Home / ComeDonChisciotte / ATTACCO AL CUORE DELLA UE: LO STRAGISMO DI STATO E' DIVENTATO ROUTINE
16163-thumb.jpg

ATTACCO AL CUORE DELLA UE: LO STRAGISMO DI STATO E' DIVENTATO ROUTINE

DI FEDERICO DEZZANI

federicodezzani.altervista.org

Martedì 22 marzo, l’ennesima strage attribuita allo Stato Islamico, questa volta a Bruxelles, sede del quartiere generale della NATO e dei palazzi dell’Unione Europea: due attentati, a distanza di circa un’ora uno dall’altro, hanno mietuto più di trenta vittime ed un centinaio di feriti. Non c’è nessuna sorpresa perché da tempo, specie da parte francese, erano stati preannunciati (minacciati?) nuovi attentati terroristici, strascichi dello “stato di guerra” in cui vive l’Europa. L’establishment euro-atlantico, man mano che l’eurozona affonda nella deflazione e si invigoriscono le spinte centrifughe, mostra il suo volto più sanguinario ed efferato: si mantiene così l’opinione pubblica in una condizione di eterna prostrazione, si invoca una politica estera comune tra i 28 membri della UE e si pongono le premesse per bloccare i flussi migratori che rischiano di travolgere Angela Merkel. I servizi israeliani hanno ricevuto “in appalto” la strategia della tensione che sta insanguinando l’Europa.

Europa sotto assedio: solo nausea, nessuna sorpresa

Non c’è sorpresa nel leggere notizie che arrivano da Bruxelles sull’ennesima strage del fantomatico “Stato Islamico”. La reazione è quella di chi tocca un bricco da caffè bollente: i riflessi condizionati ritraggono istintivamente la mano e magari si impreca, ma non c’è stupore, né paura, perché la mente associa al bricco da caffè l’alta temperatura e sa che ustionarsi rientra nel novero delle possibilità: lo stesso accade con la strage di Bruxelles del 22 marzo.

C’è ovviamente una naturale reazione di indignazione e rammarico, ma né spaesamento né sgomento: nell’attuale Unione Europeail terrorismo fa parte della cassetta degli attrezzi della politica e, da circa un anno (il primo caso fu la strage di Charlie Hebdo), si ricorre sempre più spesso, e con meno remore, al suo utilizzo. Arrivati a questo punto, è ormai chiaro che il ricorso al terrorismo di Stato, od alla “violenza politica”, è direttamente proporzionale all’aggravarsi delle crisi che stanno sgretolando l’Unione Europea: ad un incancrenirsi dell’economia, ad un accentuarsi della deflazione, ad una crescente cacofonia tra i 28 membri della UE su qualsiasi dossier, corrisponde una vampata di terrorismo. Si noti: terrorismo di Stato, perché sebbene nessuno qui neghi le criticità delle periferie parigine o brussellesi, la dinamica e le finalità degli attentati degli ultimi 15 mesi non lasciano dubbi circa la presenza di una regia che non può che essere quella di un’organizzazione governativa o simile.

È inutile sviscerare ora gli attentati: l’opera di analisi minuta, indispensabile per avvalorare la tesi dello stragismo di Stato (a suo tempo la compiemmo con l’assalto alla redazione di Charlie Hebdo e poi con la mattanza del 13/11 che colpì il venerdì sera parigino) deve essere compiuta quando le acque si sono parzialmente calmate, la grancassa della propaganda mediatica tace e si dispongono di dati certi. In questa fase è rilevante invece capire il contesto in cui sono maturati gli attentati ed a quali obbiettivi ottemperano.

