Paralisi di Bell dopo la terza dose del vaccino Pfizer

Una grave paralisi facciale ha colpito Stan Scheuerman dopo la terza dose del vaccino Pfizer

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Occorre sensibilizzare maggiormente le persone sulle potenziali conseguenze della vaccinazione contro il COVID-19”.

Questo è ciò che Millie e Stan Scheuerman hanno detto al Barrhead Leader, giornale locale della cittadina di Barrhead nella provincia canadese dell’Alberta, la scorsa settimana. I due coniugi credono che il terzo richiamo ricevuto da Stan sia la causa della sua paralisi di Bell.

La paralisi di Bell è una condizione neurologica che fa sì che i muscoli facciali diventino improvvisamente deboli o paralizzati. Può colpire chiunque a qualsiasi età. Si verifica più spesso nelle donne in gravidanza, nelle persone che hanno il diabete, l’influenza, il raffreddore o un altro disturbo delle vie respiratorie superiori.

La condizione è spesso temporanea, con sintomi che durano da poche settimane a sei mesi.

Gli è stato diagnosticato il 5 gennaio, circa due settimane dopo aver ricevuto la sua iniezione di richiamo.

Non siamo anti-vaxxer”, ha detto Millie. “Crediamo che il COVID sia reale. Siamo entrambi tre volte vaccinati, ma non pensiamo che si sia parlato abbastanza dei potenziali effetti collaterali della vaccinazione”.

All’inizio di agosto, Health Canada ha aggiornato le informazioni sul prodotto della vaccinazione Pfizer-BioNTech per includere la paralisi di Bell come effetto collaterale potenzialmente raro.

Quando hanno detto che potrebbero esserci potenziali effetti collaterali, non ero preoccupato”, ha detto. “Perché mai, fino all’ultimo, ho avuto una brutta reazione.

Tuttavia, ha detto, nelle farmacie in cui ha ricevuto il vaccino, non ha ottenuto molte informazioni sui potenziali effetti collaterali.

Millie ha vissuto la stessa cosa quando ha ricevuto le dosi.

Parte di ciò che percepiamo è che gli effetti collaterali sono stati minimizzati”, ha detto, aggiungendo non solo alle farmacie ma ai media mainstream.

Stan ha aggiunto all’inizio che c’era molta copertura mediatica sui potenziali effetti collaterali di AstraZeneca e sulla coagulazione del sangue, ma non tanto quando Moderna e Pfizer-BioNTech sono diventati i vaccini preferiti.

Millie e Stan hanno notato che qualcosa non andava la sera del 21 gennaio.

Il suo occhio era largo come una pallina da ping pong”, ha detto.

Stan ha aggiunto di aver notato più sintomi più tardi quando si è lavato i denti e l’acqua continuava a uscirgli dalla bocca.

Poi ho notato la bocca cadente… pensavo di avere un ictus”, ha detto.

Millie lo ha quindi portato d’urgenza al pronto soccorso del Barrhead Healthcare Center e gli è stata diagnosticata la paralisi di Bell.

Il medico lo ha anche indirizzato a Westlock per ulteriori test, in particolare una TAC per escludere definitivamente un ictus.

Ho chiesto se potesse essere correlato al vaccino perché ha appena ricevuto il suo terzo vaccino due settimane fa”, ha detto.

Il dottore disse: “probabilmente no”.

Ha quindi mostrato al medico il sito Web di Health Canada che elencava la condizione come potenziale effetto collaterale raro del vaccino Pfizer-BioNTech.

Tuttavia, il dottore ha detto che potrebbe essere una possibilità, ma diverse cose potrebbero essere state la causa e sarebbe difficile sapere con certezza.

Da allora, Millie ha incontrato qualcuno che ha avuto un’esperienza simile, il che le ha fatto pensare che fosse correlata alla vaccinazione.

