Home / ComeDonChisciotte / LAVORO E QUALITA' DELLA VITA

LAVORO E QUALITA' DELLA VITA

DI VICENC NAVARRO
Público

Il parametro più importante per spiegare la qualità di vita della popolazione adulta è il lavoro. Gli studi scientifici dei centri ricerca sanitaria degli Stati Uniti (i conosciuti National Institutes of Health del Governo federale degli Stati Uniti) hanno dimostrato che la variabile più importante per spiegare la longevità (cioè, gli anni che vive una persona) dei cittadini statunitensi è il tipo di lavoro che fanno. Migliore è la qualità del lavoro (cioè, maggiore è la possibilità di dimostrare nel proprio posto di lavoro la creatività che l’intero essere umano possiede, maggiore è il controllo del suo ambiente lavorativo e delle sue condizioni di lavoro e maggiore la soddisfazione per il suo lavoro), maggiore sarà il numero di anni di vita di un cittadino. In realtà, il lavoro rappresenta le 24 ore della giornata, e non solo le otto ore della giornata lavorativa. Un falegname, per esempio, fa sogni diversi da quelli che fa un medico. E il punto più debole delle nostre società è che, per la maggior parte delle persone che lavorano, il lavoro non è, in sé, un mezzo di divertimento, creatività e soddisfazione, ma un semplice strumento per raggiungere i mezzi –soldi- affinché quell’ individuo si senta realizzato nel mondo del consumo.La società dei consumi fa diventare il mondo lavorativo un semplice strumento per poter consumare.

Comunque, il lavoro è la variabile più importante per configurare la vita di una persona. Quello che la persona ha (il consumo) dipende di quello che fa (il lavoro). Quindi, la gente comune, nella grande saggezza che le dà la sua esperienza quotidiana, quando vuole sapere di una persona, dopo averle chiesto il suo nome, solitamente chiede: “E Lei, che lavoro fa?”. E quando le viene data la risposta a questa domanda conosce già molto dell’altra persona, compreso il livello di consumo, il tipo di abitazione che ha e il tipo di vicinato dove abita, così come il suo stile di vita e così via.

Ma il lavoro (l’esistenza di un buon lavoro) non è soltanto un bene individuale, ma anche collettivo. Cioè, quante più persone lavorano (e con un buon lavoro), maggiore ricchezza risiede in un paese. In realtà, il fatto che in Spagna siamo meno ricchi della maggioranza dei paesi dell’UE-15 è dovuto al fatto che rispetto a loro abbiamo meno persone occupate. Da qui l’enorme importanza che le istituzioni pubbliche aiutino le donne ad integrarsi nel mercato lavorativo tramite lo sviluppo di quello che in un’altra occasione chiamai “il cuarto pilastro del benessere” (vedere il mio articolo sotto questo titolo en Público, 15-10-09), cioè, le scuole d’infanzia e i servizi domiciliari.

Tuttavia, per avere un buon lavoro bisogna prima avere un lavoro. E questo non c’è in abbondanza. Ed è lì che comincia il problema. Se tutte queste persone che desiderano avere un lavoro (che sono nella maggior parte delle persone adulte) riuscissero a trovarlo e ci fosse la piena occupazione, la domanda non sarebbe solo di lavoro, ma di buon lavoro. Un buon lavoro sarebbe l’obiettivo principale della maggior parte della popolazione adulta. Ma quando c’è tanta disoccupazione, le domande diminuiscono e si chiede lavoro e basta, senza aggiungere “buon”, che è la situazione in cui ci troviamo adesso, con un altissimo tasso di disoccupazione.

La disoccupazione, tuttavia, si dà quando c’è meno offerta lavorativa di quella che desidera la popolazione che cerca lavoro. E questo può rispondere a diverse ragioni. Una è che l’economia è ferma e non c’è sufficiente domanda di prodotti e servizi, quindi le aziende diminuiscono la loro produzione e licenziano i loro lavoratori. Questo è quello che sta accadendo adesso. Ma oltre a questo ci sono delle cause strutturali che esistono da molti anni. Una è il cambiamento tecnologico, che consente a un lavoratore di fare ciò che prima facevano in venti. Un’altra è lo spostamento delle aziende in altri paesi, dove si portano anche i posti di lavoro. E un’altra ancora è l’immigrazione, che aumenta la quantità della popolazione in cerca di lavoro. Ognuna di queste cause strutturali può variare a seconda delle decisioni politiche.

