L’OMS conferma che il Test PCR Covid-19 è fallace: le stime dei casi positivi sono senza senso

nogeoingegneria.com

di Michel Chossudovsky

Il test di reazione a catena della polimerasi trascrittasi inversa in tempo reale (rRT-PCR) è stato adottato dall’OMS il 23 gennaio 2020 come mezzo per individuare il virus SARS-COV-2, seguendo le raccomandazioni di un gruppo di ricerca di virologia (con sede presso l’ospedale universitario Charité di Berlino), sostenuto dalla Fondazione Bill e Melinda Gates.

(Per ulteriori dettagli vedere lo studio Drosten https://www.eurosurveillance.org/content/10.2807/1560-7917.ES.2020.25.3.2000045 )

Esattamente un anno dopo, il 20 gennaio 2021, l’OMS ritratta. Non dicono “Abbiamo fatto un errore”. La ritrattazione è formulata attentamente. Mentre l’OMS non disconosce la validità delle sue linee guida fuorvianti del gennaio 2020, raccomanda comunque di “ripetere i test” ( che come tutti sanno è un’impossibilità).

La questione controversa riguarda il numero di cicli di soglia di amplificazione (Ct). Secondo Pieter Borger, et altri.

Il numero di cicli di amplificazione [dovrebbe essere] inferiore a 35; preferibilmente 25-30 cicli. In caso di rilevamento di virus, >35 cicli rilevano solo segnali che non sono correlati con un virus infettivo secondo quanto stabilito dall’isolamento in coltura cellulare…(Critica dello studio Drosten https://cormandrostenreview.com/report/)

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ammette silenziosamente un anno dopo che TUTTI i test PCR condotti a una soglia di amplificazione (Ct) di 35 cicli o più sono INVALIDI. Ma questo è ciò che hanno raccomandato nel gennaio 2020, in consultazione con il team di virologia dell’ospedale Charité di Berlino.

Se il test viene condotto ad una soglia di 35 Ct o superiore (che è stata raccomandata dall’OMS), i segmenti del virus SARS-CoV-2 non possono essere rilevati, il che significa che TUTTI i cosiddetti “casi positivi” dichiarati, registrati nel corso degli ultimi 14 mesi, non sono validi.

Secondo Pieter Borger, Bobby Rajesh Malhotra, Michael Yeadon, et al, il Ct > 35 ha rappresentato la norma “nella maggior parte dei laboratori in Europa e negli USA”.

Il Mea Culpa dell’OMS

Qui sotto c’è la “ritrattazione” accuratamente formulata dall’OMS. Il testo completo con il link al documento originale è allegato: “La linea guida dell’OMS sui test diagnostici per la SARS-CoV-2 afferma che è necessaria un’attenta interpretazione dei risultati debolmente positivi:

La soglia del ciclo (Ct) necessaria per rilevare il virus è inversamente proporzionale alla carica virale del paziente. Laddove i risultati del test non corrispondono alla presentazione clinica, un nuovo campione dovrebbe essere prelevato e ritestato utilizzando la stessa o una diversa tecnologia NAT .

L’OMS ricorda agli utilizzatori di IVD che la prevalenza della malattia altera il valore predittivo dei risultati dei test; mentre la prevalenza della malattia diminuisce, il rischio di falsi positivi aumenta. Questo significa che la probabilità che una persona che ha un risultato positivo (SARS-CoV-2 individuato) sia veramente infetta da SARS-CoV-2 diminuisce con la diminuzione della prevalenza, indipendentemente dalla presunta specificità.

Il concetto di base è “Positivi non validi”

Non si tratta di una questione di “Positivi deboli” e “Rischio di aumento dei falsi positivi”. Ciò che è in gioco è una “Metodologia difettosa” che produce valutazioni non valide

Ciò che questa ammissione dell’OMS conferma è che la stima della positività al covid da un test PCR (con una soglia di amplificazione di 35 cicli o superiore) non è valida. In questo caso, l’OMS raccomanda di ripetere il test: “un nuovo campione dovrebbe essere prelevato e ritestato…”.

