PERCHE' VOGLIONO IMPORCI LA MONETA ELETTRONICA ?

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

DI SALVATORE TAMBURRO
salvatoretamburro.blogspot.it

Tutti i Governi degli ultimi anni, da
Prodi a Berlusconi fino all’attuale Monti, hanno sempre proposto la
graduale scomparsa del denaro contante (con costi aggiuntivi per chi
preleva o versa liquidità sul conto), sostituito dalla moneta
elettronica: pagamenti con carte di credito, bonifici, assegni, tutto
tranne il denaro contante. La soglia dei pagamenti cash è scesa negli
ultimi tempi dai 12.500€ a 5.000€ e, successivamente, all’attuale
livello dei 2.500€.

A seguito, “Report” inciampa su debito pubblico ed evasione fiscale (Francesco Santoianni, contropiano.org);

Adesso il governo tecnico di Monti (N.B.: eletto dalle banche, ma non eletto democraticamente da alcun cittadino) ha proposto una nuova soglia ai pagamenti in contanti di 1000€. (*)
Monti il 17/11/2011 ha dichiarato in Parlamento: “Occorre ulteriormente abbassare la soglia per l’uso del contante, favorire un maggior uso della moneta elettronica“.
Perchè tutto questo?
Il governo afferma che si tratti di una soluzione utile alla lotta dell’evasione fiscale,
in quanto tutte le transazioni vengono registrate e si può meglio
controllare tutti i pagamenti che avvengono tra clienti, fornitori,
consumatori.
FALSO per la seguente ragione:
il grosso dell’evasione fiscale (cosiddetti 40 miliardi di sommerso di
cui parla l’A.B.I.) non riguarda le piccole-medie imprese che hanno un
giro di affari modesto, bensì le grandi corporations, proprio quelle
S.p.A. che nascondono al fisco milioni e milioni di euro, attraverso
transazioni segrete in qualche conto bancario o hedge fund con sede nei
paradisi fiscali. Il vero evasore non è il fruttivendolo sotto casa, ma i
manager che risiedono nei CdA delle multinazionali e gli speculatori
finanziari che spostano gli utili all’estero in posti come Panama,
Cayman, Jersey, etc.. 
Le vere ragioni insite in questa proposta sulla moneta elettronica sono due:
1) stampare denaro per le banche COSTA: la sua gestione (stampa, trasporto, distribuzione) in Europa costa 50 miliardi di euro l’anno, 10 di questi spesi dall’Italia.
In Europa sono in circolazione oltre 14 miliardi e 418 milioni di banconote per un valore di 857 miliardi di euro.
Se
si eliminasse il denaro cartaceo le banche eliminerebbero quindi anche
il valore intrinseco delle banconote (ossia il costo necessario a
produrle, intorno i 0,30€ a banconota stampata), giovando unicamente
dell’addebito delle stesse al valore nominale.
Precisazione:
sono le banche ad emetterestampare le banconote; lo Stato può emettere
solo monete metalliche attraverso la cosiddetta Zecca di Stato.

2) controllare la vita dei consumatori,
capire i loro gusti, i loro movimenti sul territorio, le loro scelte,
attraverso la registrazione di tutti i loro acquisti. Senza dubbio un
bel vantaggio per le società che fanno ricerca di marketing e possono
tempestare i consumatori di “consigli per gli acquisti” realizzati su
misura delle loro prede.

Di questo passo si arriverà
all’eliminazione totale del denaro contante e andremo in giro
acquistando beniservizi solo con carte di credito e su di esse ogni
movimentazione dovrà essere certificata. 
Ricordo che la moneta è uno strumento atto a facilitare gli scambi commerciali, non ad ostacolarli. 
Ravviso quindi, oltre ad un’operazione che è a tutto vantaggio del sistema bancario (eliminazione dei costi di emissione della moneta) ed in cui è racchiuso uno strumento di controllo di massa (registrazione di tutte le transazioni), anche un grave ostacolo al benessere dell’individuo.
Nel
momento in cui il sig.Rossi perderà il lavoro, non potrà rifinanziare la
sua carta di creditoconto bancario e di conseguenza non potrà
effettuare gli acquisti necessari per la sua vita, poichè il macellaio,
il salumiere, il supermarket sotto casa, il benzinaio, saranno obbligati
per legge a non accettare più pagamenti in contanti. 
Quali
alternative avrà il sig.Rossi? Chiedere magari un prestito a
banchefinanziarie, fino ad ipotecare i suoi beni reali, unicamente per
poter sopravvivere? 
La moneta
elettronica, che adesso spacciano come soluzione all’evasione fiscale,
se attuata al 100% non sarà altro che l’ennessima vittoria
dell’oligarchia bancaria sui cittadini.

Salvatore Tamburro

Fonte: http://salvatoretamburro.blogspot.it/
Link: http://salvatoretamburro.blogspot.it/2011/11/perche-vogliono-imporci-la-moneta.htmll
21.11.11

* Il Decreto Legge 201 del dicembre 2011 non elimina la possibilità di utilizzare il contante nelle transazioni commerciali. Questo ultimo decreto semplicemente si associa alle altre precedenti limitazioni iniziate nel 1991, questa volta la soglia scende a 1.000 euro. (Ndr)

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
44 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
44
0
È il momento di condividere le tue opinionix