LE CONSEGUENZE DI EVENTUALI BOMBARDAMENTI

SULLE INSTALLAZIONI NUCLEARI DELL’IRAN

DI FLOYD RUDMIN
Mondialisation.ca

Osservate attentamente quali conseguenze avrebbero i bombardamenti sulle installazioni nucleari in Iran, poi pregate

A causa di un errore redazionale (per il quale ci scusiamo col traduttore e i lettori) pubblichiamo con ritardo un articolo di analisi sul possibile confronto tra USA (e/o Israele) e Iran. Nonostante la preoccupante situazione economica mondiale abbia spostato l’attenzione dei media (e probabilmente anche dei governi), il rischio di una folle iniziativa bellica contro la repubblica islamica non è scomparso (e potrebbe di nuovo aumentare per iniziativa di Israele dopo le elezioni USA del 4 Novembre). Solo in questi ultimi giorni, mentre ElBaradei e la IAEA hanno smentito la possibilità che l’Iran stia ora sviluppando nucleare bellico, il sito Debka legato al Mossad ha insinuato che basterebbero 4 mesi alla repubblica islamica per iniziare la costruzione di armi atomiche. Sul fronte diplomatico intanto continua il confronto per approvare nuove sanzioni. N.d.r.Recentemente [Aprile 2008 N.d.r.] il governo degli Stati Uniti ha aumentato di una tacca il tono belligerante che utilizza contro l’Iran.

Una serie di reportage apparsi su vari giornali anglofoni lasciano intendere che la guerra è in cammino: Il Mail & Guardian il primo aprile, il Rutland Herald il 4 aprile, il Telegraph il 7 aprile, l’International Herald Tribune l’11 aprile, il Washington Post il 12 aprile, il Washington Times il 16 aprile, The Progressive il 24 aprile, il Santa Monica Mirror il 24 aprile, l’Asia Times il 25 aprile, l’International Herald Tribune il 25 aprile, le Toronto Star il 25 aprile, il Christian Science Monitor il 25 aprile, il Washington Post il 26 aprile, il Washington Times il 26 aprile, il First Post il 26 aprile, il Los Angeles Times il 26 aprile e il Telegraph il 26 aprile.

Due flotte offensive di portaerei si trovano adesso vicino all’Iran e un’altra sarebbe in viaggio. A fine marzo l’Arabia Saudita si è applicata a fronteggiare le conseguenze nucleari che sopraggiungerebbero in seguito a un attacco USA contro l’Iran. A inizio aprile Israele si esercitava ad affrontare i lanci di missili di rappresaglie in seguito a un attacco USA contro l`Iran. Tutti nella regione si preparano a un bombardamento della centrale nucleare e delle installazioni d’arricchimento dell’uranio dell’Iran. Come gli altri, l’Iran è pronto per la guerra.

Gli Stati Uniti avrebbero individuato qualcosa come 10.000 bersagli in Iran. I principali sono l’insieme delle installazioni nucleari, comprese la centrale nucleare di Bushehr sulla costa del Golfo Persico, vicino al Kuwait e le installazioni d’arricchimento di Natanz vicino Ispahan. Bushehr è una città industriale che conta quasi un milione di abitanti. Non meno di 70.00 ingegneri stranieri lavorano in questa regione che comprende un grande sistema d’idrocarburi. Natanz è il principale sito d’arricchimento dell’uranio dell’Iran, a nord d’Ispahan, che conta anche delle installazioni di ricerca nucleare. Ispahan è una città del patrimonio mondiale con una popolazione di due milioni d’abitanti.

Il reattore nucleare iraniano di Bushehr dispone di 82 tonnellate d’uranio arricchito (U235), che sono adesso caricate nel reattore, secondo alcuni reportage della stampa israeliana e cinese. E’ previsto che la centrale diventi operativa questa estate, permettendogli di produrre elettricità. Le installazioni d’arricchimento di Natanz operano a piena capacità e arricchiscono l’uranio in modo che possa essere utilizzato nei reattori, secondo i rapporti dell’Agenzia Internazionale dell’Energia Atomica.


