Home / Attualità / Le regole di Sauron a Washington

Le regole di Sauron a Washington

DI PAUL CRAIG ROBERTS

strategic-culture.org

“Il problema è che il mondo ha dato retta agli americani per troppo maledetto tempo” – Il Dr. Julian Osborne, dalla versione cinematografica del 2000 del libro di Nevil Shute del 1957, On the Beach

Un lettore mi ha chiesto perché i neoconservatori spingono verso una guerra nucleare se non ci possono essere vincitori. Se tutti muoiono, a che serve?

La risposta è che i neoconservatori credono che gli Stati Uniti possano vincere con un minimo e, forse, zero danni.

Il loro folle piano è questo: Washington ha circondato Russia e Cina con basi anti-missili balistici per creare uno scudo contro un loro attacco di rappresaglia. Però, da queste basi USA anti-ABM è anche possibile lanciare un attacco nucleare missilistico non individuabile contro Russia e Cina, riducendo in tal modo il tempo di preavviso a soli cinque minuti e lasciando alle vittime di Washington poco o nessun tempo per prendere una decisione.

I neoconservatori ritengono che il primo attacco di Washington sia in grado di danneggiare così gravemente le capacità di ritorsione russe e cinesi che entrambi quei governi si arrenderebbero rinunciando a lanciare una loro risposta. I dirigenti russi e cinesi giungerebbero alla conclusione che le loro forze ridotte avrebbero scarse possibilità che la maggior parte dei loro ICBM possano superare lo scudo ABM di Washington, cosa che lascerebbe quindi intatta la maggior parte degli Stati Uniti. Una rappresaglia debole da parte di Russia e Cina costituirebbe semplicemente un invito ad una seconda ondata di attacchi nucleari degli Stati Uniti che potrebbe cancellare le città russe e cinesi, uccidendo milioni di persone e lasciando entrambi i paesi in rovina.

In breve, i guerrafondai americani scommettono che le leadership russa e cinese si sottomettano piuttosto che correre il rischio di una distruzione totale.

Non c’è dubbio che i neoconservatori siano così perversi da lanciare un attacco nucleare preventivo, ma probabilmente il piano mira a mettere Russia e Cina in una situazione in cui i loro capi concludano che il sistema è tutto contro di loro e, di conseguenza, siano obbligati ad accettare l’egemonia di Washington.

Per sentirsi al sicuro nella sua egemonia, Washington avrebbe dovuto ordinare a Russia e Cina di disarmare.

Ma questo piano è pieno di rischi. Gli errori di calcolo sono una caratteristica della guerra. È da imprudenti e irresponsabili rischiare la vita del pianeta solo per l’egemonia di Washington.

Il piano neoconservatore mette Europa, Regno Unito, Giappone, Corea del Sud e Australia a rischio estremo di una ritorsione di Russia e Cina. Lo scudo ABM di Washington non può proteggere l’Europa dai missili da crociera nucleari della Russia o dall’Air Force russa, di conseguenza l’Europa cesserebbe di esistere. La risposta della Cina colpirebbe Giappone, Corea del Sud e Australia.

La speranza russa e quella di tutte le persone sane di mente è che i vassalli di Washington capiscano che sono invece proprio loro ad essere a rischio, un rischio da cui non hanno nulla da guadagnare ma tutto da perdere, e che perciò ripudino il loro vassallaggio a Washington e rimuovano le basi americane (attorno a Russia e Cina, ndt). Deve essere chiaro ai politici europei che essi verranno trascinati in un conflitto con la Russia. Questa settimana il comandante della NATO ha detto al Congresso degli Stati Uniti che aveva bisogno di finanziamenti per una maggiore presenza militare in Europa per poter contrastare  “una Russia che sta risorgendo” (1).

Esaminiamo cosa si intende per “una Russia che sta risorgendo”. Significa che la Russia è forte e abbastanza sicura da difendere gli interessi propri e quelli dei suoi alleati. In altre parole, la Russia è stata in grado di bloccare l’invasione della Siria pianificata di Obama e il bombardamento dell’Iran e consentire alle forze armate siriane di sconfiggere le forze dell’ISIS inviate da Obama e Hillary a rovesciare Assad.

La Russia “sta risorgendo” perché è in grado di bloccare le azioni unilaterali degli USA nei confronti di alcuni altri paesi.

Questa capacità è la risposta alla dottrina del neoconservatore Wolfowitz, che afferma quale obiettivo principale della politica estera degli Stati Uniti quello di prevenire l’affermarsi di qualsiasi paese in grado di ostacolare le azioni unilaterali di Washington.

Mentre i neocon erano tutti assorbiti nelle loro guerre “giochi da ragazzi” che durano ormai da 16 anni, la Russia e la Cina sono emerse come ostacoli all’unilateralismo di cui Washington ha goduto dopo il crollo dell’Unione Sovietica. Ciò che Washington sta cercando di fare è riconquistare la sua capacità di agire in tutto il mondo senza alcun limite da parte di qualsiasi altro paese. Ciò richiede che la Russia e la Cina facciano un passo indietro.

