Home / ComeDonChisciotte / 50 ANNI DOPO: COME L’OCCIDENTE OFFENDE LA MEMORIA DI MARTIN LUTHER KING
12139-thumb.jpg

50 ANNI DOPO: COME L’OCCIDENTE OFFENDE LA MEMORIA DI MARTIN LUTHER KING

DI TONY CARTALUCCI
landdestroyer.blogspot.co.uk

Le differenze tra il Dr. Martin Luther King Jr. e l’attuale presidente americano Barack Obama non potevano essere più evidenti. Infatti, l’unica cosa che hanno in comune è il colore della pelle. Eppure, in qualche maniera, i canali d’informazione occidentali sono riusciti a tracciare delle linee di congiunzione tra queste due figure diametralmente opposte – forse proprio perchè entrambi sono neri.

Recentemente l’Associated Press ha pubblicato un articolo dal titolo “Obama incarna il Sogno e la lotta di King” (1), sostenendo che: “Con la sua programmata apparizione di mercoledì sera, Barack Obama era certo di rappresentare la realizzazione del sogno di centinaia di migliaia di persone che manifestarono lì nel lontano 1963.”
Perchè? Solo perchè Obama è nero? O perchè Obama rappresenta davvero quegli ideali di giustizia, uguaglianza e pace per cui Martin Luther King Jr. si è battuto durante tutta la sua vita e per i quali è morto?

Non esiste modo peggiore di offendere la memoria di Martin Luther King Jr. di quello di paragonarlo al Presidente Obama – servo di un meccanismo che produce le più gravi disuguaglianze ed ingiustizie sulla Terra, alimentato proprio da quegli “interessi corporativi” (2) tanto avversati da King in tutta la sua vita e a causa dei quali probabilmente fu ucciso.

Immagine: una rappresentazione visiva degli interessi corporativi particolari dell’amministrazione di B. Obama, passato e presente.

Infatti, nonostante quella parvenza democratica che ostenta pubblicamente, il suo Gabinetto, passato e presente, è un concentrato di interessi finanziari/corporativi, di guerrafondai, criminali ed elitari che promuovono esclusivamente un’ “agenda” di tipo fascista/imprenditoriale, abilmente celata dietro belle cause pseudo-liberali. Una più attenta analisi di questi personaggi chiarirà meglio il concetto:

– Timothy Geithner (Segretario del Tesoro): Gruppo dei 30, (3)  Consiglio delle Relazioni Estere,(4) Federal Reserve – privata;
– Eric Holder (Procuratore Generale): Covington & Burling (5) lobbista per Merck e rappresentante legale di Chiquita International Brands nelle cause dei parenti delle persone uccise dal terrorismo Colombiano;
– Eric Shinseki (Segretario per gli Affari dei Veterani di Guerra): Esercito Americano, Consiglio delle Relazioni Estere (6), direttore di Honeywell (7) (azienda della difesa), direttore di Ducommun (altra azienda della difesa);
– Rahm Emanuel (ex Capo di Stato Maggiore): Freddie Mac (8);
– William Daley (ex Capo di Stato Maggiore): membro della commissione esecutiva di JP Morgan (9) ;
– Jacob “Jack” Lew (Capo di Stato Maggiore) Consiglio per le relazioni estere (10), Brookings Institution (Hamilton Project) (11);
– Susan Rice (Ambasciatore ONU): McKinsey and Company (12), Brookings Institution, Consiglio per le Relazioni Estere;
– Peter Orszag, (ex Direttore del Bilancio): Citi Group (13) Consiglio per le Relazioni Estere;
– Paul Volcker: Consiglio per le Relazioni Estere (14), Federal Reserve privata, Gruppo dei 30 (15);
– Ronald Kirk (Rappresentante del Commercio USA) lobbista (16), membro della partnership tra Goldman Sachs, Kohlberg, Kravis, Roberts e di Texas Pacific Group per l’acquisizione di Energy Future Holdings;
– Lawrence Summers (Direttore del Consiglio per l’Economia Nazionale): World Bank, Consiglio per le Relazioni Estere(17), Brookings Institution (Hamilton Project) (18);

Immagine: Sostenitori della Brookings Institution – chiaramente anti-liberali e chiaramente non proprio il tipo di interessi sostenuti da Martin Luther King Jr. 

Ovviamente, la rappresentanza del Consiglio per le Relazioni Estere (19) e della Brookings Institution (pag. 19, .pdf) (20) dovrebbe lasciare molto perplesso chiunque si consideri un autentico liberale democratico. Questi sono dei think-tank creati da e a favore di grandi interessi imprenditoriali. La Brookings Institution, in particolare, annovera al suo interno quegli stessi architetti delle miriadi di “Guerre Bush” – e delle guerre attualmente condotte dall’ Amministrazione Obama.