L’OMS invita a “ritestare”, il che equivale a “Abbiamo sbagliato”.

Questa raccomandazione è pro-forma. Non succederà. Milioni di persone nel mondo sono già state testate, a partire dall’inizio di febbraio 2020. Tuttavia, dobbiamo concludere che, a meno che non siano ritestati, quelle stime (secondo l’OMS) non sono valide.

Dovrei menzionare che ci sono diversi altri difetti relativi al test PCR che non sono affrontati in questo articolo. (Vedere l’E-book di Michel Chossudovsky: La crisi mondiale della Corona del 2020: Distruzione della società civile, depressione economica architettata, colpo di stato globale e il “Grande Reset” Capitolo II).

Fin dall’inizio, il test PCR è stato applicato di routine con una soglia di amplificazione Ct di 35 o superiore, seguendo le raccomandazioni dell’ OMS del gennaio 2020. Ciò significa che la metodologia PCR applicata in tutto il mondo ha portato, nel corso degli ultimi 12-14 mesi, alla compilazione di statistiche Covid errate e fuorvianti.

E queste sono le statistiche che vengono utilizzate per misurare la crescita della cosiddetta “pandemia”. Al di sopra di un ciclo di amplificazione di 35 o superiore, il test non rileva il virus. Pertanto, i “numeri covid” ufficiali sono privi di significato.

Ne consegue che non c’è alcuna base scientifica per confermare l’esistenza di una pandemia.

Il che a sua volta significa che le misure di lockdown/misure economiche che hanno portato al panico sociale, alla povertà di massa e alla disoccupazione (presumibilmente per limitare la diffusione del virus) non hanno alcuna giustificazione.

Secondo l’opinione scientifica:

“se qualcuno viene testato dalla PCR come positivo quando viene usata una soglia di 35 cicli o più alta (come avviene nella maggior parte dei laboratori in Europa e negli Stati Uniti), la probabilità che detta persona sia effettivamente infetta è inferiore al 3%, la probabilità che detto risultato sia un falso positivo è del 97% (Pieter Borger, Bobby Rajesh Malhotra, Michael Yeadon, Clare Craig, Kevin McKernan, et al, Critique of Drosten Study)

PCR amplificazione

Come sottolineato in precedenza, “la probabilità che tale risultato sia un falso positivo è del 97%”: Di conseguenza, l’utilizzo del rilevamento >35 cicli contribuirà inevitabilmente ad “aumentare” il numero di “falsi positivi”.

Al momento in cui scriviamo (metà marzo 2021), nonostante la ritrattazione dell’OMS, il test PCT è ampiamente utilizzato per aumentare i numeri al fine di sostenere la campagna di paura, giustificando le politiche di isolamento in corso e l’attuazione del vaccino Covid.

Ironia della sorte, i numeri sbagliati basati sui “positivi non validi” sono in realtà manipolati per assicurare una tendenza all’aumento dei positivi al Covid.

Per di più, questi test PCR non sono regolarmente accompagnati da una diagnosi medica dei pazienti che vengono testati.

E adesso, le autorità sanitarie nazionali hanno lanciato (falsi) avvertimenti di una “terza ondata” come parte della loro campagna di propaganda a sostegno del vaccino Covid-19.

L’OMS ha confermato che la procedura del test PCR Covid, così come applicata, non è valida. Non c’è assolutamente alcuna base scientifica per implementare il vaccino Covid.

Sia l’OMS che la valutazione scientifica di Pieter Borger (citata sopra), confermano inequivocabilmente che i test adottati dai governi per giustificare i lockdown e la destabilizzazione delle economie nazionali sono INVALIDI.