Russia e Cina stanno per farlo? È possibile, ma io non ci scommetterei la vita del pianeta. Entrambi quei governi mostrano una coscienza morale che a Washington è totalmente assente. Nessuno dei due governi è intimidito dalla propaganda occidentale. Il Ministro degli Esteri russo Lavrov ha detto ieri che sentiamo accuse isteriche senza fine contro la Russia, ma quelle accuse mancano sempre di qualsiasi prova (2).

In teoria, la Russia e la Cina potrebbe sacrificare la loro sovranità per il bene della vita sulla terra. Ma questa stessa coscienza morale li spingerà ad opporsi al male rappresentato da Washington, proprio per non soccombere loro stessi a quel male. Perciò, ritengo che il male che governa a Washington stia portando gli Stati Uniti ed i suoi stati vassalli alla distruzione totale.

Dopo aver convinto i dirigenti russi e cinesi che Washington intende bombardare i loro paesi con un attacco a sorpresa (3), la domanda è: come risponderanno Russia e Cina? Devono sedersi e attendere l’attacco di Washington o invece prevenirlo con quello loro?

Voi che fareste? Scegliereste di salvare la vostra vita arrendendovi al male, oppure lo combattereste distruggendolo?

Il mio scrivere schietto ha portato il mio nome ad essere iscritto in certe liste (finanziate da chi?) come quello di un “sciocco o un agente dei russi”. In realtà, io sono l’agente di tutte le persone che disapprovano la volontà di Washington di usare una guerra nucleare per stabilire l’egemonia di Washington sulla Terra; ma cerchiamo di capire che cosa significa essere un “agente russo”.

Significa rispettare il diritto internazionale, cosa che Washington non fa. Significa rispettare la vita, cosa che Washington non fa. Significa rispettare gli interessi nazionali di altri paesi, cosa che Washington non fa. Ma cose che la Russia fa. Allora, chiaramente, un “agente russo” è una persona morale, che intende preservare la vita, l’identità nazionale e la dignità degli altri popoli.

È Washington che vuole spegnere la moralità umana e diventare il padrone del pianeta. Come ho scritto in precedenza, Washington senza discussione alcuna è Sauron (4). L’unica domanda importante è se vi sia ancora un bene bastevole nel mondo per resistere e vincere il male di Washington.

Paul Craig Roberts

Fonte:  www.strategic-culture.org

Link: http://www.strategic-culture.org/news/2017/05/06/sauron-rules-in-washington.html

6.05.2017

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da OLDHUNTER

NOTE

1)  https://www.rt.com/news/387063-nato-counter-resurgent-russia/
2) https://sputniknews.com/politics/201705041053274379-lavrov-russia-us-relations/
3) http://www.fort-russ.com/2017/04/us-forces-preparing-sudden-nuclear.html
4) Ne Il Signore degli Anelli, Sauron è l’Oscuro Signore di Mordor (The Dark Lord of Mordor), uno spirito malvagio e potentissimo. Vedi: https://it.wikipedia.org/wiki/Sauron

Pubblicato da Davide

  • land 110

    Il problema degli americani é il nome polo nord e i sottomarini
    Mi chiedo perché non ha esaminato anche queste risposte russe e cinesi nell articolo

    • Tizio.8020

      In effetti, da uno come Paul Craig Roberts non mi attendo errori così grossolani!!!
      Diciamo che ha scritto un cumulo di cazzate, e bona lé.
      E’ da almeno ventanni che i sottomarini nucleari hanno la capacità di scatenare un attacco nucleare imprevedibile contro il nemico.
      Proprio per questo non serve a nulla tutta la serie di ABM etc.
      Non potrebbero mai intercettare un attacco proveniente dal mare.
      Altra domanda: ma se i Russi hanno dimostrato di poter neutralizzare le difese navali americane solo sorvolandoli, cosa pensate abbiano in serbo come contromisura verso gli ICBM ???

      https://it.sputniknews.com/italian.ruvr.ru/2014_04_27/Mar-Nero-e-il-marchio-nero-per-il-sistema-americano-Aegis-7206/

      • il gobbo

        Tra tutte le ipotesi o teorie lette, la sua è la sola che contiene fatti già
        accaduti e documentati: neutralizzazione delle difese navali ed aeree americane solo sorvolandole, il resto è speculazione, aggiungo che
        dovrebbero essere gli u$a a essere preoccupati e non vice versa….

        • Tizio.8020

          Secondo me è proprio perchè sono moolto preoccupati, che cercano di “mandare avanti” i propri alleati.

          • Faro Bugliocco

            Concordissimo con te…. ma a prescindere , ci rendiamo conto che stiamo dialogando della follia o di un manche di partita a videogiochi?. Un saluto

        • Cataldo

          L’idea che un aereo “neutralizzi” solo sorvolando una unità maggiore è una solenne bufala, bisogna inquadrare le fonti e smettere di pensare che la propaganda arrivi solo da una direzione!
          la Cook non ha avuto alcuna riparazione maggiore, non dico che i disturbi elettronici russi non siano in grado di avere effetti, ma che non sono quelli descritti da sputnick nell’articolo citato.

