Home / ComeDonChisciotte / LA STRATEGIA DI USCITA PER LA GRECIA DI WARREN MOSLER

LA STRATEGIA DI USCITA PER LA GRECIA DI WARREN MOSLER

DI L. RANDALL WRAY
Economonitor.com

Sembra proprio che un’uscita della
Grecia dall’euro sia sempre più probabile, e ciò significa che la fine dell’Unione monetaria potrebbe essere prossima.

Anche se le uscite e il crollo dell’eurozona non sono inevitabili, tutte le nazioni dovrebbero fissare un piano per questa eventualità. È chiaro che la Germania insisterà per la massima austerità per spremere le nazioni che vedono una fuga dal proprio debito. In ogni caso, una strategia di uscita è necessaria per le trattative seguenti. La strategia migliore sarebbe che tutti i cosiddetti PIIGS si unissero, minacciando con forza un’uscita collettiva. E questo potrebbe finalmente porre fine all’intoppo.Ma non sono ottimista. Comunque, è

il caso di esaminare le proposte per uno scioglimento. Warren Mosler

ha elaborato quella che sembra una strategia di uscita chiara e semplice

che i membri dell’UEM potrebbero adottare. La riproduco qui con il suo

permesso.

Godetevela!

Warren Mosler:

1. Il governo greco dovrebbe annunciare

che inizierà a tassare solamente nella nuova valuta.

2. Il governo greco dovrebbe annunciare

che effettuerà tutti i pagamenti nella nuova valuta.

Ecco fatto! Il governo ora può

provvedere a sé stesso e continuare a funzionare in modo sostenibile.

Ora, alcune domande e risposte:

D: Come sarà il nuovo cambio

in euro?

R: La nuova moneta fluttuerà

liberamente, con gli scambi tra acquirenti e venditori ai prezzi di

mercato.

D: Che ne sarebbe del debito

pubblico denominato in euro?

R: Il governo dovrà dire che

la cosa deve ancora stabilirsi, senza un piano specifico per i pagamenti.

D: Che ne sarebbe dei contratti pubblici in essere di beni e

servizi?

R: Verranno ridenominati nella nuova valuta.

D: E dei depositi e prestiti

bancari in euro?

R: Rimarranno in euro.

D: E cosa avverrà col commercio

estero?

R: Le forze del mercato aggiusteranno la bilancia commerciale

per rispondere alle richieste proveniente dall’estero per gli asset

finanziari denominati nella nuova moneta.

Per mantenere la piena occupazione

e la stabilità dei prezzi, vorrei consigliare ciò che segue:

1. Il governo dovrebbe finanziare

un salario minimo per tutti coloro che sono disposti e sono in grado

di poter lavorare.

2. In base alle dimensioni delle

nazioni, le imposte dovranno essere regolate per far sì che la forza

lavoro che lavora al salario minimo sia quanto possibile ridotta.

3. Vorrei raccomandare che il

governo vada a riscuotere solamente una tassa sugli immobili per i seguenti

motivi:

a. la disciplina fiscale è massimizzata

e i costi di applicazione e le questioni connesse sono ridotte al minimo;

se la tassa non verrà pagata, la proprietà può essere semplicemente

messa all’asta.

b. Tutti contribuirebbero, sia come

proprietari dell’immobile che come affittuari, dal momento che i costi

dei proprietari alla fine vengono trasferiti agli affittuari.

c. Le imposte sulle transazioni vengono

abolite, eliminando così questo tipo di restrizione al mercato.

La libertà di scambio è la fonte del maggiore contributo

alla ricchezza reale.

4. Una politica di tassi di

interessi pari a zero dove viene mantenuta la spesa a deficit

del governo e non sono ammessi titoli di debito pubblico.

5. Tutti i depositi bancari

nella nuova valuta saranno assicurati in toto dal governo.

6. Le banche verranno regolate

e controllate dal governo, che introdurrà un requisito patrimoniale

del 15%, una liquidità garantita dallo Stato e il divieto di qualsiasi

attività sul mercato secondario.

**********************************************

Fonte: Warren Mosler’s Big Fat Greek MMT Exit Strategy

17.11.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da supervice

  • modernateoriamonetaria

    Correggere il nome nel titolo:Warren Mosler

  • modernateoriamonetaria

    Speriamo che vengano tradotti sempre più articoli dell MMT.Grazie CDC

  • warewar

    esatto e speriamo che tutti capiscano l’inutilità dei titoli di stato.

    “Una politica di tassi di interessi pari a zero dove viene mantenuta la spesa a deficit del governo e non sono ammessi titoli di debito pubblico.”

    LO STATO NON DEVE INDEBITARSI, PERCHE’ PUO’ FINANZIARSI EMETTENDO MONETA INVECE CHE EMETTENDO BOT

  • Maxim

    D: E cosa avverrà col commercio estero?
    R: Le forze del mercato aggiusteranno la bilancia commerciale per rispondere alle richieste proveniente dall’estero per gli asset finanziari denominati nella nuova moneta.

    La Grecia non ha materie prime , tipo il petrolio
    Con che cosa le comprerebbe ?
    Chi accetterebbe pagamenti in dracme ?

  • warewar

    L’inutilità del debito pubblico (e quindi dei titoli di stato) viene rafforzata anche da un articolo di Epikaira (settimanale ellenico):

    “su 170 miliardi di euro di spese pubbliche, 88,5 miliardi andranno a pagare gli interessi e gli altri aggi sul debito (si capisca bene: zero rimborso del capitale, puri e semplici interessi)”.

    fonte virgolettato: http://www.effedieffe.com

  • Petrus

    La Grecia ha il turismo, per esempio, che per definizione porta valuta estera nell’economia di uno stato. Con la valuta estera ci compri dalle altre nazioni.

  • Maxim

    dici bene , ma la valuta straniera in entrata ( dovuta al turismo , export di alcuni beni etc ) basterà’ per avere sufficiente valuta straniera per comprare le materie prime ?.
    Nell articolo non vedo calcoli al riguardo

  • Andy86

    Come altri hanno scritto qualche calcolo a supporto sarebbe l’ideale, ma nella sua semplicità è geniale.