La cronaca del sanguinoso martedì 22 (11+11, si noti l’elemento cabalistico) marzo, parla di due esplosioni all’aeroporto brussellese di Zaventem (14 vittime stimate) attorno alle otto di mattina ed un’ulteriore esplosione, a distanza di un’ora, presso la stazione Maelbeek della metropolitana (20 vittime stimate). I due attentati sono avvenuti, rispettivamente, uno a poca distanza dal quartiere generale della NATO ed uno nei pressi dei palazzi dell’Unione Europea: il teatro per le operazioni scelto dai terroristi è quindi, sulla carta, tra i più ostici ed impenetrabili d’Europa.

Immancabilmente il famigerato Stato Islamico, lo stesso che sta combattendo per la sua sopravvivenza a Raqqa, in Siria, ha rivendicato la paternità della strage attraverso l‘Amaq News Agency: si tratterebbe di una rappresaglia per le disfatte infertegli in Medio Oriente. Un secondo filone ricostruttivo sostiene invece che l’attentato sia frutto di una “cellula” locale, in risposta al recente arresto di Salah Abdeslam, il presunto terrorista sopravvissuto alla strage del 13/11: si tratterebbe in quest’ottica anche di un’azione preventiva per sfuggire all’imminente cattura.

A corroborare la pista dello Stato Islamico è l’immancabile SITE Intelligence Group, fondato e gestito dall’israeliana Rita Katz. Bisogna ricordare che senza il SITE, impegnato nel certosino lavoro di vagliare la tanto copiosa quanto misteriosa propaganda jihadista in rete, l’ISIS non avrebbe mai acquistato dell’aurea di ubiquità ed onnipotenza che rende oggi il Califfato (quando non è impegnato a contrabbandare petrolio con Ankara od a combattere l’esercito siriano per conto di Riad) l’organizzazione terroristica più temibile a livello globale, nonostante, si noti, i suoi possedimenti territoriali si siano rapidamente sfaldati dopo l’intervento militare russo.

sitebruxelles

Fuori discussione è l’ennesimo, tragico, sospetto e altamente equivoco fallimento delle forze di sicurezza: il piccolo regno belga è assurto, a partire dalla strage di Charlie Hebdo per arrivare alla mattanza del 13/11, a base operativa dei più efferati miliziani dell’ISIS, capaci di entrare ed uscire dal Paese (è il caso di Abdelhamid Abaaoud, il regista dell’ultima carneficina parigina) più volte e senza mai incappare in nessun controllo, o di portare il terrore nel cuore di Bruxelles, a due passi dagli uffici della Commissione Europea, in un momento per giunta di massima allerta.

L’attentato rievoca i recenti fantasmi del 13/11 francese, tanto che il primo ministro Manuel Valls può facilmente ribadire l’eccezionalità del momento che vivono la Francia e l’Europa:

“Nous faisons face à une menace particulièrement élevée. Nous sommes en guerre. Nous subissons en Europe depuis plusieurs mois des actes de guerre.”

Il premier francese, forse anche a giustificazione dello stato d’emergenza prorogato recentemente di altri tre mesi1, da sempre non lesina allarmismi, finendo così per essere quasi profetico. Risale infatti alla conferenza sulla sicurezza di Monaco di metà febbraio la sua (minacciosa) esternazione, rivelatasi ex-post corretta:

“Nous devons cette vérité à nos peuples: il y a aura d’autres attaques, des attaques d’ampleur, c’est une certitude. Cet hyperterrorisme est là pour durer, même si nous devons le combattre avec la plus grande détermination (…) Nous sommes entrés, nous tous le sentons bien, dans une nouvelle époque caractérisée par la présence durable de l’hyperterrorisme. Un hyperterrorisme qui se trouve à la confluence d’un pseudo-messianisme religieux et de l’usage de la terreur de masse”