          • Primadellesabbie

            Parrebbe che lo sconcerto dell’equipaggio del battello sia derivato dal fatto di aver percepito di essere stati inquadrati dal radar dei missili S-qualcosa.

          • Tizio.8020

            E ridagli.
            Come mai la notizia non è stata smentita?

      • marco schanzer

        che un tizio , interpreti questa situazione e questo , generoso , articolo , come una faccenda tecnologica , e’ rivoltante .
        E suggerisce che la , ulteriore , distruzione del mio habitat , e’ probabile .

        • Tizio.8020

          Mi sa che vi siete distratti un attimo:

          “In teoria, la Russia e la Cina potrebbe sacrificare la loro sovranità
          per il bene della vita sulla terra. Ma questa stessa coscienza morale li
          spingerà ad opporsi al male rappresentato da Washington, proprio per
          non soccombere loro stessi a quel male. Perciò, ritengo che il male che
          governa a Washington stia portando gli Stati Uniti ed i suoi stati
          vassalli alla distruzione totale.”

          Secondo voi, Russia & CIna si farebbero fottere “per il bene della vita sulla terra” ????
          Ma ci credete????

  • neroscuro2014

    Domanda a chi è esperto di questioni militari: se questa ipotesi è corretta, appena se ne presentasse l’occasione potrebbe essere la Russia ad attaccare l’Europa? Con questa azione colpirebbe un alleato non così importante da scatenare una rappresaglia nucleare e potrebbe riequilibrare le forze in campo eliminando alcune delle basi più prossime.

    • Alessandro Farolfi

      Risposta,secondo te la Russia attaccherebbe l’Europa,che tanto x dire rifornisce da decenni(anche quando c’era l’URSS ed il PdV!)abbondantemente di gas e petrolio ed altro,guadagnandoci fior di valuta pregiata?
      Questo nonostante che l’UE dei burocrati ha messo le cd”inique sanzioni” x il caso Ucraina,che dobbiamo essere sinceri è stato scatenato dagli USA,con al seguito della UE/NATO x scompigliare il cd”cortile di casa”di Vladimir Putin?
      Allora spiegami come mai c’è un tale concentrazione di basi militari NATO/USA ai confini Russi mentre ai confini USA/Canada/UK e degli altri paesi NATO/UE,tolti i Baltici,la Norvegia e pochi altri nessuna base Russa o Cinese,esiste vicino a questi confini?
      ps
      X ricordare,questi sono i veri numeri:
      1)Basi militari USA nel mondo=N°circa 750/800 in circa 120 nazioni
      2)Basi militari Russe nel mondo=N°3/4(Siria,Cuba,Nicaragua,forse)
      3)Basi militari Cinesi nel mondo=N°0
      ovviamente non contando quelle UK/Francesi o NATO sia nei Balcani o in Afganistan1
      un saluto
      Alexfaro

      • neroscuro2014

        Mi dispiace, la guerra non è una questione di moralità, anzi per come stanno le cose e dopo le continue minacce e provocazioni, la Russia farebbe benissimo a contrattaccare seriamente, quello che volevo sapere è se una cosa del genere è possibile.

  • PietroGE

    Ci risiamo con la guerra nucleare! Ma se gli USA non osano neanche attaccare la Corea del Nord, attaccano Russia e Cina? E le rappresaglie dai sottomarini come le fermi? Va be’ lasciamo stare.

    • gianni

      Ma infatti ….forse gli comincia a stringere il culo all’ eventualità che ci sono paesi nel mondo che possono distruggerli

    • Cataldo

      Sarebbero idioti ad attaccare la Corea del Nord che è un assett prezioso per la strategia USA nel pacifico 😉

