Home / ComeDonChisciotte / Avvoltoi e colombe allo sbando
renzi zagreblesky

Avvoltoi e colombe allo sbando

DI CARLO BERTANI

carlobertani.blogspot.it

Me lo immaginavo: ci voleva poco a capirlo. Quando mai una persona intelligente e riflessiva ce la fa a sconfiggere, in un pubblico dibattito, un paesano un poco coglioncello ma deciso a vincere, perché quel “vincere” non significa mostrare qual è il bene del Paese, bensì lo spessore (futuro) del proprio portafogli? Mi dispiace prof. Zagrebelskj, ma oggi lei ha capito che la Tv non è un convegno accademico. Unico guaio, lo ha capito di fronte a milioni d’italiani, non ad un centinaio di suoi colleghi. Proverò a rimediare, usando i miei mezzi, molto diversi dai suoi, in difetto ed in eccesso.

Quando si ha a che fare con spadaccini di epoche diverse, caro professore, è inutile presentarsi al duello muniti di un raffinato fioretto settecentesco, soprattutto quando l’avversario usa una rozza daga del Duecento, che al primo colpo ti spacca il cranio in mille pezzi. Meglio, allora, usare il cosiddetto “metodo Indiana Jones” (al mercato del Cairo), ossia una ancor più rozza Colt 45 (a distanza di sicurezza).

Davvero, professore, lei pensava che il nostro si fosse preparato come ad un esame, e le avrebbe concesso il privilegio del rango, ossia lo scranno più alto? So che sarà dura da digerire, ma glielo dico lo stesso: il gelataio di Rignano, la Costituzione, l’ha forse letta per l’esame di terza media, ma non se la ricorda, se non per sommi capi. Tutto l’ambaradan, l’hanno creato stuoli di specialisti in Diritto (in)Costituzionale, come suggerito dalle burocrazie europee e dalle principali banche d’affari del Pianeta, di qua e di là dell’Oceano. Stupito? Spero di no. Lo so, costa caro accorgersene dopo.

In fin dei conti, il nostro toscanello ha preso lezioni dall’uomo di Arcore quando era ancora al governo – il quale confessava “eh, se fosse con noi quel ragazzo…” – ma Silvio: è con voi, almeno con te, se non in corpo (tessera, ecc) almeno in spirito! E’ il tuo figlioccio, l’erede che avresti sempre desiderato per la tua Forza Italia, magari da rinominare in Forza Gnocca Italica!

Non è forse stata una tua battuta – più l’acquisto di qualche giocat…pardon parlamentare, dal Milan a Montecitorio, tutto un solo affare: basta vincere! – a cambiare la storia della Repubblica? Non fu quel “vi toglierò l’ICI” (pagato, poi, con 8 miliardi presi dalla demolizione della scuola italiana) a trasformare una sconfitta in pareggio?

Professor Zagrebelskj, se un italiano ha letto l’Ulisse di Joyce, gli altri nove – ne sia sicuro – hanno tutti comprato le barzellette di Totti! Lo so, lo so…ma cerchi di adeguarsi, perdio!

Siccome io non ho letto né l’uno né l’altro, proverò a raccontare una storia che i media non hanno mai raccontato, della quale nessuno (o pochi) erano a conoscenza, perché c’è stato il silenzio totale, l’esilio della parola! Che combinazione!

Era lo scorso Aprile, quando m’accorgo che la mia pensione è calata di quasi 50 euro. Ohibò, mi son detto: vuoi vedere che Boeri m’ha fregato la pagnotta? E per darla a chi?

No, non era Boeri. Era lui, l’omiciattolo di Rignano: sì, quello che ha pure vinto al Rischiatutto.

Erano, semplicemente, aumentate le trattenute per gli Enti Locali – Regioni, Province, Comuni…ma com’è che le Province ci sono sempre, non le avevano abolite? – come si può evincere dal confronto fra i due cedolini, quello del 2016 e quello (seguente) del 2015.

Rata di Aprile 2016

R I T E N U T E ADDIZIONALE COMUNALE : -16,70 SCAD. 11/2016

ACCONTO ADDIZIONALE COMUNALE : -7,03 SCAD. 11/2016

ADDIZIONALE REGIONALE : -44,08 SCAD. 11/2016

Rata di Aprile 2015

R I T E N U T E ADDIZIONALE COMUNALE : -10,04 SCAD. 11/2015

ACCONTO ADDIZIONALE COMUNALE : -3,01 SCAD. 11/2015

ADDIZIONALE REGIONALE : -20,33 SCAD. 11/2015

Totali:

Addizionali 2016: 67,81

Addizionali 2015: 33,38

Differenza: 34, 43

Siccome il pagamento è “spalmato” in 10 mesi, l’aumento dell’esborso totale sarà di 344 euro e 30 centesimi. Un aumento di “solo” il 102% ma tranquilli, non rientra nel cosiddetto “paniere” e, dunque, non ci sarà nessun aumento dell’inflazione.

