Home / ComeDonChisciotte / L'UNIVERSO ELETTRICO: UNA COSMOLOGIA PER IL SECOLO XXI

L'UNIVERSO ELETTRICO: UNA COSMOLOGIA PER IL SECOLO XXI

DI MICHAEL GOODSPEED
Thunderbolts

“Una nuova verità scientifica non trionfa perché i suoi oppositori si convincono e vedono la luce, quanto piuttosto perché alla fine muoiono, e nasce una nuova generazione a cui i nuovi concetti diventano familiari!” — Max Planck, fisico teorico tedesco

“La credibilità è valuta”. Un giorno mi è schioccata nella mente questa frase, e ritendendomi una persona piuttosto intelligente, me la sono attribuita, nella speranza di averla inventata io stesso. Ma ho poi scoperto che non era mia. Un autore il cui nome non riesco a ricordare ha scritto, “la credibilità è valuta: difficile da ottenere, e ancora più facile da perdere”.

Questa dichiarazione può essere applicata virtualmente a qualunque attività umana, e probabilmente a nessuna calza meglio delle scienze teoriche – un tentativo inerentemente idealista per fare avanzare la comprensione umana. Uno scienziato “credibile” può avere l’orecchio del mondo intero, e nulla esprime meglio la sua “credibilità” di queste tre lettere – PhD [Dottorato di Ricerca, ndt].

A seguito, Quando muore l’ego (Michael Goodspeed; Thunderbolts)

Nota: le immagini non sono necessariamente legate al testo

Il lavoro degli scienziati ha un enorme impatto nella vita di tutti i giorni. Non dipendiamo dagli scienziati solamente affinchè ci aiutino a comprendere il mondo naturale. Dipendiamo dai loro punti di vista per guidarci in importanti decisioni personali, comprese quelle che hanno a che fare con la salute e il nostro stile di vita [ricordate il fervore di breve durata nei confronti della Dieta di Atkins?]. Il rispettabile scienziato con gli occhiali, che i mass media definiscono un “esperto” ha il potere di cambiare la maniera in cui pensiamo, e quindi di cambiare il mondo.

Ma la credibilità può essere paragonata ad un arazzo dai contorni molto complessi. Oltre ai quei requisiti tangibili che uno scienziato “credibile” deve possedere, ci sono quelle qualità intangibili quali l’onestà, l’integrità, e l’apertura mentale verso nuove possibilità. Ad un livello individuale, la maggior parte degli scienziati accreditati può per la verità possedere queste qualità. Ma non si può giudicare la validità di un’opinione scientifica solamente sulla base di quanto “accreditato” sia un individuo.

Ho il sospetto che la maggior parte delle persone non trovi molte ragioni per mettere in discussione l’establishment scientifico. La maggior parte di noi ritiene che l’esperto sappia ciò di cui sta parlando e che non abbia alcun motivo per volerci ingannare. Ma coloro che sono stati rimossi dal vertice di comando della scienza sanno che al di sotto del nobile manto esterno di molte istituzioni sono numerose le tendenze che spingono verso la manovra politica e la manipolazione, spesso con conseguenze altamente distruttive. Questa situazione non dovrebbe sorprenderci più di tanto. Il denaro, la reputazione, il campo di visuale limitato, e il momentum di precedenti credenze [ossia la capacità di mantenere inalterata la propria influenza nel pensiero contemporaneo, ndt] hanno sempre avuto il potere di corrompere la libera ricerca e di dissuadere in maniera sottile gli individui dal mettere in discussione quelle idee che si sono andate istituzionalizzando.


Ma il problema più acuto di oggi è un qualcosa di unico dei secoli ventesimo e ventunesimo, ed è legato inseparabilmente alla creazione di un sistema centralizzato di fondi che vengono distribuiti alle ricerche scientifiche. Ci sono coloro che credono la scienza non si stia solamente sbagliando riguardo ad alcune interessanti possibilità teoriche, ma che si sbagli IRRIMEDIABILMENTE sulle domande più importanti e fondamentali che la scienza possa porsi. Ma a chi dovremmo dare ascolto per risolvere tutto questo? Se i critici hanno ragione, questo significa che miliardi di dollari di tasse sono stati mal diretti e/o sono andati completamente sprecati al solo scopo di inseguire chimere. La vostra risposta a tutto questo potrebbe essere, “Va bene… ma chi sei tu per fare simili affermazioni?”. Posso rispondere dicendo che non sono un professionista ma che ho seguito con particolare interesse le scoperte che sono state fatte grazie al lavoro di quei ricercatori indipendenti che sono scettici riguardo all’attuale consenso scientifico. Ma va sottolineato che la parola “scettico” è stata degradata e male utilizzata nel corso degli anni fino al punto che alcuni la interpretano come se significasse un’opposizione a qualunque cosa che non sia convenzionale [per esempio “scetticismo” verso il paranormale, gli UFO, le teorie cospirative, etc]. In realtà, la parola “scettico”, ha un significato diametralmente opposto. L’American Heritage Dictionary la definisce nella seguente maniera: “Chiunque abitualmente o in maniera istintiva tende a dubitare, a mettere in discussione, o è in disaccordo con asserzioni o conclusioni che sono generalmente accettate”.

Nell’ambito della scienza attuale, le “conclusioni generalmente accettate” vengono ordinariamente presentate come se fossero “fatti” indiscutibili. Dal Big Bang, all’evoluzione dei pianeti, dalla natura delle comete, a fenomeni altamente speculativi e misteriosi quali i buchi neri, la materia scura e l’energia scura, la grande immagine cosmologica viene presentata con una tale sicurezza che i mass media in questo paese non l’hanno quasi mai messa in discussione. Ma l’immagine può risultare assai meno chiara di quello che siamo stati indotti a credere. Completamente rimossi dai riflettori dei media scientifici, i critici hanno suggerito che un solo errore fondamentale ha finito per infettare le scienze teoriche. Questo errore è l’idea che l’universo sia elettricamente neutro – ossia che l’elettricità non abbia “niente a che fare” con lo spazio. È un’affermazione del tutto perversa, data la schiacciante importanza che l’elettricità ricopre nelle nostre vite.

Le più recenti nonchè fondamentali scoperte che sono state fatte hanno consistentemente messo in discussione le interpretazioni delle teorie convenzionali su questo punto. Allo stesso tempo, hanno incoraggiato un interesse considerevole verso un’ipotesi alternativa – ossia quella dell’Universo Elettrico.

