Il Grande Occidente Bianco mira a schiacciare slavi e cinesi

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di John Stanton, pravda.ru

E la cosa degna di nota è che, mentre l’America ha avidamente alimentato la guerra con la sua industria ed è avidamente intervenuta per contribuire a schiacciare un probabile e pericoloso concorrente, ha comunque mantenuto una reputazione di pacifismo. Questo è uno dei paradossi più interessanti, uno degli scherzi più curiosi della Storia, da cui non abbiamo tratto e non traiamo molta allegria. L’imperialismo americano è in sostanza spietatamente rude, predatorio, nel pieno senso della parola, e criminale. Ma a causa delle particolari condizioni dello sviluppo americano, ha la possibilità di vestirsi con la toga del pacifismo. Questo non avviene affatto alla maniera dei parvenus imperialisti del vecchio mondo, dove tutto rimane trasparente. Nel caso degli Stati Uniti, invece, della loro borghesia e del loro governo, grazie alle particolari condizioni di sviluppo dell’America, questa stessa maschera pacifista sembra essere diventata così incollata sul volto imperialista da non poter essere strappata… Il progresso imperialista degli Stati Uniti procede quindi all’insegna della “libertà dei mari”, delle “porte aperte” e così via. Così, quando l’America è costretta a compiere atti di aperta criminalità militare, la responsabilità – agli occhi della popolazione statunitense e, in una certa misura, agli occhi dell’umanità nel suo complesso – ricade su tutti gli altri cittadini del pianeta, ma non sugli Stati Uniti stessi

Leon Trotsky dall’Internet Archive

Mentre gli Stati Uniti si stanno spaccando al loro interno (Roe vs Wade rovesciata, economia, spese militari, ecc.), il presidente Joe Biden e i suoi compari della NATO continuano a perseguire un regime di sanzioni – e l’espansione della NATO – contro la Russia che sta avendo l’effetto ironico di danneggiare le economie dell’Europa e degli Stati Uniti e la capacità americana di fare la guerra. Questa realtà sembra aver raggiunto tutti nel mondo, tranne gli idioti che guidano le nazioni occidentali.

È davvero sorprendente assistere ai vertici del G-7 e della NATO, che sono teatri dell’assurdo; riunioni di banditi disonesti che ridono mentre le loro politiche portano morte e distruzione su scala globale. La rapina in autostrada non descrive adeguatamente ciò che gli Stati Uniti e l’Europa hanno fatto con i beni esteri russi o di altre nazioni (Iran, Venezuela, Afghanistan) che hanno subito il regime di sanzioni degli Stati Uniti. Inoltre, mentre gli Stati Uniti e i loro burattini della NATO continuano a punire la Russia per le sue attività militari in Ucraina, il risultato finale di questo gioco mortale è quello di mandare al massacro altri ucraini, mentre la Russia si muove metodicamente per liberare Luhansk e Donetsk e fortificare le sue conquiste nel sud dell’Ucraina.

L’arsenale della stupidità

Nel frattempo, gli appaltatori della difesa sembrano destinati a guadagnare miliardi per ricostituire le scorte di munizioni e armi inviate in Ucraina dagli Stati Uniti e dalla NATO. I livelli di truppe ed equipaggiamenti statunitensi in Europa raggiungeranno in futuro i livelli della Guerra Fredda. Ma anche in questo caso, gli alleati incapaci sembrano darsi la zappa sui piedi, per così dire, poiché, come le sanzioni sul petrolio e su altri beni russi che si sono rivelate controproducenti, la capacità dell’industria della difesa statunitense di armare l’Ucraina e i suoi clienti in modo tempestivo, o di competere con la capacità di produzione di difesa della Russia e della Cina, è [ora] in discussione. Gli Stati Uniti hanno una base industriale di difesa adeguata per continuare a rifornire gli ucraini e combattere russi e cinesi? Inoltre, i russi hanno messo in crisi le teorie militari statunitensi sulle armi a guida di precisione come soluzione definitiva per combattere in modo più economico e accurato sul campo di battaglia.

Secondo Alex Vershinin, che scrive per il Royal United Services Institute:

Il primo assunto chiave sul futuro del combattimento è che le armi a guida di precisione ridurranno il consumo complessivo di munizioni richiedendo un solo colpo per distruggere il bersaglio.

