Home / ComeDonChisciotte / L'IRAN SI AFFERMA NELLE SIMULAZIONI SEGRETE DI OPERAZIONI DI GUERRA

L'IRAN SI AFFERMA NELLE SIMULAZIONI SEGRETE DI OPERAZIONI DI GUERRA

DI JAMES HIDER
The Times

Durante le simulazioni, il primo ministro israeliano Binyamin Netanyahu è stato “lasciato nei guai” da un’amministrazione Obama concentrata invece sulla dipolomazia.

L’Iran è risultato il vincitore nelle operazioni di guerra segrete che simulavano un attacco israeliano alle sue centrali nucleari.

In questo scenario, l’amministrazione Obama ha deciso di perseguire un approccio diplomatico con Teheran, lasciando nei guai il più stretto alleato militare dell’America nella regione.

L’esercitazione, organizzata dal Tel Aviv University’s Institute for National Security Studies il mese scorso, ha dimostrato che nemmeno un raid di un commando israeliano sul più grande stabilimento iraniano di produzione d’acqua pesante [ndt- acqua utilizzata nei reattori nucleari per convertire l’uranio in plutonio] ad Arak porterebbe gli USA ad un conflitto militare con l’Iran.“La nostra influenza sugli Americani, sulla possibilità di allontanarli dagli Iraniani, dagli Europei e dagli altri, è risultata molto limitata”, ha affermato Giora Eiland, un ex consulente della sicurezza nazionale israeliana che ha ricoperto il ruolo del primo ministro, Binyamin Netanyahu, nella simulazione.

“Più o meno l’unica carta che avevamo da giocare era quella dell’azione militare. Ed era una carta fallimentare.”

“Gli Iraniani hanno cominciato a sentirsi meglio degli Americani perchè sono stati semplicemente più determinati nel perseguire i propri obiettivi”, ha aggiunto Mr Eiland.

Mr Netanyahu aveva già capito che le sue relazioni con la Casa Bianca sono tese, ingorando le richieste degli USA di bloccare l’insediamento di nuove strutture in Cisgiordania, prima di acconsentire con riluttanza ad una interruzione temporanea che non include Gerusalemme Est.

Le simulazioni di guerra hanno dimostrato che il suo appoggio a Washington continuerebbe a diminuire, se non si mettesse in riga sull’Iran, che Mr Netanyahu considera come la principale minaccia per lo stato ebraico, dopo che il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad ha dichiarato che dovrebbe “essere cancellato dalla cartina geografica”.

Mr Eiland – “Netanyahu” è riuscito ad avere soltanto brevi e inconcluedenti incontri preliminari con il presidente degli USA, interpretato da un ex diplomatico israeliano.

Gli analisti della sicurezza in Israele e in America hanno messo in guardia riguardo alla possibilità di un costo molto elevato da pagare se Israele attaccasse l’Iran e sostenesse che un tale attacco potrebbe cancellarre del tutto, piuttoso che attenuare, il programma nucleare iraniano. Il costo sarebbe elevato non solo per Israele, le cui città sono nel raggio dei missili iraniani, e che potrebbe facilmente essere colpita dai militanti di Hezbollah e Hamas presenti in Libano e a Gaza, ma anche per gli Stati Uniti. Gli analisti prospettano che l’Iran scenderebbe in campo per supportare i militanti anti-americani nel Golfo, come ha fatto con le milizie che combattevano contro le forze statunitensi in Iraq e in Afghanistan.

Le simulazioni hanno inoltre dimostrato che, mentre Israele zoppicherebbe sia dal punto di vista diplomatico che da quello militare, l’Iran continuerebbe molto probabilmente ad arricchire l’uranio.

Ieri Mr Ahmadinejad ha ignorato la scadenza di fine anno posta da Washington a Tehran per accettare le condizioni proposte dalle Nazioni Unite per sostituire l’uranio arricchito con il materiale fissile [ndt. materiale in grado di sviluppare una reazione di fissione nucleare].

Aharon Zeevi-Farkash, un ex ufficiale dell’intelligence militare che nelle simulazioni rivestiva il ruolo della guida suprema dell’Iran, l’ Ayatollah Ali Khamenei, ha affermato che Tehran non sarà ostacolato nella corsa all’acquisizione di armi nucleari a meno che il suo regime non verrà minacciato fino al collasso.

Egli ritiene che gli americani hanno bisogno di rivedere la loro linea diplomatica verso lo schieramento navale nel golfo o di persuadere l’India, chiave del commercio iraniano, ad allentare i suoi legami con Tehran.

Mr Eiland ha affermato che l’obiettivo a lungo termine degli USA sarà probabilmente il contenimento dell’Iran nel caso dovesse ottenere lo status di potenza nucleare e che Israele non ha altra scelta che seguire il suo principale alleato.

“Israele non può agire da sola qui. Un accordo tra l’America e l’Iran priverebbe Israele della possibilità di attaccare l’Iran”, ha dichiarato.