    • Alessandro Farolfi

      Tanto x la cronaca sia la Russia che la Cina,ma molto presto anche la RDPdK,oltre agli ICBM basati su silos interrati e corazzati,possiedono,anche missili intercontinentali,mobili lanciabili da TEL,virtualmente inintercettabili,visto che possono essere lanciati da qualsiasi punto del territorio nazionale,in più x la Russia e la Cina oltre a questi ultimi le due potenze nucleari hanno in più anche missili SLBM,cioè lanciabili in immersione da sottomarini a propulsione nucleare,posizionati anche molto lontano dalle coste nemiche,anche questi sono assolutamente inintercettabili in quanto servono appunto x il secondo colpo di rappresaglia x”finire il nemico”in quanto essendo x forza di cose un pò meno precisi dei missili con base a terra,dicevo sono puntati proprio sulle grandi città e/o basi militari nemiche.
      Quindi secondo qualcuno gli USA sarebbero così idioti da provocare una risposta militare nucleare Russa o cinese oppure nord-Coreana od altro,causando una perdita di vite umane Statunitensi,di almeno 150/200 milioni di persone?
      Ma andiamo,x favore,nessuno al mondo che abbia un briciolo di sale in zucca lo farebbe,penso che nemmeno Adolf Hitler l’avrebbe ordinato(attenzione essendo io Comunista,sono agli antipodi del pensiero di”baffino”!)se avesse potuto disporre di armi nucleari,il perchè è come dire lapalissiano :
      Le armi nucleari,sono essenziali x la difesa da invasioni od altri conflitti contro stati più potenti militarmente,ma non solo,anche economicamente od alleanze di stati tipo la NATO,servono quindi come DETERRENTE,in caso che…infatti lo dice anche la frase”deterrente nucleare”(vedi il caso RDPdK)
      X cui “baffino” che voleva conquistare i territori altrui anche se privi di autoctoni,ma questa è un’altra storia e non certo distruggerli facendoli diventare un mucchietto di cenere,non avrebbe mai e poi mai usato armi nucleari,anzi forse le avrebbe usate solo alla fine del 1944 inizio 1945,quando ormai i giochi erano fatti,avendo il nemico alle porte di casa,ma questa è una mera ipotesi ovvio.
      Particolare interessante è che a conti fatti avere un deterrente nucleare sufficiente a impedire ad un eventuale nemico molto superiore militarmente,ed economicamente,costa molto meno ad uno stanziamento della difesa medio-basso al contrario invece delle forze armate(Esercito,Aeronautica e Marina)modernamente armate ed equipaggiate e soprattutto numerose,checchè se ne dica costano molto di più,x molti motivi,personale,mezzi,equipaggiamenti,armamenti,tecnologia ed altri costi quasi insostenibili ,come ad esempio l’aggiornamento e/o l’ammodernamento di tutto quanto ha bisogno una Forza armata equilibrata e numerosa,tutto ciò x la famosa politica della”coperta troppo corta”
      anche x le crisi che ormai attanagliano tutto l’occidente USA compresi,il che comprende che gli stanziamenti x la difesa diminuiscono sempre ogni anno,nonostante qualcuno starnazzi di aumentare i budget x la difesa(Trump docet)
      X ora mi fermo qui,ma se qualcuno vuole approfondire il discorso sono a disposizione.
      Pregasi astenersi troll e perditempo,però.
      X dare una idea andate su wikipedia x farvi una piccola cultura in merito,anche se wiki NON è che sia poi quell’oracolo che tutti credono soprattutto in questo argomento.
      un saluto
      Alexfaro

  • gianni

    Per ora gli USA in Siria stanno perdendo , in Nord Korea hanno paura di attaccare , se vogliono provare a dominare il mondo devono farsi un altro 11 settembre

  • enzo

    L’analisi di Paul Craig Roberts in effetti non tiene conto dei sottomarini, per esempio UK e Francia basano la loro forza nucleare esclusivamente sui sottomarini anche se sono certo che tutti i sottomarini sono costantemente sorvegliati nei loro spostamenti. Comunque non dimentichiamoci che anche la Germania aveva scatenato la 2 guerra convinta di vincerla in breve tempo e poi è stata sconfitta. La guerra nucleare inizierà probabilmente per errore perchè la brevità del tempo di risposta non permette a nessuno di valutare cosa stia realmente accadendo.

    • Gino2

      L’analisi di PCR non tiene conto di nulla. Sono estreme semplificazioni di dinamiche complesse che raccontate come fa lui sono poco piu che favole. Certamente è disinformazione!

  • Annibale Mantovan

    Scusate, ma se ci sono 4 matti neocon disposti ad usare il nucleare preventivo (quanti sono?… 100-1000 persone?) non è che si possa fermarli prima? Non so: un esilio dorato, un atollo sperduto, una prigione, la confisca dei beni, un eccesso di droghe, qualsiasi cosa insomma…bisogna proprio incenerire milioni di persone per la pazzia di pochi scemi?

  • nicolass

    … la miglior diesa è l’attacco

  • marco schanzer

    Il Bene e’ di pochi . L’indifferenza e’ tanta . Va di pari passo con la mediocrita’ dominante . Ma sopratutto bisogna entrare nell’ordine di idee di andare a snidare I folli imperialisti , dale loro ville a Nantucket . Che la follia di quel gruppo , la paghino gli indifferenti , o , addirittura , I buoni , sarebbe ingiusto .

  • Gino2

    Ancora. Ma è una mania. Insisto: sono visioni miopi. Cioè non vedono al di la del naso! Gli “USA” non sono gestiti dai “neoconservatori”. Gli interessi in ballo sono troppo mescolati.
    Ricordo a tutti che la Cina è stata fatta entrare nel WTO, e non per errore!
    Ricordo a tutti che nel 1989 è caduto il muro, e certamente il crollo del comunismo è stato voluto dai poteri USA (che non vuol dire solo dai governanti ma i POTERI economici).
    Adesso si vuole raccontare che gli “USA” cioè la nazione, è in difficoltà e per questo vorrebbero fare una guerra nucleare o una guerra coi missili contro Russia e Cina che sono in realtà partner economici fondamentali. L’intrigo di potere finanziario e “lobbistico” è assolutamente apolide ormai.
    Fare analisi di questo tipo senza minimamente considerare queste faccende è una cosa RIDICOLA.