Nello studio delle comete, per esempio, i ricercatori sono rimasti talmente confusi da alcune inaspettate scoperte che si può dire la teoria convenzionale sulle comete non esista più! Tuttavia le comete vengono descritte come “Pietre di Rosetta” perchè ci permettono di decifrare la formazione del sistema solare. L’ipotesi sulla “palla di neve sporca”, che è stata considerata per molti decenni un vero e proprio pilastro teorico, ha fallito in maniera clamorosa nel predire il comportamento delle comete e, in tempi più recenti, non è neppure stata in grado di fornirci le giuste informazioni sulla loro composizione. Le sorprese più drammatiche hanno avuto inizio nel 1986, quando sono stati scoperti numerosi ioni carichi negativamente nel chioma della Cometa di Halley, ossia i segni di una attività energetico-elettrica, e l’assenza di una qualunque prova che indicasse la presenza di acqua nel nucleo della cometa. Negli anni seguenti, le comete hanno dato vita ad un flusso di “fenomeni misteriosi” talmente costante e regolare che gli astronomi sono stati costretti a tornarsene alle loro lavagne. Tali fenomeni comprendono:

• Getti supersonici altamente energetici che esplodono nei nuclei delle comete.

• Getti filamentosi di cometa, trattenuti a malapena, che si estendono per lunghe distanze e che rappresentano una sfida concreta all’atteso comportamento dei gas neutri nel vuoto.

• Superfici di cometa che presentano rilievi incisi in maniera precisa – l’esatto opposto di quello che gli astronomi si aspettavano seguendo il modello della “palla di neve sporca”.

• Temperature inaspettatamente elevate ed emissioni di raggi x dalle chiome delle comete.

• Una riserva alquanto ridotta o la completa assenza di acqua e di altre sostanze volatili nei nuclei delle comete.

• Particelle minerali che possono formarsi solamente a temperature estremamente elevate.

• Comete che si infiammano mentre si trovano in uno stato di “congelamento profondo”, oltre l’orbita di Saturno.

• Comete che si disintegrano a molti milioni di miglia dal Sole.

• Particelle di polvere di cometa divise più finemente e uniformemente di quello che ci si dovrebbe aspettare da “ghiaccio sporco” in sublimazione.

• Espulsione di particelle più grandi e di “ghiaia”, un fenomeno che non era mai stato predetto se ci si rifà all’ipotesi che le comete sono risultate da nuvole primordiali di ghiaccio, gas e polvere.

• Minerali che possono essere creati solo a temperature elevate.

Tutte le scoperte appena elencate pongono enormi difficoltà al modello della “palla di neve sporca”: sono tutte prevedibili caratteristiche del modello elettrico.

Nonostante tutto questo, ci sono buone probabilità che voi non abbiate mai anche solo SENTITO PARLARE dell’ipotesi della cometa elettrica! [Ma se aveste vissuto alla fine del diciannovesimo secolo magari potreste averne sentito parlare]. La ragione di questo è che le scienze spaziali si sono andate articolando nel corso del ventesimo secolo sulla base dell’assunto teorico che i corpi nello spazio siano elettricamente neutri. Una cometa elettrica andrebbe quindi ad incidere sulle fondamenta stesse su cui si reggono le scienze teoriche dei giorni nostri.

Se un assunto fondamentale come questo si dimostra errato, le relative ramificazioni andrebbero ben al di là delle teoria sulle comete. Secondo Wallace Thornhill e gli altri proponenti del modello dell’Universo Elettrico, la cometa elettrica è inestricabilmente legata al modello elettrico del Sole, un modello le cui implicazioni sono molto ampie:

Fu il dottor Charles E. R. Bruce della Associazione per la Ricerca sull’ElettricitàElectrical Research Association – che nel 1944, in Inghilterra, mise in moto l’elaborazione di un modello scientifico sul “sole elettrico”. Secondo Bruce, la “fotosfera del sole [la superficie solare] ha l’aspetto, la temperatura e lo spettro di un arco elettrico; ha queste caratteristiche perchè è un arco elettrico, o un gran numero di archi in parallelo”. Questa caratteristica di scaricamento, ha affermato, “è responsabile di quel fenomeno che è stato osservato della granulazione della superficie solare”. Il modello di Bruce, tuttavia, venne formulato sulla base di una comprensione convenzionale del lampo atmosferico, che gli permise di immaginare il Sole “elettrico” senza dover far riferimento a campi elettrici esterni.

[La parte esterna del sole è composta da tre differenti “zone”: la fotosfera che è la superficie che vediamo, che ha una temperatura intorno ai 5000 gradi Kelvin, sulla fotosfera sono visibili le macchie solari (zone più fredde) e il fenomeno della granulazione che fa apparire la fotosfera stessa come composta da “granuli” (vedi foto in basso). Al di sopra della fotosfera vi sono due zone in cui la densità del plasma (materiale ionizzato, atomi in cui gli elettroni sono separati dai nuclei) decresce e la temperatura aumenta: la cromosfera e la corona. I meccanismi di riscaldamento del plasma coronale non sono completamente chiari e generalmente sono attribuiti allo sviluppo di onde d’urto e fenomeni elettromagnetici e “magnetoidrodinamici”. Mentre la fisica del plasma è un campo molto sviluppato essa assume generalmente che il plasma sia elettricamente neutro: su scala macroscopica non vi sarebbe separazione tra cariche negative (ad es. elettroni) e positive (ad es. protoni e nuclei atomici). Il presente articolo espone il punto di vista dei ricercatori che considerano l’eventualità che tale separazione delle cariche possa esistere anche su scala macroscopica, fornendo una spiegazione a fenomeni di fisica planetaria e cosmologia attualmente poco chiari.]

[La fotosfera solare: evidente il fenomeno della granulazione e delle macchie solari (“sunspot”)]

Anni dopo, un brillante ingegnere, Ralph Juergens, ispirato dal lavoro di Bruce, andò ad aggiungere alla sua ipotesi una possibilità rivoluzionaria. In una serie di articoli che vennero scritti a partire dal 1972, Juergens suggerì che il Sole non è un corpo elettrico isolato nello spazio, ma che giace all’interno di un più ampio campo galattico. Con questa sua ipotesi, Juergens fu il primo a compiere il salto teorico necessario per prospettare l’esistenza di una fonte di energia esterna per il Sole.