Anziché chiedere le dimissioni dei fallimentari ministri degli Interni, rivoltare come un calzino gli impotenti servizi di sicurezza ed azzerare i vertici delle forze dell’ordine, sembra che le più alte cariche dello Stato accettino con rassegnazione e malcelata soddisfazione l’attuale ondata terroristica, senza perdere il sonno nel tentativo di sventare nuovi attacchi: anche per gli attentati di Bruxelles, come per quelli del 13/11, è già emerso che i servizi d’informazione belgi sapevano ed avevano lanciato un’allerta ma, ahi noi, non sapevano con precisione il luogo, la data e le modalità dell’operazione.2 Sorge però spontaneo il dubbio perché nessun abbia rafforzato i controlli all’aeroporto di Zaventem, considerato che gli scali aerei sono un obbiettivo tra i più amati dai terroristi sin dagli anni ’70: Attacco a Bruxelles, l’esperto: -L’aeroporto era incomprensibilmente sguarnito-” titola la Stampa3 e sulla questione, decisiva, torneremo tra poco.

Bisogna, a questo punto, porsi l’interrogativo: perché ora?

La strage del 13/11, parallelamente alla necessità di incrementare la presenza della NATO in Medio Oriente in un momento critico per l’ISIS, ottemperava all’esigenza di risollevare le fortune del presidente François Hollande, ai minimi storici in termini di gradimento, in vista delle elezioni regionali del dicembre successivo: obbiettivo sfumato, considerato che al primo turno il Front National, anti-euro ed anti-NATO, si è affermato come primo partito di Francia. E nel caso degli attentati di Bruxelles, quali fattori sono la causa scatenante? Abbozziamo una lista, in ordine crescente d’impellenza per chi ha architettato la strage:

  1. l’economia dell’eurozona ed il settore bancario, specie nell’Europa del sud, versano in condizioni critiche: l’unione monetaria è tornata in deflazione a febbraio mentre le sofferenze bancarie in Italia crescono senza sosta;
  2. le recenti elezioni tedesche hanno sancito nei Land dove si è votato, la netta sconfitta di Angela Merkel, a causa delle politica delle porte aperte agli immigrati: urge quindi un pretesto per arrestare i flussi, evitando alla cancelliera un clamoroso dietrofront;
  3. la crisi migratoria, inizialmente alimentata dalla UE/NATO, ha prodotto esiti opposti a quelli sperati (“meno Europa” e non “più Europa”), tanto da causare la sospensione de facto degli accordi di Schengen. Occorre quindi serrare le fila per evitare il tracollo.

L’Unione Europea è, in sostanza, dilaniata da forze centrifughe sempre più virulenti, tanto che lo speculatore George Soros, a lungo prodigatosi per strappare i Paesi dell’Est europeo alla zona d’influenza russa per annetterli alla UE, è costretto ad ammettere: “The EU Is on the Verge of Collapse4.

Con le stragi di Bruxelles, portate “nel cuore dell’Europa”, nella “capitale dell’Europa” si tenta in extremis di invertire, o perlomeno rallentare, il processo di disintegrazione dell’Unione Europea, evocando “più Europa”, questa volta in materia di sicurezza, difesa e servizi d’informazione. Illuminante è, a questo proposito, il commento a caldo del premier Matteo Renzi:

“L’Ue vada fino in fondo, serve una struttura unitaria di sicurezza e difesa. È dal 1954 che si litiga sulla sicurezza comune. Ci vuole un patto europeo. L’Unione europea vada fino in fondo questa volta. (…) I nonni hanno sconfitto il nazismo e il fascismo, i genitori terrorismo, i fratelli più grandi la mafia. Noi abbiamo davanti una sfida inedita e tipica del nostro tempo ma che non è elemento originale per l’Italia e gli italiani. Come l’Italia ha saputo sconfiggere terrorismo e mafia così l’Europa sconfiggerà il terrorismo jihadista.”

Se l’Unione Europea è agonizzante, Schenghen si sgretola ed i 28 membri della UE sono sempre più in collisione, chi supervisiona la strategia della tensione che sta insanguando l’Europa? Forse il lavoro sporco è stato appaltato dall’establishment euro-atlantico a chi ha una lunga esperienza in materia di terrorismo ed attentati falsa bandiera, ed ha sia l’interesse a salvare la UE (per ragioni di politica estera) sia a fomentare l’odio occidentale verso l’islam e le comunità arabe (per ragioni di politica interna). Ma sì, alludiamo ai servizi israeliani.