Sull’ammontare netto della mia pensione, fanno 34 euro il mese in meno da spendere (in totale, elargisco mensilmente alle loro Maestà Locali 67 euro), oppure, se preferite, diciamo che si sono inventati un bel “2 per mille” (circa) in più da salassare agli italiani.

Quanto ha incassato Renzi?

Siccome gli occupati sono 22 milioni 498 mila ed i pensionati 15,8 milioni (fonte: ISTAT), si fa presto a fare il calcolo:

Occupati: 7.746.061.400 euro

Pensionati: 5.439.940.000 euro

Totale: 13.186.001.400 euro

13 miliardi, nel completo silenzio degli organi di comunicazione!

Professor Zagrebelskj: ma ha capito con chi abbiamo a che fare? Cosa vuole che gliene freghi a uno così se lei, timidamente, gli fa notare che “riforme conservative che servono a blindare un sistema oligarchico sempre più tipo governativo e meno parlamentare”? Non ha ancora compreso che Renzi (e gli altri parvenu dell’attuale politica) mirano proprio a cancellare la parola democrazia, per promuovere l’oligarchia di pochi, che il parlamento potrebbe anche non esserci – per loro – e tutto andrebbe meglio? L’importante, per Renzi, non è governare: è fregare gli elettori in tutti i modi, per poi correre a presentare l’ultima collezione di Armani su Vogue! Non ha visto come ha fatto per la tassa sulla RAI? Che tu ce l’abbia oppure no, paghi ugualmente! I rimborsi? Ah, ah, ah…E noti che, proporzionalmente, la tassa per gli Enti Locali la pagano anche i pensionati al minimo! Si tolga le pelli di salame dagli occhi, finalmente, e guardi chi ha di fronte! Quel bamboccione tirato su a merendine, oggi, è l’alfiere degli interessi mafiosi! Il Ponte sullo Stretto, allora?

Non ce l’ho con lei, professore, però impari la lezione: i mezzi di comunicazione cambiano, e lei è una persona ancora nata sotto il segno della Radio: non è colpa sua, sono l’età e la sua formazione, era destinato a perdere.

Non si può essere, invece, così veniali con Mentana che si è guardato bene dall’invitare uno degli abili polemisti dei 5Stelle – Di Battista, od altri – che avrebbero dato del filo da torcere a Renzi, abituato a seguire alla lettera le indicazioni degli spin doctor. Perché l’unico modo per sottrarsi alla ragnatela degli specialisti della comunicazione guidata è quello d’improvvisare qualcosa di non prevedibile, come ci ha insegnato Berlusconi con il suo “vi toglierò l’ICI”.

Poteva chiedere a Renzi, ironicamente, se l’approvazione del Ponte sullo Stretto fosse da richiedere alla Camera (come organo unitario) oppure al nuovo “Senato Regionale”, come elemento competente per gli affari locali. Oppure, sulla falsariga dell’esempio riportato sopra, se gli emolumenti per gli Enti Locali saranno di competenza della Camera o del Nuovo Senato. Spiazzarlo, possibilmente, farlo arrabbiare.

Ma questo non faceva parte del suo incedere, della sua “etica della comunicazione” – potremmo dire. Cosa della quale, Renzi se ne frega altamente. E viene da chiedersi perché al fronte affaristico/bancario – che ha bisogno di rimuovere le garanzie costituzionali, e s’affida a Renzi – si risponde con questi flebili lamenti, pescando nella geronto…qualcosa. Mi dispiace dirle queste cose, professore, e comprendo il suo (probabile) sconforto, ma io – quando osservo qualche baldo giovane tirare quattro calci al pallone – mi chiamo fuori, e con dolore: l’ultima volta che ho ceduto, sono stato per quattro mesi sul lettino dell’agopuntore.

E’ come ad un esame, quando “non va”: lei lo sa bene, vero? Si prende il libretto fra le mani, lo si scorre distrattamente, poi la frase di rito: “Guardi…non mi pare che lei abbia raggiunto una preparazione sufficiente…torni alla prossima sessione…”

Già…solo che alla sua età non serve una nuova sessione…grazie per il lavoro teorico svolto per la difesa della Costituzione, ma quando c’è da combattere…lasci spazio a qualcuno più giovane e grintoso di lei! A chi conosce meglio i meandri televisivi…è così…non serve più convincere, ma solo vincere. Malatempora currunt, e nei tempi bui si va di mazza, non di fioretto. Saluti, professore.