[Effetti di un bombardamento sulle installazioni nucleari iraniane in diverse aree. Dall’alto: morte entro 30 minuti, 50% di morti entro due settimane, possibile morte, malattie da radiazioni, limite di esposizione per soccorritori, limite di esposizione per persone comuni, aumento del rischio di cancro. Accanto al titolo: veduta sulle installazioni nucleari di Bushehr]

Secondo il Centro di controllo delle malattie [degli USA], l’uranio 235 utilizzato nei reattori nucleari ha una vita media di 700 milioni di anni. Quando viene utilizzato come combustibile per dei reattori si trasforma in uranio 238, che a sua volta ha una vita media di 4,5 miliardi di anni. Questi isotopi radioattivi sono pericolosi per la salute, perché emettono delle particelle alfa e perché sono chimicamente tossici. Se inalato, causa dei danni ai tessuti polmonari. Se ingerito, causa danni ai reni e il cancro delle ossa e dei tessuti del fegato. Secondo un recente studio di ricerca medica, l’esposizione all’uranio causa delle deformazioni ai nuovi nati o dei nati morti.

Mai in tutta la storia si è deliberatamente bombardato delle centrali nucleari e delle istallazioni d’arricchimento nucleare. Istallazioni di questo tipo, ovunque nel mondo, sono utilizzate sotto severe regole di sicurezza poiché lo scarto di materie radioattive è mortale al momento stesso in cui l’evento si produce e molto tempo dopo essere stati esposti. Se gli Stati Uniti o Israele dovessero bombardare deliberatamente una centrale nucleare piena di combustibile nucleare o delle installazioni d’arricchimento di combustibile nucleare, questa regola sarebbe violata; degli elementi radioattivi sarebbero allora dispersi nell’ambiente. Ci sarebbero dei decessi orribili tra la popolazione circostante. L’ Unio n of Concerned Scientists [negli USA] stima che tre milioni di decessi avverrebbero nelle tre settimane successive ai bombardamenti delle installazioni nucleari d’arricchimento vicino Ispahan e la contaminazione coprirebbe l’Afganistan, il Pakistan, fino all’India.

Sia i reattori che le installazioni d’arricchimento sono costruiti in cemento extra forte, spesso con strati di ritenuta a volte e sono spesso costruiti sottoterra. I bombardamenti di queste installazioni esigono esplosivi potenti, come le testate penetranti sottoterra, o addirittura delle testate nucleari. Esplosioni simili soffierebbero la contaminazione molto in alto nell’atmosfera. Ma dove andrebbe questa contaminazione? E’ una questione difficile a cui rispondere e difficile da prevedere.

Nel corso della guerra del Golfo del gennaio 1991, numerosi pozzi di petrolio in Kuwait sono stati incendiati. Secondo il Dipartimento di Stato americano «delle piogge nere sono state segnalate in Turchia e della neve nera è caduta ai piedi delle montagne dell’Himalaya». La nuvola radioattiva causata dai bombardamenti delle installazioni nucleari dell’Iran prenderebbe probabilmente le stesse direzioni se le condizioni meteorologiche fossero le stesse. Ma la nube radioattiva potrebbe andare verso nord, cioè in Europa. Nel corso dell’invasione dell’Iraq da parte degli Stati Uniti nel marzo del 2003, accompagnati dalla Gran Bretagna, l’Australia e altri paesi, sono state utilizzate munizioni e bombe all’uranio impoverito (U238). Ci sono voluti nove giorni alle particelle d’uranio provenenti da queste armi in Iraq per raggiungere l’Inghilterra, dove test dei filtri d’aria hanno dimostrato un aumento del 300% di particelle di uranio attribuibile alla guerra. Le condizioni meteorologiche che hanno permesso il trasporto delle particelle fino all’Inghilterra, sono passate sul centro della Turchia, l’Ucraina, l’Austria, la Polonia, la Germania, la Svezia e la Danimarca, per arrivare finalmente in Gran Bretagna dove hanno proseguito il loro percorso sulla Norvegia, la Finlandia, fino all’Artico. Questo fatto è stato segnalato dal The Times, che in un articolo riassumeva uno studio europeo di biologia e di bio-elettromagnetica.