Per quanto riguarda il modo in cui Stan si sente ora e la sua prognosi, ha detto che sebbene i suoi sintomi siano migliorati, gli effetti della paralisi di Bell sono ancora immediatamente evidenti. È stato anche indirizzato all’ospedale dell’Università dell’Alberta per vedere un neurologo.

La percezione di base creata dal governo attraverso la sua pubblicità è che la vaccinazione ti renda più al sicuro”, ha detto Millie. “Ma c’è il potenziale svantaggio e, sebbene ci rendiamo conto che gli effetti collaterali sono rari, esistono e si verificano. Le persone devono capirlo”.

Ha anche suggerito che se l’operatore sanitario non ti parla dei potenziali rischi prima di essere vaccinato, bisogna chiedere loro quali siano.

Si tratta di consapevolezza”, ha detto Stan. “I vaccini hanno grandi benefici, ma ci sono persone che non hanno avuto un grande risultato”.

La dottoressa Kathryn Koliaska, funzionario sanitario della zona nord dell’Alberta Health Services (AHS), ha affermato che la vaccinazione è di gran lunga lo strumento migliore che le persone hanno per prevenire la malattia COVID-19 e gli scarsi risultati di salute.

Continuiamo a raccomandare il completamento di tutte le dosi di vaccini COVID-19 a cui gli individui sono idonei a seconda dell’età e dello stato di salute”, ha affermato.

Secondo il sito Web MyHealthAlberta, alcuni degli effetti collaterali più comuni dopo la vaccinazione includono arrossamento, calore, gonfiore, lividi, prurito o dolore nell’area del colpo; una sensazione generale di malessere o stanchezza; articolazioni doloranti o dolore alle braccia o alle gambe; nausea con vomito o diarrea; linfonodi ingrossati; un ridotto senso del tatto o sensazione di intorpidimento; vertigini, eruzioni cutanee o orticaria; e nel caso di AstraZeneca, mal di gola, tosse o naso che cola.

C’è anche la possibilità di sviluppare effetti collaterali più gravi ma rari come miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco), pericardite (infiammazione del rivestimento intorno all’esterno del cuore), coaguli di sangue e paralisi di Bell. Come con qualsiasi farmaco, c’è anche una rara possibilità di avere una reazione allergica.

Abbiamo un fenomenale sistema di monitoraggio della sicurezza dei vaccini, nel mondo, nel paese e nella provincia”, ha affermato Koliaska. “E’ meglio di qualsiasi altro momento nella storia.

Ha aggiunto che se le persone hanno una reazione fuori dall’ordinario dopo aver ricevuto una vaccinazione COVID-19, sono incoraggiate a segnalarlo al fornitore del vaccino, in molti casi alla farmacia locale o all’811 HealthLink.

Sfortunatamente, Koliaska ha affermato che spesso è difficile dire se una presunta reazione sia dovuta alla vaccinazione o ad altri problemi di salute.

Non tutto ciò che accade dal punto di vista sanitario, nelle 24, 48 ore o in una sequenza temporale più recente, è veramente dovuto al vaccino”, ha detto. “Ecco perché è importante riferire al sistema di sicurezza del vaccino. Abbiamo dei macchinari straordinari dietro le quinte dell’Alberta Health Services che esamina ciascuno di questi rapporti e fa una revisione del caso per capire se è correlato al vaccino”.

Per quanto riguarda gli Scheuerman che non sono stati informati dei potenziali effetti collaterali, Koliaska ha detto che è stato un peccato.

Tuttavia, ha notato che ci sono molte buone informazioni sui potenziali effetti collaterali di ciascuno dei vaccini e ha incoraggiato le persone a fare le proprie ricerche, aggiungendo che sia Alberta Health  che AHS dispongono di informazioni di facile comprensione con collegamenti diretti ad altre fonti di informazioni credibili come Health Canada.

Fonte articolo: https://www.eventiavversinews.it/una-grave-paralisi-facciale-ha-colpito-stan-scheuerman-dopo-la-terza-dose-del-vaccino-pfizer/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x