Juergens propose che il Sole è l’oggetto più positivamente carico nel sistema solare, il centro di un debole campo radiale elettrico e l’epicentro di un processo di “coronal glow discharge” (“scaricamento incandescente della corona”) alimentato da correnti galattiche. Questo spiega il perchè una cometa, che si muove rapidamente attraverso un campo elettrico che va rafforzandosi, nel momento in cui si avvicina al Sole, cominci a scaricarsi sotto la pressione delle tensioni elettriche.

Per evitare di fraintendere questo concetto, è essenziale che distinguiamo il complesso modello elettrodinamico che è alla base dello scaricamento incandescente del Sole da un semplice modello elettrostatico che può essere facilmente confutato.

Da un capo all’altro della maggior parte del volume di uno scaricamento incandescente della corona il plasma è “quasi” neutro, e presenta praticamente lo stesso numero di protoni e di elettroni. Una situazione del tutto simile esiste all’interno di un tubo di luce fluorescente. La corrente viene trasportata principalmente da un impulso di elettroni all’interno di un debole campo elettrico verso l’elettrodo positivo [il Sole]. È solo al di sopra della corona, in prossimità del Sole, che il campo elettrico diventa sufficientemente forte da generare tutti i fenomeni brillanti ed energetici che osserviamo sul Sole.

Nel modello elettrico, la fonte di energia esterna del Sole è la ragione per la quale la temperatura si innalza in maniera SPETTACOLARE più tende ad aumentare la distanza dalla superficie del Sole – esattamente il contrario di ciò che ci si aspetterebbe di vedere se il calore irradiasse dal cuore del Sole. Dai circa 4400 gradi K [Kelvin – unità base della temperatura nel sistema internazionale] che si registrano a 500 chilometri al di sopra della fotosfera, la temperatura si innalza costantemente fino a raggiungere i circa 20.000 gradi K in cima alla cromosfera, all’incirca 2200 chilometri al di sopra della superficie del Sole. A questo punto si verifica un aumento brusco, che eventualmente raggiunge i 2 milioni di gradi nella corona. E anche ad una maggiore distanza dal Sole, l’attività energetica di atomi ionizzati di ossigeno raggiunge la sorprendente temperatura di 200 milioni di gradi! Questa è l’ultima cosa che uno si aspetterebbe di vedere da una fornace nucleare nascosta nel nucleo del Sole. Ma è la natura osservata del processo di scaricamento della corona.

I teorici del modello elettrico sottolineano all’incirca due dozzine o più di caratteristiche del Sole che pongono dei problemi alla teoria standard, e che vanno dal “difficile” all'”impossibile” da spiegare. In ognuna delle casistiche, la caratteristica osservata segue logicamente dal modello dello scaricamento incandescente. Forse la più efficace illustrazione di questo contrasto è la questione del vento solare. Il Sole emette continuamente un flusso di particelle cariche positivamente, ma queste particelle non solo non vengono influenzate dalla forza di gravità del Sole, ma continuano ad accellerare man mano che si allontanano dal Sole. Fin dai tempi della scoperta di questo misterioso comportamento, avvenuta molti decenni fa, i teorici del Sole non hanno mai messo a punto una spiegazione che potesse reggere ad un esame accurato. Pensavano di avere trovato una spiegazione parziale quando affermarono che la radiazione solare [la luce del Sole] continuava a spingere verso l’esterno le particelle cariche. Per i teorici del modello elettrico, questa non solo era una spiegazione debole, ma mancava anche di un qualunque sostegno sperimentale, il quale dovrebbe essere la prima risorsa da cui attingere.

I teorici del modello elettrico sono, infatti, disturbati dall’incapacità del mainstream scientifico di vedere ciò che ritengono essere del tutto evidente. Tutti gli elettrotecnici sanno che esiste un modo molto semplice per accelerare le particelle cariche – lo fanno regolarmente ricorrendo ai campi elettrici. Se il Sole è un corpo carico che si trova al centro di un campo elettrico, l’accelerazione di particelle cariche da parte di questo campo è un dato di fatto.

L’esempio più irresistibile di questo principio lo si è avuto fra il 15 e il 19 gennaio del 2005, quando si verificò l’eruzione di quattro potenti bagliori solari dal “sunspot 720” (“macchia solare 720”). Quindi, il 20 gennaio, la quinta esplosione produsse un’espulsione di massa dalla corona – coronal mass ejection [CME] – a velocità che vanno ben al di là della capacità di spiegazione da parte di un qualunque modello convenzionale. Come riassunto nella Foto del Giorno su Thunderbolts, “Mentre spesso sono necessarie più di 24 ore alle particelle cariche di una esplosione solare per raggiungere la Terra, questa ha rappresentato una profonda eccezione. Solamente 30 minuti dopo l’esplosione, la Terra [che dista circa 96 milioni di miglia dal Sole] era immersa in quella che gli scienziati della NASA hanno definito “la più intensa tempesta protonica che si sia mai verificata in decenni”.

È piuttosto indicativo il fatto che è quasi impossibile trovare, in tutti i tentativi mainstream di spiegare il vento solare, un qualunque cenno o memoria riguardante questo evento.


Il punto che qui si vuole sottolineare non è solamente che il modello elettrico è alla base delle difficoltà più problematiche a cui si trova di fronte la teoria standard: il modello è parte di una fotografia del cosmo più ampia e maggiormente unificata. Come la cometa elettrica conduce inevitabilmente al Sole elettrico, così la cometa elettrica ed il sole elettrico suggeriscono una prospettiva radicalmente nuova per tutte le scienze teoriche che vanno dalla storia planetaria alle origini del cosmo.

Wallace Thornhill, per esempio, suggerisce che la cometa elettrica fornisca il miglior modello per comprendere le caratteristiche della superficie dei pianeti e delle lune. Prove non riconosciute che si sono andate accumulando nel corso dell’Era Spaziale mettono in chiara evidenza che i pianeti sono corpi carichi di energia. Movimenti instabili all’interno del campo elettrico del Sole, o movimenti che portino i pianeti a incontri ravvicinati, condurrebbero ad eventi devastanti di scaricamento elettrico, e questo potrebbe indurre gli stessi pianeti ad assumere i connotati delle comete. È quindi essenziale che venga attribuita un’alta priorità ad un’aperta riconsiderazione della storia planetaria. E questa indagine deve includere la possibilità che i pianeti fossero, in epoche precedenti, immersi nel processo di scaricamento elettrico e che la loro superficie fosse percorsa da eventi elettrici ad alto contenuto energetico. In altre parole, quello che sta succedendo sulle comete attive è un indicatore diretto delle forze che agirono sui pianeti in un’epoca remota dell’evoluzione planetaria.