Titolo originale: “Iran comes out on top in secret simulated war games”

Fonte: http://www.timesonline.co.uk/
Link
23.12.2009

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di FRANCESCA

Pubblicato da Das schloss

  • Rossa_primavera

    Sara’ il popolo,come sempre nella storia,a togliere le castagne dal fuoco e a risolvere i problemi:in questo caso il popolo iracheno,soprattutto i giovani,che ,stufi di questo regime liberticida e che nega loro anche i piu’ elementari diritti umani,rovesceranno questi quattro oscurantisti medioevali per far nascere un Iran giovane e progressista,di cui non dovra’ piu’ avere timore alcuno.

  • calliope

    Si certo, come no, lo sappiamo benissimo chi è che manovra le rivoluzioni colorate…

  • lucamartinelli

    non capisco i motivi per cui dovremmo temere l’Iran anche com’è attualmente. é un paese pacifico che non ha mai aggredito nessuno. ha una storia millenaria alle spalle. E’ un paese costantemente minacciato da due stati terroristi (Usa e Israele) e cerca di difendersi. ha tutti i diritti di ricorrere al nucleare e via dicendo. i suoi fatti interni rimangono tali. anzi sarebbe meglio che gli Usa cessassero di ingerire, come ha recentemente ammesso il segretario di stato Hillary Clinton. attenzione, amici che si sta ripetendo il clichè che ha portato alla macellazione del popolo irakeno. ricordate quante menzogne da parte occidentale sul pericolo Saddam? stanno rifacendo la stessa cosa. non cadiamo nella trappola. come pensa la maggior parte dei cittadini europei, stando al risultato del famoso sondaggio di 3 anni fa, i paesi piu’ pericolosi per la pace sono gli Usa e Israele.

  • Hassan

    “e che nega loro anche i piu’ elementari diritti umani”

    Ma cosa ne sai tu dei più “elementari diritti umani” ? Ma poi cosa sarebbe l’Iran “giovane e progressista” ? E poi nessuno ha timore dell’Iran, solo i poveri fessi che si son bevuti la propaganda USraeliana.

  • ranxerox

    Ecco un altro che ha capito tutto! Complimenti, rossa primavera. Lei ha vinto un abbonamento settimanale all’Unità(o al Giornale, tanto è uguale). Ancora bravo/a

  • marcello1950

    Io ripeto un concetto che ho deto molto tempo fa ma che ne Usa ne Israele hanno interesse ad evidenziare

    e cioè il vero nemico di israele sono gli arabi sunniti, che lo premono dappresso, un iran nucleare fa più paura ai paesi del golfo che ad israele, un iran nucleare determina il compattamento dei paesi arabi attorno ad israele,
    abbandonando definitivamente di appoggiare il ritorno dei palestinesi nelle loro terre anzi gli potrebbero anche permettere di arrivare fino all’eufrate pur di cercare di coinvolgere israele a difendere no solo se stesso ma anche i paesi del golfo da tentativi di espansione dell’Iran nel golfo persico.
    a
  • backtime

    il al tuo posto pretenderei una visita oculistica, visto che non sei capace di guardare oltre il tuo naso e senza ragionarci su (sai… il famoso “cui prodest?”) raccogli quel che senti e lo rimetti come verità comprovata.

  • Rossa_primavera

    Cosa ti fa pensare che le tue fonti siano veritiere e cristalline mentre le mie no?

  • maumau1

    quella di rossa_primavera è una cazzata grossa come una casa,quase sarebbe il popolo quello pagato ed aizzato da USA ed Israele e UK?
    La clinton ha ammesso che in 3 anni in Iran(iran non iraq,sveglia,ti chiami pure primavera ma dormi!) hanno spesso oltre 400milioni di dollari per finanziare le opposizioni..ossia pagare gente per organizzaare la rivolta..
    con 400milioni di euro ne organizzi di rivolte..
    la rivoluzione verde,fallita..
    nell’Europa dell’est analoga cifra è stata spesa per le rivoluzione colorate o dei fiori…per mettere al governo o nel parlamento furfanti ladri corrotti e corruttori ladri ed assassini o cocainomani pazzoidi come il presidente georgiano..
    eccolo il tuo popolo?
    ONG,Onlus,tutte con sedi all’estero ,tutte pagate da enti preposti all’esportazione della democrazia senza troppi segreti,promesse di influenti incarichi nel possibile nuovo governo e cose del genere..

    sparute folle di piazza spacciate per folle oceaniche da sapienti riprese di cameramen occidentali e prezzolati che tra l’altro riguardavano solo teheran nord ossia la parte più ricca dell’intero enorme Iran,dove la stragrande maggioranza degli iraniani è con Ahmadinejad e lo dimostrano le immense quelle si oceaniche manifestazioni che in questi giorni dimostrano l’appoggio al governo…

    Il sangue finto di Neda,il facebook e twitter in mano alla CIA usati per fomentare la rivoluzione che non c’è stata..

    giovani firmati ralph lauren ,poco credibili come rivoltosi..

    mancanza di libertà?
    Si per chi vuole sfruttare,arricchirisi sulle spalle dei poveri,chiudere le università del popolo togliere la assistenza sanitaria che Ahmadinejad ha allargato a tutti…da alcuni anni…
    cose che in USA si sognano…visto che nelle scuole pubbliche non si va più in la di insegnare ricette culinarie.e la sanità per tutti è ancora una chimera..

    come mai lei rossa primavera non si accorge che le rivoluzioni che Obama porta sulla carta Ahmadinejad le ha fatte nel silenzio suo e dei media prezzolati?