Un altro modo per ridurre la disoccupazione, su cui non si sta indagando così tanto come su quelli precedenti, è aumentare l’offerta lavorativa riducendo il numero di ore lavorate. Questo è infatti quello che fece l’Amministrazione Roosevelt con il New Deal, quando la disoccupazione aumentò notevolmente durante la Grande Recessione. Nel 1940 Roosevelt emanò una legge che stabiliva la settimana lavorativa di cinque giorni, quando prima era di sei giorni. Questo cambiamento fu molto importante, e non solo aumentò la qualità di vita della popolazione lavorativa (e quella delle sue famiglie), ma aumentò in modo significativo l’offerta lavorativa. Da qui che una misura di grande efficienza per creare lavoro sarebbe quella di ridurre la settimana lavorativa a quattro giorni, cambiamento che, ovviamente, dovrebbe essere fatto lentamente senza alterare negativamente la produzione di beni e servizi. È probabile che i benefici aziendali inizialmente si riducano, il che spiega l’enorme opposizione del mondo aziendale a questa misura. In realtà, la sua ultima domanda, proposta per la Commissione Europea, di sensibilità neoliberale, era quella di aumentare la settimana lavorativa dalle 48 alle 65 ore.

I redditi di lavoro, comunque, aumenterebbero, e questo dal punto di vista dell’efficienza economica è un esito positivo, perché una parte del problema finanziario ed economico è basato sull’eccessiva polarizzazione dei redditi, con un’enorme esuberanza dei benefici del capitale con conseguente riduzione dei benefici del lavoro (vedere il mio articolo “Para entender la crisis. Así empezó todo en Estados Unidos”, Le Monde Diplomatique, Giugno 2009). E i dati sono lì per chi abbia voglia di vederli. L’enorme aumento della produttività che si è avuto durante il XX secolo nella maggior parte dei paesi dell’OCSE ( Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, il club dei paesi più ricchi del mondo) ha portato maggiori benefici ai redditi di capitale che ai redditi di lavoro. Da lì, l’importanza di invertire questo fatto, sia per ragioni di equità che di efficienza economica.

Vicenç Navarro
Fonte: www.rebelion.org
Link: http://www.rebelion.org/noticia.php?id=114893&titular=trabajo-y-calidad-de-vida-
15.10.2010

Traduzione di MARINA DIAZ JUMET per www.comedonchisciotte.org

Pubblicato da Truman

  • alecale

    lavorare 8 ore cioe’ la maggior parte della giornata e della vita da svegli , non avere il tempo di dare la voluta educazione ai propri figli e lasciarli istituzionalizzare , pagare tasse tante tasse che poi i governi spendono finanziando guerre e comprando armi e dandoli a banche e a super imprese che ci inculano giornalmente etc.. etc.. etc.. praticamente SCHIAVI FELICI.

    E morire prima di uno che non lavora ,, va cagare va Navarro

  • alinaf

    Dice di diminuire le ore lavorative, non di aumentarle. Per tutto il resto sono in accordo con te ma non mando a cagare Navarro. Ciao.

  • rocks

    Hmm non è colpa di Navarro se il sistema è organizzato così, anzi dice chiaramente che il problema sta nelle troppe ore lavorate in rapporto all’aumento di produttività, che tra l’altro ha portato più soldi al padrone che non al lavoratore (per intenderci). Credo che siano suggerimenti che vale la pena considerare, al di là della rabbia repressa di schiavo.

  • zufus

    Veramente straordinario questo articolo che parla della scoperta dell’acqua calda.

  • Ricky

    Navarro é studioso influente ma essendo di formazione marxista tende ad esaminare la societá attraverso le lenti della sinistra storica, che punta sulla centralitá del lavoro fino a giustificare lo sviluppismo e lo sfruttamento capitalistico, con la conseguente lotta di classe.
    Niente di male, l’importante é sapere che ci sono altre e nuove teorie che basano il superamento del sistema di produzione attuale su un’altra forma di societá.

  • rocks

    ah! e chi si occupa di mettere in atto la nuova società? Lo dico senza vena polemica. La crisi in atto? Esistono forze in grado di sovvertire l’ordine secondo cui esiste una produzione, una forza lavoro, un prezzo per il bene e uno per il lavoro?
    La banalità a volte ha il pregio di poter essere applicata, l’utopia della speranza in un mondo diverso mi ha sempre lasciato un po’ di amaro in bocca…

  • Allarmerosso

    IO NON SONO IL MIO LAVORO !

  • rocks

    Tu non lo sei, ma gli altri ti vedono così e conta tanto. Oppure tanto conta.

  • Ricky

    Esistono forze in grado di sovvertire l’ordine secondo cui esiste una produzione, una forza lavoro, un prezzo per il bene e uno per il lavoro?

    Esistono le idee, da anni, e stanno nascendo anche le forze. Non ne abbiamo coscienza perché é un processo molto lungo e soprattutto perché a differenza di altri periodi storici non é nato in occidente.

  • wiki

    bell’ articolo…