Home / ComeDonChisciotte / C'E' UN BEL MUCCHIETTO DI LUCCICANTI NAZISTI UCRAINI PER TE !!
14410-thumb.jpg

C'E' UN BEL MUCCHIETTO DI LUCCICANTI NAZISTI UCRAINI PER TE !!

DI PEPE ESCOBAR

facebook.com

I “consiglieri” leccaculo* clintonisti stanno diventando oltremodo ansiosi per armare i loro sgherri di Kiev ASAP [prima possibile, NdT] – e di pari passo la possibilità di un false flag grande come una casa è sempre più prossima.

Il battaglione Azov difficilmente potrà contenere il loro impeto. Questi “volontari” nazisti – completamente finanziati dal cattivone dei cattivoni Ucraino-Israeliano, l’oligarca Molomojskiy – sono la in prima linea delle truppe di terra “dalla parte degli USA” (copyright della CNN).

Anche Pravy Sektor – settore di estrema destra addestrato in una base NATO polacca, con la benedizione del generale Odio di razza [gioco di parole sul generale statunitense Breedlove-amore razziale , soprannominato Breedhate-odio razziale] – è eccitatissimissimo.

Pepe Escobar

Fonte: www.facebook.com

10.02.2015

Pubblicato da Davide

  • Tao

    La Guardia nazionale, costituita dal governo di Kiev nel marzo 2014 con un primo finanziamento Usa di 19 milioni di dollari, ha incorporato le formazioni neonaziste, già addestrate da istruttori Nato per il putsch di Kiev (come mostra una documentazione fotografica su militanti neonazisti addestrati nel 2006 in Estonia)

    In Ucraina gli Usa inizieranno in primavera l’addestramento e l’armamento della Guardia nazionale: lo conferma ufficialmente il Comando europeo degli Stati uniti, precisando che il programma rientra nell’iniziativa del Dipartimento di stato per assistere l’Ucraina ad attuare «la difesa interna».

    Il finanziamento, già autorizzato dal Congresso, viene fornito da uno speciale Fondo costituito dal Pentagono e dal Dipartimento di stato per «fornire addestramento ed equipaggiamento a forze di sicurezza straniere», così che «i paesi partner possano af-frontare sfide importanti per la sicurezza nazionale degli Usa».

    La missione di addestramento in Ucraina serve a «dimostrare l’impegno Usa per la sicurezza del Mar Nero e il valore delle forze Usa schierate in posizioni avanzate».

    Le unità della Guardia nazionale ucraina, comprendenti secondo stime approssimative 45-50mila volontari, saranno addestrate da istruttori Usa nel campo militare Yavoriv presso Lviv a circa 50 km dal confine polacco.

    La Guardia nazionale, costituita dal governo di Kiev nel marzo 2014 con un primo finanziamento Usa di 19 milioni di dollari, ha incorporato le formazioni neonaziste, già addestrate da istruttori Nato per il putsch di Kiev (come mostra una documentazione fotografica su militanti neonazisti addestrati nel 2006 in Estonia [ 1 [www.voltairenet.org]]). I battaglioni Donbass, Azov, Aidar, Dnepr-1, Dnepr-2 e altri, che costituiscono la forza d’urto della Guardia nazionale, sono costituiti da neonazisti sia ucraini che di altri paesi europei. Le atrocità da loro commesse contro i civili di nazionalità russa nell’Ucraina orientale sono ampiamente documentate da video e testimonianze (basta digitare su Google «atrocità dei neo-nazi in Ucraina»). Ma, nonostante che Amnesty International abbia accusato il governo di Kiev di essere responsabile dei crimini di guerra commessi da questi battaglioni, gli Usa hanno continuato a sostenerli, fornendo loro anche mezzi blindati. E ora li potenziano con il programma di addestramento e armamento.

    Esso rientra nell’«Operazione fermezza atlantica», lanciata dal Comando europeo degli Stati uniti per «riassicurare i nostri alleati, di fronte all’intervento russo in Ucraina, e quale deterrente per impedire che la Russia acquisti l’egemonia regionale». Nel quadro del crescente dispiegamento di forze Usa nell’Europa orientale, il Pentagono ha inviato «esperti militari per accrescere la capacità difensiva dell’Ucraina» e stanziato altri 46 milioni di dollari per fornirle «equipaggiamenti militari, tra cui veicoli e visori notturni».

