LA MINACCIA AL QAEDA TRA MITO E REALTA’

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

DI CLAUDIO MOFFA
claudiomoffa.it

Il Giornale a tutta pagina con le minacce di Al Qaeda contro Berlusconi. Vero o non vero?
Attentato islamico o no? Letta smentisce, Fini intervistato da Lucia Annunziata dice che lui
non ci crede, anche se aggiunge che probabilmente il Premier ha fonti più sicure delle sue.
In effetti entrambe le letture hanno le loro ragioni: o una invenzione di un Berlusconi in
difficoltà, che “fa la vittima” per incassare consenso e per deviare l’attenzione dalle
polemiche sul DDL Gasparri si processi brevi. Oppure le minacce sono vere, nonostante la
smentita ufficiale dei servizi segreti, come si potrebbe pensare in base a alcune
considerazioni:
1) l’attentato di Milano è emblematico del fatto che il pericolo di un
terrorismo più o meno “islamico” esiste, eccome;
2) che Fini non abbia ricevuto analoghe
minacce non vuol dire nulla: ogni strategia della tensione ha capacità di distinguere fra
nemici principali e nemici dei nemici principali. 3) credere fideisticamente e per
pregiudizio antiberlusconista che l’attuale Presidente del Consiglio non si possa oggi
trovare nelle stesse condizioni di un Craxi, come denunciato a tutta pagina su il Giornale, o
di un Andreotti o di un Mattei, è poco serio: a parte gli incorreggibili di estrema sinistra e
estrema destra, che convergono nell’obbiettivo di rovesciare l’attuale governo (esattamente
come Repubblica) anche coloro che hanno ripensato e revisionato Tangentopoli, Craxi-
Andreotti, la prima Repubblica, etc potrebbero essere indotti nell’errore: perché adesso
rischiano di leggere certi leaders del passato travolti o sminuiti dall’onda postbipolare,
come fossero stati “partigiani” col mitra un pugno, eroici come essi stessi (i revisionisti di
Tangentopoli) hanno sognato e magari sognano ancora di essere.

Ovviamente non è così: Andreotti, come tutti i politici che operavano e operano in Sicilia,
ha dovuto fare i conti con la mafia (il che non vuol dire che avesse “rapporti” diretti, bacio
incluso, con i mafiosi); Craxi era un uomo di potere, fra l’altro protagonista e vincitore del
referendum contro la scala mobile appena tre anni prima Sigonella; Moro era un grande
mediatore; Mattei fu fra i fondatori della Gladio. Eppure tutti e quattro questi politici della
prima Repubblica, sono stati annientati o marginalizzati o con l’assassinio, o con l’esilio o
con l’assalto tangentopolista.

Dunque, nulla di strano che anche Berlusconi oggi sia sotto tiro: soltanto la superficialità
estremista non si rende conto della violenza inusitata con cui la filocapitalista Repubblica
sta cercando di annientare il Presidente del Consiglio, e non certo per fondare i soviet. Il
fatto è che nella storia esiste, determinante, non solo i filo rosso delle contraddizioni
sociali: ci sono altri fili rossi e scenari a guidarla, quelli che nel cielo della alta politica e del
vero potere economico fanno offrire caffè avvelenati, o lanciano lugubri messaggi simbolici
dalle rive del Tamigi. In questo quadro, rientra perfettamente “Al Qaeda”.

Perché ci rientra? Perché Al Qaeda non c’entra (quasi) nulla con l’Islam, con quell’Islam
che rivendica giustamente di essere lasciato in pace a casa sua, senza democrazie finte da
esportare a suon di bombe: Al Qaeda, dall’11 settembre ad oggi, è anche soprattutto dentro
l’Occidente e non solo – o piuttosto non tanto – nella fattispecie di qualche immigrato
musulmano manovale del terrorismo stragista. Al Qaeda ha fatto decine di proclami contro
“i crociati e gli ebrei”, ma ha colpito solo quel che ha colpito. Si è mossa costantemente
contro i movimenti di liberazione nazionali in Iraq, in Libano, in Palestina. Al Qaeda è
mutatis mutandis come le BR degli anni Settanta: parla un linguaggio islamico, ma opera
in altro senso. O è come l’OAS dei tempi di Mattei: un’organizzazione finto-patriottica –
l’OAS del filoisraeliano Soustelle – perché il vero patriottismo francese era impersonato da
De Gaulle e non certo dai rottami colonialisti e finanziari dell’Impero francese in via di
estinzione.

Il quadro dunque si complica, e anche per questo potrebbero essere utili alcune
chiarificazioni per quel “popolo della libertà” su cui fonda il suo consenso di massa
Berlusconi: ma ecco le contraddizioni, certo frutto di alchimie interne all’alleanza
miracolisticamente tenute assieme dal leader, eppur sempre tali. Per due decenni il
Premier ha sparato a zero contro i “comunisti” ben sapendo che i comunisti non esistono
più; per lungo tempo e fino ad oggi la stampa berlusconiana ha fatto dell’Islam e dell’Islam
militante un solo fascio, dando voce a commentatori fallaci e fallaciani che manifestavano
nei confronti della principale religione del Vicino e Medio Oriente non un atteggiamento
critico – come possibile e financo opportuno – ma un odio viscerale e frontale simile a
quello con cui i neocons trascinarono l’America di Bush alle guerre: tanto più forte l’odio
antimusulmano, quanto più assordante è stato ed è, di questi opinionisti neocons, il
silenzio sugli altri integralismi religiosi dello scacchiere mediterraneo.

Forse sarebbe utile che sull’uno e l’altro problema (il “comunismo” e l’”Islam”) ci fosse
qualche svolta, che si cominciasse ad esempio a spiegare che Hamas e Hezbollah non sono
terroristi, ma movimenti politici legati al popolo. E che Al Qaeda è quanto meno infiltrata
come le BR. Ma questo è solo un aspetto del problema; l’altro errore da evitare – se sono
vere le minacce di attentato – è il non premunirsi di un apparato di sicurezza efficace:
come è scritto nell’articolo che segue, rielaborazione di un intervento a un convegno di Per
il bene comune, fu questo il vero tragico errore di Enrico Mattei, altra personalità della
prima Repubblica a cui nel maggio scorso Libero di Feltri paragonò Berlusconi.

Claudio Moffa
Fonte:www.claudiomoffa.it
Link: http://www.claudiomoffa.it/pdf/alqaeda-berlusconi.pdf
16.11.2009

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
20 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
20
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x