Le conseguenze nucleari dei bombardamenti sull’Iran avrebbero una vita media di 700 milioni di anni. E’ una durata difficile da comprendere. Gesù Cristo pregava circa 2.000 anni fa. Nell’evoluzione dell’uomo i nostri antenati, i primi uomini scimmia, avrebbero camminato eretti appena 5 milioni d’anni fa. L’amministrazione Bush e i suoi consiglieri israeliani stanno adesso pianificando la contaminazione del pianeta per settecento milioni di anni. Secondo la retorica dei candidati alla presidenza John McCain e Hillary Clinton, anche loro pensano che sia una buona idea. I media degli USA, da parte loro, sembrano applaudire.

Gli statunitensi, o non comprendono ciò che si preparano a fare, oppure si sentono al riparo delle conseguenze. Il pianeta non è così grande. Ciò che succede da qualche parte finisce per ripercuotersi sul resto del globo. Il fumo dei pozzi di petrolio incendiati durante la guerra del Golfo si è propagato attorno al pianeta ed è stato rilevato in America del Sud. Gli effetti radioattivi del bombardamento d’un reattore nucleare si propagherebbero in luoghi molto distanti, soprattutto se si considera che il viaggio durerà milioni d’anni.

I paesi del Golfo Persico, principalmente l’Arabia Saudita, il Kuwait, l’Iraq e l’Iran, possiedono più della metà delle riserve di petrolio conosciute. Nel 1981 uno studio di Fetter e Tsipis apparso sulla rivista «Scientific American» riguardo alla «propagazione catastrofica della radioattività» stimava che il bombardamento di un reattore nucleare renderebbe inabitabile una superficie di 8.600 miglia quadrate [NdR: 1 miglio = 1.609 km] attorno al reattore, tutto a seconda del soffiare del vento. Bombardare il reattore di Bushehr significherebbe che la metà delle riserve di petrolio diventerebbero istantaneamente inaccessibili. Bombardare l’Iran significherebbe che gli statunitensi non potrebbero più prendere l’auto, ovunque si tratti d’andare, e questo per molto tempo. Lo stile di vita americano sarebbe finito. Seguirebbe un crollo economico inimmaginabile per gli statunitensi. La produzione alimentare meccanizzata e il trasporto del cibo sarebbero cose del passato. Le sommosse per la fame diventerebbero cosa certa se per caso l’indicatore di carburante indicasse che la riserva è vuota, perfino negli Stati Uniti, terra d’abbondanza.

Le nazioni del mondo non possono contare sugli Stati Uniti e sui loro consiglieri israeliani perché questi pensino e agiscano in modo razionale riguardo ai bombardamenti dei reattori. Non ha senso dire che «tutte le opzioni sono sul tavolo» ed è perfino un crimine contro l’umanità. Gli Stati Uniti e Israele stanno preparando il pubblico ad accettare questa follia, annunciando che hanno bombardato con successo un reattore nucleare siriano senza effetti nocivi. Israele ha anche recentemente pubblicato il video del bombardamento del reattore nucleare d’Osiraq nel 1981 in Iraq. Vedete com’è facile. Non c’è nessuna spiacevole conseguenza. Ma i due siti erano in costruzione e i reattori non erano riempiti fino all’orlo di tonnellate d’uranio arricchito.

I popoli e i governanti del Golfo Persico, del Medio Oriente, dell’Europa e anche di quei paesi dove soffierà il vento, cioè l’India e la Cina, devono adesso prendere delle misure perché cessi questa follia. Una volta liberate le radiazioni, le risoluzioni dell’ONU non le riporteranno in un luogo confinato.

Gli statunitensi che hanno famiglia e amici implicati nelle forze armate nella regione del Golfo Persico, che sia in Iraq o in Afganistan, dovrebbero domandarsi fino a che punto l’amministrazione Bush considera che le sue truppe possano essere sacrificate.

Il pianeta implora: «Non bombardate i reattori nucleari»

Per le fonti vedere l’articolo in inglese: “Consider the Consequences of Bombing Iran’s Nuclear Power Plant and Pray“.