In realtà, non solo la politica di Obama si basa sugli stessi identici interessi finanziari/corporativi dell’amministrazione Bush, ma a scrivere l’attuale politica estera verso la Libia (21), la Siria (22), e l’Iran (23) sono alcune delle stesse persone di allora, quelle stesse persone dietro alle guerre in Iraq e in Afganistan di cui ancora soffriamo le conseguenze. E’ quella che possiamo definire una “continuità di Agenda”, e le false inclinazioni politiche sia di Bush sia di Obama non sono che messinscene abilmente orchestrate per dividere e distrarre l’opinione pubblica, mentre è una sola l’Agenda che passa da un’amministrazione all’altra e attraversa le linee della politica nazionale.

KING ERA ANCHE UN AUTENTICO PACIFISTA

Nel 50° anniversario del famoso discorso di Martin Luther King Jr. “I Have a Dream”, se lui appartenesse ancora a questo mondo, di certo salirebbe sul palco e si dichiarerebbe contrario all’ultimissima guerra degli USA e dei suoi ‘amici’ contro la Siria. Di certo condannerebbe la guerra globale che Obama ha intrapreso dal Mali alla Libia, dalla Siria all’Afganistan e ai confini del Pakistan, dallo Yemen alla Somalia, fino all’Uganda e oltre.

In un discorso del 4 aprile del 1967 a New York City intitolato, “Oltre il Vietnam – Tempo di rompere il silenzio,” (24) King espresse nel modo più alto e completo possibile la sua filosofia e visione del mondo, una visione completamente opposta a quella dei presidenti americani contemporanei, che celebrano laconicamente e vuotamente lo storico discorso dello stesso King.

Dovremmo rileggere con attenzione questo illuminante discorso di King di critica alla guerra del Vietnam (25) , che in alcuni punti ci dice che:


Una reale rivoluzione dei valori dovrebbe imporre le mani sull’ordine mondiale e dire, a proposito della guerra: “Questo modo di risolvere le divergenze non è una cosa giusta”. Bruciare gli uomini con il napalm, riempire la nazione di orfani e vedove, iniettare il veleno dell’odio nelle vene degli esseri umani, rispedire alle loro case uomini fisicamente handicappati e mentalmente distrutti, dopo aver vissuto per mesi su campi di battaglia oscuri e sanguinosi, sono cose che non si conciliano con la saggezza, la giustizia e l’amore. Una nazione che continua, anno dopo anno, a spendere il proprio denaro in difesa militare invece che in programmi di sviluppo e promozione sociale, è destinata alla morte spirituale.

America, la più ricca e potente nazione del mondo, può fare da guida in questa rivoluzione di valori. Solo una tragica morte ci deve impedire di perseguire questo desiderio di riordinare le nostre priorità in modo tale che la ricerca della pace abbia il sopravvento sulla ricerca della guerra. Niente ci deve fermare dal continuare a rimodellare con le nostre mani questo status quo fino a trasformarlo in una fratellanza.

Gli USA che si preparano ad attaccare la Siria, per citare questa catastrofe umanitaria architettata fin dal 2007 (26) allo scopo di dividere e distruggere Damasco e i suoi alleati di Teheran, di certo non è una “cosa giusta”. Correre verso una nuova guerra, nascondendosi dietro a menzogne (ancora una volta), di certo non è una “cosa giusta”. Eludere le leggi internazionali portando avanti una guerra di egemonia, mascherandola da intervento umanitario, di certo non è una “cosa giusta”.

L’America non ha mai cambiato rotta, ha sempre continuato spedita lungo lo stesso oscuro sentiero, quel sentiero contro il quale King ci aveva messo in guardia nel 1967. L’uomo che ci “guida”, o meglio, l’uomo di facciata di quegli interessi finanziari/corporativi che tracciano il destino dell’America, possono anche continuare a onorare la memoria di King con parole contrite e apparizioni pubbliche ben orchestrate, ma nella realtà dei fatti e delle azioni Obama e l’elite finanziaria/corporativa che lo tiene al guinzaglio stanno disonorando in modo indegno e inimmaginabile la memoria di King.

Se davvero si vuole onorare King e il suo impegno di una vita, onoriamolo mettendo in pratica le parole che ha pronunciato quando era in vita, e non scendendo a patti con quel sistema che lui stesso ha contrastato fino alla morte, un sistema che disonora e sfrutta la sua immagine e la sua memoria lodandole falsamente e portando avanti con malizia un ‘agenda’ contraria a tutto ciò che King sosteneva.