La strategia della tensione appaltata ai servizi israeliani?

Il rapporto tra lo Stato d’Israele e l’Unione Europea, o meglio ancora la loro comune genesi nell’humus della finanza anglofona, richiederebbe una lunga trattazione che esula dalla nostra analisi: in questa sede ci è sufficiente dire che nel primo dopoguerra la famiglia Rothschild figura sia come rappresentante degli interessi sionistici nella dichiarazione Balfour del 1917, primo passo verso la nascita dello Stato ebraico, sia come finanziatrice del movimento Paneuropa animato dal conte Richard Coudenhove-Kalergi, “padre nobile” dell’attuale Unione Europea.

Per Tel Aviv la salvaguardia dell’Unione Europea e la sua potenziale evoluzione negli agognati Stati Uniti d’Europa sono questione di sicurezza nazionale: accentrando la politica estera dei 28 membri a Bruxelles, sottraendola così alla discrezione dei parlamenti nazionali ed assoggettandola agli interessi della grande finanza transnazionale, lo Stato d’Israele ha la migliore garanzia che i suoi interessi siano tutelati, narcotizzando così le pulsioni di quegli Stati, in primis l’Italia ed in parte la Francia, naturalmente inclini, per motivi economici e di vicinato, ad una politica filo-araba. Nessun caso è più illuminante delle sanzioni all’Iran imposte agli Stati europei attraverso Bruxelles: senza le strette maglie della UE, sarebbe stato difficile ingabbiare l’Italia nella rete delle sanzioni, più probabile invece un loro netto rifiuto considerati gli stretti legami economici con Teheran.

Lo stesso presidente israeliano, Shimon Peres, ha recentemente ribadito la necessità per l’Europa di rimanere unita di fronte alla crisi migratoria (generata dal progetto di balcanizzazione del Medio Oriente caldeggiato da Tel Aviv), evidenziando quando stiano a cuore all’élite israeliane le sorti della UE5:

“È la dimostrazione di quanto breve sia la distanza fra lo gettare nella disperazione una persona e invece, quando aveva perso le speranze, aprirgli le porte di un destino migliore. L’Europa resti unita, perché la tragedia è di proporzioni talmente immense che nessuno può affrontarla da solo. Non può l’Italia, che sta facendo cose grandiose nei salvataggi in mare, e non può la Germania. L’Europa se è unita può farcela, ha risorse economiche e morali per risolvere la crisi”.

L’urgenza di sedare le spinte centrifughe che stanno svuotando la UE, è così sentita a Tel Aviv da indurla a mettere generosamente i propri servizi segreti a disposizione della strategia della tensione che sta martoriando l’Europa, ottenendo così un duplice risultato: da un lato, si creano nuove emergenze per frenare l’implosione dell’Unione Europea, dall’altro si alimenta l’odio verso la comunità mussulmane ed il mondo arabo, creando così un sentimento di affinità con il piccolo Stato d’Israele, “baluardo dell’Occidente” minacciato dai fedeli di Maometto.

Nella strage di 13/11 Israele compare più di una volta, specialmente attorno alla sala da concerto Bataclan dove si consuma la cruenta mattanza di 93 persone: il locale era stato venduto il precedente 11 settembre dallo storico proprietario, subito emigrato in Israele6, e stando alle dichiarazione del cantante degli Eagles of Death Metal, Jesse Hughes (sul palco quando iniziò la carneficina) la sicurezza del locale era a conoscenza in anticipo di quanto sarebbe accaduto. Nell’articolo “Eagles of Death Metal Frontman: Security Might Have Been in on Paris Attacks” si legge7:

“During an interview with the FOX Business Network’s Kennedy, Jessie Hughes, the lead singer of the band Eagles of Death Metal opened up about a terrorist attack on his band and concertgoers that took place at a Paris concert, and he alleges that security guards at the venue may have been involved.

