Tensione in Spagna sulle pensioni

Sta arrivando lo tsunami delle condizioni della Commissione Europea per i soldi (o, meglio, il piatto di lenticchie) del cosiddetto “Recovery Fund”. Quanto sta ora accadendo in Spagna sembrerà schiuma sulla battigia rispetto a tale tsunami, pronto ad abbattersi sull’Italia, in arrivo dalla Commissione Europea.

 

Le riforme delle pensioni spagnole aumentano le tensioni all’interno della coalizione.

I cambiamenti fanno parte degli impegni che Madrid deve prendere in cambio dei fondi di recupero dell’UE

 

Daniel Dombey da Madrid e Sam Fleming da Bruxelles – Financial Times – 21/1/2021

 

All’interno del governo spagnolo si sono intensificate le tensioni sulla riforma delle pensioni che Bruxelles si aspetta che costituisca una parte vitale degli impegni di riforma che Madrid deve rispettare in cambio di miliardi di euro di aiuti coronavirus.

Podemos, il partner minore della sinistra radicale nel governo guidato dai socialisti di Pedro Sánchez, insiste sul fatto che non sosterrà le modifiche ai calcoli per i pagamenti che, a suo dire, ridurranno le pensioni future di milioni di contribuenti.

Ma, in un’intervista al Financial Times, José Luis Escrivá, ministro della sicurezza sociale spagnola, ha detto che i suoi piani pensionistici sono stati mal interpretati. Egli ha sostenuto che riforme più ampie sono cruciali non solo per ottenere l’appoggio di Bruxelles, che deve versare circa 140 miliardi di euro in sovvenzioni e prestiti del fondo di recupero a Madrid nei prossimi sei anni, ma anche per affrontare problemi di lunga data all’interno dell’economia spagnola.

Queste sono riforme che dovevano essere fatte in ogni caso, anche se non ci fossero stati fondi UE“, ha detto delle proposte generali della Spagna alla Commissione Europea. “Le raccomandazioni della commissione sono un riflesso ragionevole dei problemi della Spagna con i colli di bottiglia della crescita e della sostenibilità fiscale“.

Gli attriti all’interno della coalizione sulla questione sono un segno di potenziali problemi per l’UE che cerca di garantire che i paesi dell’Europa centrale e meridionale – i principali destinatari dei fondi di recupero del coronavirus – abbraccino le riforme come contropartita per i fondi di recupero.

Il fondo di recupero da 750 miliardi di euro dell’UE ha lo scopo di evitare che gli squilibri economici nella zona euro peggiorino ulteriormente. È stato salutato come un cambiamento di gioco per paesi come la Spagna e l’Italia, che sono stati particolarmente colpiti dalla pandemia e che devono anche lottare con un alto debito pubblico o deficit.

 

 

Ma gli stati membri del nord dell’UE hanno sottolineato la necessità di riforme di accompagnamento per fornire miglioramenti duraturi alle prospettive di crescita dei beneficiari.

Non si tratta solo di investimenti nell’economia – si tratta di riforme necessarie per assicurarsi che tutti noi in Europa possiamo gestire molto meglio la prossima crisi“, ha detto un diplomatico dell’UE.

Se i paesi non riescono a rispettare i piani di riforma concordati con la Commissione, ciò potrebbe provocare ritardi nell’erogazione dei fondi previsti per i prossimi anni.

Escrivá ha evidenziato le proposte spagnole che vanno da riforme fiscali, di spesa e amministrative a piani per facilitare gli affari, così come un tentativo di ridurre la dipendenza del paese dai contratti di lavoro temporanei.

La questione più controversa però riguarda le pensioni statali. Il sistema della sicurezza sociale spagnolo è in deficit da un decennio e i pagamenti delle pensioni, che attualmente rappresentano il 12% del prodotto interno lordo, sono destinati ad aumentare con l’invecchiamento della popolazione spagnola. Mentre l’anno scorso gli over 65 rappresentavano poco meno di uno su cinque della popolazione, entro il 2050 la proporzione sarà quasi uno su tre.

Pablo Iglesias, il leader di Podemos e vice primo ministro spagnolo, ha recentemente detto che il suo gruppo non sosterrà quella che ha dipinto come una proposta di Escrivá e Sánchez per aumentare il periodo di tempo utilizzato per calcolare il valore delle pensioni statali da 25 a 35 anni. Poiché le persone di solito iniziano la loro vita lavorativa con salari più bassi di quelli con cui finiscono, un tale cambiamento potrebbe ridurre le pensioni di anzianità.