L’esplorazione dello spazio ha rivelato continuamente caratteristiche dei pianeti e degli altri corpi rocciosi che non possono essere spiegate ricorrendo all’ipotesi degli impatti dallo spazio e alla famigliare geologia planetaria [vulcanismo, erosione acquifera, o diffusione di superficie]. Fin da quando sono stati puntati i telescopi sulla Luna, la singola caratteristica geologica che ha maggiormente catturato l’attenzione estatica degli astronomi sono stati i crateri. Per interi decenni, la questione irrisolta fu quella di stabilire se i crateri sulla Luna si fossero formati a causa di attività vulcanica o piuttosto di un impatto esterno dallo spazio. Con il programma spaziale Apollo, gli astronomi hanno creduto che si fosse trovata una soluzione alla questione. I crateri dominanti sulla Luna erano stati creati dal violento impatto sulla superfice di oggetti celesti, questo è quanto dichiararono gli scienziati.

Questa conclusione parve tanto chiara che virtualmente nessuno si soffermò a sufficienza per notare la litania di fatti riguardanti i crateri lunari che mettono in dubbio l’intera ipotesi. Una volta che si affermò il modello dell’impatto dallo spazio, gli astronomi e i geologi cercarono di replicare in forma sperimentale gli schemi davvero unici riguardanti la formazione dei crateri sulla Luna e in ogni altra parte nel sistema solare. In certe occasioni, la pubblicazione di notizie decretò i “successi” di tali esperimenti, ma ad un livello più fondamentale e scientifico, dove i modelli dettagliati dei crateri lunari richiedevano una conferma in forma sperimentale, gli esperimenti si rivelarono essere un totale fallimento. Le caratteristiche dei crateri che hanno origine dagli impatti ad alta velocità non corrispondono alle caratteristiche dei crateri lunari. Né corrispondono alle caratteristiche dei crateri la cui presenza osserviamo in tale abbondanza sulla superficie di Marte o sulle Lune di Giove e di Saturno e di tutti gli altri corpi rocciosi che sono presenti nel sistema solare. Questo fallimento da parte degli esperimenti condotti per testare l’ipotesi dell’impatto dallo spazio, comunque, non pare che sia stato fatto oggetto di alcuna pubblicazione di notizie.

Le anomalie comprendono [tanto per citarne solo alcune]:

• La rimarchevole circolarità di quasi tutti i crateri di tutte le forme. Impatti obliqui dovrebbero invece dar vita a numerosi crateri ovali;

• La mancanza di quel danno collaterale che ci si dovrebbe attendere se la circolarità del cratere fosse dovuta ad un’esplosione avvenuta in prossimità del terreno, come nel caso di una detonazione termonucleare;

• Le superfici dei crateri appaiono essere piane e disciolte invece di essere costituite da uno scavo a forma di piatto causato dall’esplosione dell’impatto. Gli impatti e le esplosioni ad alto contenuto energetico – comprese le bombe atomiche – non causano lo scioglimento di materiale che sia sufficiente per creare superfici piane.

• Molti crateri sono caraterizzati da pareti ripide piuttosto che presentarsi nella forma di un piatto di scarsa profondità, una conformazione che ci si aspetta dall’esplosione causata da un impatto supersonico;

• L’inaspettata formazione di terrazze sulle pareti dei crateri più grandi, con la presenza di superfici disciolte per alcune di queste terrazze;

• Un gran numero di crateri secondari concentrati sui bordi dei crateri più grandi;

• L’assenza di crateri più grandi che attraversano i crateri più piccoli;

• Catene intricate di piccoli crateri lungo il bordo di crateri più grandi;

• Un numero estremamente eccessivo di crateri accoppiati e di catene di crateri;

• Dispersione minimale quando un cratere si inserisce dentro un altro;

• Ripetute e altamente “improbabili” associazioni di crateri che sono contigue a buche e strette vallate incise in maniera pulita, dalle quali il materiale è semplicemente scomparso;

• Raggi di “ejecta” [particelle emesse durante la formazione di un cratere] tangenziali al bordo del cratere;

• Anelli concentrici.

Invece di prendere in considerazione questi sfidanti, gli scienziati planetari hanno smesso di porsi le domande più importanti. Per la verità, devono ancora considerare un fatto di straordinaria importanza per il futuro della scienza planetaria: tutti i modelli riguardanti la formazione dei crateri primari nel sistema solare possono essere riprodotti attraverso lo scaricamento elettrico in laboratorio. Lo stesso non può dirsi di qualunque altro agente causale che è stato esplorato nel corso dell’era spaziale.

Il nostro vicino, Marte, il pianeta più studiato nel sistema solare [al di fuori della Terra] offre esempi quasi illimitati. La superficie di Marte rivela la prova evidente di quella che è una violenta cicatrice elettrica.

Lo stupendo abisso Valles Marineris si dispiega per più di 3000 miglia – l’equivalente di centinaia di Grand Canyon. Agli inizi degli anni 70, l’ingegnere Ralph Juergens ha ipotizzato che in un’età precedente descritta da un’elevata instabilità planetaria, gli archi elettrici fra corpi celesti carichi furono responsabili della creazione di molte delle caratteristiche che sono presenti su Marte. Nel 1974, Juergens scrisse a proposito del Valles Marineris:

“Quello che questa regione maggiormente ricorda è un’area percorsa da un potente arco elettrico che avanza in maniera non regolare lungo la superficie, scindendosi occasionalmente in due parti, e che si indebolisce di tanto in tanto, così che le sue tracce si restringono e degradano anche in linee di crateri disconnessi.”

Più recentemente, Wallace Thornhill ha sostenuto che l’intera regione del Valles Marineris ha la stessa morfologia del più grande fenomeno di scaricamento elettrico dell’universo – la galassia a spirale barrata. [Foto 1- Si veda Galassie a Spirale e Grand Canyon]

All’inizio, gli scienziati planetari hanno speculato che era stata l’erosione dell’acqua l’agente che aveva reso possibile la creazione del Valles Marineris, ma questa teoria è stata confutata ricorrendo ad immagini a risoluzione più alta. Adesso, alcuni sostengono l’ipotesi di una diffusione di superficie e della relativa formazione di fenditure. Ma dopo aver condotto un esame più scrupoloso, non è possibile provare che si sia mai verificata alcuna diffusione di superficie.