Si può leggere ed ascoltare l’intero discorso del 4 Aprile 1967 “Oltre il Vietnam – Tempo di rompere il silenzio” a questo indirizzo: AmericanRhetoric.com. (27)

Tony Cartalucci
Fonte: http://landdestroyer.blogspot.co.uk
Link: http://landdestroyer.blogspot.co.uk/2013/08/50-years-later-west-defiles-martin.html#more
29.08.2013

Traduzione per www.comedonchisciotte.org cura di SKONCERTATA63

NOTE

1) http://landdestroyer.blogspot.it/2011/03/naming-names-your-real-government.html
2) http://abcnews.go.com/Politics/wireStory/obama-embodies-kings-dream-struggle-20089903?singlePage=true
3) http://landdestroyer.blogspot.it/2011/03/naming-names-your-real-government.html
4) http://www.cfr.org/about/membership/roster.html?letter=G
5) http://topics.nytimes.com/top/reference/timestopics/people/h/eric_h_holder_jr/index.html
6) http://news.yahoo.com/s/politico/20081120/pl_politico/15805_1/
7) http://www.cfr.org/about/membership/roster.html?letter=S
8) http://voices.washingtonpost.com/44/2008/12/shinseki-slated-to-head-va-dem.html?hpid=topnews
9) http://www.chicagotribune.com/news/politics/obama/chi-rahm-emanuel-profit-26-mar26,0,5682373.story
10) http://investing.businessweek.com/research/stocks/people/person.asp?personId=1339960&ticker=JPM&previousCapId=370857&previousTitle=Boeing%20Co.
11) http://www.cfr.org/about/membership/roster.html?letter=L
12) http://blogs.yu.edu/news/2012/11/26/yu-hanukkah-dinner-and-convocation/
13) http://www.brookings.edu/media/NewsReleases/2002/20020913rice.aspx
14) http://www.businessweek.com/ap/financialnews/D9K0J0KG0.htm
15) http://www.cfr.org/experts/world/paul-a-volcker/b451
16) http://www.group30.org/members.shtml
17) http://www.nytimes.com/2010/02/28/business/energy-environment/28txu.html?pagewanted=all&_r=0
18) http://www.nytimes.com/1999/05/13/business/a-new-economic-team-the-nominee-the-administration-s-fiscal-closer.html?sec=&spon=&pagewanted=all
19) http://www.cfr.org/about/membership/roster.html?letter=S
20) http://www.hamiltonproject.org/about_us/our_people/
21) http://www.cfr.org/about/corporate/roster.html
22) http://www.scribd.com/doc/121406132/2010-Brookings-Institution-Annual-Report
23) http://landdestroyer.blogspot.it/2011/03/libya-war-for-world-government.html
24) http://landdestroyer.blogspot.it/2012/05/us-brookings-wants-to-bleed-syria-to.html
25) http://landdestroyer.blogspot.it/2011/05/which-path-to-persia-redux.html
26) http://www.americanrhetoric.com/speeches/mlkatimetobreaksilence.htm
27) http://www.newyorker.com/reporting/2007/03/05/070305fa_fact_hersh?currentPage=all

Pubblicato da Davide

  • tania

    Occorre anche ricordare le battaglie di M.L.King a fianco della classe operaia : quando fu ucciso a Memphis nell’aprile del 1968 era là per sostenere i lavoratori delle pulizie in sciopero . King seguiva l’assioma dell’uguaglianza in senso totale , proprio per de-etnicizzare la questione della segregazione razziale : si interessò alle questioni della povertà e del militarismo perchè le considerava vitali per rendere l’eguaglianza qualcosa di reale , un’eguaglianza di fatto .

  • dana74

    “Eppure, in qualche maniera. i canali d’informazione occidentali sono riusciti a tracciare delle linee di congiunzione tra queste due figure diametralmente opposte – forse proprio perchè entrambi sono neri.”

    possono certo giocare a creare nuovi stereotipi, determinare chi è meglio a prescindere solo perché è nero, o donna, o migrante o gay. Hanno manipolato le masse beote o complici, facendo credere che elevare un gruppo a migliore solo ed esclusivamente per le proprie caratteristiche fisiche o orientamento sessuale sia lotta alla discriminazione, creando alibi perfetti dietro i quali occultare i crimini delle nuove pedine diventate intoccabili per tali caratteristiche. Le azioni di questi, quindi passeranno del tutto inosservate e saranno considerate tollerabili se a compierle è un membro di questi gruppi “eletti” a migliori. Se invece è un membro di un gruppo non protetto, senza lobby per intendersi, ecco che il crimine o dellitto è efferato.
    Alla faccia della discriminazione, si è stilata la classifica delle vittime di serie a e b, quelle meritevoli di compassione perché in possesso dei requisiti politically correct, e figli di nessuno perché senza “categoria”.
    Basti pensare alle donne, se vittima del marito i media e la società civile scrive fiumi di parole, notizia rimane in testa per giorni, se invece è vittima di uno straniero magari clandestino rimane nei trafiletti perché evidentemente, in questa classifica, il migrante vale più “punti” della donna e riferire tale reato, come dice la Boldrini, è alimentare razzismo

  • marco08
  • babuskin

    Prima di dare giudizi definitivi bisogna conoscere tutta l’ attività politica…
    M.L.King era un controrivoluzionario, pacifista, democratico piccolo borghese.
    In molte occassioni è stato contestato e fischiato dai neri…