 

Carlo Bertani

Fonte: http://carlobertani.blogspot.it

Link: http://carlobertani.blogspot.it/2016/10/avvoltoi-e-colombe-allo-sbando.html

2.10.2016

Pubblicato da Davide

  • SanPap

    L’incontro non è stato una battaglia persa in partenza, ha messo in evidenza in modo inequivocabile la cialtroneria con cui è stata rivista la Costituzione.
    Ascoltare il prof. Zagrebelskj è stato un piacere ( come lo è ascoltare la prof.sa Carlassare ) purtroppo frequentemente disturbato da un rumore di fondo, un parlottio petulante e graziato.

  • orckrist

    Davvero non mi importa se prestate attenzione,
    le mie parole nient’altro che un sussurro e la vostra sordità un urlo.
    Potrei emozionarvi ma non posso farvi pensare.
    Il vostro sperma è nello scarico, il vostro amore nel lavandino.
    E così vi cavalcate per i campi e concludete tutti i vostri rapporti animaleschi
    e i vostri intellettuali non sanno cosa si prova ad essere duri come un mattone.

  • ga950

    Se il prof. Zagrebelsky è datato non di meno lo è l’autore dell’articolo, infatti scrive: ” vi toglierò l’ICI” (pagato, poi, con 8 miliardi presi dalla demolizione della scuola italiana)” non ha ancora consapevolizzato che le tasse sono un atto di magia nera.

    Ancora: “Occupati: 7.746.061.400 euro

    13 miliardi, nel completo silenzio degli organi di comunicazione!Totale: 13.186.001.400 euroPensionati: 5.439.940.000 euro”
    Questa è un’operazione che nemmeno la peggiore delle serve si sarebbe mai sognata di attuare.
    Poi continua sostenendo che l’impresentabile di Rignano avrebbe vinto al “Rischiattutto” sbagliando perché si trattava della “Ruota della fortuna”.
    Per piacere!!!!

    • Toussaint

      In alternativa, quali sono i numeri che lei propone? Non vedo l’ora di leggerli.

      • Toussaint

        Preciso meglio il mio precedente commento. Tratti velocemente da Internet, ad inizio 2016 gli occupati sarebbero quasi 23 milioni e i pensionati oltre 18 milioni (ma la cifra si riferisce, credo, al numero delle pensioni erogate e non al numero dei pensionati, nel senso che c’è chi ne percepisce più d’una).

        Sulle esenzioni alle addizionali regionali e comunali, tratto da questo sito http://www.tasse-fisco.com/dichiarazione-dei-redditi-730-o-unico/addizionale-regionale-comunale-irpef-aumenti-2012/10098/ :

        “”Come dicevo all’inizio la tassazione sotto forma di addizionale comunale Irpef e regionale irpef si applica a tutti semprechè abbiano un reddito imponibile che al netto delle detrazioni e delle ritenute subite su eventuali redditi prodotti all’estero sia maggiore di 12 euro (dodici euro) e che l’irpef non sia inferiore a 10,33 euro. Non dovranno altresì versare l’imposta i contribuenti titolari di reddito Ires (pertanto le società commerciali) o coloro che hanno solo redditi esenti. Non subiscono l’addizionale nemmeno coloro che hanno reddito soggetti esclusivamente ad imposizione sostitutiva come il regime dei minimi, o i redditi per esempio derivanti da incrementi della produttività se previsti come redditi esenti dalle normative vigenti””.

        Non sono quindi in grado di proporre un numero preciso di qunti siano soggetti alle addizionali regionali e comunali, ma i calcoli di Bertani, seppur sbagliati, mi sembrano lo siano in difetto, non in eccesso. L’impianto del suo ragionamento, quindi, seppur da correggere, mi sembra del tutto valido ed anzi rafforzato da una maggiore precisione sui numeri.

        • ga950

          Non mi sento in obbligo di avanzare proposte anche perché l’ho già fatto 40 anni orsono.
          Ho obiettato sulle cifre di Bertani perché ha fatto di ogni erba un fascio, le generalizzazioni sono sempre e comunque sbagliate, come ha evidenziato bene lei le trattenute, almeno questo tipo, sono in base al reddito.
          Le raccomando in futuro sia meno aggressivo.

          • Toussaint

            Aggressivo il mio intervento? Ma faccia il favore … sia lei piuttosto ad essere un po’ meno spocchioso. Siamo su internet, sa?

          • ga950

            Perché non risponde nel merito?