E quindi che cosa è successo a tutto il materiale “mancante”? Seguendo l’ipotesi del modello elettrico, questo venne scavato in maniera esplosiva da un processo chiamato electric discharge machining [EDM]. E i residui risultanti non vennero solamente sparsi per tutta la superficie di Marte ma la maggior parte di esso venne accelerato elettricamente nello spazio. Dalla posizione di vantaggio nella quale ci troviamo, non è una coincidenza che ancora oggi le meteoriti di Marte stiano cadendo sulla Terra.

Una delle più affascinanti anomalie geologiche di Marte è la presenza dei cosidetti “mirtilli” – ossia di sfere molto piccole di colore blu-grigio, del diametro di 0.45 centimetri che sono contenute nel suolo Marziano che è ricco di ferro. Dopo un’analisi spettroscopica, le piccole sfere furono identificate come “concretions hematite” – “masse sferiche di ematite”. Il processo formativo dei “mirtilli” rimane un vero enigma per gli scienziati planetari. Il fisico del plasma, il Dr. CJ Ransom dei laboratori Vemasat, ha tuttavia condotto il proprio esperimento per testare la spiegazione del modello elettrico sulle masse sferiche e i mirtilli Marziani. Ha investito una certa quantità di ematite con un arco elettrico e ciò che ne è risultato sono piccole sfere incassate con caratteristiche del tutto simili ai mirtilli Marziani. Nessun altro esperimento di laboratorio ha fornito un simile risultato [Foto 2 – Si veda I “Mirtilli” Marziani in Laboratorio]

Una caratteristica significativa dello scaricamento elettrico è il suo essere SCALABILE – ossia quello che viene osservato su piccola scala è anche osservabile su scala più grande. E i “mirtilli” di Marte potrebbero avere una ben più grande analogia con la forma a cupola dei crateri presenti sul pianeta. Le telecamere in orbita hanno infatti scoperto numerosi crateri con cupole o sfere che sono contenute al loro interno. Questi crateri a cupola variano nella loro ampiezza da un centinaio di metri o meno [il limite della risoluzione della telecamera] fino ad un chilometro o più. Le similarità fra questi crateri a cupola e i “mirtilli” di laboratorio, molti dei quali formano crateri interni, sono impressionanti. Questo elemento da solo dovrebbe essere più che sufficiente ad incoraggiare un’indagine ulteriore. [Foto 3 – Si veda Crateri a Cupola su Marte]

Per i proponenti del modello dell’Universo Elettrico, la prova geologica delle cicatrici elettriche che sono presenti sui pianeti e sugli altri corpi rocciosi è una dimostrazione irresistibile della violenza planetaria e dell’instabilità che prevalsero nel passato. L’ipotesi di un sistema solare instabile, nel recente passato venne portata avanti da Immanuel Velikovsky nel suo bestseller del 1950, “Mondi in Collisione”.

Anche se Velikovsky venne sommariamente accantonato dal maintream scientifico, l’Era Spaziale ha fatto di più per sostenere Velikovsky piuttosto che confutarlo!

Mentre i proponenti dell’Universo Elettrico Wal Thornhill e i suoi colleghi riconoscono che Velikovsky si è sbagliato su molti punti, sono però d’accordo con lui nel sostenere che l’elettromagnetismo è stato l’elemento chiave di una precedente epoca di catastrofe planetaria. E oggi, le prove sono diventate schiaccianti che viviamo in un sistema solare che è “collegato elettricamente”.

Nel caso di Giove, vediamo all’opera questa connettività elettrica nella relazione che intercorre fra il pianeta stesso e la sua luna più vicina, Io. Nel 1979, l’astrofisico Cornell Thomas Gold propose nella rivista Science che i “vulcani” di Io fossero in realtà masse scariche di plasma liquefatto – plasma discharge plumes. L’ipotesi di Gold venne confutata sulla stessa rivista da Gene Shoemaker, et al. Ma nel 1987, i fisici del plasma Alex Dessler e Anthony Peratt sostennero l’interpretazione di Gold in un articolo pubblicato nella rivista Astrofisica e Scienza Spaziale – Astrophysics and Space Science. Dessler e Perat sostennero che sia la penombra filamentosa che la convergenza di ejecta in anelli ben definiti sono effetti dello scaricamento del plasma che non hanno equivalenti nei vulcani.

Successivamente, la sonda Galileo registrò immagini incredibili dei “vulcani” e scoprì precisamente quello che era stato predetto dal teorico del modello elettrico Thornhill:

Temperature così alte che saturarono le telecamere; il MOVIMENTO dei “vulcani” lungo la superficie di Io; e il posizionamento dei “vulcani” lungo le scogliere di valli precedentemente scavate. È adesso indisputabile che la base del “rifiuto” di Shoemaker dell’ipotesi di Gold era sbagliata.

È anche indisputabile che le predizioni altamente specifiche di Thornhill erano corrette. E tuttavia, né il giornale Science e neppure tutte le altre pubblicazioni scientifiche, hanno mai pensato anche solo di rivedere la questione [Foto 4 – Si veda Retrospettiva su Io].

Su Marte, le mostruose “dust devils” [tempeste di polvere] – che sono 10 volte più grandi di qualunque tornado sulla Terra – hanno rivelato il disinteresse degli scienziati planetari nei confronti di qualunque cosa che abbia a che fare con l’elettricità. Un comunicato stampa della NASA ha dichiarato, “Quando gli esseri umani visiteranno Marte, dovranno ben guardarsi da torreggianti tempeste di polvere elettrificate.”

Ma gli scienziati attribuiscono i campi elettrici delle “dust devils” al riscaldamento solare e alla risultante energia meccanica di convezione dell’aria [malgrado il fatto che l’atmosfera di Marte sia densa meno dell’un percento di quella della Terra, e la capacità meccanica della sua aria di spostare particelle di polvere è nel migliore dei casi improbabile]. Nella interpretazione del modello dell’Universo Elettrico, le colonne rotanti di aria e polvere sono una conseguenza naturale delle correnti elettriche atmosferiche [Foto 5 – Si veda La NASA sulle Tempeste di Polvere Marziane — “Sono Elettrificate!” ].