Titolo originale: “Les conséquences des bombardements sur les installations nucléaires de l’Iran”

Fonte: http://www.mondialisation.ca
Link
30.04.2008

Traduzione per www.comedonchisicotte.org a cura di IMG.ZERO

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
reza
reza
26 Ottobre 2008 7:22

Posso solo dire che , nel caso di attuazione di un tale crimine, gli esecutori principali che sarebberò Israele e l’America, accetterebrò le conseguenze del loro gesto con perdite pesanti che sarebberò, sistematico bombardamento di Israele con 11 mila missili Shahab -3 , cosa che metterebbe fine alla esistenza di questo centrale mondiale del crimine e del terrorismo, e attacco via terra, aria e mare coi missili e con tutto cio che è disponibile contro le forze americane presenti nella regione (allargata) dove i piani iraniani prevedono la distruzione di tutte le basi americane a loro portata e circa 350 mila militari americani che resteranno uccisi per questo attacco ! Resta comunque il fatto che chi attaca non è l’Iran ed ogni azione iraniana , dal punto di vista di dirito internazionale e regole della guerra tra gli stati previste dalle convenzioni internazionali, sarà da considerare leggittima difesa. Pur conoscendo bene la gravità di un tale gesto schizofrenico (gli israeliani sono abituatia compierli), non posso escludere niente al momento perché informandomi direttamente dalle fonti giornalistiche e siti iraniane vedo che l’argomento è sempre attuale in Iran. l’ultimo a parlarné è stato l’ex presidente Rafsanjani che due giorni fa durante la… Leggi tutto »

Davide71
Davide71
26 Ottobre 2008 11:30

Ciao a tutti:
per caso nessuno si é accorto dell’inquietante assonanza Ahmadinejad-Armageddon?

alcenero
alcenero
26 Ottobre 2008 12:19

Ciao Davide non me ne ero accorto, è qualcosa di molto curioso

viracocha
viracocha
27 Ottobre 2008 5:11

Veramente scandaloso!… le grandi nazioni occidentali , già da tempo , attentano alla nostra vita , e sono già pienamente responsabili di milioni e milioni di morti . Non dimentichiamoci degli innumerevoli test nucleari voluti in questa era , non dimentichiamoci dei test Francesi in polinesia e di quelli Americani , dello sgancio di 2 armi atomiche su Hiroshima e Nagasaki , dell’utilizzo di armi nucleari in Pakistan e Iraq , chiamatele pure testate ad uranio impoverito ma più non comunemente chiamati missili penetranti con testate NUCLEARI ! … al giorno d’oggi , escluderei al 99% una guerra nucleare mondiale, non penso proprio che il mondo occidentale, nella sua immensa ignoranza , possa arrivare a tanto … ma l’utilizzo di queste tecnologie , tuttavia sono comunque inquietanti , con effetti che potrebbero rilevarsi apocalittici in ogni caso . quando nel mio corpo salterà fuori qualche tumore maligno, non dovuto all’inquinamento atmosferico per mezzo dei combustibili tradizionali , ma per l’inquinamento radioattivo, mi incazzerò a tal punto da non poter più rispondere delle mie azioni ! farò un casino così grande , che rambo al mio confronto apparirà come uno scolaretto alle prime armi ! spero tanto nell’avvento del buon senso,… Leggi tutto »

gianni72
gianni72
27 Ottobre 2008 12:01

per caso invece nessuno si è accorto della enorme minchiata che hai appena detto? avallata dall’enorme sciocchezza detta da alcenero che vuole dare sostegno alla tua tesi. c’è anche una certa assonanza da zionism e zio pino, pensa tu….

reza
reza
29 Ottobre 2008 17:16

Inteso nel suo significato religioso ebraico e anche quello cristiano, armageddon ( Har Megido o הר מגידו in ebraico) significa “Montagna di Megiddo”, che è un monte presso Gerusalemme dove, sempre secondo giudeocristiani, deve avvenire “la battaglia finale” e “la ricomparizione di Gesù”!!!

Ahmadinejad è composto da una nome che è “Ahmad” (una forma di pronuncia di Mohammad) e “Nejad” (stirpe) che è un sostantivo, sarebbe a significare “di stirpe mohammadiana”.

Alcenero è invece un maniaco di stranezze, li piaciono ed è più forte di lui.