Nell’orbita dell’israeliano SITE Intelligence Group, ruotava anche “la mente” della strage del 13/11, quel Abdelhamid Abaaoud libero di viaggiare indisturbato tra la Francia ed la Siria, nonostante fosse tra i massimi ricercati d’Europa, e reso una “celebrità” nella galassia dell’ISIS dai macabri filmati scovati in rete dall’inafferrabile Rita Katz. Il defunto Abdelhamid Abaaoud era anche amico di quel Salah Abdeslam, pesce piccolo che sguazzava mondo del narcotraffico, che avrebbe dovuto farsi esplodere allo Stade de France il 13/11 ed è stato invece catturato il 18 marzo alla periferia di Bruxelles: Abdeslam è il primo terrorista ad essere preso vivo dalla strage a Charlie Hebdo e c’è da chiedersi quante scomode verità e quante inconfessabili collusioni potrà rivelare se non si imbatterà prima nel Jack Ruby della situazione.

E nella strage di Bruxelles del 22 marzo, dove si nasconde lo zampino dei servizi israeliani? Come nel caso degli attentati del 13/11 occorre focalizzare l’attenzione sui locali chiusi e sottoposti ad una rigida sorveglianza (in un caso il Bataclan e nell’altro lo scalo aereo), perché lì è più facile incappare nella connivenze che hanno permesso l’attacco, che si sarebbe potuto altrimenti sventare con facilità.

Le due esplosioni che hanno sventrato la hall dell’aeroporto di Zaventem sono avvenute a fianco del banco della American Airlines8: la compagnia aerea statunitense è tristemente nota alla cronache perché due suoi voli (American Airlines Flight 11 e American Airlines Flight 77) furono dirottati quel fatidico Undici Settembre per schiantarsi rispettivamente contro la Torre Nord ed il Pentagono (sebbene in quest’ultimo caso non sia stato rinvenuto nessun detrito attribuibile ad un Boeing 767). Due degli aerei dirottati, tra cui il sullodato American Airlines Flight 11, si alzarono in volo dall’aeroporto Logan di Boston, dove la sicurezza era garantita dalla società olandese ICTS International9, creata e gestita da ex-personale dei servizi segreti israeliani.

Facciamo un salto temporale e torniamo all’aeroporto di Zaventem, martedì 22 marzo 2016, quando due ordigni deflagrano nei pressi del banco dell’American Airlines. Ebbene, da una veloce ricerca su internet, emerge non solo che la ICTS International garantisce tuttora la “sicurezza” della compagnia aerea statunitense10, ma addirittura che la sede belga della ICTS è proprio di fronte all’aeroporto di Zaventem, dove è ubicato un “centro operativo” della società degli ex-agenti dello Shin Bet.

Scorrendo la lunga lista di attentati “islamisti” ad aeroporti o voli aerei dell’ultimo decennio, ci si imbatte quasi sempre nella ICTS International: l’attacco allo scalo aereo di Zavantem, il colpo “al cuore dell’Europa”, non fa eccezione.

13

ICTS

ICTS2

Federico Dezzani

Fonte: http://federicodezzani.altervista.org

Link: http://federicodezzani.altervista.org/attacco-al-cuore-della-ue-lo-stragismo-di-stato-e-diventato-routine/

23.03.2016

1http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/francia-prorogato-stato-emergenza_2160655-201602a.shtml

2http://www.agi.it/cronaca/2016/03/22/news/bruxelles_intelligence_aveva_allertato_attacco_imminente_-632742/

3https://www.lastampa.it/2016/03/22/esteri/e-il-colpo-di-coda-del-network-jihadista-del-bataclan-aUS2JVJiJKAaEjc9wCHiNJ/pagina.html

4http://www.nybooks.com/articles/2016/02/11/europe-verge-collapse-interview/

5http://www.repubblica.it/esteri/2015/09/07/news/shimon_peres_la_germania_ha_dato_prova_che_il_nazismo_non_si_ripetera_-122368723/