La guerra in Ucraina sta mettendo in discussione questo assunto. Molti sistemi di fuoco indiretto “muti” raggiungono una grande precisione senza guida di precisione, ma il consumo complessivo di munizioni è comunque enorme.

Parte del problema è che la digitalizzazione delle mappe globali, combinata con una massiccia proliferazione di droni, consente la geolocalizzazione e il puntamento con maggiore precisione…

La guerra in Ucraina dimostra che la guerra tra avversari pari o quasi pari richiede l’esistenza di una capacità di produzione tecnicamente avanzata, su scala di massa e di età industriale. L’assalto russo consuma munizioni a ritmi che superano di gran lunga le previsioni e la produzione di munizioni degli Stati Uniti.

Affinché gli Stati Uniti possano fungere da arsenale della democrazia in difesa dell’Ucraina, è necessario rivedere il modo e la scala con cui gli Stati Uniti organizzano la propria base industriale.

Questa situazione è particolarmente critica perché dietro l’invasione russa c’è la capitale manifatturiera del mondo, la Cina. Mentre gli Stati Uniti iniziano a spendere sempre di più le loro scorte per mantenere l’Ucraina in guerra, la Cina non ha ancora fornito alcuna assistenza militare significativa alla Russia.

L’Occidente deve presumere che la Cina non permetterà alla Russia di essere sconfitta, soprattutto per mancanza di munizioni. Se la competizione tra autocrazie e democrazie è davvero entrata in una fase militare, allora l’arsenale della democrazia deve prima migliorare radicalmente il suo approccio alla produzione di materiale in tempo di guerra

WTF?

E qual è l’effetto sull’Europa e sull’intero pianeta del divieto di esportazione del petrolio russo dal mercato mondiale? Beh, la Cina e l’India hanno assorbito le esportazioni dell’oro nero russo e poi c’è questo piccolo dettaglio tecnico che mette in crisi le spacconate di Biden e dei suoi colleghi ladri della NATO sull’embargo del petrolio russo e sui tetti ai prezzi. Secondo Automatic Earth:

In base a qualsiasi standard, non ci sono sicuramente abbastanza miscele di petrolio adeguate in giro per avvicinarsi a soddisfare i requisiti delle raffinerie europee paragonabili agli Ural di alta qualità russi omogenei e continui e sovrabbondanti che l’Unione Europea ha ora deciso di vietare.

Inoltre, vi prego di accettare una volta per tutte che una specifica miscela di olio non è una “miscela di olio qualsiasi” da inserire e riprodurre ovunque e in qualsiasi momento.

Le miscele di petrolio non sono fungibili. Una messa a punto molto specifica della raffineria o dell’impianto di lavorazione deve essere specificamente abbinata a una miscela di petrolio omogenea e di alta qualità sempre costante, in quantità sufficienti e per una determinata produzione desiderata, come il carburante diesel o altro.

Non è possibile alcuna “architettura aperta” in questo caso, è solo per i nerd dell’IT, non per le raffinerie. E sicuramente non ci sono fornitori tutti allineati e felici di vendervi la loro miscela di olio in quantità illimitate e già completamente adattata a qualsiasi impianto possiate avere “così com’è” per qualsiasi produzione desiderata di cui abbiate bisogno, consegnata just-in-time on-demand e solo quando ne avete bisogno

Che cosa sta succedendo? Con ogni nuova sanzione controproducente, sembra quasi che i paesi USA-NATO sappiano benissimo che le sanzioni non funzionano e stiano preparando i loro cittadini per una sorta di escalation malvagia che Biden annuncerà in un discorso televisivo alla nazione statunitense. Il discorso sarà più o meno così:

Abbiamo provato di tutto per limitare la capacità della Russia di combattere in Ucraina e non ha funzionato. Ora dobbiamo, per amore dell’umanità, inviare le nostre truppe, i nostri aerei, i nostri missili in Ucraina per fermare i russi. È doloroso per me prendere questa decisione. Dio benedica le nostre truppe

È evidente che gli Stati Uniti e la NATO desiderano combattere i russi direttamente in Ucraina (come ha riportato di recente il New York Times, la CIA e le forze per le operazioni speciali sostengono l’Ucraina sin dall’inizio del conflitto e già dal 2014). Ma se la Russia dovesse vacillare in Ucraina, allora la Cina verrebbe coinvolta direttamente, poiché non permetterà agli Stati Uniti e alla NATO di colonizzare la Russia. Chi altro potrebbe venire in aiuto della Russia o quali altri conflitti potrebbero sorgere nel mondo mentre gli Stati Uniti si impantanano in Ucraina o forse a Taiwan? Nessuno lo sa con certezza. L’incertezza regna nel 2022 e ciò significa che ogni decisione presa dai leader USA-NATO non è altro che un azzardo. L’Occidente sta esaurendo le carte da giocare.

