Israele promise di diminuire le demolizioni di case palestinesi. Invece le ha accelerate

Kathryn Shihadah

Mintpressnews.com

 

Il periodo da marzo ad agosto 2020, periodo che segna il culmine della pandemia di coronavirus, ha rappresentato il più alto tasso di demolizioni di case israeliane degli ultimi quattro anni.

Il mese scorso Israele ha distrutto quasi 90 strutture di proprietà palestinese, rendendo 202 persone senza casa, la metà delle quali bambini. Le demolizioni segnano un aumento di quattro volte il numero medio di demolizioni effettuate dal governo israeliano nel 2020.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA) riferisce che, nonostante la promessa di Israele di astenersi dalle demolizioni di case durante la pandemia, il governo ha invece intensificato la pratica. Il numero medio di demolizioni nel 2020 è ora di 60, contro le 36 del 2017. Il periodo da marzo ad agosto del 2020, periodo che segna il culmine della pandemia di coronavirus, ha mostrato il tasso più alto degli ultimi quattro anni.

In quasi tutti gli incidenti di agosto, la ragione addotta per le demolizioni è stata la “mancanza di permessi di costruzione”, un’accusa problematica in quanto è “praticamente impossibile” per i palestinesi ottenere permessi dal governo israeliano grazie a un “regime di pianificazione restrittivo” che si applica solo ai palestinesi.

Destinato al fallimento

Un palestinese residente a Gerusalemme Est descrive la procedura tipica: dopo aver speso circa 22.000 dollari per i requisiti preliminari alla domanda, Alaa Borqan ha richiesto un permesso di costruzione – un processo che può durare cinque anni e che può costare fino a 50.000 dollari – ma che è stato negato. Come molti che hanno bisogno di spazio per una famiglia o un’azienda in crescita, ha deciso di correre il rischio e costruire comunque.

Borqan ha investito tutti i suoi risparmi, ha preso in prestito 230.000 dollari e ha passato quattro anni a costruire la sua casa con quattro camere da letto, prima che Israele gli facesse una multa di 17.000 dollari per averla costruita senza permesso e lo costringesse a raderla con le sue mani o a pagare una squadra di demolizione del governo per farlo al posto suo.

Mentre Borqan ora paga 800 dollari al mese per un appartamento per la sua famiglia, molti palestinesi finiscono senza casa o sono costretti a trasferirsi da parenti – il che può richiedere l’ampliamento della loro casa, che richiede un permesso, e il ciclo continua.

Le case e le attività commerciali in tutta Gerusalemme Est e in Cisgiordania sono state servite con ordini di demolizione a tempo indeterminato; altre sono “illegali”, ma non sono ancora state rintracciate. L’OCHA riferisce che “Almeno un terzo di tutte le case palestinesi a Gerusalemme Est non hanno un permesso di costruzione rilasciato da Israele, mettendo potenzialmente a rischio di sfollamento oltre 100.000 residenti”.

Israele rade al suolo un villaggio

In quella che può essere descritta solo come una continua parodia dei diritti umani, le forze israeliane hanno raso al suolo un intero villaggio in agosto, il villaggio beduino di Al-Araqeeb nel deserto israeliano per la 177a volta in dieci anni. La demolizione è stata la sesta nel solo 2020. Il Middle East Monitor riferisce che i residenti di Al-Araqeeb hanno atti di proprietà della loro terra e pagano le tasse, ma Israele si rifiuta di riconoscere l’esistenza del villaggio, trattenendo servizi come elettricità, acqua e scuole, nella speranza di spingerli a trasferirsi in un luogo scelto da Israele.

Anche il villaggio di Wadi come Seeq ha subito demolizioni in agosto, spostando 24 palestinesi e distruggendo i rifugi che usavano per ospitare il bestiame.

Una moschea a Gerusalemme Est si trova di fronte a un’imminente demolizione dopo che un tribunale israeliano ha respinto un appello dei residenti. Finanziata con donazioni, la moschea è stata costruita otto anni fa e serve i 7.000 residenti della zona.

Per rendere le cose ancora più scoraggianti per gli aspiranti costruttori palestinesi, l’Ordine Militare 1797 permette a Israele di iniziare la demolizione di nuove strutture entro quattro giorni in mancanza di un permesso, accelerando una procedura che è stata spesso protratta per mesi mentre i palestinesi combattevano (e quasi invariabilmente perdevano) una battaglia giudiziaria. L’ordine inoltre “priva virtualmente i residenti colpiti del diritto a un processo equo e della capacità di contestare gli ordini di demolizione attraverso vie legali… accelerando il trasferimento forzato della popolazione occupata” – un crimine contro l’umanità secondo la Corte Penale Internazionale.

Il governo israeliano non è però contrario a tutti i progetti di costruzione. A marzo, Israele ha approvato i piani per la costruzione di quasi 3.500 unità abitative di insediamento in terra palestinese, una mossa che dovrebbe causare il trasferimento forzato di circa 3.700 beduini palestinesi.

Scadenze discriminatorie

Mentre la moschea di Gerusalemme Est ha ricevuto un mese di preavviso per la demolizione, la situazione è completamente diversa per un avamposto israeliano – illegale anche per gli standard del governo israeliano – che è stato anch’esso destinato alla distruzione.

Mitzpeh Kramim, costruito su un terreno palestinese di proprietà privata, è una delle pochissime aree colonizzate dagli israeliani che non è stata in grado di resistere all’Alta Corte israeliana – almeno finora.

In contrasto con il preavviso di un mese ricevuto dalla moschea di Gerusalemme Est, o con i quattro giorni concessi dall’Ordine Militare del 1797, la comunità israeliana ha avuto tre anni di tempo per trasferirsi, e il governo israeliano si è offerto di pagare il conto. I legislatori israeliani hanno giurato di approvare una legge nel frattempo per rendere nulla la decisione del tribunale.

Gli insediamenti israeliani sono illegali secondo le Nazioni Unite e la Corte Internazionale di Giustizia; la demolizione di case è anche una violazione del diritto internazionale. Anche gli Stati Uniti si sono schierati con la comunità internazionale sull’illegalità degli insediamenti fino a quando il presidente Donald Trump ha finalmente ribaltato questa posizione. Molti esperti considerano la pratica una forma di pulizia etnica e le leggi discriminatorie del governo israeliano in materia di alloggi come apartheid sancita dallo Stato.

 

Fonte: https://www.mintpressnews.com/israel-promised-slow-home-demolitions-covid-19-stepped-instead/271410/

Pubbicato il 22/9/2020

Traduzione in italiano per Comedonchisciotte.org a cura di Riccardo Donat-Cattin