Home / ComeDonChisciotte / PERCH GLI STATI UNITI HANNO BISOGNO DI UNA GUERRA GLOBALE

PERCH GLI STATI UNITI HANNO BISOGNO DI UNA GUERRA GLOBALE

DI VICTOR BURBAKI
Strategic Culture

Al momento, ci troviamo al centro di una fase turbolenta del ciclo evolutivo globale avviato negli anni ’80 e che dovrebbe finire alla metà del XXI secolo. In questo processo, gli Stati Uniti stanno evidentemente perdendo il proprio status di superpotenza.

Stime elaborate dagli esperti dall’Accademia Russa delle Scienze indicano che l’attuale periodo di forte instabilità dovrebbe finire attorno al 2017-2019 con una nuova crisi. Questa non sarà profonda come quella del 2008-2009 o del 2011-2012 e segnerà la transizione verso un’economia incentrata su nuove basi tecnologiche. La ripresa economica del 2016-2020 probabilmente provocherà serie modifiche nell’equilibrio del potere globale e gravi conflitti politico-militari che riguarderanno i pesi massimi planetari e i paesi in via di sviluppo. L’epicentro del conflitto dovrebbe essere localizzato nel Medio Oriente e nell’Asia Centrale post-sovietica.
Il secolo del dominio militare-politico globale e del primato economico degli Stati sembra che stia giungendo al suo completamento. Gli Stati Uniti hanno fallito nel loro tentativo unipolare e, dissanguati dai conflitti permanenti nel Medio Oriente, ora mancano delle risorse necessarie a mantenere il comando globale.

La multipolarità implica una molto più equa distribuzione della ricchezza in tutto il mondo e una trasformazione profonda delle istituzioni internazionali come l’ONU, il FMI, la Banca Mondiale, eccetera. Al momento il Washington Consensus sembra irreversibilmente morto e le agende globali dovrebbero essere rinnovate per costruire un’economia con livelli di incertezza molto più bassi, regolamentazioni finanziarie più rigide e maggiore giustizia nell’allocazione dei redditi e dei benefici economici.

I centri di sviluppo economico stanno spostandosi dall’Occidente – che ha dalla sua l’introduzione della rivoluzione industriale – verso l’Asia. Cina e India dovrebbero prepararsi a una corsa economica senza precedenti in uno scenario che vede una forte competizione tra le economie che hanno introdotto il capitalismo di stato e i modelli democratici tradizionali. Cina e India, i due paesi più popolati al mondo, definiranno la direzione e il ritmo di sviluppo nel futuro, ma la battaglia principale per il primato globale verrà giocata tra Stati Uniti e Cina, e in ballo ci saranno il modello socioeconomico post-industriale il sistema politico del XXI secolo.

La domanda che sorge in questo contesto

è, “Come reagiranno gli Stati Uniti alla transizione?”

* * *

Intanto va considerato che qualsiasi

strategia attuata dagli Stati Uniti parte dal presupposto che perdere

il primato globale è per loro una cosa inaccettabile. Il collegamento

tra leadership globale e la prosperità del XXI secolo è un

assioma per le élite statunitensi, indipendentemente dai dettagli politici.

I modelli matematici delle dinamiche

geopolitiche globali assicurano che una guerra vittoriosa di grosse

dimensioni e combattuta con le armi convenzionali

è l’unica opzione a disposizione degli Stati Uniti per invertire

il rapido collasso del suo ancora insuperato

status geopolitico.

È fatto noto che anche i metodi non

militari hanno una loro utilità – come nel collasso dell’Unione

Sovietica – e che le tecnologie relative vengono costantemente impiegate

dagli Stati Uniti. Ma, fino a questo momento, paesi come Cina o Iran

sembrano essere immuni alla manipolazione esterna. Se l’attuale dinamica

geopolitica dovesse persistere, ci si può aspettare un cambio di

leadership globale entro il 2025, e l’unica possibilità che gli

Stati Uniti hanno a disposizione per impedire questo processo è provocando

una guerra allargata.

Questo paese, che deve affrontare un’imminente

perdita della leadership, deve necessariamente colpire per primo,

e Washington sta facendo proprio questo negli ultimi 15 anni. La tattica

specifica degli Stati Uniti è quella di non scegliere come obiettivo

un candidato alternativo al primato geopolitico, ma quei paesi con cui

lo scontro può essere fattibile. Attaccando la Jugoslavia, l’Afghanistan

e l’Iraq, gli Stati Uniti hanno cercato di occuparsi di problemi regionali

o economici relativamente minori, ma un gioco più allargato richiederebbe

per forza un rivale più consistente. Gli analisti militari ritengono

che Iran, Siria e i gruppi sciiti non arabi – come gli Hezbollah in

Libano – hanno le maggiori opportunità di venire colpiti nell’ambito

di una nuova redistribuzione globale.

La redistribuzione è già

in corso. La Primavera Araba provocata e gestita da Washington ha creato

le condizioni adatte per la fusione del mondo musulmano in un unico

califfato. Il piano degli Stati Uniti è che questa nuova formazione

possa aiutare la superpotenza a mantenere la sua presa sulle maggiori

risorse energetiche mondiali e a salvaguardare i propri interessi in

Asia e in Africa. Non ci sono dubbi che lo sfidante degli Stati Uniti

nella composizione di questi accordi è la potenza sempre più forte

della Cina.

Liberarsi di Iran e Siria, che stanno

intralciando il cammino verso il dominio globale statunitense, sarà

il prossimo passo di Washington. I tentativi di mettere in difficoltà

il regime iraniano, provocando le rivolte civili all’interno del paese,

hanno palesemente fallito e gli analisti militari ritengono possa essere

riproposto in Iran uno scenario di intervento simile a quelli implementatati

in Iraq e in Afghanistan. Il piano ha sicuramente l’opportunità di

materializzarsi anche se, al momento, il ritiro delle truppe dall’Iraq

e dall’Afghanistan comporta per gli Stati Uniti una serie di problematiche.