Considerate questo: ci sono anche piani per prendere la Russia intera. Cosa? Un organismo ufficiale del governo statunitense, la Commissione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, cerca di “decolonizzare la Russia”. Il 23 giugno hanno tenuto una conferenza intitolata “Decolonizzare la Russia: Un imperativo morale e strategico”. L’obiettivo, con il pretesto di liberare le popolazioni indigene della Russia, è quello di colonizzarla per decolonizzarla.

Sono ora in corso discussioni serie e controverse sulla necessità di fare i conti con l’imperialismo di fondo della Russia e sulla necessità di “decolonizzare” la Russia per farla diventare un soggetto valido per la sicurezza e la stabilità europea

Tutta una questione di razza?

Sembra proprio che i vertici degli Stati Uniti e della NATO vogliano una grande conflagrazione tra il Grande Occidente Bianco e gli Slavi, i Cinesi (le Minacce Rosse del XXI secolo) e altre etnie non bianche (gli Iraniani). Sembra che stiamo tornando ai tempi in cui l’Europa occidentale e gli Stati Uniti erano noti per aver colonizzato, sfruttato e reso schiavi interi popoli, dall’India, all’Africa, all’America centrale, fino alle piantagioni della confederazione meridionale degli Stati Uniti, dove i neri erano schiavizzati e raccoglievano il cotone.

In quest’ottica, il fulcro della competizione tra grandi potenze tra Stati Uniti e NATO è in realtà una guerra razziale globale, poiché l’odio per i popoli russo e cinese viene coltivato ogni giorno nella cittadinanza occidentale dai media mainstream, un attore chiave del programma di supporto informativo militare statunitense (MISO). Secondo la campagna di propaganda statunitense, gli Stati Uniti non hanno mai commesso atrocità in Afghanistan o in Iraq o in Siria o in Vietnam o nelle Filippine o in Cile o ovunque i loro interessi plutocratici fossero minacciati. La propaganda dice che gli Stati Uniti non hanno mai commesso crimini di guerra. Ebbene, Trotsky aveva ragione: la maschera pacifista, quella che parla di legge e ordine, democrazia e libertà, è quasi impossibile da strappare perché gli apatici cittadini statunitensi – e le ingenue popolazioni mondiali – si rifiutano di credere che gli Stati Uniti si siano impegnati nelle stesse identiche attività di cui accusano i loro nemici.

Chi è senza peccato scagli la prima pietra

disse una volta un famoso rivoluzionario.

Forse i cittadini occidentali del XXI secolo dovrebbero rivedere e modificare una pratica che i greci usavano nei momenti difficili. In questi giorni, a quanto pare, i leader statunitensi ed europei sembrano essere la causa degli eventi negativi e stanno certamente “facendo arrabbiare gli dei”.

Quindi, scegliete un paio di leader dell’alleanza USA-NATO (quei semidei) e, per assicurarvi che sappiano che dovranno rendere conto agli dèi e al popolo, seguite questa formula:

Ogni volta che l’ira degli dèi si manifesta attraverso una carestia, un’epidemia o altre catastrofi, si cerca di deviarla su un uomo e una donna del popolo… Vengono fatti sfilare per le strade al suono di strumenti e, dopo essere stati picchiati, vengono banditi dalla città (Atene) e altre volte sono stati condannati alle fiamme e le loro ceneri gettate al vento

Giacomo Leopardi nello Zibaldone, citando Aristofane dalle Equità

Di John Stanton, pravda.ru

27.06.2022

Link fonte: https://english.pravda.ru/opinion/152612-west_slavs_ukraine/
Traduzione di Costantino Ceoldo per ComeDonChisciotte.org

Pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
14 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
14
0
È il momento di condividere le tue opinionix