6http://fr.timesofisrael.com/les-anciens-proprietaires-juif-avaient-recemment-vendu-le-bataclan/

7http://www.foxbusiness.com/features/2016/03/09/eagles-death-metal-frontman-security-might-have-been-in-on-paris-attacks.html

8http://www.repubblica.it/esteri/2016/03/22/news/esplosioni_aeroporto_bruxelles-136033299/

9https://en.wikipedia.org/wiki/ICTS_International

10http://www.ictseurope.com/clients

Pubblicato da Davide

  • Truman

    Evidenzio la seguente frase che mi ha colpito:

    sembra che le più alte cariche dello Stato accettino con rassegnazione e malcelata soddisfazione l’attuale ondata terroristica, senza perdere il sonno nel tentativo di sventare nuovi attacchi

    E’ scritta per le autorità francesi o belghe, ma mi sembra che valga anche per l’Italia.

  • annibale51

    Un articolo così avrei preferito non averlo mai letto…senza parole!

  • lanzo

    A prescindere – come diceva Toto’ – ma c’iaveta fatto caso che ogni volta che c’e’ un attentato del genere, giornali e TV evidenziano sempre che  era vicino alla sede della presidenza europea a Parigi, allo stadio c’era Hollande ma li’ i bombaroli – che strano – non riuscirono a farsi esplodere,  le vittime sempre gente comune, lavoratori,  mai un parlamentare  UE, ma mi accontenterei anche di uno strapagato impiegato, solo gente normale, comune che deve guadagnarsi la pagnotta e deve prendere la metro non avendo la macchina blindata con autista,

  • annibale51

    Quoto Lanzo, in effetti sono un po’ strani sti terroristi. Con tutti gli obiettivi più importanti che potrebbero avere a Bruxelles (sedi NATO, UE, BCE, ecc. ecc.) sempre con i poveri cristi se la vanno a prendere.

  • Fischio

    Negli anni 60/70 avanzava la lotta di classe e con essa la coscienza popolare, veniva messo in discussione l’autoritarismo, roccaforte dei poteri dominanti. Da qui lo sragismo per la stabilizzazione dello stesso Potere, già si muovevano la Trilateral e il Club Bildemberg. Il neoliberismo lanciava un attacco sfrenato in Italia e nel mondo. E aveva ragione la sinistra extra- parlamentare quando sosteneva che le stragi non erano fasciste ma di Stato, l’azione fascista era di manovalanza. Il PCI recepiva il messaggio che mai sarebbe andato a governare tramite elezioni, e da lì l’assoggettarsi ai voleri del Potere vigente ufficiale e occulto. Berlinguer si lasciava andare a quello che verrà chiamato ‘Compromrsso Storico’. Il PCI spostava la sua attenzione dalla classe operaia ai ceti medi. La ‘Strategia della Tensione’ aveva funzonato e la Sinistra si avviava al suo declino. Oggi la crisi è Sistemica, allargata e probabilmente irreversibile, il Capitalismo non ha più nulla da dire se non lanciare misfatti, vuoi che siano guerre o atti cosiddetti terroristici, e la ‘Strategia della tensione’ funziona ancora e più di prima dato che i popoli impauriti accettano a quanto sembra passivamente alla distruzione della propria libertà e dei diritti persino elementari:Tensione, Paura, Giustizialismo, Stato di Polizia, Controllo individuale e di massa. Questa la prassi. E vanno da sè l’arretramento culturale, l’odio, l’ipocrisia, il perbenismo, il razzismo, l’omofobia, il vicino di casa nemico. E allora cosa fare? Morire nell’inerzia e subire una qualsivoglia ingiustizia o prendere per mano la propria vita e metterla a disposizione  contro l’infame Sistema Dominante?…Sono pochi gli avveduti? L’importante è provarci prima del non ritorno…