    • Cataldo

      E’ evidente che le elite al potere sono sostanzialmente apolidi, basta guardare come hanno ridotto gli USA negli ultimi lustri nei quali hanno spadroneggiato, non hanno certo fatto gli interessi dei nostri fratelloni* americani.
      Il problema è che questi apolidi hanno basato le loro fortune sull’egemonia globale delle forze imperiali e del controllo informativo che ne deriva, lo scontro con Cina e Russia è lo specchio del loro fallimento nell’inglobare le elites di questi paesi nel loro inner circle. In questo senso la situazione è molto più pericolosa degli anni 70 ed 80, proprio perchè essendo l’elite apolide non ha remore recondite a sfruttare OGNI paese e nazione.
      C’è quindi un grave scollamento tra l’avanzare tecnologico delle possibilità operative delle forze nucleari ed il loro controllo politico da parte delle istituzioni, anche la demolizione controllata della legislazione internazionale iniziata dal 2001 da parte USA, è un volano di attivazione di rischi globali. Ovviamente PCR scrive per sintesi, e non è da condividere in toto, ma rimane sempre una fonte utile.

      *sono fratelli e non amici, come dicevano dei russi gli umoristi del patto di varsavia negli anni 70, perchè gli amici si possono scegliere .

      • Gino2

        vedi il discorso è questo.
        Io non dico che non ci sono rischi di guerre.
        Innanzitutto dico che la sintesi di PCR è gravemente mancante di dati e considerazioni.
        Insistere a parlare di nazioni contro nazioni come si fosse in una partita a risiko lo trovo sbagliato e disinformante.
        Nel 2001, la data che citi tu e che tutti conosciamo, non c’è stato solo l’attentato al WTO, ma , insisto, c’è stato l’ingresso della Cina nel WTO e si discute proprio in questi periodi e forse è già successo, che la Cina diventa economia di mercato.
        Se si parla di USA e di Cina, parlare dei missili e non dire anche qualcosa nel merito cosa è? NOn è disinformazione?
        Si vuole fare credere che un paese è contro l’altro per questioni economiche e si tacciono gli accordi megamiliardari che ci sono sotto? si può? E’ un’analisi seria?
        Si può parlare di rischi di guerre nucleari a causa di “pazzi” e tacere le manovre economiche che sottostanno a tutto? Evitare di approfondire cosa è diventata la Globalizzazione chi coinvolge come e perchè?
        Si possono tacere i trattati che sono in via di conclusione?

        Si può continuare a parlare di “Whashington” e “Pechino” ed evitare di dire a chi diavolo ci si stà riferendo? Ai governi eletti? E complotti dietro? alle elite economiche?
        Si può ritenere che la minaccia per il mondo è la CIA e i neocon e basta?

        Si possono scrivere frasi di questo tenore: “In breve, i guerrafondai americani scommettono che le leadership russa e cinese si sottomettano piuttosto che correre il rischio di una distruzione totale.”

        “Non c’è dubbio che i neoconservatori siano così perversi da lanciare un attacco nucleare preventivo, ma probabilmente il piano mira a mettere Russia e Cina in una situazione in cui i loro capi concludano che il sistema è tutto contro di loro e, di conseguenza, siano obbligati ad accettare l’egemonia di Washington.”

        “In teoria, la Russia e la Cina potrebbe sacrificare la loro sovranità per il bene della vita sulla terra.”

        Senza degnarsi di specificre un perchè oltre la follia ? Una dinamica economia approfondita?
        senza specificare chi sono i neoconservatori e a chi ci si riferisce quando come all’asilo si nominano Russia e Cina?

        • Cataldo

          Se pensi che le dinamiche “economiche” siano quelle finanziarie siamo fuori strada, è una confusione comprensibile, vista la ipertrofia della finanza attuale, ma l’economia, alla base, è fatta di altro, la finanza è una sovrastruttura. Al momento le famose elite sfruttano il potere imperiale degli USA per concentrare al massimo il potere dato dal controllo dei flussi di beni e di informazione, poichè ci sono nazioni che non si adeguano, queste saranno sottoposte ad una continua pressione, che nella loro follia egemonica potrebbe avere sbocchi drammatici. Che siano entrati nel WTO non cambia una virgola la sostanza del discorso.