Dati invalidi e il gioco dei numeri

Bisogna capire che queste “stime non valide” sono i “numeri” citati incessantemente 24/7 dai media durante la “Prima Onda” e la “Seconda Onda”, utilizzati per alimentare la campagna di paura e “giustificare” TUTTE le politiche portate avanti dai governi:

  • lockdown,
  • chiusura delle attività economiche,
  • povertà e disoccupazione di massa,
  • bancarotte
  • distanziamento sociale,
  • mascherina,
  • coprifuoco,
  • il vaccino.
  • il passaporto sanitario

I dati non validi. Pensateci due volte prima di farvi vaccinare

E ora siamo entrati in una cosiddetta “Terza Onda”. (Ma dove sono i dati?).

È una complessa “Confezione di bugie”.

È un crimine contro l’umanità.

POSTSCRITTO:

Dalla sua pubblicazione il 15 marzo, in maniera del tutto inaspettata, decine di migliaia di persone hanno letto questo articolo.

Il mio intento era essenzialmente quello di confutare e rivelare la Grande Bugia ( concentrandomi su concetti scientifici e statistici) senza affrontare direttamente le implicazioni più ampie del blocco e della chiusura dell’attività economica.

Questo progetto diabolico che proviene dalle alte sfere dell’establishment finanziario (incluso il World Economic Forum) sta distruggendo la vita delle persone in tutto il mondo. Sta creando disoccupazione di massa, scatenando carestie nei paesi in via di sviluppo.

Con alcune eccezioni, tra cui la Tanzania, la maggior parte dei 193 stati membri delle Nazioni Unite hanno approvato questo ” consenso di coronavirus ” del WEF.

La verità costituisce un’arma pacifica ma potente. Ora è il momento di affrontare questi governi e chiedere l’abrogazione delle politiche di restrizione che stanno scatenando povertà e disperazione in tutto il mondo.

La GRANDE BUGIA dell’OMS è smentita dall’OMS

La presunta pandemia è una truffa. Questo è qualcosa che non può essere negato o confutato.

E proprio questo era l’oggetto di questo articolo.

Si tratta di una truffa complessa basata su “un pacchetto di bugie” con conseguenze devastanti.

Nel corso degli ultimi 14 mesi a partire dai primi di gennaio 2020, ho analizzato quasi quotidianamente la cronologia e l’evoluzione della crisi di Covid. Fin dall’inizio, nel gennaio 2020, la gente è stata portata a credere e ad accettare l’esistenza di un’epidemia pericolosa e in rapida evoluzione.

Siamo al crocevia di una delle crisi più gravi della storia del mondo. Stiamo vivendo la storia, eppure la nostra percezione della sequenzialità degli eventi dal gennaio 2020 è stata offuscata.

In tutto il mondo, le persone sono state ingannate sia dai loro governi che dai media sulle cause e sulle devastanti conseguenze della “pandemia” Covid-19.

La verità non detta è che il nuovo coronavirus fornisce un pretesto e una giustificazione a potenti interessi finanziari e politici corrotti per precipitare il mondo intero in una spirale di disoccupazione di massa, bancarotta, povertà estrema e disperazione.

Più di 7 miliardi di persone nel mondo sono direttamente o indirettamente colpite dalla crisi della corona.

Invito i lettori di Global Research a vedere il video qui sotto (che fornisce una panoramica) e a consultare il mio E-Book (composto da 10 capitoli) che affronta in dettaglio le complessità di questa crisi.

La crisi mondiale della Corona del 2020: Distruzione della società civile, depressione economica architettata, colpo di stato globale e il “Grande Reset”.

Fonte: https://www.nogeoingegneria.com/effetti/politicaeconomia/loms-conferma-che-il-test-pcr-covid-19-e-fallace-le-stime-dei-casi-positivi-sono-senza-senso-il-lockdown-non-ha-basi-scientifich/

Fonte originale: https://www.globalresearch.ca/nucleic-acid-testing-technologies-use-polymerase-chain-reaction-pcr-detection-sars-cov-2/5739959

Pubblicato il 29.03.2021