Anche nei fenomeni meteorologici sulla Terra, testimoniamo la presenza della carica planetaria. Non è più possibile immaginare la Terra come un corpo isolato, elettricamente neutro, quando osserviamo giganteschi gruppi di fulmini al di sopra di nubi temporalesche che si scaricano nello spazio. Fin dagli inizi degli anni 90, alcuni ricercatori hanno documentato l’esistenza di fulmini chiamati “sprite” e “blue jet” che guizzano verso l’alto durante i temporali estendendosi fino a 15 chilometri in direzione dello spazio. Alcuni giganteschi “getti” vengono sparati anche a 80 chilometri di distanza. Questi ricercatori hanno scoperto che ogni volta che si verifica uno “sprite” al di sopra delle nuvole, ne risulta un fascio di fulmini positivi al di sotto delle stesse nubi. Sono le due parti di un singolo fenomeno di scarica elettrica che si allunga dallo spazio fino alla superficie della Terra. [Foto 1 – Si veda Fulmini giganti nello spazio ]

È stato detto che i matematici, quando considerano questioni che riguardano la fisica, “non hanno principi”. Non si considerano legati ai principi della fisica. Ed esiste un’ovvia soddisfazione quando alcuni fenomeni “inspiegabili” paiono offrire la possibile scoperta di una “nuova” legge fisica o principio. Questo può essere molto più attraente che una risposta diretta da parte di una disciplina nella quale il matematico non è preparato. Nessuna delle prove che abbiamo fin qui fatto notare, per esempio, sono una violazione di alcuna legge fisica o principio. I modelli che sono stati evidenziati trovano un’immediata spiegazione nei fenomeni elettrici. Tuttavia la scienza spaziale continua ad ignorare la forza elettrica e a preferire soluzioni del tutto speculative, arrampicandosi su presupposti che non sono più sostenibili.

All’inizio gli astronomi erano convinti che lo spazio fosse un vuoto perfetto e che le correnti elettriche fossero quindi inconcepibili. Successivamente gli astronomi scoprirono che lo spazio è pervaso da particelle cariche ossia plasma. Nonostante questa scoperta, gli astronomi erroneamente conclusero che una separazione di carica non avrebbe potuto essere mantenuta nello spazio; ogni carica sarebbe stata velocemente neutralizzata dal movimento di carica [la corrente elettrica]. Ma come sa ogni elettrotecnico, quella conclusione dipende dall’abilità di trasportare corrente da parte del plasma. Per quanto riguarda il plasma che è sparso nello spazio, l’abilità di trasportare corrente elettrica è senza dubbio presente ma in forma limitata. Il risultato è che le correnti di scala cosmica generate dal movimento relativo di regioni dissimilari di plasma possono essere sostenute solo su archi di tempo lunghi. La firma di tali correnti elettriche sono i loro campi magnetici. Ma quando i campi magnetici vennero rilevati nello spazio, gli astronomi li considerarono come fossero “congelati” nel plasma – come se il plasma fosse un superconduttore – allo scopo di mantenere la nozione della neutralità elettrica. Ma il plasma che è presente nello spazio non è un superconduttore: deve essere quindi fornita energia elettrica esterna per mantenere attivi i campi magnetici che sono stati osservati nello spazio.

Dal più largo circuito della Via Lattea, le correnti fluiscono nel dominio del Sole. A distanze planetarie dal Sole, il campo è debole e insignificante. Ma come la corrente “comincia a mordere” nel suo avvicinarsi al Sole, e più la potenza elettrica diventa sufficiente ad illuminare il Sole. Una cometa trascorre la maggior parte del suo tempo nella parte più debole del campo, lontana dal Sole, ed è possibile che bilanci il proprio voltaggio con quel campo. Ma come la cometa tende ad accelerare più si avvicina al Sole, e più tende a crescere in maniera profonda il suo sbilanciamento con l’ambiente circostante e comincia quindi a scaricarsi. Gli astronomi sono stati incapaci di notare tali osservazioni fondamentali per una ragione che nessuno vuole ammettere: sono impreparati in maniera imbarazzante in tutto ciò che riguarda l’elettrodinamica. Questo spiega perchè gli elettrotecnici hanno un enorme vantaggio nella comprensione delle attività elettriche nello spazio. Un saldatore potrebbe capire più facilmente le valli e i crateri su superfici solide di un qualunque scienziato planetario. Ma piuttosto che espandere la loro conoscenza fino ad includere l’elettricità, gli astronomi e i cosmologi hanno invece contratto le scienze spaziali ad un campo limitato di teorie “eleganti” [ossia pretenziose o irrilevanti].

Ogni giorno sentiamo parlare dei grandi passi avanti e delle scoperte nella ricerca per identificare cose invisibili – e ipoteticamente onnipresenti – come la materia scura, l’energia scura, le stelle neutroniche e i buchi neri. Queste congetture sono inevitabili dato che i cosmologi continuano ad essere inconsapevoli dell’abilità del plasma di organizzare delle strutture nello spazio [Foto 2 – Si veda Galassie di Plasma ] e la STRANEZZA di queste congetture continua a crescere, fino al punto che la fotografia attuale del cosmo assomiglia all’episodio più “spaziale” di Star Trek.

E’ tragico che l’establishment scientifico – che lavora mano nella mano con i media più popolari – sia riuscito a convincere un gran numero di persone che le domande cosmologiche più importanti siano di solo dominio dei matematici. Il fatto che comunemente si guardi alla matematica per la formulazione di una “teoria su tutto” rivela l’errore grossolano che sta dietro a questo tipo di pensiero. Come ha scritto il proponente dell’Universo Elettrico, Thornhill, “La sola idea che alcuni scienziati possano essere vicini ad una “teoria su tutto” è una fantasia che va di pari passo con la teoria della Terra piatta. Non è possibile formulare una teoria su tutto fino a quando non sapremo tutto ciò che riguarda l’universo. E date le sorprese che giungono dallo spazio a getto quasi continuo, è evidente che ne sappiamo ancora molto poco”.

Continua Thornhill, “A coloro che aspirano a formulare una teoria su tutto viene detto che devono studiare la “matematica incredibilmente complessa e astratta”, la cui conoscenza è richiesta per un tale compito. Ma chi è che lo dice? I matematici, naturalmente. È una visione ristretta in maniera cronica, come se si guardasse attraverso l’estremità sbagliata del telescopio e si immaginasse di vedere le stelle. Questa visione ha condotto ad un vero e proprio elitismo nel campo della fisica e questo sulla base dell’abilità matematica dei suoi adepti. I più bizzarri sono stati coloro che sostengono di vedere Dio a loro immagine e somiglianza – quella di un matematico”.

Non è poi una azione tanto audace per la persona comune mettere in dubbio la sostenibilità di teorie scientifiche popolari. Infatti è spesso il non specialista, colui che è meno ostacolato da precedenti credenze e da conflitti di interesse, che può più facilmente discernere quello che è davanti ai suoi occhi. Questo è particolarmente vero quando si parla delle sfide poste dall’ipotesi dell’Universo Elettrico. I teorici del modello elettrico, del tutto in contrasto con i matematici, si occupano più rigorosamente di quello che può essere predetto, osservato e ripetuto. Grazie all’Era Spaziale, le prove sono là a disposizione per tutti quelli che vogliono vederle.