          • Gino2

            la finanza è un aspetto certo. Le “dinamiche economiche” sono piu gli accordi e gli interessi in comune delle lobby, più che dei governi delle nazioni. Mi interessa di più l’interessa di determinate lobby anzichè cosa ipoteticamente vuole fare il governo USA dichiarando qualcosa a mezzo stampa che è poi alla fine propaganda (tanto per fare un esempio) . SI, ci sono nazioni che non si adeguano più che per i popoli per gli interessi delle elite “locali” in contrasto con i poteri multinazionali che vogliono sostituirli e inglobarli. L’italia ne è esempio. La Russia è un altro esempio. E ovviamente anche a Cina. Ma i confllitti più grossi sono con il nord africa e il medio oriente al momento, cioè sulla spartizione e controllo di quelle zone e di altre zone viste come terreno di conquista sia dalla RUssia che dalla Cina che da Europa e USA, sempre intendendo però le elite che comandano, non i governi democratici (questo è l’errore fatto piu spesso quando si parla degli USA che fanno questo o quello e della Russia che fa questo o quello, mentre si dovrebbe parlare degli interessi delle banche, delle multinazionali etc)
            Che siano entrati nel WTO è invece, mi spiace contraddirti” fondamentale, perchè significa che su certe cose ci sono visioni comuni e accordi non tra le nazioni ma, sempre, tra elite che comandano e hanno potere e in quei paesi.

            Ti faccio notare chesi tende a pensare che gli USA avrebbero usatola nord corea per accerchiare la Cina. cosa che ci puo stare…..ma la cina…non lo sa?
            Non gli hanno dato due scappellotti al giovane Kim per intimargli di smetterla che avrebbero provocato azioni degli USA? Si sono lasciati fregare cosi facilmente?
            BOH sono molto dubbioso su queste visioni che ritengo superficiali, cioè ad approfondire anche sol un pò le dinamiche piu ovvie si capisce che non sono credibili
            poi ovviamente posso sbagliarmi…. ma mi servono delle motivazioni per pensarlo.

          • Cataldo

            Le lobby sono un cerchio esterno, sono strumenti, come i governi controllati, a livello diverso ovviamente per le diverse caratteristiche istituzionali dei vari paesi.
            Il medio oriente e l’africa sono territori dove le dinamiche sono cinetiche, in quanto sono li rappresentati assets materiali sotto forma di risorse naturali ed umane, ma la redistribuzione dei ruoli nella catena del valore interessa tutti, ad iniziare proprio dalle entità politiche più controllate, come la nostra Italia, e comprendono gli stock di capitale accumulati sotto qualsiasi forma, ad iniziare dal know how.
            Mi sfugge in cosa le elites italiane si siano opposte a questi processi, quando e come; ci ha provato in qualche modo B. a fermare, ad esempio, la distruzione della Libia, ed è stato randellato in pubblico, con le azioni mediaset che scendevano del 3 – 4 % al giorno, da allora i figli lo hanno sostanzialmente interdetto, prima ancora delle azioni eversive di N. verso il governo in carica.
            La corea democratica dalla fine dela guerra fredda è un problema della Cina, non degli USA-NATO-ANZUS-GIAPPONE, senza la corea democratica gli USA nel pacifico non avrebbero il ruolo che hanno, non è una analisi superficiale, è la realtà geopolitica attuale, le portaerei e lo sforzo muscolare erano diretti alla Corea del Sud, più che a quella del nord, ma in corea il tempo degli americani sta finendo in fretta, man mano che si consolida nel sud l’opportunità enorme della riunificazione, opportunità che attrarrà inevitabilmente la Cina ed il Giappone.

          • Gino2

            “Mi sfugge in cosa le elites italiane si siano opposte a questi processi, quando e come.”

            In ogni paese i poteri locali perdono potere mano mano che la globalizzazione avanza, in favore dei grossi poteri lobbistici. Da noi la media e grande azienda ha perso molti colpi e la classe sociale di riferimento ha perso molto potere e danaro. La confindustria si sta barcamenando tra il potere sovranazionale che minaccia il potere nazionale degli imprenditori.
            Berlusconi è un esempio lampante di come il suo “livello” non è bastato a resistere. Ha perso quasi le aziende compreso il milan in favore dei nuovi ricchi. Pensa quelli sotto i lui in termini di potere, che ieri rappresentavano i poteri e ora si vedono minacciati dalla globalizzazione. Il potere politico è un altro esempio di potere locale che si oppone perchè verrà semplicemente devastato nel senso che molti apparati cadranno, di conseguenza il potere di chi l i gestisce con il voto di scambio svaporerà. Anche la mafia ha perso molto potere ed è rimasta la mafia finanziaria apolide e la manovalanza di quartiere.
            In sostanza la famosa classe medio alta che stà sparendo uniformandosi poco verso l’alto molto verso il basso.
            Ovviamente pur opponendosi non stanno dalla stessa parte della classe più povera che anzi viene utilizzata e spremuta per estrarre le risorse che non calano più dall’altro. La concorrenza è troppo forte.
            Forza Italia è stata spazzata via e il PD è ciò che resta di gran parte di questi poteri come rappresentante politico. (ex DC)
            Infatti da un colpo al cerchio un colpo alla botte. Fa il jobAct ma non fa la riforma costituzionale (che chiaramente e ovviamente è stata scritta per non passare al referendum). Fa le riforme che vanno ad aggravare le classi povere ma non fa quelle che copiscono la pubblica amministrazione, le classi borghesi, politiche, le corruzioni etc etc. Perchè colpendo quelle perderebbe in sostanza tutti i voti. Il sistema di corruttela italiano è paradossalmente un cuscinetto di salvataggio dalle riforme neoliberiste (ripeto Berlusca esempio piu lampante).
            Queste sono lotte tra poteri.