“Podemos non voterà a favore di un taglio delle pensioni in Spagna”, ha detto Iglesias alla televisione spagnola, aggiungendo che deve la sua posizione all’accordo di coalizione del 2019 del suo raggruppamento con i socialisti, che ha impegnato i due partiti ad aumentare il potere d’acquisto delle pensioni più basse. “Chiunque pianifichi un’azione del genere sta andando contro . . . un contratto che abbiamo fatto con i cittadini“.

Escrivá ha ribattuto che le sue proposte pensionistiche consistono in altre misure – in particolare l’eliminazione dei disincentivi per le persone a lavorare fino ed oltre l’età pensionabile legale di 66 anni. Ha aggiunto che il deficit del sistema di sicurezza sociale è stato in gran parte eliminato spostando i trasferimenti non finanziati di 14 miliardi di euro all’anno al bilancio generale del governo. Ma ha riconosciuto che il pensionamento dei baby boomers è destinato a produrre un nuovo deficit dal 2025 al 2048 circa.

Il ministro ha liquidato il dibattito sul periodo di calcolo della pensione come “una questione del tutto secondaria“. Ha detto che il suo ministero non ha ancora presentato alcuna proposta definitiva sull’estensione del periodo, ma sta dando seguito a un recente accordo trasversale per rafforzare i contributi al sistema di sicurezza sociale: “Questo ci ha portato a cominciare a guardare a periodi più lunghi per il calcolo delle pensioni, oltre i 25 anni… non per 35 anni ma per qualche anno in più“.

Ha anche sostenuto che in alcuni casi – come quando i guadagni delle persone sono diminuiti – i pagamenti delle pensioni potrebbero aumentare come risultato di un tale intervento.

Tuttavia, la tensione tra i due partner della coalizione sulla questione evidenzia le crescenti tensioni tra i socialisti e Podemos che potrebbero complicare il programma di riforma della Spagna più in generale.

Il mese scorso, il governo di Sánchez ha finalmente ottenuto l’approvazione parlamentare per il suo bilancio, un risultato che ha rafforzato il potere della coalizione, ma ha permesso agli antagonismi tra i due partiti di riaffiorare.

Il nuovo bilancio spagnolo permette anche al governo di prendere in prestito 27 miliardi di euro a fronte delle future sovvenzioni del fondo di recupero dell’UE mesi prima che il blocco inizi a pagare – una mossa che potrebbe ridurre l’efficacia di qualsiasi tentativo di Bruxelles di collegare le sovvenzioni alle riforme strutturali.

Valdis Dombrovskis, uno dei vice-presidenti esecutivi dell’UE, ha detto questa settimana che gli esborsi del fondo di recupero saranno soggetti al raggiungimento di “tappe specifiche e misurabili” e che rimane “molto lavoro da fare“. Alcuni Stati membri devono essere più precisi nello stabilire esattamente quali eventi faranno scattare i pagamenti, ha aggiunto.

Gli stati membri devono presentare le versioni finali dei loro cosiddetti piani di recupero e di resilienza entro aprile, stabilendo sia la loro richiesta di fondi UE che gli investimenti proposti e le riforme economiche.

Dombrovskis ha detto che 11 stati membri hanno già presentato le prime bozze di tali piani, che sono guidati da raccomandazioni specifiche per paese fatte in precedenza dalla commissione.

 

Link: https://www.ft.com/content/a7523726-a4fa-4c49-8aea-26a523aea498

 

Traduzione di Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Bertozzi
Bertozzi
24 Gennaio 2021 12:47

“Ma ha riconosciuto che il pensionamento dei baby boomers è destinato a produrre un nuovo deficit dal 2025 al 2048 circa.”
Ahahahah LOL!

Spagnoli venite qui se volete imparare ad azzerare le pensioni future, qui siamo avanti di decenni, i nostri boomer se le sono già pappate tutte e con gusto! noi lo si vive già da lustri il deficit che voi avrete nel 2025, noi a vendere i figli siamo avveniristici! E il tutto è stato compiuto con il beneplacito di tutti e senza la minima remora che sembra vi stiate facendo voi!
Venite qui chiedete ai nostri ‘saggi’ e ve la risolvono in cinque quattro.