In maniera crescente, il pubblico sta esprimendo numerosi dubbi sulle direzioni prese dalla teoria popolare. Quello che ottengono in risposta sono assicurazioni che i “pezzi del puzzle” stanno cadendo al loro posto. Ma coloro che seguono le scoperte con un occhio “scettico” vedono le cose in maniera molto diversa. La credibilità della scienza non può essere sostenuta con le auto-congratulazioni.

Ed è solo nel miglior interesse delle istituzioni scientifiche di aprire la porta a discussioni che sono state escluse per lungo tempo. Difatti, il futuro della scienza dipende proprio da questo.

Versione originale

Michael Goodspeed
Fonte: http://www.thunderbolts.info
Link: http://www.thunderbolts.info/webnews/new_cosmology.htm

Versione italiana

Fonte: http://www.radiokcentrale.it/
Link:
http://www.radiokcentrale.it/articolinuovaera/itapiece184.htm
http://www.radiokcentrale.it/articolinuovaera/itapiece184part2.htm
http://www.radiokcentrale.it/articolinuovaera/itapiece184part3.htm

Traduzione di questo complesso ma anche alquanto “elettri….zzante” articolo a cura di Melektro per www.radioforpeace.info – Per commenti: [email protected]

Pubblicato da God

  • marzian

    QUANDO MUORE L’EGO…

    DI MICHAEL GOODSPEED
    Thunderbolts

    Mi chiedo che cosa significhi quando una persona si addolora per la perdita di qualcosa prima che questa stessa perdita si sia realmente verificata.

    È la concreta espressione di un senso di dolore di tipo profetico, o è piuttosto una profezia che si auto compie? Penso che la questione sia incredibilmente importante, adesso più che mai. Molti di noi stanno vivendo la propria vita provando la terribile sensazione di essere vittime di un destino avverso. Sono i nostri intestini psichici collettivi ad essersi tesi per qualche terribile tribolazione, o siamo piuttosto impegnati attivamente a condannare noi stessi per mezzo di questa maniera tanto negativa di pensare?

    Non ho alcuna intenzione di voler apparire come il più ridicolo dei saggi, ma la risposta è chiaramente “entrambe le cose”. Sentiamo il momentum del passato – tutti i pensieri e i comportamenti abituali che ci contraddistinguono come specie – mentre ci sgomitiamo verso l’auto annichilimento e tuttavia ci sentiamo del tutto impotenti a qualsiasi cambiamento. Naturalmente, troviamo che tutto questo sia terrificante. Sospetto che sia la stessa forma di terrore interiore che provano i tossicomani quando sentono farsi largo il bisogno di una nuova dose. Sì, potrebbero RESISTERE all’impulso che li guida verso quella prima sniffata, iniezione, bevuta o botta, ma sanno che difettano della volontà e della chiarezza mentale necessarie a fare una cosa del genere.

    Così è per tutta la razza umana. Sappiamo che questo gioco finirà tragicamente, anche se la tragedia sarà del tutto evitabile fino all’ultimo istante. È necessario un miracolo per salvarci, e i miracoli ACCADONO, ma solo quando ci si crede. E quando tutto quello in cui credi sono le tenebre, i miracoli sono del tutto spaventosi.

    Le tenebre possono essere confortevoli. Permettono a chiunque di trovare un posto dove nascondersi, anche se poi la luce da cui ci si nasconde per la verità rappresenta la nostra salvezza. Nella maggior parte dei casi, gli esseri umani si nascondono nel concetto che hanno di se stessi. Ti svegli al mattino e ti senti sicuro se sai chi sei. Tu pensi, “Mi sento sicuro di me stesso perchè mi chiamo blah blah. Sono speciale perchè la mia ragazza mi ama, ho un buon lavoro, sono in forma, e sono meglio della maggior parte delle persone. Naturalmente, se perdessi tutto questo, non avrei IDEA di chi io sia, e la vita perderebbe del tutto il suo significato”.

    Questa è la storia della vita umana, e noi tutti sappiamo bene come va a finire.

    Tutto ciò che ci da un senso di chi noi siamo è destinato a morire – solitamente ben prima della morte dei nostri corpi fisici. Quando questo accade improvvisamente e inaspettatamente, è l’evento più doloroso e traumatizzante che caratterizza tutta l’esperienza umana. Quando perdiamo le persone che amiamo e i rapporti a cui attribuiamo maggior importanza, ciò che proviamo va oltre il “dolore” e la “tristezza”. È più simile all’amputazione di una parte vitale e necessaria del nucleo interno di chiunque. Lo stesso può essere detto per qualunque cosa che ci da un senso potente di chi uno sia – la carriera, il benessere, gli obiettivi, etc.

    Non importa quanto grande sia il conforto che ricaviamo da questi concetti di noi stessi, perchè al di sotto del conforto si nasconde la paura. Infatti, la paura è la principale motivazione che spinge le persone a “riuscire” per costruire dei “se stessi” più grandi e più forti — più denaro, più status, relazioni migliori, un corpo migliore. La stessa parola “spingere” implica l’impulso ad andare avanti. È l’impulso a correre, ma non VERSO qualcosa – è piuttosto il desiderio di non essere catturati dall’uomo nero che ci sta inseguendo.

    Il vero uomo nero dal quale stiamo scappando non è la morte fisica. Infatti, quando si ascoltano i racconti di persone normali che si sono confrontate con la morte, loro affermano quasi universalmente, “Non è spaventosa neanche lontanamente come pensavo”.

    Molto più orripilante della morte del corpo è la morte del concetto dell’essere “se stessi”. Non sapere chi uno sia è la distruzione dell’universo intero.

    Tu probabilmente lo sai di cosa sto parlando, ma se invece non lo sai, questa è la miglior analogia a cui posso pensare: immagina di essere un attore che ha interpretato un monologo di fronte ad un pubblico adorante. Questo monologo è andato avanti per tutta la tua vita per quanto tu ti possa ricordare. È ciò che tu SEI, e tutto ciò che vuoi essere. Poi un giorno, un piccolo raggio di luce si infiltra attraverso una crepa nel soffitto e cattura la tua attenzione. Segui quel raggio e vedi qualcosa che non vuoi vedere. Quello che pensavi essere un pubblico di persone è effettivamente nient’altro che un getto di ombre distorte dalla tua stessa visione. Non c’è mai stata una folla che ammirava la tua prestazione sul palcoscenico. Hai interpretato un illusorio monologo in un teatro che esiste solamente nella tua testa. Sei terrorizzato, disorientato. Non hai la più che pallida idea di chi tu sia. Ti senti abbandonato e in preda alla follia. Ti accasci sul palcoscenico e l’unica cosa che desideri è morire.