      • Tizio.8020

        A me ultimamente PCR dà l’dea di aver sbroccato e di esser ormai incapace di vedere la realtà…

      • Gino2

        PS: mi sono accorto che ho gravemente omesso che la Russia è entrata nel 2012 nel WTO. Tanto per completezza.

  • Cataldo

    P.C.R non scrive cazzate, proverò a commentare sull’articolo aggiornato del 15, specie sul problema dei sommergibili.

    • Tizio.8020

      Come no:

      “Russia e Cina stanno per farlo? È possibile, ma io non ci scommetterei
      la vita del pianeta. Entrambi quei governi mostrano una coscienza morale
      che a Washington è totalmente assente. Nessuno dei due governi è
      intimidito dalla propaganda occidentale”

      Queste son cazzate, e ne ha scritte altre decine…

  • Primadellesabbie

    Un altro colpo messo brillantemente a segno, con modestia ed impegno:

    “…Gli “USA” non sono gestiti dai “neoconservatori”. Gli interessi in ballo sono troppo mescolati. …”

    Questa é curiosa.

    Naturalmente si possono avere pochi dubbi che Gino2 abbia informazioni migliori di Paul Craig Roberts, e deduca infallibilmente le intenzioni, o meglio i comportamenti obbligati dei capi degli US ché, si sa, la frequentazione diretta, dall’interno poi, disorienta; ma é sopratutto la pratica delle relazioni economiche internazionali il punto debole del Craig Roberts, un handicap che fortunatamente non appesantisce il Nostro e non ne mina la grande affidabilità.

    Si può comprendere, a questo punto, la ragione delle doti di intuizione del nostro puntuale informatore.

    – Paul rassegnati, la rete non perdona!

    PS – Altro discorso: forse gli UK possono manovrare il sommergibile, ma il bottone e la guida del missile, grazie alla lungimiranza della dama di ferro, ce l’hanno oltreoceano.

    • Gino2

      Il tuo commento è simpatico. Mi hai fatto ridere.
      Ma non sono un eroe e questo articolo resta pura e semplice disinformazione.
      Non si può fare una analisi di questo tipo tralasciando ogni, e proprio ogni, totalmente, altra considerazione che non sia la folle volontà dei neoconservatori con la mania di egemonia sul mondo. non siamo in un film della Marvel.

      Non comandano i neoconservatori, se per neoconsvatori si intende quella elite politica con la mania di egemonia anche a costo di una guerra nucleare contro la Russia.
      Se per neoconservatori si vuole intedere l’elite con immensi poteri finanziari, economici, politici etc, non si può prescindere dal fare considerazioni ampie su questa elite che ha interessi in ogni angolo del mondo e ha già molto controllo sul pianeta.

      Quindi il tuo commento è simpatico ma non stimola ahimè nessuna riflessione.
      Ho fatto notare che la Cina è nel WTO e che la fine del comunismo non è avvenuta per bontà e per l’agire della vergine.
      Quindi se vuoi apportare dei contributi invece di dare addosso personalmente, anche se non sei d’accordo con ciò che dico, prova almeno ad articolare il perché non lo sei, prova a dare una tua interpretazione dei rapporti che ci sono sotto la facciata mediatica delle minaccie di guerra nucleare, o altrimenti beviti come acqua, la preoccupazione attuale, che è totalmente mainstream, quindi discuti con Vespa e gli altri giornalistoni di come i buoni lottano contro i cattivi e del rischio di una guerra atomica a causa dei brutti e puzzoni maniaci, mettici l’ISIS come mostro finale e dimenticati del FMI, della banca mondiale, del WTO e di tutto ciò che non detto nemmeno da questi commentatori alla PCR, è sopra le nazioni e le manie di guerra degli esaltati.
      Dopo che vi siete bevuti la panzana che Trump fosse contro l’elite come fosse vino bianco fresco d’estate, bevetevi anche delle analisi che pur potendo dire qualcosa di vero perdono credibilità quando parlano nei termini di questo articolo: nazioni contro nazioni, cicecamente e stupidamente.

      • Primadellesabbie

        Che non faccia riflettere, ahimè, lo constato, in compenso pare stimoli consigli a iosa, frutto di first strike (leggi svezzamento) devastante risoltosi in un impasto di luoghi comuni, buon senso d’accatto, siparietti travolgenti, miopia liberatoria e patente scaduta, (altroché film!) proprio da chi dovrebbe riflettere.

        • Gino2

          purtroppo ragionare con la propria testa è difficile. Meglio credere all’eroe PCG, che è certamente un paladino dell’informazione anzi contro infromazione, lui avendo un nome americano e criticando certe cose, si prende la fiducia dei furbi/ingenui. Per cui per lui ill problema è la CIA e i neoconservatori.