La realizzazione del progetto del Grande

Medio Oriente – con i danni inferti alla posizione di Russia e Cina

– sarebbe il primo desiderio degli Stati Uniti dopo la vittoria in un

conflitto allargato. Questo progetto è diventato ben noto negli Stati

Uniti dopo la pubblicazione nell’Armed Forces Journal della

famosa mappa di Peters. Le motivazioni nascoste dietro a questo disegno

erano di escludere Russia e Cina dal Mediterraneo e dal Medio

Oriente, di separare la Russia dal Caucaso meridionale e dall’Asia Centrale

e di scollegare la Cina dai suoi più importanti fornitori di energia.

La materializzazione del progetto del

Grande Medio Oriente rovinerebbe le prospettive di un pacifico e solido

sviluppo da parte della Russia, mentre il Caucaso del Sud controllato

dagli Stati Uniti invierebbe onde d’urto verso il Caucaso del Nord.

Le rivolte verrebbero provocate dalle forze del fondamentalismo musulmano,

e le regioni russe a prevalenza musulmana sarebbero sicuramente colpite.

Gli Stati Uniti non sono capaci di

sostenere il consenso di Washington contando solamente sugli strumenti

economici e politici. Il cinese Jemin Jibao ha parlato con la massima

chiarezza quando ha scritto che gli Stati Uniti sono diventati un parassita

globale che stampa quantità illimitate di dollari, che li esporta per

pagarsi le proprie importazioni per potersi comprare un ricco tenore

di vita derubando il resto del pianeta. Il primo ministro russo ha espresso

simili considerazioni durante la sua visita in Cina del 17 novembre

2011.

Al momento la Cina sta spingendo

per limitare la sfera di circolazione del dollaro. La quota della moneta

statunitense presente nelle riserve cinesi si sta restringendo e, nell’aprile

del 2011, la Banca Centrale cinese ha annunciato un piano per escludere

il dollaro dalle compensazioni internazionali. Il colpo inferto al dominio

valutario degli Stati Uniti non rimarrà

senza risposta, evidentemente. L’Iran sta tentando allo stesso modo

di ridurre la quota di dollari che vengono utilizzati nelle transazioni:

nel luglio 2011 ha aperto una borsa petrolifera dove vengono accettati

solo l’Euro e la valuta iraniana. Iran e Cina stanno trattando

uno scambio di prodotti cinesi con il petrolio iraniano che, tra l’altro,

renderebbe possibile aggirare le sanzioni imposte all’Iran. Il dirigente

iraniano detto che il volume di scambi del suo paese con la Cina dovrebbe

raggiungere i 100 miliardi di dollari, e ciò renderebbe il piano di

aggiramento degli Stati Uniti assolutamente insignificante.

Gli sforzi degli Stati Uniti per

minare la stabilità nel Medio Oriente possono in parte essere attribuiti

al fatto che la ricostruzione delle infrastrutture devastate in tutta

la regione renderebbe necessaria una massiccia infusione di dollari,

rivitalizzando così l’economia statunitense. Nel 2011 la strategia

degli Stati Uniti per la conservazione della propria

leadership globale punterà

a politiche basate sulla forza, mentre Washington sta anche pensando

alla svalutazione del dollaro tra le possibili soluzioni alla crisi.

Una guerra di primo livello potrebbe davvero servire allo scopo.

Al termine, il vincitore sarebbe in grado di imporre le proprie condizioni

al resto del mondo come avvenne quando il sistema di Bretton Woods fu

introdotto nel 1944. Per Washington, per guidare il mondo bisogna essere

pronti a combattere una guerra globale.

L’Iran potrà riuscire, se ben

appoggiato, a porre fine all’espansione universale degli Stati Uniti?

La domanda avrà la sua risposta nel prossimo articolo.

**********************************************

Fonte: Why The US Needs a Major War

04.01.2012

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da supervice

  • borat

    l’articolo e’ un accrocchio di supposizioni e di ipotesi non scientifiche

    meglio l’oroscopo di barbanera o di frate indovino visto che siamo in tema

  • misunderestimated

    Cazzo, a 30 anni sarò troppo vecchio per la Nuova Grande Guerra: non possiamo cominciare ora?

  • Kazonga
  • Fabriizio

    l’articolo m’è sembrato assai equilibrato. Norevole.

  • bstrnt

    Non credo sia un accrocchio di supposizioni!
    Se poi in qualche modo queste “supposizioni” sono suffragate da proiezioni uscite in qualche modo dall’Accademia di Studi Geostrategici di Mosca, penso ci sia da esserne preoccupati.
    Finora le “profezie” uscite dalla bocca di Leonid Ivashov, purtroppo si sono avverate.
    Che gli USA, oramai in fase declinante al pari degli stupidi vassalli europei, stiano puntando le loro carte sulla potenza militare non è un segreto per nessuno; per ora si sono limitati ad assalire e depredare Afganistan (droga), Iraq e Libia (petrolio) e sono in corsa contro il tempo per limitare le uniche due potenze che possono opporre una qualche resistenza e il tempo gioca a favore di queste ultime.
    Il fatto, poi, che la supremazia USA non debba essere messa in discussione la dice lunga sulla possibilità di future guerre che spostate troppo il là nel tempo potrebbero essere fatali per gli USA.
    Da rimarcare le stupidità e la stoltezza degli stati europei praticamente eletti a carne da macello in questa diatriba.