    Washington sta quindi già armando le forze di Kiev che, anche senza ricevere armi pesanti dagli Usa, possono procurarsele con i milioni di dollari messi a loro disposizione. Mentre Germania, Francia e Italia si dicono favorevoli a una soluzione diplomatica e quindi contrarie alla fornitura di armi a Kiev. Ma allo stesso tempo, al vertice di Bruxelles, si impegnano, insieme a Gran Bretagna, Spagna e Polonia, ad assumersi i compiti maggiori nella formazione della «Forza di punta» della Nato, nel quadro della «Forza di risposta», portata da 13mila a 30mila uomini e dotata di sei centri di comando e controllo in Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania e Bulgaria. Mentre gli Usa, in preparazione del vertice di Minsk sull’Ucraina (cui volutamente non parteci-pano), assicurano per bocca del segretario di Stato che tra gli alleati «non ci sono divisioni, siamo tutti d’accordo che non possa esserci una soluzione militare».

    Ma allo stesso tempo, addestrando e armando i neonazisti ucraini, gli Usa alimenta-no le fiamme della guerra nel cuore dell’Europa.

    Manlio Dinucci

    Fonte: http://www.ilmanifesto.info [www.ilmanifesto.info]

    11.02.2015

  • AlbertoConti

    Ci ritenevamo "alleati", degni di un riguardo particolare. L’equivoco è durato
    70 anni, nel nome dell’antifascismo, "ma anche" (ogni riferimento a W.V. è
    puramente voluto) dell’anticomunismo, che alla controparte stava molto più a
    cuore (ogni riferimento a McCarthy è puramente voluto).

    Al primo segno di
    crisi vera (quella finanziaria americana) l’impero del male (e se nò che impero
    sarebbe?) ha gettato la maschera, comportandosi apertamente con noi allo stesso
    modo di come si è sempre comportato col terzo mondo, in maniera ignobile.
    L’utilizzo del neonazismo alle porte della grande germania non è solo simbolico,
    è un fatto culturalmente strutturale, malcelato da una puerile propaganda di
    guerra. Non bisogna farsi ingannare dalle apparenze, dal fatto che i "nemici"
    del nazismo originario di ieri utilizzino in neonazismo di oggi, foraggiandolo
    direttamente e soprattuitto indirettamente, come effetto di una crisi tutta
    europea costruita a tavolino come cerotto palliativo della più grande crisi
    imperiale.

    Mentre gli imbecilli ignorano o negano come surreale quanto
    sta accadendo in casa nostra, sotto i nostri occhi annebbiati, il copione si
    ripete, non identico ovviamente, ma con tantissime analogie e qualche nuova
    differenziazione.

    Secondo il solito, collaudatissimo copione, avrebbero
    dovuto vincere e rafforzarsi i neonazisti, fino a diventare "un problema" che
    andrà sanato con la solita inversione a 180 gradi, con le bombe dall’alto dei
    cieli (vedi ISIS come ultimissimo esempio). A eterna gloria dell’impero del
    caos, e che s’inculi l’Europa (ogni rifeimento alla Nuland è puramente
    voluto).

    Ma questa volta per fortuna che Putin c’è, dalla parte dei nuovi
    partigiani del Donbass.

    Questo è intollerabile per Wall Street, perciò
    occhio alla penna, aspettiamoci un orrendo colpo di coda del dinosauro morente.

  • clausneghe

    Lasciate che si eccitino sbavando, gonfi di  Captagon  http://en.wikipedia.org/wiki/Fenethylline

    Vadano pure,verranno regolarmente macellati, fatti a pezzi e ridotti a carne abbrustolita, dall’artiglio Novorusso.
    Così come è toccato ai loro baldanzosi uncinati predecessori, RIP, che "riposano" in pace, a migliaia, non più memori del corpo, finito bruciato, sepolto, nascosto a marcire.. a far più nere ancora quelle Terre.
  • giannis

    …… e che la RUSSIA  ci salvi da questa merda nazista

  • mystes

    Ma che genere di nazisti sono questi qui che combattano a favore dell’odiato nemico demo-plutocratico-giudaico-massonico? Non sanno che i nazisti gasarano gli ebrei e combatterono fino all’altimo sangue contro gli americani?

  • fgardini

    …beh, veramente gli USA hanno a suo tempo finanziato la Germania di Hitler fornendo pure la tecnologia militare, tutto questo in chiave anti-sovietica. Solito giochetto della feccia americana ripetuto ancora e ancora e ancora in mille atri teatri. Poi i nazisti si sono rivolti contro la mano che li ha armati, anche questo secondo il solito copione. Ma l’impero del caos non impara mai, o forse è proprio il caos che viene perseguito da sempre nella storia di questa nazione barbara e incivile, governata da oligarchie che hanno facile gioco sulla feccia ignorante che popola gli USA, feccia "cagata" a suo tempo dalla vecchia Europa baldraccona.
    D’altro canto questi campioni di $emocrazia hanno iniziato la loro storia con il primo sterminio su grande scala di una popolazione, i nativi d’America e la cattura di altri uomini per farne degli schiavi. Non sono mai cambiati.