    Questa è la maniera in cui appare essere la morte dell’ego. Non è la morte di qualcosa di negativo, peccaminoso o anche di qualcosa che ha bisogno di essere corretto. È la morte di qualcosa che non è mai esistito da nessuna parte fatta eccezione per la mente del suo proprietario.

    Nonostante tutto questo, ha tutte le apparenze della tragedia, perchè la sofferenza causata dalla “vita” dell’ego e dalla sua inevitabile “morte” va al di là della capacità di comprensione dell’immaginazione umana.

    La morte dell’ego è la “notte scura dell’anima”, così descritta dal mistico del sedicesimo secolo San Giovanni della Croce. L’azione di disfarsi dell’ego – o la capacità di riconoscere semplicemente la sua non esistenza – è molto più difficile da compiere di quelle che semplicemente consentono di liberarsi dell’arroganza, dell’egoismo, o di altre tendenze “egotistiche”. L’ego è un “necessario” meccanismo di difesa per qualunque mente che guarda il mondo e pensa, “SONO UN ESSERE A PARTE”. E come potrebbe chiunque in questo mondo non sentirsi distaccato? Dal momento della nostra nascita, ci è stato dato un nome, l’appartenenza ad una razza, e ci è stato attribuito un sesso e uno status sociale. Ci viene detto che siamo “buoni” o “cattivi” perchè siamo “grassi” o “magri”, “attraenti” o “non attraenti”, “ricchi” o “poveri”, “intelligenti” o “stupidi”, e impariamo in fretta a giudicare gli altri sulla base di questi stessi concetti erronei. È il solo linguaggio del pensiero che abbiamo mai parlato.

    Questa ingannevole prospettiva è pervasiva tanto a livello collettivo come a quello individuale. “L’egotismo collettivo” prende la forma del nazionalismo, del razzismo e di ogni forma di guerriglia religiosa e tribale. Nel suo libro Il Potere dell’Adesso – The Power of Now, l’autore Eckhart Tolle prende in considerazione la minaccia che l’ego collettivo pone al futuro dell’umanità. Scrive Tolle, “Se non si liberano in tempo dal potere della loro mente, da essa ne verranno distrutti.

    Faranno esperienza di confusione, conflitto, violenza, malattia, disperazione e pazzia. La mente egotista si è trasformata in una nave che sta affondando. Se non la abbandoni, affonderai con lei. La mente egotista collettiva è l’entità più pericolosamente folle e distruttiva che abiti su questo pianeta. Cosa pensi che accadrà su questo pianeta se la coscienza umana rimane la stessa senza cambiare?

    La morte non è la peggior cosa che possa accadere alla nostra specie. La cosa peggiore è per noi rimanere in questo interminabile stato di separazione, solitudine, animosità, e di paura che guida ogni atto di violenza e di pazzia che viene riportato dai notiziari della sera. Tutti noi siamo attori in un teatro, completamente isolati, contratti, e folli, che interpretiamo un dramma senza senso per niente e per nessuno. Ancora una volta, è necessario un miracolo per salvarci…ma il miracolo è già qui, che attende solamente di essere seguito.

    Ognuno di noi si accascerà sullo stage contraendosi negli spasimi della morte finale dell’ego, credendosi abbandonato e solo. La sola scelta che avremo – la sola scelta che abbiamo MAI avuto – è l’ampiezza e la profondità della nostra agonia. Ricorda quello che era che mostrava all’”attore” che era solo nel teatro: un singolo raggio di luce proiettato sull’oscurità popolata di ombre. L’attore si sente perso, l’attore è in pena, l’attore non vuole dimenticare le sue fini “interpretazioni” e il suo “pubblico” adorante. Ma eventualmente, proverà una certa curiosità nei confronti di quella luce. Scoprirà che quando si rivolge ad essa pienamente, le sue memorie del mondo popolato di ombre diventano come fili di fumo, fugaci e dimenticati velocemente. Sorprendendo se stesso, troverà la forza per levarsi, e raccogliendo tutto il suo coraggio, darà il suo cuore a quella luce fino a quando questa lo bagnerà e lo illuminerà. E ricorderà qualcosa di tanto ovvio che non saprà come lo abbia potuto dimenticare: che E’ lui stesso la luce, e che la sua intera vita è stata spesa a cercare per la sua sostanza nel nulla delle ombre. Questo porterà un sorriso sul suo viso, e la sua risata si spanderà con tale forza che i muri del teatro cominceranno a crollare.

    Capirà che è libero, e che lo è sempre stato. Vedrà una via d’uscita. Afferrerà l’ultima freccia rimasta al suo arco sullo sfondo del mondo fittizio popolato di ombre, e farà i primi passi nella luce del mondo reale.

    Noi tutti siamo luce, siamo un ridere incontrollabile e nessuno di noi è condannato a vivere per sempre una vita fittizia.

    Painting1: Metamorphosis of Narcissus by Salvador Dali

    Painting2: Echo and Narcissus by John William Waterhouse
    (Narcissus: a Greek mythological figure, a young boy who fell in love with his own reflection in the waters of a spring and pined away for himself until he died)

    Versione originale

    Michael Goodspeed
    Fonte: http://www.thunderbolts.info/
    Link: http://www.red-ice.net/specialreports/2006/08aug/egodies.html
    01.09.2006

    Versione italiana

    Fonte: http://www.radiokcentrale.it
    Link: http://www.radiokcentrale.it/articolinuovaera/itapiece187.htm

    Traduzione a cura di Melektro per http://www.radioforpeace.info

  • Zret

    In Italia, lo studioso Alessio Feltri sostiene da anni la teoria dell’origine elettrica dei crateri. Non so, però, se l’abbia elaborata conoscendo gli studi di altri scienziati o se in modo indipendente.
    Saluto tutti, in particolare Marzian.

  • marzian

    Presumo che Alessio Feltri si sia basato sul lavoro del gruppo Thunderbolts (a cui appartiene l’autore di questi due articoli), che infatti cita in questo pezzo:

    http://www.margheritacampaniolo.it/Feltri/crateri.htm

    Ricambio il saluto 🙂