Un caso di ipofisite associato alla vaccinazione anti-Covid: lo studio

In uno studio, è riportato “un raro caso di ipofisite con insorgenza acuta di diabete insipido, subito dopo la vaccinazione SARS-CoV-2".

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

“Sebbene i vaccini SARS-CoV-2 siano stati sviluppati con molteplici nuove tecnologie e rapidamente diffusi in tutto il mondo, il profilo completo degli effetti avversi non è noto. Recentemente, ci sono segnalazioni sporadiche ma in aumento di endocrinopatia in relazione alla vaccinazione SARS-CoV-2“, si legge in uno studio pubblicato sulla rivista AACE Clinical Case Reports, in cui viene riportato “un raro caso di ipofisite con insorgenza acuta di diabete insipido, subito dopo la vaccinazione SARS-CoV-2″.

Una paziente di 48 anni era nel suo solito stato di salute fino a quando non ha ricevuto il vaccino anti-Covid di Pfizer-BioNTech. Due giorni dopo la vaccinazione, ha iniziato ad avere sintomi simil-influenzali, tra cui forte mal di testa e mialgia, nonché mal di testa persistente, polidipsia e poliuria. Le è stato diagnosticato il diabete insipido e la risonanza magnetica ha rivelato un ispessimento del peduncolo ipofisario. Tre mesi dopo la vaccinazione, i suoi sintomi erano leggermente migliorati, ma presentava ancora un ispessimento del peduncolo ipofisario alla risonanza magnetica”, si legge nell’articolo.

“Data la tempistica dell’insorgenza del diabete insipido, riteniamo che l’ipofisite della paziente possa essere associata alla vaccinazione SARS-CoV-2. Abbiamo anche trovato 19 casi di endocrinopatia dopo la vaccinazione SARS-CoV-2 dalla ricerca bibliografica. Gli organi endocrini riportati erano la tiroide, l’ipofisi e le ghiandole surrenali. Sono stati segnalati anche dodici casi di diabete. Tra 3 casi ipofisari, il diabete insipido è stato segnalato solo nel nostro caso”, scrivono i ricercatori.

Secondo la nostra ricerca nella letteratura inglese, sono stati segnalati 19 casi di endocrinopatia vaccinale post-SARS-CoV-2. Tra questi, la maggior parte dei casi riguardava la tiroide (15/19 casi, 79%), 1 (5%) casi riguardava la ghiandola surrenale e 3 (16%) casi, incluso il nostro caso, riguardavano il pituitario. L’età media di questi pazienti era di 46 anni e il 78% di loro erano donne. In tutti i casi, i pazienti erano relativamente sani prima della vaccinazione, ad eccezione di 1 paziente che era in cura per il cancro del colon. Per quanto riguarda i tipi di vaccini, l’endocrinopatia è stata segnalata in tutti e 3 i tipi di vaccini; 9 casi (47%) riguardavano vaccini a mRNA, 6 casi (32%) riguardavano vaccini vettori di adenovirus e 4 casi (21%) riguardavano vaccini inattivati. La maggior parte dei casi (n = 13, 68%) si è verificata in modo acuto da 1 a 5 giorni dopo la vaccinazione. In 4 casi è stata segnalata l’insorgenza subacuta della tiroidite da 2 a 3 settimane dopo la vaccinazione. In 3 casi, incluso il nostro caso, è stata somministrata la seconda dose di vaccino nonostante l’insorgenza dei sintomi dopo la prima dose di vaccino, e i sintomi iniziali sono peggiorati”, riporta lo studio.

Il decorso naturale e la prognosi di queste endocrinopatie dopo la vaccinazione SARS-CoV-2 rimangono sconosciuti. Tra i casi che coinvolgono la tiroide, 7 (47%) sono stati riportati in completa guarigione dopo 1-3 mesi. Al contrario, 6 casi (40%) con tiroide non sono guariti completamente al tempo dei report. Rispetto a 3 casi ipofisari, 2, incluso il nostro caso, hanno mostrato un recupero parziale in 1 o 5 mesi”.

Il meccanismo delle endocrinopatie dopo la vaccinazione SARS-CoV-2 è sconosciuto. Un potenziale meccanismo comporterebbe un aumento acuto dei livelli di citochine. Le cellule endocrine sembrano essere suscettibili all’aumento acuto dei livelli di citochine. È stato riportato che la vaccinazione SARS-CoV-2 può causare la sindrome da rilascio di citochine. Pertanto, ipotizziamo che la vaccinazione potrebbe aver causato cambiamenti acuti nei livelli di citochine, che hanno portato all’interruzione delle funzioni endocrine. Un altro meccanismo suggerito per la tiroidite post vaccinazione SARS-CoV-2 è una reazione crociata dell’anticorpo della proteina spike di SARS-CoV-2 e dell’anticorpo anti-perossidasi tiroidea. Inoltre, è possibile che la vaccinazione possa aver innescato condizioni sottostanti in soggetti suscettibili”, scrivono gli autori dello studio, che concludono: “l’endocrinopatia è associata a complicazioni poco frequenti; tuttavia, può essere sottovalutata nella popolazione vaccinata post-SARS-CoV-2.

Sono necessari ulteriori studi per comprendere meglio l’endocrinopatia e la sua possibile associazione con la vaccinazione SARS-CoV-2“.

Fonte articolo: https://www.meteoweb.eu/2022/07/ipofisite-vaccino-covid/1001112366/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix