LA CHEMIOECONOMIA DEL MOSTRO CHE CONTA

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

E’ Draghi, non Monti. Io, il 15 novembre scorso, ho urlato (ho
dovuto urlare) a Matrix di Canale 5 che Mario Draghi, governatore della Banca
Centrale Europea (BCE), è un golpista. Mi sbagliavo: è un mostro. In diversi interventi scritti a seguire
ho fornito le prove del coordinamento fra Draghi e il servo di scena Monti, e
fra Draghi e la Merkel nel consolidare il golpe finanziario.

La Merkel = gli interessi del Neomercantilismo, dei
Neomercantili.

Neomercantili = le mega industrie europee multinazionali che
vivono di export, e per export intendo l’export del futuro: cioè, non la
vecchia versione dove per esempio la Germania esportava in Italia o in Grecia,
ma la nuova versione, dove i Neomercantili esporteranno verso mercati 4 volte
più grandi, quelli di Cina, Brasile, India e Sud Est asiatico. Di vendere a noi
non gli frega più nulla, siamo quattro gatti, e anche viziati.

Incappo in un articolo a firma dell’economista Andrea Terzi
di Lugano (http://www.mecpoc.org/2011/12/not-only-in-germany-the-ecb-now-wants-export-driven-growth-for-whole-europe/), che ha raccolto poche battute di Mario Draghi a una oscura
conferenza stampa della BCE datata 8 dicembre. Terzi, che è un vero economista
di ricerca, sviluppa un’ottima critica alle parole di Draghi, ma stranamente
gli sfugge l’essenza del crimine mostruoso. Il governatore dice a un certo punto che “in effetti nel breve termine l’austerità e
l’aumento delle tasse
(pacchetto Monti)
causeranno impoverimento economico
”. Ma aggiunge subito che si tratta di un
effetto collaterale sulla via di una splendida guarigione per un motivo: perché
mentre verrà applicata l’austerità, confermata come essenziale (sì, dobbiamo
sanguinare), i popoli europei sottoposti a questa cura diventeranno “competitivi, potranno contare sull’export”. Cinque parole che rivelano un’apocalisse in arrivo.

Diventare competitivi nell’export, si fa in 2 modi: si svaluta la propria moneta sovrana,
quindi i propri prodotti risultano per gli acquirenti stranieri più a basso
prezzo di quelli della concorrenza; oppure, se uno Stato non ha una moneta
sovrana, svaluta gli stipendi di quelli che li fanno quei prodotti, così risulteranno
egualmente più a basso prezzo di quelli della concorrenza e si otterrà il
medesimo risultato. Noi abbiamo l’Euro, che non è sovrano in Italia, non
possiamo svalutarlo, e quindi svaluteremo gli stipendi, semplice. Ma svaluteremo stipendi già svalutati dall’austerità, un lago di lacrime e sangue. Questa è la
ricetta Draghi. I Neomercantili, ci arriverebbe un bambino, sono in
tripudio, pagheranno salari da galera. Per i lavoratori e le relative famiglie è una sciagura, per
generazioni.

Ma attenzione ora al riassunto 1) Le nazioni come Italia,
Spagna, Portogallo, Belgio ecc. non
devono
avere moneta sovrana, se no la svalutano, diventano competitive e fregano
l’export tedesco, quindi devono
rimanere nell’Euro. Ecco il preciso motivo dell’insistenza fanatica della
Merkel per difendere l’Eurozona a qualsiasi costo. Riassunto 2) L’austerità,
cioè la chemioeconomia, deve
permanere ad ogni costo, per impoverirci e sospingerci così alla corsa a trovar
denaro nell’export, che però causerà le doppie conseguenze salariali di cui sopra. Ecco il preciso
motivo del rifiuto di Draghi di usare i poteri della BCE per alleviare la
stretta economica che ci impone proprio di applicare questa chemioeconomia dei redditi.

Avete capito cosa ha nella testa Mario Draghi governatore
della BCE? E’ un doppio gioco perverso come pochi nella storia dell’economia: l’austerità ci impoverisce, è ovvio, allora per rimediare dobbiamo diventare competitivi correndo all’export, che per accadere richiede però altro impoverimento, che ovviamente richiederà altra austerità, che richiederà altra competitività e altro export che chiede altro impoverimento… Non c’è bisogno di continuare.

Un momento, direte: non c’è una contraddizione? Perché da una parte ci vogliono impedire di competere nell’export, ma poi ci affamano per costringerci a competere nell’export? No, è tutto chiaro: la corsa all’export è già truccata, noi la perderemo di sicuro, e come risultato ci sarà un ulteriore succulento regalo per la Germania. Lo Stato tedesco sono
anni che, violando tutte le regole di
Libero Mercato il cui rispetto invece pretende da chiunque altro
, sta
rimodernando a spese proprie le sue mega industrie private. Cioè: ci hanno presi per il collo e sbattuti su una pista
dove dovremo gareggiare per sopravvivere, solo che noi abbiamo la bicicletta
che ci è rimasta dopo che hanno costretto papà (lo Stato) a toglierci la
paghetta, la Germania ha una Maserati pagata proprio da papà, di nascosto.

Risultato 1) Draghi e Merkel ottengono così la fortuna dei
Neomercantili tedeschi prima di altri, e affossano noi Paesi del sud Europa costringendoci
a una gara truccata in partenza. Risultato 2) Quando le nostre aziende saranno
doppiate sul circuito, senza fiato, e licenzieranno migliaia di lavoratori (in
aggiunta a quelli già oggi a spasso), la Germania scenderà qui ad aprire
filiali con manodopera a prezzi kosovari in un Paese del tutto moderno. Il succulento regalo a Berlino da parte di Messieur Draghi.

I giochi che contano li sta facendo il Mostro che conta, il
Mario BCE, non quell’altro della Bocconi. Svegliatevi. Per pietà, non replicate
anche questa volta la desolante miopia dei travagliati e santorati tinti di
viola che per 11 anni hanno inseguito l’uomo sbagliato.

(quest’ultimo appello è scritto così, giusto per dire)

Paolo Barnard
Fonte: http://paolobarnard.info
Link: http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=284
15.12.2011

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
39 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
39
0
È il momento di condividere le tue opinionix