    • patmar111

      La sua facile ironia non cancella che le trattenute sulle pensioni a favore degli enti locali siano aumentate e ciò, le assicuro, è pura realtà.

      • Adriano Pilotto

        Perchè rivolge a ga950 l’accusa di “facile ironia”? Perchè non chiamare le cose con il loro nome? In fin dei conti, gap950, è in quello stato che Aristotele definiva come precondizione del filosofare. Non è detto che ci arrivi, ma è pur sempre possibile che non rimanga in eterno allo stato attuale.

        • ga950

          La ringrazio perché non ero a conoscenza dell’esistenza di un Nobel della genialità.

      • ga950

        Non è presunzione ma sono certo di essere molto più anziano di lei, quindi le chiedo. perché usare un ariete se la porta è aperta?

    • Gian Pietro

      Conosco e stimo Bertani tramite il suo blog da parecchi anni e non lo vedo come uno che si inventa dati a casaccio, io non sono in grado di confermare o smentire, ma se lei ha cortesia di interloquire con l’autore http://carlobertani.blogspot.it/2016/10/avvoltoi-e-colombe-allo-sbando.html riceveraà adeguati ragguagli, ne sono molto curioso anch’io, nel frattempo si comperi un antidolorifico perchè temo che ne uscirà con le ossa rotte.

      • ga950

        Buon per lei se è un ultras di Bersani, i numeri gli ha scritti, il Suo, ed ognuno può leggerli, è sufficiente conoscere le tabelline pitagoriche.
        Quanto alle ossa rotte l’ultimo scontro è stato a mio favore al primo round per getto di spugna.

        • Gian Pietro

          Ritengo Bersani una persona corretta ed in buona fede, comunque auguri per le sue vittorie, i numeri suoi non li ho visti però, o mi sono sfuggiti ?

          • ga950

            Le sono sfuggiti!!

            Bertani lo conosco dalla prima ora d’internet quando gestivo assieme a Lino Bottaro il sito “STAMPALIBERA”.

            Buona vita

          • Gian Pietro

            Ha collaborato anche nell’Olandese Volante per un periodo, io lo seguo da una decina d’anni e mi piace come e quello che scrive, poi potrà anche dire qualche corbelleria però non lo trovo animato da manie di superiorità o grandezza e credo abbia titoli per poter disquisire in molti argomenti, poi se uno scrive anche dei libri credo che delle qualità e conoscenze oltre la media debba possederle, altrimenti non troverebbe editori disponibili a pubblicarlo.
            Saluti
            Gianpietro

          • ga950

            Se la mette così sono d’accordo.
            Noto generalmente che ci sia troppa suscettibilità in rete, nessuno è perfetto ed anche il migliore può sbagliare, l’importante è accettare l’obbiezione che spesso ha lo scopo di spingere verso l’evoluzione.
            Buona Vita.

  • Primadellesabbie

    Quindi, si da per scontato che d’ora in avanti il governo debba stare in mano “…A chi conosce meglio i meandri televisivi”…?

    Quello che so, su questo episodio, lo apprendo qui, da Bertani.

    Vorrei far notare (ma, ripeto, non ho visto e non intendo vedere) che potrebbe non trattarsi di senilità o di mancanza di prontezza e di adeguamento allo strumento di comunicazione, ma di una forma di intelligenza coltivata a questo modo.

    Non si possono quasi mai raggiungere i risultati di un procedere riflessivo e meditativo coltivando un carattere impulsivo e focoso.

    E se si premia quest’ultimo ci si ritrova un Renzi o equivalenti.

    L’articolo, alla fine, dice, rivolgendosi a Z.:

    “…quando c’è da combattere…lasci spazio a qualcuno più giovane e grintoso di lei…”,

    e può andare bene, ma le riserve vanno avanzate, e da tutti quelli che ce la fanno e con determinazione, nei confronti di chi organizza e di guarda queste assurdità circensi.

    • ga950

      Sottoscrivo.

    • Apollonio

      ” Non ce l’ho con lei, professore, però impari la lezione: i mezzi di comunicazione cambiano, e lei è una persona ancora nata sotto il segno della Radio: non è colpa sua, sono l’età e la sua formazione, era destinato a perdere ”

      Non si da per scontato che il governo vada in mano agli Story Telling televisivi
      ma Bertani dava per scontato che il consenso lo si attua principalmente tramite il mezzo televisivo.. il Prof. è abituato ad altro pubblico, con i teledipendenti dei Media Main Stream, purtroppo a ragione Bertani, vincono gli emuli di Berlusconi…! avrebbe perso sicuramente contro un DiBattista , un Salvini, un Borghi, un Bagnai.