          “La Russia, la Cina, l’Iran, il Venezuela, l’Ecuador, la Bolivia, e qualsiasi altro paese sulla lista nera della CIA dovrebbe capire che l’ascesa di Trump non basta a proteggerlo. La CIA è una organizzazione a livello mondiale. I suoi redditizi affari forniscono delle entrate indipendenti dal bilancio degli Stati Uniti. L’organizzazione è in grado di intraprendere azioni indipendentemente dal Presidente o anche dal proprio Direttore.

          La CIA ha avuto circa 70 anni per consolidarsi. Ed esiste ancora.” (P.C.G,)

          e dopo averci riempito di vaccate su quanto Trump fosse “antiestablishment” ci ricorda, lui, l’eroe, che la guerra la vogliono i pazzi neoconservatori e i cattivi e perfidi agenti alla matrix della cia.

          Gli altri, al potere li lascia in pace e infatti non è certo un perseguitato il nostro PCG anzi è in pieno diritto uno che appartiene all’estabishment del giornalismo e del potere USA.

          Alla salute!

          • Primadellesabbie

            ” purtroppo ragionare con la propria testa è difficile. …”

            Molto difficile.

          • Gino2

            l’ho gia scritto a qualcun altro…
            mi fanno morire quelli che commentano sempre con frasette spinose e non hanno mai niente da dire o rispondere perchè assolutamente superiori al discorso quindi non si abbassano a commentare sciocchezze….
            però intanto camuffano che non hanno idea e non sanno totalmente come articolare un semplice discorso.

            E nel frattempo credono a tutto ciò che gli passa davanti basta che sia etichettato come “controinformazione”

            E’ proprio così facile prenderli per i fondelli……….

            sei Grillino anche per caso?

          • Primadellesabbie

            “…però intanto camuffano che non hanno idea e non sanno totalmente come articolare un semplice discorso. …

            Loro “camuffano” (che non hanno idea e non sanno totalmente come articolare un semplice discorso), ma pensa un po’, tu invece lo fai in chiaro ed in continuazione.

            E non te ne dai per inteso.

          • Gino2

            do spunti di riflessione mentre tu fai finta di arzigogolare per non dire nulla.
            E già l’attacco personale è prova della tua inutilità.

      • Tizio.8020

        Cit:

        “non siamo in un film della Marvel.”

        Esatto, sarebbe più credibile!

  • johnny rotten

    Negli ultimi cento anni gli stati uniti sono stati lo strumento militare utilizzato dai veri padroni del mondo, la gang dello scudo rosso, per estendere il dominio poltico ed economico sull’intero globo, alla caduta del muro di Berlino qualcuno si è illuso che il grosso del lavoro fosse stato fatto, quindi gli yankees si sono lanciati senza più alcuna remora nel distruggere e/o schiavizzare quelli che sino ad allora gli avevano resistito, ma dall’arrivo di Vladmir Putin alla presidenza della Federazione Russa qualcosa si è inceppato, forse oggi l’anglo-sionismo inteso come ristretto gruppo di dominio dell’occidente può anche ricredersi sulla fallibilità del piano di conquista del mondo e quindi recedere da tale follia, ma le forze della pazzia coltivate nell’arco degli ultimi settanta anni è facile che siano incontrollabili, ed è qui che il ragionamento di PCR coglie in pieno il rischio a cui stiamo andando incontro, ed anche la totale mancanza di coerenza dei protagonisti della Belt costituisce un incremento di tale rischio, chi governa a Washington? e sono gli stessi che governano al pentagono? ed i proconsoli che si sono divisi il mondo in quadranti a chi rispondono, oltre che a loro stessi? Però può esserci anche un epilogo differente dalla fine dell’umanità causa conflitto termonucleare, quando due forze arrivano allo scontro finale una delle due deve per forza cedere, e non è detto che siano Russia e Cina, anzi è più probabile che sia il contrario proprio perchè gli usa non dispongono di forze sufficienti per vincere la guerra e quindi non la scateneranno mai, ma essendosi spinti troppo avanti dovranno accettare l’umiliazione della sconfitta e lasciare spazio ad un’altra specie di globalizzazione, che non sarà più quelle delle corporation ma quella degli stati e dei popoli, anche perchè in seno all’occidente si sono destate forze enormi che spingono verso questo diverso esito della globalizzazione. Quindi eliminando l’ipotesi dell’olocausto chi perderà sarà l’aggressore che dovrà fare marcia indietro e non chi si è sino ad ora difeso, questo è sempre stato l’esito in tutte le guerre combattute dagli umani. Resta però che l’europa verrà comunque devastata perchè sul suo territorio sono state dislocate troppe forze antagoniste e, per la sua sopravvivenza, la popolazione europea dovrà combattere una guerra sanguinaria contro le milioni di risorse inviate per ditruggerla.

    • Tizio.8020

      Cit:
      “chi governa a Washington? e sono gli stessi che governano al pentagono?
      ed i proconsoli che si sono divisi il mondo in quadranti a chi
      rispondono, oltre che a loro stessi? ”
      Bravissimo, hai sintetizzato il problema.
      Inutile parlare di “USA”o “Russia” o “Cina” come se fossero monoliti immobili e distinti.