    Stipendi di operai ed insegnati raddoppiati..
    ma non quelli dei banchieri che certo che si lamentano visto che non possono in nessun modo speculare sia perchè è vietato dal Corano(lo sarebbe anche dal Vangelo se la chiesa di roma non fosse governata dalla massoneria!Non è vietato nella religione ebraica e questo si qualifica da solo visto che questo metodo insano ha invaso l’intero sistema occidentale delle banche ,non per nulla le più grandi banche sono sioniste)
    pensioni raddoppiate(mentre da noi si abassano i coefficenti ed ogni 4anni nel silenzio di tutti ,soprattutto dei media,si abbassa la pensione che e percepiranno a breve milioni di persone fino a che chi prendeva 1000euro oggi di pensione ne prenderà 500-600 e chi ne prendeva 500 ne prenderà 350,ossia la fame..e per di più nessuno può permettersi di non pagare i contributi che sono altissimi mentre le pensioni sono e diverranno sempre di più le più basse del mondo occidentale,tutto questo per riuscire a pagare le tasse usuraie che i banchieri qui da noi hanno applicato sui soldi che prestano allo stato,cosa non è permesso in Iran dove la banca centrale è pubblico quindi nessun debito pubblico da pagare,alcun interesse,i 70miliardi di euro l’anno,da regalare alle banche che strozzano il popolo!Infatti ,visto che i conti dell’INPS hanno un attivo di 14miliaridi di euro e quelli dell’Inail di 11miliardi,non ci sarebbe nessun bisogno di abbassare le pensioni ed alzare l’età pensionabile..se non per prendere soldi per pagare l’usura alla banche..)

    Rossa promavera se avesse un pò di coscienza la lotta lei dovrebbe farla in Italia,non in Iran,ma per questo ci vogliono palle e consapevolezza,cose che da quello che afferma,lei non ha di certo.

    L’iran è decine di volte più avanti dell’Italia…uno stato governato dalle banche che sceglie anche i politici che verranno candidati pagando i debiti dei partiti e finanziando le campagne elettorali(ovviamente meno tv hai e più ti servono soldi ecco che addirittura ne diventa più dipendente il PD ed i partiti meno mediatici).
    L’iran ha decenni di emabrgo totale e non collassa…noi saremmo collassati dopo 1 solo giorno…
    Se non fosse stato per 70anni conquistato e dominato da Inghilterra ed USA
    che si erano appropriati del suo petrolio e fatti anche colpi di stato(Ammessi da Obama nel discorso di Tripoli e dalla stessa Albright)
    se l’UK non fosse stato condannato dalla corte internazionale dell’AJA per ingerenze sugli affari interni dello stato iraniano e quindi cacciato(dopo di che fu organizzato il golpe dello scia di persia poi dopo anni abbattuto per fortuna dalla rivoluzione sostenuta da Ahmadinejad)
    l’Iran oggi sarebbe uno stato ricchissimo..
    solo che rossa primavera lei dovrebbe studiare un pò di storia per capire e per tentare di mistificare,cosi’ da ignorante,ha poco da mischiare le carte…
    qui c’è la storia intera dell’iran e cosi’ capirà quante cazzate ha detto in un sol colpo http://it.wikipedia.org/wiki/Iran

    e cosi’ come ieri hanno organizzato colpi di stato UK ed USA oggi usano altri metodi per rovesciare Ahmadinejad,ecco perchè lui giustamente accusa UK ed USA è fin troppo ovvio e gli USA manco smentiscono e manco gli UK
    tacciono,ma non smentiscono..
    la Clinton dopo aver affermato di aver finanziato l’opposizione in Iran,ha detto che è loro legittimo diritto(il diritto lo piegano ai loro interessi) esportare la democrazia in Iran,nei modi che ritengono più opportuni…

    quindi non farfugliare.. quanto afferma Ahmadinejad sulle ingerenze straniere in Iran(come è vero anche in Italia,ma questo non lo si può dire!)
    è pura verità,solo tu e persone come te lo negano,ma non gli artefici di quelle ingerenze che invece le confermano…

    fai una cosa,studia,poi torna a scrivere..
    altrimenti rischi di scrivere cazzate nuovamente..

    ciao