  • giannis

    Bel commento , evviva la NOVOROSSYIA  indipendente

  • makkia

    Eh, ma qui c’è in gioco la "purezza della razza ucraina", messa in forse dagli untermensch russofoni! E allora ogni aiuto è buono.

    E quando vogliono dare solidità ideologica alle loro cazzate, ogni contorsione logica è lecita.
    Se ti giri stormfront, per esempio, troverai che adesso gli ariani sono anche italiani, greci, slavi, armeni… addirittura l’Italia sarebbe un "valoroso bastione della purezza della razza bianca"! Questo perché (anche a causa della nostra confusa e contraddittoria politica di accoglienza) i sondaggi dicono che abbiamo un livello di razzismo diffuso.

    Salvo poi, in casi particolari e alla bisogna, "ricordarsi" che gli italiani sono contaminati dagli arabi (sei siciliano o piemontese?), i bulgari sono raramente di ascendenza tedesca e fin troppi di loro hanno sangue turco o azero, ecc ecc

    Non sottovalutare la capacità di questi coglioni di autoingannarsi.

  • sickboy

    Bel commento

  • albsorio

    http://italian.ruvr.ru/2015_02_11/Accordi-di-Minsk-Ucraina-a-un-passo-dalla-pace-il-mondo-a-un-passo-dalla-guerra-8102/ 

    Strano poi che si cominciano ad istituire posti di blocco a Kiev… eppure è lontana dalla prima linea.
    Il problema sono i deficenti occidentali, e l’Europa fara la fine del vaso di coccio GRA i vasi di ferro se non diciamo basta.
    Poi è strano il destino della Russia, sarebbe la seconda volta che libera l’Europa dai nazisti.
  • giannis

    La televisione e i giornali siccome dicono solo il falso non ne parlano ma se
    cercate in rete ci sono tanti video con sottotitoli in italiano di PUTIN che
    parla al suo popolo parlando malissimo degli USA ( dicendo la verita’ ) ,
    sia di come’ la societa’ americana sia delle guerre fatte dagli USA negli ultimi
    50 anni , si sta creando una spaccatura tra USA e RUSSIA mai vista prima

  • adriano_53

    Trattandosi di una guerra sul campo, gli americani possono mandare tutti gli istruttori che vogliono, rifornire a pagamento l’ucraina di armi letali e non letali ( sembra che alcuni ucraini le vendano alla Siria), ma la situazione non volgerà per questo a loro favore. La storia delle operazioni di guerra militari americane o nato è fatta di bombardamenti, dottrina mutuata dalla IIWW e non più sviluppata, oppure di giganteschi fallimenti, di cui l’ultimo esempio è l’Afghanistan.

    Quel che sta avvenendo in Ucraina è’ pura stupidità. in primis dell’élite (?) americana e in secondo luogo di quella europea.

    Che l’imbecillità dei gruppi dominanti si traduca in sangue, sudore e lacrime per altri, mi pare cosa non discutibile. Ma è, appunto,  per evitare questa sanguinosa ricaduta che le classi dominanti dovrebbero essere regolarmente e popolarmente "revisionate".

  • Marian

    COME FANNO gli STATI EUROPEI a SOSTENERE QUESTA FECCIA CHE GOVERNA l’UKRAINA ? Come fanno ad infliggere sanzioni alla Russia, unico baluardo all’imperialismo americano? Se vogliamo liberarci di nazisti e terroristi islamici, dobbiamo individuare chi li alleva e li utilizza per destabilizzare gli Stati nel mondo, ma tanto lo sappiamo già… Ecco qui sotto un’altra foto di questi ‘superuomini’ che si fanno usare come carne da macello dallo Zio Sam.

  • idea3online

    Adesso gli USA spingeranno molto più sulla propaganda che sulla strategia militare in Ucraina, per adesso dovrebbero costruire una pausa, e durante la stessa aumenteranno l’attacco all’economia russa, durante la pausa disciplineranno tutti gli Stati Europei che non sono ben allineati alla strategia USA del mondo unipolare. Gli USA adesso sono concentrati sulla Grecia, alla stessa non possono punirla come vorrebbero, rischio perderla per sempre. Il blocco del SUD inizia a delinearsi, l’Egitto entra a farne parte, lo stesso era Regno del Sud con i Tolomei, adesso si allea alla Russia.
    Tutto sta proseguendo ad una velocità diversa del passato, l’accelerazione impressa dalla forza della tecnologia fa percorrere lo stesso “spazio storico” in minor tempo di 100 o 50 anni fa, quando l’unica accelerazione era generata dalla forza del cavallo e dal motore di un aereo.
    Perciò quando confrontiamo un evento del passato verificatosi per esempio in 50 anni, ricordiamoci che oggi lo stesso processo può generarsi e concludersi anche in 5 anni.