruttuoso. Un cambio di passo sorprendente, ma non il primo.

E ancora, su un piano più leggero: va beh la passione, comune anche al nostro Romano Prodi. Ma è proprio necessario che un ministro degli Esteri 71 enne, già operato ad entrambe le anche, se ne vada in bicicletta con tutta la scorta su per i monti a 40 km da Ginevra nel bel mezzo di viaggi/incontri diplomatici di grande importanza per l’equilibrio del mondo?

Maria Grazia Bruzzone

Fonte: www.lastampa.it

Link: http://www.lastampa.it/2015/06/12/blogs/underblog/cosa-davvero-successo-a-john-kerry-6uQWifBFOfHxCG8EupUaxK/pagina.html

12.06.2015

Leggi anche: INTERESSANTI IPOTESI “SULL’INCIDENTE IN BICICLETTA” CHE HA SUBITO JOHN KERRY ALCUNI GIORNI FA

Pubblicato da Davide

  • clausneghe

    Questa roba fa il paio con la "scomparsa" di Putin, ci ricordiamo?

    Di sicuro quello che avviene dietro le cortine mediatiche del mainstream è molto diverso da come ce lo descrivono, appunto, quelli del Centro unico delle Informazioni di Oceania..
    Lotte intestine nel ventre molle dei Satanisti, sembra, questo caso.
    Bessolone adesso è impegnato a camparla e se è vero che è stato colpito da piombo caldo, ben gli sta, così che impari sulla propria pelle quanto sono dolorosi i frutti delle armi che lui e i suoi amichetti sono impegnati a tempo pieno a diffondere a piene mani nel mondo.
    Chi di spada ferisce di spada perisce. Amen.
  • temuchindallaCina

    Commento solo questo, ho visto un bel po’ di foto di JK, una accanto a Xi Xiping, lui è più alto decisamente, Xi è alto circa 1,80/1,82, ho visto una foto di JK accanto a Vitaly Klycko (2,05m.) ed è più basso ovviamente ma non di moltissimo, direi all’incirca potrebbe essere sul 1,90/1,92, in effetti quella gamba è un po’ cortina per quell’altezza….poi non so.

  • 1Al

    Direi che mai come questa volta vale il detto; le bugie hanno le gambe corte!

  • lucamartinelli

    Sante parole, condivido al 100.

  • idea3online

    Oltre al caos in Terra c’è uno scontro in Cielo.

    Le Nazioni sono rappresentate in Cielo anche da Principati che noi non vediamo:
    Daniele 10:13

    Ma il principe del regno di Persia mi si è opposto per ventun giorni: però Michele, uno dei primi prìncipi, mi è venuto in aiuto e io l’ho lasciato là presso il principe del re di Persia;

    Daniele 10:20

    Allora mi disse: «Sai tu perché io sono venuto da te? Ora tornerò di nuovo a lottare con il principe di Persia, poi uscirò ed ecco verrà il principe di Grecia.

  • Fedeledellacroce

    Mi passi il telefono del tuo pusher?
    Sembra che ha roba buona!!

  • BillyMartini

    Tutto depistaggio.

    Kerry sta benissimo e non ha avuto nessun incidente.

    Ha solo inventato una scusa per non attendere il meeting decisivo sul nucleare iraniano. Mossa di grande successo, dato che cosi’ anni di discussioni sono stati gettati nella pattumiera. Quello che Israele ed i Neocons volevano.

  • lanzo

    Tendo a concordare con BillyMartini – Ma ti pare che uno che si trova in Svizzera dove vanno a farsi curare i Grandi Potenti, con un femore rotto si faccia scarrozzare in aereo per farsi rattoppare in USA ?  Un femore rotto, mica una slogatura.

    Qualcosa non quadra, la versione russa potrebbe essere credibile solo nel contesto della "realta’ che’ e’ piu’ incredibile della fantasia" 
    Vi ricordate la scarpa lanciata a Bush,  ma che lo scemo riusci’ ad evitare ?
    Anche li’ strano – Il secret service dove stava ?
    Un altro piccolo contributo a seminare incertezza tra il popolo  – globale – bue che  non sa piu’ a chi credere.  Ormai si e’ talmente bombardati da cazzate che non si sa’ piu’ cosa e’ vero o falso – Il cattivo nord coreano che fa sbranare la tizia dai cani e ammazzare lo zio con un cannone antiaereo, forse stanno tastando quale sia il limite di imbecillita’ della gente, e credo stiano lavorando bene.